catherine deneuve, biografia, filmografia, galleria fotografica
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

CATHERINE DENEUVE

CATHERINE DENEUVE
Vero Nome: Catherine Fabienne Dorléac
Data di nascita: 22/10/1943
Luogo di nascita: Parigi - Francia
Altezza m 1,68

Algida, bellissima, misteriosa; sono questi i tre aggettivi che meglio identificano la più grande attrice francese vivente, ed esprimono i tratti più salienti del suo fascino, col quale riesce a far innamorare di sè il pubblico di tutto il mondo e i registi più famosi del panorama cinematografico internazionale.

Un fascino superbo e misterioso, quasi enigmatico, che il regista Roger Vadim seppe intuire e valorizzare, quando, ancora giovanissima diciannovenne, le affidò il ruolo di Justine ne "IL VIZIO E LA VIRTU'", a significare l'ingenuità maliziosa, la purezza con una sottile attrazione verso il peccato.
Il film, una rilettura in chiave nazista di De Sade, era piuttosto pasticciato e fasullo, ma servì a rivelare la bellezza fragile e il talento innato della giovane attrice, e ad evidenziarne la fredda ambiguità, che costituirà la costante prevalente della sua carriera, e soprattutto della prima parte.
Anche se non lo sposerà mai, l'incontro con il talentoso Vadim coinvolse sentimentalmente la giovanissima Catherine, tanto che, nel 1963 venne alla luce Christian, il suo primo figlio, frutto della relazione sentimentale col vulcanico regista, che durò quattro anni, un'enormità per Vadim, che era solito dire: 'La fedeltà mi mette i brividi'.

Nata a Parigi il 22 ottobre 1943, Catherine Fabienne Dorléac è figlia d'arte.
Il padre è l'attore di teatro Maurice Dorléac, meglio conosciuto come Maurice Teynac e la madre, anch'essa attrice di teatro, è Renée Deneuve.
Appena debuttante assunse il cognome della madre, Deneuve, lasciando quello paterno, Dorléac, alla sorella maggiore Françoise, anch'essa attrice, morta in un tragico incidente automobilistico nel giugno del 1967.
Della tragedia familiare Catherine non ha mai voluto parlare fino al 1969, quando scrive, insieme ad Anne Andreu e Patrick Modiano, il libro 'On appelait Françoise', dove racconta il tormentato rapporto con la sorella, con la quale aveva lavorato in un solo film, il musical "JOSEPHIN", diretto da Jacques Demy.

Il successo le arrise nel 1964 ancora con un musical di Jacques Demy, "LE PARAPLUIES DE CHERBOURG", accanto al giovane attore italiano Nino Castelnuovo; e con il successivo "REPULSION", di Roman Polanski, in cui è una destabilizzante, sessuofobica e schizofrenica parrucchiera che arriva ad uccidere gli uomini che le stanno accanto.

Ma è il grande Louis Buñuel che la lancia a livello internazionale, cucendo addosso alla sua fredda bellezza il nevrotico e sensuale personaggio di Severine in "BELLA DI GIORNO", moglie insoddisfatta e prigioniera di un'educazione cattolica repressiva, che si prostituisce di giorno, per il piacere di sentirsi libera e dare sfogo alle sue fantasie erotiche.
Rifiutato a Cannes perchè 'mancante di spessore artistico', ma Leone d'oro a Venezia, il film dà alla giovane attrice la possibilità di cominciare a costruire il suo personaggio, ambiguamente doppio, che caratterizzerà la maggior parte della sua cariera artistica.

Conquistata la fama internazionale, Catherine diventa l'interprete ideale dei personaggi creati apposta per lei da alcuni dei più grandi nomi sia della cinematografia francese che internazionale.
É la bohémienne di "LA CHAMADE", di Alain Cavalier, tratto da Françoise Sagan, la compiacente nobildonna di "BENJAMIN", di Michel Deville, la giovane amante dell'imperatore Francesco Giuseppe di "MAYERLING", di Terence Young, la cortigiana di "MANON 70", di Jean Aurel.
La ritroviamo avida e sensuale in "LA MIA DROGA SI CHIAMA JULIE", di François Truffaut, in cui perfeziona il personaggio che Buñuel le ha appena abbozzato. Nel film, tratto dal romanzo "Vertigine senza fine" di William Irish, la Deneuve sposa il proprietario di una piantagione di Réunion, conosciuto per corrispondenza. In realtà Julie, così si fa chiamare, è un'abile truffatrice che si serve del proprio charme per prosciugare il conto in banca del marito e darsi alla fuga. Si rincontreranno anni dopo, in tutt'altre circostanza, e l'uomo cadrà nuovamente vittima del suo fascino e si macchierà di omicidio.
Compiuta ed amara riflessione del regista sull'amour fou, il film all'epoca fu stroncato dalla critica, mentre oggi viene considerato la vetta più alta dell'arte del precursore della nouvelle vague.

