caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi Chiudi finestra

CATERINA VA IN CITTA' regia di Paolo Virzý

Nascondi tutte le risposte
Visualizza tutte le risposte
Rosette     7½ / 10  12/11/2010 12:56:51Nuova risposta dalla tua ultima visita » Rispondi
Di solito odio i film italiani, fatta eccezione per Benigni e (a volte) Pieraccioni.
Ma Caterina va in Città devo dire che mi ha molto colpito. La prima volta che l'ho visto andavo in seconda media, e devo dire che mi sono rispecchiata nel mondo di Caterina, sebbene la mia situazione familiare fosse molto diversa da quelle (un pò stereotipate, ma oh... che vuoi farci) presenti in questo film.
Il mondo degli adolescenti italiani (che in questo caso sono piccoli, vanno ancora alle medie) mi sembra sia rappresentato pressochè perfettamente:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

È un film che bisognerebbe far vedere almeno una volta a tutti i ragazzini delle medie, li mette davanti ad uno specchio. Fenomenali le recitazioni, tutte, a partire dalla protagonista (Adorabile con la A maiuscola) per finire con la Buy e Castellitto. Sconvolgente la scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Anche il finale non delude: Virzì ci concede una fine affatto scontata.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Ah, per finire, fenomenale la parte

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER