caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

IL TRONO DI SPADE - STAGIONE 1 regia di Alan Taylor, Alex Graves, Daniel Minahan, Alik Sakharov, Timothy Van Patten, Neil Marshall, David Benioff, altri

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
elio91     8 / 10  30/01/2014 10:35:53Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Game of Thrones, romanzo e serie tv, raccontano più per il piacere di raccontare che per altro. Martin riesce a catturare l'attenzione con una saga fantasy immersa nel sangue e nel sesso, con giochi di potere e personaggi lontanissimi dalla concezione pura che ci si immagina pensando al genere. Molto realista.
La serie tv è spettacolare sotto tutti gli aspetti, i soldi spesi benissimo e le ambientazioni degne del miglior cinema. Ma non è un capolavoro, "solo" un prodotto confezionato come crìsto comanda: le sceneggiature non sono pregne di chissà quale significato profondo, alcuni personaggi sin troppo bidimensionali e prevedibili nei loro archi di crescita mentre altri affascinano (Daenerys che poi è sempre mezza nuda). Sean Bean fantastico per due motivi: uno perché è perfetto nella parte.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

E qui sta un altro punto di forza, più sensazionalistico che altro: i personaggi di Martin, mole imponente ma ognuno con caratteristiche tali che è facile affezionarcisi, muoiono spesso, non importa che siano protagonisti o eroi con meno macchie degli altri (perché in Game of Thrones ognuno è sporco).

Altro aspetto fastidioso è la famosa quota tette della HBO: un tot di scene di sesso e nudità gratuite, particolarmente spinte, che non servono a nulla ai fini del racconto ma vengono inserite giusto per. Ne basterebbe una ogni tanto, significativa, ma invece c'è di tutto senza un vero perché.
Alla fine della seconda stagione ho mollato in attesa di leggere prima i romanzi perché la serie non mi stimola abbastanza.
Gabo Viola  08/02/2014 11:41:46Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Caro Elio, sono d accordo.con te in parte. Il presupposto è che nessuna serie tv sia mai arrivata dove il cinema totale, quello di fellini o antonioni ad esempio, è arrivato. Non si.tratta di snobismo occhialuto, di accanimento cinefilo, ma della constatazione che un'opera complessa, come i Soprano poniamo, vive di mille anime, registi, decine di ore filmate, sceneggiature preziose ma a volte discontinue. La puntata a napoli e sulla manifestazione a favore di cristoforo.colombo sono da cento vetrine, se analizziamo l intero corpus dobbiamo tenere conto sia dei magnifici voli verso l alto che delle rovinose cadute nel pessimo gusto











votiamo l.intero corpus
elio91  08/02/2014 12:39:16Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Non sono per nulla d'accordo, per me anche quelle puntate sono eccellenti (in primis quella su Colombo che analizza in modo provocatorio il contrasto tra culture, compresi italoamericani contro italoamericani).
Però è un argomento di discussione vasto e interessante, visto che anche io mi pongo spesso dei dubbi sulla tv VS cinema. A sprazzi sembra addirittura aver superato gran parte del cinema odierno per qualità, e bisogna dire che le serie tv migliori sono quelle (come i Sopranos, appunto) con un produttore esecutivo e creatore che coordina tutte le stagioni e supervisiona il tutto, quindi se non si può parlare di un solo regista di certo c'è un progetto ben progettato da una sola persona (Chase nel caso specifico) arricchito da altre idee supervisionate di altre persone scelte in modo selezionato.
Però forse è vero, la tv ancora non ha raggiunto un Fellini o un cinema totale. Anche se i Sopranos... insomma, forse sui Sopranos abdicherei tranquillamente dopo averla rivista tre volte molto attentamente.