Dopo "SENTO CHE MI STA SUCCEDENDO QUALCOSA", di Stuart Rosemberg, e "LA FAVOLOSA STORIA DI PELLE D'ASINO", di Jacques Demy, tocca ancora a Buñuel con il film "TRISTANA" scavare nell'enigmaticità del personaggio Denevue.
Lo fa adattando un romanzo di Benito Pérez Galdós che narra di una ragazza orfana che viene accolta nella casa del suo tutore, il quale comincia a farla oggetto di attenzioni sempre più morbose. Stanca della situazione, la ragazza un giorno lo lascia per un giovane pittore per poi ritornare da lui. Ma una sera che l'uomo si sente male, finge di chiamare il medico, poi apre le finestre al vento gelido dell'inverno.

Due lavori, "TEMPO D'AMORE", di Nadine Trintignant (ricordato anche perchè sul set avviene il primo incontro tra la Deneuve e Mastroianni) e "NOTTE SULLA CITTÀ", di Jean-Pierre Melville, la separano dalla provocatoria, sbeffeggiante, lucida, discussa opera di Marco Ferreri, "LA CAGNA", in cui si ritrova al fianco di MARCELLO MASTROIANNI, un disegnatore di fumetti che, abbandonato la famiglia, vive con un cane su un'isola deserta della Corsica. Lo sbarco di una donna che uccide il cane per gelosia e ne prende il posto, sconvolge la serenità dell'uomo e acuisce l'incomunicabilità tra i due.

Durante la lavorazione di questo film divampa la passione tra la diva francese e l'attore italiano.
Catherine abbandona il marito, David Bailey, un fotografo inglese sposato nel 1965 e inizia un lungo, chiacchierato legame con Mastroianni (che era già sposato) che durerà fino al 1974, e da cui nel 1972 avrà la seconda figlia, Chiara Mastroianni.

Con il passare degli anni la bellezza di Catherine si matura, si fa più dolce e più quieta, ma continua a muoversi, sullo schermo e nella vita, con sicurezza aristocratica, che molti, a torto, scambiano per alterigia.
Interpreta "NIENTE DI GRAVE, SUO MARITO È INCINTO", una commedia grottesca di Jacques Demy, ancora assieme a Mastroianni; poi "DUE PROSTITUTE A PIGALLE", di László Szabó.
Nel 1974 è in Italia per recitare, sotto la direzione di Mauro Bolognini, "FATTI DI GENTE PERBENE", il dramma della famiglia bolognese dei Murri, quando l'avvocato socialista, Tullio Murri, uccise il cognato, il conte clericale Bonmartini, marito della sorella Linda, alla quale era rimasto morbosamente legato, e probabile ispiratrice del delitto stesso. Il processo che ne seguì fu strumentalizzato dalla stampa reazionaria per attaccare il padre di Tullio e Linda, il dottor Augusto Murri, luminare progressista, laico e positivista, che si era battuto perchè fosse tolto l'insegnamento della religione dalle scuole.

Poi è ancora Marco Ferreri a dirigerla nel paradossale e grottesco "NON TOCCARE LA DONNA BIANCA", che smitizza e trasferisce in una buca scavata dalle ruspe in un quartiere di Parigi, un episodio della storia americana: la famosa battaglia di Little Big Horn, in cui gli indiani riuscirono a sconfiggere il settimo cavalleria del Gen. Custer.

Nel maldestro tentativo di imitare suo padre ci prova anche il figlio di Buñuel, Juan Louis, a dirigerla nel mediocre "LA RAGAZZA CON GLI STIVALI ROSSI", prima che la Deneuve fosse chiamata a Hollywood, dove Robert Aldrich le fa fare la prostituta che ha una storia d'amore con Burt Reynolds, nel dignitoso, ma poco esaltante poliziesco "UN GIOCO ESTREMEMENTE PERICOLOSO".

Molto meglio la sua Parigi, la Parigi dell'occupazione nazista, dove Catherine sfoggia una delle sue performance migliori (premio Cesar come miglior attrice), quella Marion Steine de "L'ULTIMO METRO'", di François Truffaut, che gestisce un teatro parigino, mentre il marito regista è costretto a restare nascosto nei sotterranei del teatro perchè ebreo. Destreggiandosi tra i sospetti della Gestapo e quelli dei collaborazionisti, la donna cerca di continuare l'opera del marito e riesce a portare al successo lo spettacolo con il contributo di un nuovo attore che si innamorerà di lei e complicherà la sua vita coniugale.
Grande successo di pubblico e di critica, capolavoro indiscusso dell'arte truffautiana, L'ULTIMO METRO' segnava il limite d'orario degli spettacoli prima che il coprifuoco facesse piombare la città nelle 'tenebre'.

La sua classe risplende anche in "CHISSÀ SE LO RIFAREI ANCORA", di Claude Lelouch e in "CASOTTO" di Sergio Citti.
Anche in "ANIMA PERSA", di Dino Risi, tratto dal romanzo omonimo di Giovanni Arpino, riesce a dare spessore al ruolo della moglie succube di un multiforme Vittorio Gassman.

Per contro risultano poco convincenti le successive prove in "LA BANDERA - MARCIA O MUORI", di Dick Richards e in "PERSUASIONE OCCULTA" dell'argentino in esilio Hugo Santiago, in cui interpreta il ruolo di una improbabile investigatrice privata.

Gli ultimi lavori degli anni '70, "I SOLDI DEGLI ALTRI", di Christian de Chalonge, "CORAGGIO SCAPPIAMO", di Yves Robert e "A NOI DUE", di Claude Berri e Claude Lelouche sono o troppo esili o non si elevano dalla media dei film di routine, e fanno ristagnare la sua carriera.

Negli anni '80 lavora sempre moltissimo.
Dopo quel capolavoro di recitazione che sfoggia ne "L'ULTIMO METRO'", la ritroviamo nei meno incisivi "VI AMO", di Claude Berré, "HÔTEL DES AMÈRIQUES", di André Téchiné, "CODICE D'ONORE", di Alain Corneau, in cui lavora accanto a Yves Montand, "IL BERSAGLIO", di Robin Davis, con Alain Delon, e "VACANZE AFRICANE", di Philippe de Broca.
Fa poi un'incursione in un genere non suo, l'horror erotico-vampiresco di "MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE", di Tony Scott, offrendo però un'ottima prova nel ruolo di una moderna vampira newyorkese discendente di una generazione vecchia di 4000 anni, la quale per nutrire la sua eterna giovinezza va a caccia di giovani prede. Ma quando il suo amante comincia ad invecchiare rapidamente perchè di razza diversa, lei, prima di fare la stessa fine, si rivolge ad una giovane dottoressa, che diventa la sua partner ma non può fare niente per aiutare lui.
Altrettanto notevole si dimostra nel gineceo di "SPERIAMO CHE SIA FEMMINA", di Mario Moniceli, che rinverdisce gli allori della commedia all'italiana.

Affronta un laboriosissimo nuovo decennio guadagnandosi subito la sua unica candidatura agli Oscar, e il suo secondo Cesar, con "INDOCINA", di Régis Wargnier, in cui, nel Vietnam ancora colonia francese, assiste impotente all'amore distruttivo tra sua figlia adottiva e il giovane ufficiale francese, che lei precedentemente ha amato.
Un doppio ruolo lo sostiene nel complesso e cerebrale "GENEALOGIA DI UN CRIMINE", di Raoul Ruiz. E' la zia di un bambino che predice la sua morte per mano del nipote (cosa che puntualmente accadrà dopo dieci anni) e contemporaneamente l'avvocato che difende il ragazzo stesso, che, si scopre, frequentava una strana casa di cura in cui i pazienti venivano curati con insolite terapie a base di messe in scena teatrali.
Nel 1998 conquista a Venezia la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile nel noir "PLACE VENDÔM", di Nicole Garcia.
La sua Marianne, vedova di un mercante di gioielli che scopre i traffici del marito e, per salvare dalla bancarotta il suo negozio di Place Vendôm, decide di seguirne l'esempio, è un concentrato di raffinato talento e di misurato virtuosismo.

Subito dopo, però, incappa nell'inatteso e bruciante flop di "POLA X", di Léos Carax, fischiatissimo a Cannes '99, in cui sfiora il ridico in alcune inutili sequenze hard.
Ma la sua classe risorge prontamente e, ormai ultracinquantenne, si rituffa nel lavoro e si permette di fare la suocera seduttiva in "BELLE MAMAN", di Gabriel Aglion.
Nutrito di impegni il 1999, oltre che nei titoli citati la Deneuve è protagonista di altri lavori, tra i quali è da ricordare il drammatico "IL TEMPO RITROVATO", di Raoul Ruiz, tratto da "Il tempo ritrovato" di Marcel Proust.

Dopo essere rinmasta folgorata dalla visione de "LE ONDE DEL DESTINO", scrive una lettera al regista Lars von Trier per dimostrargli tutta la sua stima e per chiedergli un ruolo nel suo prossimo film.
Il cineasta danese l'accontenta subito e le assegna il personaggio di Cathy, in "DANCER IN THE DARK", un musical lacrimevole con la cantante islandese Björk, presentato a Cannes 2000 e vincitore della Palma d'oro.

Nel 2001 è la regina Anna in "D'ARTAGNAN", di Peter Hyams, ultimo adattamento, in ordine di tempo, e primo del nuovo millennio, del popolarissimo romanzo di Alessandro Dumas padre; poi è ancora una regina in "POLLICINO", di Olivier Dahn, dalla favola di Charles Perrault.

Un altro picco nella sua lunga e prestigiosa carriera lo tocca con la partecipazione allo struggente e melanconico "RITORNO A CASA", dell'ultra novantenne regista portoghese Manoel de Oliveira che, traendo spunto dal dramma di un vecchio attore di teatro che abbandona le scene perchè colpito da una terribile disgrazia familiare, riflette sulla vecchiaia e sulla tristezza che provoca l'inevitabile uscita di scena e il conseguente, progressivo distacco dalle cose terrene, ma anche sulla rivendicazione della dignità a cui la vecchiaia ha diritto.

Nel 2002 ritroviamo la classe di Catherine Deneuve nel cast al femminile di "8 DONNE E UN MISTERO", di François Ozon. Le otto donne sono tutte componenti di un clan familare, il mistero, chi tra le otto donne ha ucciso il capofamiglia. Inizia così una vigilia di natale fatta do sospetti, ripicche, tradinmenti, confessioni.
Nel 2003 torna sotto la direzione del grande portoghese Manoel de Oliveira che, in "UN FILM PARLATO", le fa interpretare il ruolo di una donna d'affari, la quale, visitando i luoghi che hanno visto la nascita della civiltà, nel corso della traversata del Mediterraneo a bordo di una nave diretta a Bombay, conversando amabilmente al tavolo del capitano insieme ad alcune compagne di viaggio, ha modo di riflettere sulla storia e sul mondo contemporaneo, ignara che un'oscura minaccia incombe su di loro.
L'anno successivo è André Téchiné che la scrittura per il ruolo di Cecile ne "I TEMPI CHE CAMBIANO", una giornalista che vive a Tangeri, dove si è rifatta una vita e un'esistenza serena ma senza amore, fino a quando a sconvolgere le sue sicurezze non arrivano il figlio bisessuale con compagna e bambino, e un suo vecchio amore mai dimenticato che fa di tutto per riconquistarla.
Il disincanto sentimentale di anime inquiete raccontato con fine sensibilità, e scavando nelle pieghe dei sentimenti umani.
Nel 2006 alla 1a Festa del cinema di Roma, è stata applaudita interprete di "LE CONCILE DE PIERRE", di Guillaume Nicloux, in cui, ambigua ed enigmatica, insieme ad un ricercatore russo, accompagna Monica Bellucci alla ricerca del figlioletto adottivo misteriosamente scomparso. Un viaggio che, tra avventura, mistero ed esoterismo, li porterà fino ai paesaggi desertici della Mongolia.

