destricted regia di Matthew Barney, Marina Abramovic, Marco Brambilla, Larry Clark, Gaspar Noè, Richard Prince USA, Gran Bretagna, Francia, Italia, Yugoslavia 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

destricted (2006)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DESTRICTED

Titolo Originale: DESTRICTED

RegiaMatthew Barney, Marina Abramovic, Marco Brambilla, Larry Clark, Gaspar Noè, Richard Prince

InterpretiKatsumi, August, Daniel, Shirin Barthel, Dillan Lauren

Durata: h 1.57
NazionalitàUSA, Gran Bretagna, Francia, Italia, Yugoslavia 2006
Generesperimentale
Al cinema nel Marzo 2006

•  Altri film di Matthew Barney
•  Altri film di Marina Abramovic
•  Altri film di Marco Brambilla
•  Altri film di Larry Clark
•  Altri film di Gaspar Noè
•  Altri film di Richard Prince

Trama del film Destricted

Sette cortometraggi di sette registi di differente nazionalità esplorano le più inquietanti perversioni sessuali dell'essere umano...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,38 / 10 (4 voti)6,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Destricted, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DarkRareMirko  @  14/11/2014 21:58:02
   6 / 10
Sinceramente non mi ha colpito troppo, corto di Noè a parte (secondo me il migliore), che ho riconosciuto subito per stile, musiche e temi (praticamente riprende gran parte della visione del locale dove Cassel cerca lo stupratore in Irreversible, di 4 anni prima).

Tutto morbosetto e noioso (Clark in primis, e per ben 40 minuti, nonostante ci siano vere pornodive, come Sativa Rose e nonostante si finisca pure con un rapporto sessuale completo); se proprio devo salvare qualcosa assieme a Noè, salvo il corto di Barney, che ha uno stile originalissimo e quasi ironico, condito da buone riprese.

Per il resto, Brambilla usa due minuti che, per stile, mi han ricordato il Kiss di Warhol, l'Abramovic (che è davvero weird nel raccontare pratiche antiche) almeno mostra gente che si "incula la terra", proprio come in Novecento e Subconscious cruelty mente Prince e Wood non brillano per nulla in particolare (il primo recuperara un vecchio porno amatoriale mentre il secondo mostra un tizio che si masturba); pochetto per interessare davvero.

Il film si lascia vedere ma è un pò fine a sè stesso; se proprio dovete, recuperate solo Noè (che mostra pure Katsumi e Manuel Ferrara!) e Barney (entrambi dureranno sui 40 minuti in totale...).

lupin 3  @  26/12/2011 21:21:43
   6 / 10
Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  26/05/2010 22:43:43
   6 / 10
difficile valutare un opera del genere...7 corto/medio metraggi molto diversi fra loro ma con tema comune il sesso nelle sue varie forme o ''perversioni'' se cosi possiamo definirle. Mi aspettavo sinceramente un'opera molto + hard e molto + feticista/deviata invece tutto sommato cè della poesia in tutto cio' anche sè è molto velata ( come nel corto di barney x esempio ) .

nel complesso è tutto molto noioso e di difficile interpretazione, l'episodio + bello e anche l'unico che mi ha un po scosso è quello di larry clark, abilissimo ancora una volta a mostrare impietosamente una gioventu' ormai priva di valori .

al contrario di quanto ha detto ciaby, ho trovato molto noioso l'episodio di marina abramovic ( e anche disgustosa la storia del pesce nella vagina per non parlare dei bimbi unti col fluido vaginale bleh ) e quello di noè non sono riuscito a finire di vederlo xke' tutti quei flash sono davvero al limite della sopportazione.

anonimi gli altri episodi tranne quello di barney forse quello stilisticamente migliore ma anche il + complesso.

6 politico , chiaramente non un film per tutti, solo x amanti dello sperimentale estremo

Ciaby  @  18/11/2009 18:36:35
   7½ / 10
Registi d'ambito sperimentale esplorano l'utilità e la ferocia della pornografia attraverso l'arma del cinema alto e del vigore intellettuale. Ne esce un'opera poliedrica, altalenante di qualità, ma comunque suggestiva e indispensabile. Poco consigliata ai puristi del cinema e assolutamente imprescindibile per gli amanti del cinema surrealista.

