asfalto regia di Joe May Germania 1929
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

asfalto (1929)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ASFALTO

Titolo Originale: ASPHALT

RegiaJoe May

InterpretiGustav Froelich, Betty Amann, Albert Steinrueck, Else Heller

Durata: h 1.12
NazionalitàGermania 1929
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 1929

•  Altri film di Joe May

Trama del film Asfalto

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,50 / 10 (2 voti)6,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Asfalto, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

kafka62  @  03/03/2018 15:31:40
   6 / 10
L'immagine degli operai che, ritmicamente, stendono l'asfalto sulla strada, la didascalia che si appella un po' enfaticamente alla frenesia e al disordine della vita moderna, e infine le inquadrature che, nel loro sghembo dinamismo (memori forse di "Sinfonia di una grande città"), illustrano il traffico caotico della città tentacolare, sono altrettanti trompe-l'oeil che cercano invano di distogliere lo spettatore da quella che è l'intima natura del film di May. "Asfalto" non è infatti un documentario alla Dziga Vertov o alla Walter Ruttmann, bensì un melodramma tutto sommato oleografico e convenzionale. Le velleità sociologiche vengono accantonate già dopo pochi minuti (a dire il vero non disprezzabili) di cinema-verità, e d'altra parte la vicenda dei due protagonisti non riesce mai ad elevarsi al rango di un'allegoria capace di riflettere simbolicamente lo spirito dei tempi. "Asfalto" sconta probabilmente un vizio di origine, quello di aver voluto a tutti i costi collocarsi nel filone realistico, cinematograficamente di moda, della Neue Sachlichkeit. Inquadrato in questa prospettiva, esso appare un film insincero e fallito, privo com'è oltretutto della capacità propria di un Pabst di sublimare una materia di poche pretese culturali e artistiche in personaggi (soprattutto femminili) di folgorante emblematicità. Betty Amann è sì ricalcata sul modello dell'indimenticabile Louise Brooks, ma il suo personaggio viene costretto (fatta eccezione per la brillante scena della seduzione, in cui la ragazza, saltando letteralmente al collo del goffo Albert, esprime un erotismo istintivo e animalesco) all'interno dello stereotipo della donna perduta provvidenzialmente redenta dall'amore di un giovane perbene (fino al prevedibile sacrificio conclusivo). Quello che allora di "Asfalto" merita di essere ricordato (perché nonostante tutto siamo di fronte a un'opera che qualche pregio indubbiamente ce l'ha) è non tanto la storia patetica e moraleggiante (che ha il suo picco emozionale nella scena in cui il vecchio padre, ligio al senso del dovere, mettendo dolorosamente da parte l'affetto per il figlio, lo dichiara in arresto), bensì lo stile fluido e vivace di May, il quale, avvalendosi di prospettive insolite, di mobili carrelli, di panoramiche in soggettiva (il protagonista che perlustra con gli occhi la stanza da letto di Elsa) e di un montaggio assai ben congegnato, è in grado per almeno mezz'ora di proporre del buon cinema, e non già una stanca e anodina ripetizione degli abusati luoghi comuni dell'Espressionismo e del Kammerspielfilm.

Gruppo REDAZIONE K.S.T.D.E.D.  @  30/07/2007 18:57:32
   7 / 10
Ritenuto uno dei più importanti lavori espressionisti, "Asphalt" è una pellicola che mostra la sua parte migliore nella tragicità esasperata (ottenuta in gran parte grazie alla recitazione tipicamente teatrale) del quarto d'ora finale, in cui si respira tutto il pessimismo che caratterizza il genere, e che raggiunse, però, il suo apice 5 anni prima con "L'ultima Risata" di Murnau.
La prima parte, invece, aldilà di qualche sequenza, si lascia ammirare più che altro nella fotografia, non riuscendo ad evitare, a mio avviso, una certa lentezza fine a se stessa.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaytua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016466 commenti su 45275 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net