Nel 1986, in occasione del bicentenario della Repubblica francese, Catherine vine scelta per sostituire Brigitte Bardot, come Marianne, il simbolo della Repubblica transalpina.
Nel 1987, sbaragliando avversarie molto più giovani di lei, la quarantatreenne Catherine Deneuve viene proclamata da un sondaggio la donna più sexy di Francia.
Ha vinto due premi Cesar: il primo per "L'ULTIMO METRO'", il secondo per "INDOCINA". Nel 1998 ha vinto la Coppa Volpi a Venezie per il film "PLACE VENDOM".
Non ha mai smentito le voci circa un suo presunto legame sentimantale con il regista François Truffaut, nato durante la lavoraziOne de "L'ULTIMO METRO'".

FILM E SERIE TV

1993 - ¿Qué apostamos? (serie TV) regia di Francesco Bossermann
1996 - Court toujours: L'inconnu (film TV) regia di Ismaël Ferroukhi
2003 - Les liaisons dangereuses (serie TV) regia di Josée Dayan
2004 - Princesse Marie (film TV) regia di Benoît Jacquot

FILMOGRAFIA

1957 - Les collégiennes regia di André Hunebelle
1960 - La ragazza super sprint regia di Michel Fermaud e Jacques Poitrenaud
1960 - Les petits chats regia di Jacques R. Villa
1960 - All'ultimo minuto regia di Jacques-Gerard Cornu
1961 - Dossier 1413 regia di Michel Boisrond
1962 - Il vizio e la virtù regia di Roger Vadim
1962 - I caldi amori regia di Grisha Dabat
1962 - Les Parisiennes regia di Marc Allègret, Claude Barma, Jacques Poitrenaud, Michel Boisrond
1963 - Vacances portugaises regia di Pierre Kast
1964 - La costanza della ragione regia di Pasquale Festa Campanile
1964 - Caccia al maschio regia di Edouard Molinaro
1964 - Les parapluies de Cherbourg regia di Jacques Demy
1965 - L'armata sul sofà regia di Jean-Paul Rappeneau
1965 - ...poi ti sposerò regia di Philippe de Broca
1965 - Sopra e sotto il letto regia di Rolf Thiele, Alfred Weidenmann, Axel von Ambesser
1965 - Ossessione nuda regia di Marcel Camus
1966 - Les créatures regia di Agnès Varda
1967 - Josephine regia di Jacques Demy
1968 - La chamade regia di Alain Cavalier
1968 - Benjamin ovvero le avventure di un adolescene regia di Michel Deville
1968 - Mayerling regia di Terence Young
1968 - Manon 70 regia di Jean Aurel
1969 - Tout peut arriver regia di Philippe Labro
1969 - Sento che mi sta succedendo qualcosa regia di Stuart Rosenberg
1970 - La favolosa storia di pelle d'asino regia di Jacques Demy
1970 - Henri Langlois regia di Roberto Guerra, Elia Hershon
1971 - Tempo d'amore regia di Nadine Trintignant
1973 - Niente di grave, suo marito è incinto regia di Jacques Demy
1974 - Due prostitute a Pigalle regia di László Szabó
1975 - La ragazza con gli stivali rossi regia di Juan Luis Buñuel
1975 - Il mio uomo è un selvaggio regia di Jean-Paul Rappeneau
1975 - Appuntamento con l'assassino regia di Gérard Pirès
1975 - Un gioco estremamente pericoloso regia di Robert Aldrich
1976 - Chissà se lo farei ancora regia di Claude Lelouch
1978 - Persuasione occulta regia di Hugo Santiago
1978 - Ils sont grands, ces petits regia di Joël Sontoni
1978 - I soldi degli altri regia di Christian de Chalonge
1979 - Coraggio scappiamo regia di Yves Robert
1979 - A noi due regia di Claude Berri, Claude Lelouch
1980 - Vi amo regia di Claude Berri
1981 - Hôtel des Amériques regia di André Téchiné
1981 - Codice d'onore regia di Alain Corneau
1983 - Vacanze africane regia di Philippe de Broca
1984 - Scandalo a palazzo regia di Francis Girod
1984 - Fort Saganne regia di Alain Corneau
1984 - Amore e musica regia di Elie Chouraqui
1986 - Il luogo del crimine regia di André Téchiné
1987 - Agent trouble - L'ultima corsa regia di Jean-Pierre Mochy
1988 - Fréquence meurtre regia di Élisabeth Rappeneau
1988 - Drôle d'endroit pour une rencontre regia di François Dupeyron
1991 - Contre l'oubli - corti commissionati da Amnesty International regia di vari
