caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

DOWNTON ABBEY - STAGIONE 5 regia di Brian Percival, Andy Goddard, Brian Kelly, David Evans, Ben Bolt, Ashley Pearce, e altri

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
hghgg     7½ / 10  26/03/2015 13:12:20Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Avrei preferito che la serie si concludesse con questa stagione ma in ogni caso bene così perché, a mio avviso, "Downton Abbey" recupera parecchi punti rispetto alla noiosissima quarta stagione e soprattutto con la seconda metà delle puntate si riporta vicino ai livelli raggiunti dalle stagioni 1 e 3 che tutt'ora rimangono le migliori della serie inglese in costume creata da Fellowes.

Poi per carità ormai le storie stanno diventando anche prevedibili, il confine con la soap-opera e il romantico più scadente è fin troppo labile mentre in altre occasioni la serie riesce ad avere momenti di lirismo di ottima qualità ed è tenuta in piedi da un cast affiatato, molto in parte e con alcuni attori davvero eccellenti. Poi le solite cose, fotografia ottima e scenografie e ambienti curatissimi, alcune puntate molto ben girate e un complessivo valido sviluppo della narrazione e delle tante storyline che si intrecciano. Ci sono delle cose che hanno davvero rotto le pàlle (la trama thriller dei Bates ad esempio doveva essere chiusa molto tempo fa e invece andrà avanti ancora nella sesta stagione...) mentre ad esempio mi hanno sorpreso facendo finire il famoso triangolo amoroso di Lady "Pitbull" Mary in un colossale nulla di fatto, ma scrivendolo bene questo nulla di fatto non nel modo che mi avrebbe fatto incàzzare per la perdita di tempo.

L'altra dannatissima storyline portata avanti dalla quarta stagione ossia "Le sfìghe inenarrabili di Lady-Paolino Paperino-Edith" sembrava anch'essa come la saga dei Bates dover terminale in un vortice infinito di noiosissime angosce viste le prime puntate (in cui il tragi-comico abbonda e le scelte discutibili di quel genio di Edith si accumulano) e invece, finalmente, almeno questa l'hanno chiusa e la sfìgata è felice, i genitori l'hanno sgamata ma hanno detto "e vabè 'sti càzzi" e le hanno fatto tenere la figlia a Downton, pigliandosi una nipote in più con una mentalità tanto aperta da poterli definire "pionieri". Tutto bene ? Non saprei perché l'unica persona a non avere ancora capito la storia della figlia di Edith è ovviamente Mary e prima o poi si spera ci arriverà e li saranno dolori. Giustamente Paperino si guarda bene dal dirglielo, dice tutto alla madre e poi al padre e le va bene ma tentare la fortuna con Mary è come giocare alla roulette russa sparando per primo e con tutti i proiettili in canna. Da qui il ritornello "solo, non ditelo a Mary" e i conti "e che ci hai preso per crètini ?" Anche perché tanto, come nota giustamente sorella sfìgarella, Mary (che pure in questa stagione ci va giù pesante in cattiverie contro la sorella) a malapena si ricorda di avercela una sorella e quindi non gliene frega una menga e non è che si sia bevuta la storia della bambina adottata è che proprio non gliene importa un tubo. Continuo a dire che i siparietti acidissimi tra Mary e Edith sono spassosi quasi quanto quelli tra Violet e Isobel, che in questa quinta stagione ho trovato grandiose tra l'altro. Davvero a Mary e Edith mancano solo Richard & Linda Thompson che cantano "Sisters" come colonna sonora (" don't call me your sister put the knife through my heart") :D E poi Michelle Dockery e Laura Carmichael sono affiatatissime il che aiuta.

Maggie Smith e Penelope Wilton invece vincono su tutti, due grandi attrici (la Smith vabè, grazie al c...) con due grandi personaggi e con grandissimi momenti per tutta la stagione. E poi vabè qualche altro bel momento romantico di quelli ben scritti e delicati che gli appassionati della serie avranno sicuramente apprezzato (vedi Carson-Hughes) e poi tutta la storia del matrimonio di Cenerentol... Ehm di Rose volevo dire, di Rose. Eccetera eccetera, però man mano che le puntate vanno avanti nel complesso la stagione è diventata più piacevole sfornando episodi di qualità e ottimi momenti che mi hanno fatto apprezzare appieno, insieme al comparto tecnico che da sempre è il punto di forza della serie, questa quinta.

Ora però con la sesta la chiudiamo su, non esageriamo. Possibilmente, con lo scontro finale tra Mary e Edith. Scorrerà del sangue a Downton.
hghgg  26/03/2015 13:24:36Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Volevo aggiungere che il fatto di "non dire niente a Mary" ha provocato il più spassoso siparietto (questo era voluto dai) dell'intera stagione tra le due. Edith ha appena confessato tutto alla madre, disponibilissima ad aiutarla ed accogliere la nipotina con la promessa di "non dire niente a Mary". E mentre Edith con la figlia (questo è importante!) e Cora tornano chi ti incontrano alla stazione ? Mary. E qui si capisce la forza malefica del personaggio perché vedi il terrore nei volti non solo di Edith ma pure in quello di Cora (una McGovern che stavolta si è ricordata di essere un'attrice presente in tale "C'era una volta in America" così, robetta...).

La scena più o meno: Edith "Oh càzzo oh fottùtissima sfìga c'è MARY mannaggia a Vishnu!" e comincia già a sudare freddo

Cora: "Orco cane Mary! Siamo fottùte, cambio di programma Edith butta la bambina dal finestrino, buttala presto non c'è altro da fare"

Edith con encomiabile sangue freddo "No no ho un'idea ci penso io" e fa tutto un casino con le fermate facendo scendere la figlia dopo affidandola all'affidatario (si il bracciante della scorsa stagione you remember, povero cristo...) con lei e la madre che scendono da sole con aria noncurante. Di tutto 'sto movimento Mary non si accorge minimamente e si limita a commentare il ritorno della sorella dalla sua fuga con un "e te pareva che per una volta me la toglievo dai còglioni" ad ulteriore conferma che da sola con capirà mai della figlia di Edith, perché veramente gliene importa quanto di giocare a calcio con la nazionale inglese. Però il momenti di panico totale di Edith e Cora quando vedono Mary alla stazione e rischiano di essere sgamate è TOTALE.

Altro momento "Downton Funny" è l'arresto di Anna. Sempre con Mary of course, che se la tira tutta indignatissima col poliziotto di Scotland Yard. Lei "Io sono LADY MARY CROWLEY" e lui "ah si, ok... E 'sti càzzi ?" Giuro che se la serie non fosse stata ambientata nell'Inghilterra degli anni '20 la risposta sarebbe stata veramente questa, è l'esatto equivalente edulcorato, meraviglioso poliziotto :D