caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

SCARFACE (1932) regia di Howard Hawks

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
Invia una mail all'autore del commento kowalsky     10 / 10  03/10/2007 19:46:06Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Non ci provo nemmeno a fare un paragone azzardato col film di De Palma, tanto devo essere tra i pochi spettatori a cui non e' particolarmente piaciuto.

Mi soffermo su questo film, che non esito a definire una lezione di CINEMA delle piu' pure ed emozionanti a cui abbia (ahime' tardivamente) assistito, che si apre fra l'altro con uno dei piu' grandi piani sequenza di sempre (lo sparo al buio soffi di luce e l'immagine di Muni in dissolvenza che fischietta un noto brano).
Insomma, Scarface resta uno straordinario esempio della mirabolante tecnica cinematografica di Howard Hawks, ma non solo.

E' un enorme ritratto di fuorilegge che ha il volto irrazionale, selvaggio, cinico, ambizioso di Paul Muni e della sua sconfessata (segreta) passione incestuosa per la sorella ("Io e te siamo una persona sola").

La grandezza del film e' nella dimensione QUOTIDIANA E TEMPORALE della violenza come se fosse nella norma e complementare, del resto, ai fini della storia.

Mirabilmente diviso in tre fronti opposti (quella di Tony e dei gangsters con le loro imprese, quello della polizia e dell'ispettore Guarino, quello della Stampa che non manca di agiografare le imprese dei banditi, cfr. memorabile la requisitoria di un giornalista chiamato in causa dalla polizia) il film e' nichilista, disperato e romantico come pochi.

Oltre a Muni, letteralmente splendido, da segnalare il Tom Galfrey di Karloff e Guino-Rinaldo alias George Raft, attore particolarmente predisposto a certi ruoli anche nella vita privata (era amico di Bugsy e di altri gangsters di Chicago, cfr.)

Esilarante e davvero tragico il personaggio del segretario tonto di Tony che anche in punto di morte chiede il nome dell'interlocutore al telefono (anzi, forse lo fa per la prima volta)

Memorabile il finale (in realta' ce n'erano altri due, diversi) dove campeggia la scritta "Il mondo e' vostro", raro esempio di metafora che (forse) non c'e'
Terry Malloy  03/10/2007 20:24:12Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
per coloro che hanno visto il capolavoro di Hawks, la visione del film di Depalma è per certi versi insostenibile
Terry Malloy  03/10/2007 20:24:34Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
ora vota il Grande Sonno