(Anche l'episodio a Napoli, particolarmente folkloristico, ha spunti forse troppo stereotipati per noi che viviamo qui ma nel contesto può starci; per una serie che lo stereotipo lo cavalca e lo distorce a suo piacimento è un dettaglio di non poco conto).
Kingdom urge revisione, Von Trier in quel caso non mi colpì a dovere e forse perché tendeva un pò troppo a giocare con stili e tematiche già affrontate da Lynch (il Twin Peaks danese dicevano, e purtroppo anche questo mi ha condizionato la visione).

Gabo Viola  09/02/2014 14:52:10Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Sì le puntate avevano spunti semantici interessanti. L.italianita di cui sì vantano tony e gli altri è cosa ben diversa dall italia reale, loro si sentivano della cricca italiana senza conoscere o parlare ita..Era uno spunto brillante realizzato malissimo, idem colombo . Ricordo il finto reportage del tg sugli scontri ... davvero imbarazzante. Sono quelle soluzioni che non mi fanno pensare al massimo.
anthony  30/01/2014 16:05:54Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
ecco...questo commento proprio non mi piace...a differenza di tutti gli altri?
Come si fa dire che GOT non è u capolavoro???
..vabbe' ti perdono solo perché sei tu.:-)
Qui siamo ai livelli di Breaking Bad, altroché.
elio91  30/01/2014 16:29:26Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
No, non sono per nulla d'accordo.
Oh, poi a me è piaciuto molto e non vedo l'ora di comprare i blu ray per godermelo appieno, però non riesco ad appassionarmi come con altre serie... Breaking Bad ad esempio ho avuto seri problemi di nervi, specie l'ultima stagione.
anthony  30/01/2014 16:50:40Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Le sceneggiature di Weiss e Benioff sono capolavori assoluti altrochè..
..Non è il tuo genere, tutto qui.
Anche a me "Lost" non è mai parso un capolavoro e trovo le sue sceneggiature alquanto claudicanti.
HollywoodUndead  31/01/2014 19:03:51Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Non condivido nulla di quello che hai scritto, le tette fanno parte della storia perchè rendono il tutto più porcelloso e a noi nerd (e a voi mortidifigà) questo piace. Il fatto che tutti muoiano spesso e più volte nell'arco della stessa giornata, è una questione di onnipotenza scenica, in quanto ti fa capire che come GOT da, GOT toglie, e tu sucki (e ti piace tra l'altro).
8 è un voto punitivo su una serie come GOT che viaggia su livelli di magnificenza come Breaking Bad, quindi non condivido manco il voto e mi auguro che uno dei mod passi di qui e te lo cancelli perchè è palese che non sei capace di intendere e di volere.
Solo una cosa condivido :

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
elio91  31/01/2014 22:22:18Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Sean Bean sempre e comunque!

Ad ogni modo, siete pazzi a valutare questa serie ai livelli di Breaking Bad, o SFU, o Mad Men, o The Shield, o The Wire. E non nomino i Soprano perché nulla regge il confronto.
Bellissima, non c'è che dire, ma non un capolavoro.
HollywoodUndead  31/01/2014 22:41:47Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
MA CHE *****OOO DICI IDIOTA?????!!!111!??? TU NN CAPISCI UN *****OOOO DI SERIE TELEVISIVE, SE VENGO NEL TUO PAESELLO CASERTANO DELLA MINKIA TI SFASCIO, TI UCCIDOOOO, KAPITO??!!11'''

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
HollywoodUndead  31/01/2014 22:43:41Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
elio91  31/01/2014 23:24:13Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ahahahah, che burlone.

