at land regia di Maya Deren USA 1944
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

at land (1944)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film AT LAND

Titolo Originale: AT LAND

RegiaMaya Deren

InterpretiJohn Cage, Maya Deren, Alexander Hammid, Parker Tyler

Durata: h 0.15
NazionalitàUSA 1944
Generecorto
Al cinema nel Gennaio 1944

•  Altri film di Maya Deren

Trama del film At land

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,64 / 10 (7 voti)7,64Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su At land, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

marcogiannelli  @  13/01/2016 19:51:19
   7½ / 10
corto d'impatto interpretato dalla stessa regista, metafora di alcuni aspetti della vita

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  28/08/2010 16:28:14
   7 / 10
Meno potente di MESHES OF THE AFTERNOON però sempre un corto interessante interpretato dalla stessa Daren. La sequenza finale però è davvero di impatto.

BlackNight90  @  06/05/2010 01:21:55
   7 / 10
Lontano dai livelli di Meshes of the afternoon, un corto molto meno affascinante e suggestivo e non del tutto riuscito dal punto di vista dei simboli e dei significati.
Corto dalla struttura circolare, che elogia la femminilità e la sensualità della donna, che esce dal mare come una Venere e vi ritorna correndo, osservata dalle diverse se stesse in cui è scomposta la sua identità, in un ultimo ed esaltante atto di libertà.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  03/05/2010 17:00:44
   7½ / 10
Molto meno interessante rispetto a 'Meshes of the afternoon'. Purtroppo la Deren, a mio avviso, non è più riuscita ad esprimersi a quei livelli.
Questo lavoro è comunque molto interessante e degno di nota.

pinhead88  @  16/03/2010 19:37:42
   6 / 10
A differenza di Meshes questo corto della Deren non mi ha detto granchè.la prima e l'ultima sequenza sono forse quelle più interessanti.il resto è troppo criptico per i miei gusti.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/02/2009 19:15:15
   8½ / 10
Rispetto a Meshes of the afternoon ha una maggiore linearità del racconto pur mantenendo quel carattere di circolarità rispetto al corto precedente.
Questa viaggio onirico "sulla terra" della protagonista (la stessa Deren) è una messa alla prova della propria personalità in ambienti e situazioni stranianti e sottilmente ostili.

DarkRareMirko  @  03/11/2008 06:42:55
   10 / 10
Secondo dei 3 capolavori sottoforma di cortometraggio realizzati da quella grandissima artista della Deren.

In questo caso, a differenza del primo Meshes of the afternoon, si fà spazio e si rende più palese una certa critica sociale.

Qui inoltre la sessualità si scontra ancora con la morte ma stavolta è la morte sospesa dei morti viventi in società: uscendo dal grande grembo oceanico (nel quale si poteva esser caduti morendo al termine di Meshes of the afternoon, la morte che va all'acqua-sesso, che apre, e vedremo chiude, il trittico...) la Deren (sì, è ancora lei la protagonista) si ritrova tra spinosi tronchi e rocce acuminate che sono allo stesso tempo l'ordine sociale, il salotto borghese, il terra-terra di chi ha i piedi per terra e non sa più cosa sia la libertà erotica oceanica...

In una sorta di femminismo o meglio rivendicazione lesbica, Maya Deren attraversa questi scenari imponendo sensualità, la sua sensualità: le passeggiate con l'uomo nel bosco sono ambigue (lui cambia identità ad ogni inquadratura, anche se è simile è un altro) e conducono a una casa diroccata e desolata con un laido baffuto malato anche lui indubbiamente morto vivente, mentre presso il mare, più in vicinanza al grembo e alla luce, ci sono donne che giocano e appunto confondono le "acque" ma senza torbidume, con solari carezzevoli scambi di pedine, un raccogliere pietre per trasformare i nostri pesi in pezzi di scacchi e così riscattarcene attraverso il gioco...

Si tratta di un lavoro ovviamente e palesemente più lineare di Meshes of the afternoon; i sottintesi poi sono meno psicologici ma sociologicamente più ampi, ma anche qui la regia fa miracoli, rendendo ancora una volta un'incredibile vertigine durante le arrampicate o le discese, o infilando quasi impercettibili giochi di prestigio, come appunto le identità che si scambiano, i passaggi tra un'impossibile porta e l'altra nel chiuso soffocante ambiente della casa diroccata che diventa labirinto, o la bellissima corsa finale sulla sabbia del litorale che con un gioco di camera mostra la Deren prima vicina agli spettatori e poi subito dopo in fondo alla spiaggia con un lungo sentiero di impronte lasciate dietro di sé; si tratta di sicuro del più commovente inno alla libertà che mai si potrebbe ingabbiare.

La potenza e la poetica dei pochi mezzi a disposizone...
Non vedrete mai più, purtroppo, 3 lavori di questa qualità...

Ringrazio sempre Filippo System Shocko e rinnovo l'invito avedere queste 3 magnifiche opere!

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010853 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net