1991 - La reine blanche regia di Jean-Loup Hubert
1992 - Indocina regia di Régis Wargnier
1993 - Ma saison préférée - La mia stagione preferita regia di André Téchiné
1994 - La partie d'échecs regia di Yves Hanchar
1996 - L'inconnu regia di Isamël Ferroukhi
1996 - Les voleurs regia di André Téchiné
1997 - Genealogia di un crimine regia di Raoul Ruiz
1999 - Belle Maman regia di Gabriel Aghion
1999 - Pola X regia di Leos Carax
1999 - Il tempo ritrovato regia di Raoul Ruiz
1999 - La lettera regia di Manoel de Oliveira
1999 - Est-ovest - Amore-libertà regia di Régis Wargnier
2001 - Absolutement fabuleux regia di Gabriel Aghion
2002 - Au plus près du paradis regia di Tonie Marshall
2005 - Palais royal! regia di Valérie Lemercier
2006 - Les Héros de la famille regia di Thierry Klifa
1963 - LE PIU' BELLE TRUFFE DEL MONDO regia di Claude Chabrol, Ugo Gregoretti, Hiromichio Horikawa, Roman Polanski, Jean-Luc Godard
1964 - LES PARAPLUIES DE CHERBOURG regia di Jacques Demy
1965 - REPULSION regia di Roman Polanski
1967 - BELLA DI GIORNO regia di Luis Buñuel
1969 - SENTO CHE MI STA SUCCEDENDO QUALCOSA regia di Stuart Rosenberg
1969 - LA MIA DROGA SI CHIAMA JULIE regia di Francois Truffaut
1970 - TRISTANA regia di Luis Buñuel
1970 - LA FAVOLOSA STORIA DI PELLE D'ASINO regia di Jacques Demy
1971 - TEMPO D'AMORE regia di Nadine Trintignant
1972 - NOTTE SULLA CITTA' regia di Jean-Pierre Melville
1972 - LA CAGNA regia di Marco Ferreri
1974 - FATTI DI GENTE PERBENE regia di Mauro Bolognini
1974 - NON TOCCARE LA DONNA BIANCA regia di Marco Ferreri
1974 - LA RAGAZZA CON GLI STIVALI ROSSI regia di Juan Buñuel
1974 - NIENTE DI GRAVE, SUO MARITO E' INCINTO regia di Jacques Demy
1975 - UN GIOCO ESTREMAMENTE PERICOLOSO regia di Robert Aldrich
1977 - LA BANDERA - MARCIA O MUORI regia di Dick Richards
1977 - CASOTTO regia di Sergio Citti
1977 - ANIMA PERSA regia di Dino Risi
1978 - I SOLDI DEGLI ALTRI regia di Christian de Chalonge
1979 - A NOI DUE regia di Claude Lelouch
1980 - L'ULTIMO METRO' regia di Francois Truffaut
1981 - CODICE D'ONORE (1981) regia di Alain Corneau
1982 - IL BERSAGLIO regia di Robin Davis
1983 - MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE regia di Tony Scott
1985 - SPERIAMO CHE SIA FEMMINA regia di Mario Monicelli
1991 - INDOCINA regia di Régis Wargnier
1995 - CENTO E UNA NOTTE regia di Agnès Varda
1995 - I MISTERI DEL CONVENTO regia di Manoel de Oliveira
1998 - PLACE VENDOME regia di Nicole Garcia
1999 - POLA X regia di Leos Carax
1999 - IL VENTO DELLA NOTTE regia di Philippe Garrel
1968 - MAYERLING (1968) regia di Terence Young
1999 - EST OVEST - AMORE LIBERTA' regia di Regis Wargnier
2000 - 100 EYES regia di Katia Forbert
1999 - IL TEMPO RITROVATO regia di Raoul Ruiz
2000 - DANCER IN THE DARK regia di Lars Von Trier
2001 - RITORNO A CASA regia di Manoel de Oliveira
2000 - D'ARTAGNAN regia di Peter Hyams
2001 - POLLICINO regia di Olivier Dahan
2002 - 8 DONNE E UN MISTERO regia di François Ozon
2003 - UN FILM PARLATO regia di Manoel de Oliveira
2004 - I TEMPI CHE CAMBIANO regia di André Téchiné
2004 - I RE E LA REGINA regia di Arnaud Desplechin
2006 - L'ELETTO regia di Guillaume Nicloux
2007 - PERSEPOLIS regia di Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud
2008 - RACCONTO DI NATALE regia di Arnaud Desplechin
2010 - SCATTI RUBATI regia di Eric Lartigau
2010 - POTICHE - LA BELLA STATUINA regia di François Ozon
2012 - ASTERIX E OBELIX: AL SERVIZIO DI SUA MAESTA' regia di Laurent Tirard
2014 - PICCOLE CREPE, GROSSI GUAI regia di Pierre Salvadori
2014 - TRE CUORI regia di Benoît Jacquot
2015 - A TESTA ALTA (2015) regia di Emmanuelle Bercot
2015 - DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES regia di Jaco van Dormael
2012 - LES LIGNES DE WELLINGTON regia di Valeria Sarmiento, Raoul Ruiz