Ma non mi rompere, GoT è bella e non lo metto in dubbio ma destinata ad infiacchirsi come i romanzi di Martin.
Spiace dirlo ma è cosi.
Dubito ci sia un vero progetto, una trama articolata alla perfezione ma spesso allungamenti di brodo che non porteranno in nessun luogo e non possono essere interessanti quanto un Vic Mackey che mette ordine nel quartiere o Don Draper vittima dell'alcol e del sesso. Sorry.
HollywoodUndead  01/02/2014 00:58:15Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ho preso la prima stagione di The Shield, perchè con i vostri elogi mi avete incuriosito. Lo vedi se è anche solo di poco inferiore a Il trono di spade... vengo a strangolarti nel sonno con un profilattico usato (da me con una spogliarellista dalla scarsa igiene personale), e dopo getterò il tuo corpo in una discarica e porterò il mio cane a fare i suoi bisogni sulla tua testa.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
elio91  01/02/2014 09:49:34Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ahahaha ma te sei matto? Matematicamente impossibile che The Shield non piaccia o non prenda. Mad Men secondo me è un capolavoro altrettanto valido se non di più, a livello di scrittura una serie imponente, ma non è decisamente per tutti. The Shield ti prenderà da subito.
HollywoodUndead  01/02/2014 10:39:37Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Anche sto Mad Men mi incuriosisce, anche perchè io sono un pubblicitario diplomatolo. Adesso mi vedo The Shield, e poi mi fiondo su Mad Men che sicuramente mi piacerà.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
elio91  01/02/2014 11:10:18Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ahahahah, non dirmi che vuoi tutta la mia garbombonzia?

Wei ti ho avvertito, Mad Men è molto sottile e più classica almeno apparentemente, ma a livello di sceneggiatura è quanto di meglio abbia mai visto.
Spesso ha l'unico difetto di piacersi troppo. Può non piacere, molti l'hanno mollata alla prima stagione ma in realtà migliora.
anthony  02/02/2014 17:28:02Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ma dai Elio!!!
Ma come cavolo fai a dire che GOT non è un capolavoro??

elio91  02/02/2014 17:32:10Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ahahahaha

Per me è superata tra le serie tv USA da Sopranos, Mad Men, Breaking Bad, Six Feet Under e The Shield e tra queste la parola capolavoro va alle prime 3.
Proprio non riesco a trovarci un livello di profondità o di lettura pari a quelle appena elencate.
Poi per indole personale preferisco anche altre cose come Doctor Who, ma mi rendo conto che in quel caso è puramente una questione di gusti. Sulle altre ci ho pensato e ripensato e credo siano proprio su un altro livello. Come scenografie e costruzione di set invece è probabilmente quella più imponente di tutte anche se Boardwalk Empire e Mad Men non scherzano. Però la mole di personaggi e di ambientazioni, oltre agli effetti speciali, in GoT sono impressionanti ed usati alla perfezione.

