destino (1921) regia di Fritz Lang Germania 1921
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

destino (1921)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DESTINO (1921)

Titolo Originale: DER MÜDE TOD (EIN DEUTSCHES VOLKSLIED IN 6 VERSEN)

RegiaFritz Lang

InterpretiWalter Janssen, Bernhard Goetzke, Lil Dagover

Durata: h 1.22
NazionalitàGermania 1921
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1921

•  Altri film di Fritz Lang

Trama del film Destino (1921)

La Morte fa un patto con la fanciulla cui ha tolto il fidanzato: glielo riporterà se lei salverà la vita di almeno una delle tre luci che, in una foresta di candele, si stanno spegnendo, e la porterà in tre paesi e in tre epoche diverse. La fanciulla non ci riesce, ma la Morte le offre una quarta possibilità...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,58 / 10 (6 voti)7,58Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Destino (1921), 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento wega  @  10/01/2009 00:17:21
   8 / 10
ATTENZIONE: Prossimamente in edicola "Il Gabinetto del Dott. Caligari". Chiedo aiuto a chiunque qualora venisse sospesa l' uscita dal ridicolo tabaccaio mio.

"Il Destino" è quasi l' esordio di Fritz Lang. Sfumata la possibilità di dirigere il film di Wiene, l' anno successivo diresse questo splendido esempio di cinema espressionista. Più che un film sul Male, qual' è "Nosferatu", è una vera parabola sull' impossibilità di sconfiggere la Morte; qui presente in prima persona a contatto con la protagonista, proprio come ne "Il Settimo Sigillo" di Bergman. E come non andare di matto a vedere alberi storti e scenografie posticce; davvero sensazionale. La struttura è molto simile a "Intolerance" di Griffith con tre ambientazioni diverse nelle quali una donna viene mandata dalla Morte per salvare almeno una persona tra tre, per poter così rincontrarsi con il suo amato defunto. La parte più interessante della pellicola è proprio l' ultima, cioè la quarta: una quarta possibilità data dalla Morte stessa dove la protagonista, cercando invano persone (tra malati e mendicanti) pronte a sacrificare la propria vita per quella del suo amato, salverà la vita di un bambino, autonegandosi la riconciliazione tanto cercata; Un momento straordinario, che tocca le tematiche di una carriera intera di questo regista. Ma la Morte vincerà lo stesso, perchè sarà la protagonista stessa a sacrificarsi. Eccezionali soluzioni visive, curioso, per un regista Barocco come Lang, in questo film non ci siano che piani fissi. Sarà interessantissimo vedere e scoprire come, nell' arco di dieci anni ("M"), si sia evoluto -e soprattutto come si sia evoluto- il linguaggio di uno dei più grandi cineasti della storia del cinema. Questo da non perdere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/01/2009 13.43.35
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008640 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net