caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

BURLESQUE regia di Steve Antin

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
steven23     6½ / 10  18/12/2015 16:32:52Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Il titolo corre il rischio di essere in parte fuorviante dato che di "Burlesque" nelle quasi due ore di pellicola se ne vede proprio poco. E' un musical contemporaneo che nasconde i suoi punti di forza esattamente dove dovrebbe, vale a dire in coreografie, costumi e canzoni che compongono la colonna sonora; queste ultime rimangono, probabilmente, la parte migliore in assoluto a mio modo di vedere. Buone comunque anche le esibizioni con un pregio in particolare, non mi hanno annoiato come è capitato in altre pellicole che toccavano il genere musicale.
Qualche problema in più direi risiede in tutto ciò che si discosta dalla storia riguardante il locale. Le vicende personali di Ali, l'inevitabile innamoramento, i dissidi con la prima ballerina... non c'è niente di nuovo in tutto ciò, ma proprio niente. Regia e sceneggiatura non si preoccupano di dare un minimo di freschezza al fondo della storia e ricalcano parecchi cliché, a volte ulteriormente mortificati da dei dialoghi davvero banali.
Malgrado questo il risultato complessivo non è parso tanto male, anzi... il pezzo forte del film funziona a dovere, così come la protagonista qui al debutto, una Christina Aguilera che balla bene e canta ancora meglio (con quella voce, poi). Per niente disprezzabile nemmeno Cher seppur in un ruolo tutto sommato classico (la proprietaria del locale burbera e scontrosa solo in apparenza) e mi ha stupito Gigandet, ma non tanto per l'interpretazione tutto sommato anonima bensì per il ruolo... credo sia la prima volta che veste i panni del bravo ragazzo, o almeno è la prima volta che lo vedo io.
steven23  18/12/2015 16:36:35Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Quasi dimenticavo ingiustamente Tucci, forse il migliore... oltre a risultare molto simpatico offre parecchi spunti per alcuni siparietti piuttosto divertenti e in grado di alleggerire certi dialoghi dalla loro scontata banalità.
Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  18/12/2015 17:15:49Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Quando le popstar fanno il salto nel cinema i Razzie award prenotano la candidatura, difficilmente ne escono bene, in particolare quando ti disegnano il film addosso, la Spears è naufragata, ******* a forza di sbatterci la testa e trovando anche ottimi registi (Woody) si è creata un curriculum discreto sebbene non riesco a salvarla neanche nella sua performance in 'Evita', J-Lo non ha l'ambizione di ******* ma sembra il surrogato della Roberts nelle commedie sentimentali, Lady Gaga che entra nel mondo della recitazione dalla porta di servizio son curioso di vederla in AHS... la Aguilera sostanzialmente mettendola sul musical vince facile, il soggetto è un obbrobrio quasi al livello di 'Showgirls', ma già evitare il razzie cosa che invece le succitate non han eluso è quantomeno incoraggiante.


hghgg  18/12/2015 18:03:45Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Si Lady Gaga in AHS è, ovviamente, una cagna allucinante...
Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  18/12/2015 18:38:13Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Rodriguez a forza di ritagliargli particine le ha fatto prendere convinzione di poterci stare in questo mondo, Ryan Murphy lo conosco bene, meno AHS non avendo visto un singolo episodio, Murphy ha sempre avuto il gusto per l'osé e per il trash, cito solo la presenza fissa di Lindsay Lohan nella 6° di Nip/Tuck, e per l'autolesionismo, sostituire la Lange con Gaga è da geni del male, poi certo se me la candidano ai Globes questa ci crede davvero.
hghgg  18/12/2015 18:44:33Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Meglio così se smettesse di fare dischi (escludendo una sua conversione alla coltivazione di barbabietole) me ne sono accorto proprio vedendo AHS dove in alcune scene dietro di lei ci sono le note dei Bauhaus o di Nick Cave il che mi ha dato ulteriore conferma del fatto che Gaga abbia sbagliato mestiere; anche se decidesse di fare l'attrice deciderebbe per il mestiere sbagliato però ripeto, escludendo la coltivazione delle barbabietole, meglio attrice che cantante e che è...
steven23  18/12/2015 20:22:37Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Beh, Nip/Tuck (stando a chi l'ha visto, io no) ha intrapreso una parabola sempre più trash indipendentemente dalla presenza della Lohan... figurarsi con lei fissa nel cast! Per non parlare dell'ultimo lavoro di Murphy, quello "Scream queens" tanto chiacchierato negli States... sono solo alle prime puntate ma direi che non ha lesinato affatto su quegli aspetti che hai citato, anzi... vi attinge a piene mani, in particolare dal trash. E' semplicemente folle e, in tutta sincerità, non so ancora se sia un aspetto positivo o meno... per ora propendo più per il secondo.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  18/12/2015 20:56:26Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ryan Murphy mi ha sempre dato l'impressione di arrivare un passo dopo Alan Ball, il secondo fa Six Feet Under, Murphy qualche anno dopo fa Nip/Tuck, in entrambi il corpo umano è l'oggetto del loro lavoro, ma i riferimenti sono palesi (il chirurgo che parla con la testa mozzata di un cadavere sulla quale sta facendo il tirocinio per esempio), Alan per 5 stagioni la mantiene esattamente in equilibrio la sua creatura, Murphy la manda in vacca dopo poco, Alan si lancia nel trash a tinte horror, True Blood, Murphy lo fa qualche anno dopo con AHS... e in AHS che fa? recluta gran parte del cast di Six Feet Under, vabbé True Blood alla lunga non l'ho gradita, AHS mi sembra di capire che qualitativamente è durata anche meno, però una certa critica (appunto GG) continua ad assecondarla.
steven23  18/12/2015 18:01:04Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Difatti io qui sono partito molto prevenuto... talmente tanto che, alla fine, un prodotto tutt'altro che entusiasmante è riuscito comunque ad accontentarmi. Poi lei come cantante non mi dispiace affatto e già questo la aiutava a non fare una magra figura ai miei occhi... poi è logico che se vuoi darle una mano devi gioco forza metterla in un musical, da una qualsiasi commedia o un dramma di una certa intensità ne sarebbe uscita a pezzi.
Per quanto riguarda le altre che hai citato direi che ho la tua stessa curiosità su Lady Gaga mentre J-Lo non mi ha mai detto niente nelle pochissime pellicole in cui l'ho vista... sulla Spears mi astengo, non ho mai visto nulla di suo né credo lo farò in futuro a meno che non si presenti l'occasione in mancanza d'altro.