(Non ho messo Twin Peaks in classifica e non lo metterò mai semplicemente perché per me è LA serie, come per Sherlock Holmes Irene Adler è LA donna)
elio91  02/02/2014 17:34:35Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ho fatto un casino assurdo. Semplifico: belle serie sono tante, i capolavori assoluti sono Sopranos, SFU, Mad Men e Breaking Bad. The Wire sono alla seconda stagione ed è presto per dirlo.
Con la serialità americana purtroppo si rischia di essere ripetitivi, son cosi pieni di belle cose da creare difficoltà a distinguere tra le cose belle e le cose bellebellebelle. Ecco, GoT è una cosa bella.
anthony  03/02/2014 09:49:15Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ma non diciamo sciocchezze e fesserie su!!
GOT è una cosa bellabellabellabellabellabella!
elio91  02/02/2014 17:32:29Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Argh, dimentico The Wire.
Gabo Viola  08/02/2014 11:48:42Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Per ora trovo il regno di von trier e boardwalk empire le uniche serie da 8.5...soprano e breakig bad da 8. Il tuo punto di vista su questa ottima serie non convice, perché la valuti come mero intrattenimento ben confezionato, ma se paragonato al cinema lo è anche breaking bad, la puntata sulla mosca in laboratorio non è certo la poetica di tarkowskij. Brraking bad è il trono di spade sono letteratura per ragazzi, introspezione nulla ma allo stesso tempo sono opere avvincenti, curatissime. Non sono eraserhead di lynch ed è bello così, credo che sia ggiusto offrire tante sfumature al cinema e in televisione
elio91  08/02/2014 12:54:29Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Aspetta, io ho detto una cosa differente. Non ho detto che GoT è intrattenimento mentre Breaking Bad non lo è, al contrario, entrambe sono puro intrattenimento (tanto che BB è quasi fumettistico). Ma se da un lato GoT, cosi come i romanzi di Martin, sembra spesso girare su sé stesso, Breaking Bad, pur con puntate riempitive come quella che tu nomini (e che a me è piaciuta un botto), ha un progetto ben preciso, un percorso che sin dall'inizio porterà in un dato luogo. C'è un arco di crescita dei personaggi e l'introspezione anche se mascherata e ambigua è presente (non come altre serie tv, più esplicite e meno sfumate, più soddisfacenti come Mad Men).
Una serie tv come Six Feet Under (per me nel complesso migliore di Breaking Bad) chiude alla quinta stagione non per mancanza di ascolti, quindi anticipatamente, ma in uno dei suoi periodi migliori di audience perché Alan Ball aveva fatto dire alla sua creatura tutto quello che aveva da dire e sapeva che tutte le storie dovevano finire lì. Se nel frattempo sopraggiungono ulteriori idee chiaramente verranno inserite di stagione in stagione, impossibile pianificare nel dettaglio sessanta o più episodi, e quindi prima o poi episodi filler potrebbero anche starci (ma per me SFU e Sopranos sono le uniche serie prive di punti morti che abbia mai visto).
Ma tu concludi con la frase giusta, ovvero che entrambi i medium offrono sfumature differenti. Metterli per forza in competizione potrebbe essere una forzatura.
I miei voti (8, 9 o 10) sono alle serie televisive, non azzardo neanche un paragone col cinema perché non mi viene in mente. E più grande complimento a (molte) serie tv odierne di questo, proprio non saprei farlo.
Gabo Viola  09/02/2014 14:38:11Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
guardero sfu come prossima serie, grazie del consiglio implicito. Ma sei del 91? ti occupi di cinema o "arte" in qualche modo ?

elio91  09/02/2014 15:27:31Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
No, assolutamente. Mi piace il cinema e la letteratura ma tutto da dilettante, diciamo. Ogni tanto scrivo per FS o qualche blog ma si esaurisce lì la cosa.
Gabo Viola  09/02/2014 18:32:17Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Mi potresti indicare i film che reputi migliori dal 2000 in poi ? devo fare una ricerca potrebbe rssermi utile un tuo parere :-)
elio91  09/02/2014 21:52:14Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Ahahah questa è la seconda volta che me lo chiedi! Però non rileggo la risposta precedente e provo a farti una lista, a parte il primo non necessariamente in ordine di gradimento.

1)Mulholland Drive
2)La pianista/Amour
3)Arca russa
4)Syncdoche, New York
5)La grande bellezza/Le conseguenze dell'amore
6)Inland Empire
7)Ferro3
8)I misteri di Lisbona
9)Il pianista
10)La città incantata
11)Love exposure
12)Uno a caso di Svankmajer, perché non posso lasciarlo fuori e son tutti stupendi, Sileni e l'ultimo Surviving Life poi... slurp.

Dimmi i tuoi, scambiamoci le figurine.
Gabo Viola  10/02/2014 22:53:26Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
è vero tra l altro a distanza di tre anni e per motivi diversi lol. Te li scrivo tra qlk giorno mi consulto con un mio amico magari ne viene fuori jnalista interessante !
elio91  09/02/2014 15:32:09Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Comunque si, Six Feet Under dovrebbe piacerti ma lì è soprattutto una questione di empatia con i personaggi.
Alla lunga in 5 stagioni i rapporti con la morte, le droghe, il sesso sono affrontati in tutti i modi possibili. Anche per questo, chiudere alla quinta serie era il modo perfetto: si era arrivati al punto d'arrivo, si rischiava davvero di essere troppo ripetitivi.