Clicca il nome del film per visualizzarne la scheda

Galleria Fotografica


Biografia a cura di Mimmot - ultimo aggiornamento 17/09/2007

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

17 anni (e come uscirne vivi)
 NEW T
a casa nostra (2017)a good americanacqua di marzoaeffetto dominoaldabra: c'era una volta un'isola
 NEW T
altin in citta'assalto al cielobaby bossbleed - piu' forte del destinoboston - caccia all'uomochi salvera' le rose?ciao amore, vado a combattereclasse zdall'altra parteellefalchifamiglia all'improvviso - istruzioni non inclusefast and furious 8ghost in the shell (2017)god's not dead 2 - dio non e' morto 2gomorroide
 NEW T
guardiani della galassia vol. 2i am not your negroi called him morgani puffi: viaggio nella foresta segretail diritto di contareil padre d'italiail permesso - 48 ore fuoriil pugile del duceil segreto (2016)il viaggio (2017)in viaggio con jacquelinejohn wick capitolo 2
 HOT
kong: skull islandla bella e la bestia (2017)la cura dal benessere
 NEW T
la guerra dei cafonila legge della nottela luce sugli oceanila meccanica delle ombrela mia famiglia a soqquadrola parrucchiera
 NEW
la ragazza dei miei sognila tartaruga rossa
 NEW
la tenerezzala vendetta di un uomo tranquillola verita', vi spiego, sull'amorel'accabadoral'altro volto della speranza
 NEW
l'amore criminalelasciami per semprelasciati andarele cose che verranno
 NEW
le donne e il desiderio
 NEW
le verita'
 NEW
l'eccezione alla regolaliberelibere, disobbedienti, innamoratelife - non oltrepassare il limitelogan - the wolverineloving - l'amore deve nascere liberomal di pietremister universomma love never diesmoda miamoglie e maritomothers (2017)
 NEW
mystic gamenon e' un paese per giovaniomicidio all'italianaovunque tu saraiozzy - cucciolo coraggiosopasseriper un figliopersonal shopperphantom boypiani parallelipiccoli crimini coniugalipiena di graziapino daniele - il tempo restera'planetariumpower rangersquestione di karmarosso istanbulsfashionslam - tutto per una ragazzastrane straniere
 NEW
tannathe belko experiment
 NEW T
the circlethe most beautiful day - il giorno piu' bellothe ring 3the rolling stones ole', ole', ole'! - viaggio in america latinathe startup
 NEW
tutti a casa - inside movimento 5 stelleun altro meun tirchio quasi perfettounderworld - blood warsvedete, sono uno di voivi presento toni erdmannvictoriavieni a vivere a napoli!virgin mountain
 NEW
whitney (2017)wilson (2017)

954415 commenti su 37081 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net