Sync (Marco Brambilla)- 2'

Ritmo serrato, scattante e passionale quanto un orgasmo. Scene di sesso, baci, abbracci ed effusioni tratte da film, telefilm e materiale pornografico: sotto una martellante musica tutte queste figure rosee si confondono, si sovrappongono, diventano un tutt'uno, si toccano, si sfiorano. Il risultato è eccelso, interessante e la brevità contribuisce alla perfezione di un cortometraggio semplice, ma sconvolgente. VOTO : 9

House Call (Richard Prince) - 13'

Pornazzo di donne sole o accompagnate, filtrate dalla lontananza di una pessima qualità visiva e di un'assenza di audio che fa tanto filmino casereccio anni '70, con tanto di tette e peni dalle misure esagerate. La scarsa qualità contribuisce a sottolineare l'essenza effimera del porno, ma a parte qualche fichetta il risultato è pessimo e totalmente esasperante. Il peggiore del lotto. VOTO: 3

We Fuck Alone (Gaspar Noé)- 24'

Inizio rassicurante XD: un avvertimento dichiara che il film è vietato alle persone affette di epilessia e ben presto capiremo perchè. La telecamera diventa una spia che si accende e si spegne sotto un inquietante rumore ripetuto, come quello di un interruttore. Tutto questo per ventiquattro minuti. nei flash di luce vediamo gente che si masturba, stanze disordinate e persone pronte al contatto fisico. Notiamo anche, però, che le persone che vivono un rapporto d'amore sono solo improntate su video, mentre quelle che si masturbano sono reali.
Il risultato è una feroce critica alla realtà umana contemporanea: un attacco alla solitudine, alla decadenza delle emozioni e alla superficialità di un gesto basato sulla passione altrui. L'ininterrotto flash diventa quindi un intermediario tra finzione cinematografica e realtà che spiazza, strania e alla fine stupra lo spettatore. In una scena vediamo un'effusione tra una ragazza e il suo orsacchiotto di peluche: il tutto viene ripreso con un'incredibile poesia e realismo inquietante. Sul volto della ragazza c'è felicità, ma lo spettatore è in grado di comprendere il suo desiderio d'amore che non verrà mai realizzato.
Disperazione, dolore, silenzio.

Il risultato è sicuramente straniante, spesso noioso: ma il fascino di questo corto è indubbio. VOTO: 7.5


Hoist (Matthew Barney) - 14'

Capolavoro. Il solito genio di Barney riesce a descrivere in modo grottesco e macabro il sesso, attingendoci una valenza artistica notevole. Bellissima la fotografia lugubre, meravigliosa l'idea di partenza, devastante il risultato finale. Quattordici minuti di cinema puro, crudo e destabilizzante. Meraviglioso. Disturbante sì, ma anche galiardo. VOTO: 10

Balkan Erotic Epic (Marina Abramovic)- 14'

Insieme ad "Hoist" Il mio preferito del lotto. La regista jugoslava descrive con una potenza disumana delle immagini i riti erotici che si praticavano tempo addietro nell'Europa Dell'Est per contemplare la fertilità e allontanare le malattie. La potenza visiva, i colori vivaci, la voice-off da documentario, gli inserti cartoonistici...ne esce un corto potente, grottesco e persino sensuale e macabro: uomini che masturbano la terra per approvigionare il raccolto, donne che si massaggiano i seni guardando il cielo per propiziare la serenità. Un corto originale, schizofrenico e fuori dagli schemi. Capolavoro. VOTO: 10

Death Valley (Sam Taylor Wood) - 9'
Un uomo si masturba in una terra arida. Raccontato così, questo corto può sembrare piuttosto sfacciato e in effetti è così: nove minuti disperati e selvaggi risolti in un unico pianosequenza. Un uomo solo in una terra sola cerca la felicità attraverso il solo gesto in grado di consolarlo. Lo sforzo però, sfocerà in pianto e, come, "We Fuck Alone" emerge una certa critica nei confronti dell'incomunicabilità umana e del complesso andamento delle relazioni umane. Interessante. VOTO: 8

Impaled (Larry Clark) -38'

Questo mi ha deluso per metà: pare la pecora nera del progetto. Certo è migliore anni luce dall'orrendo "House Of Call", ma è troppo reale, troppo poco grottesco che si distacca in modo esagerato dagli altri. Ciò è influenzato dal fatto che Larry Clark abbia più una posizione cinematografica che sperimentale e in questo suo frammento di quaranta minuti emerge la sua idea di cinema come "indagine delle torbidi passioni dell'adolescenza". E' anche l'unico corto del lotto ad avere una sorta di trama. Tuttavia non coinvolge, non appassiona e rimane fine a sé stesso. Gli ultimi vorticosi quindici minuti sono la parte migliore. VOTO: 6

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/04/2011 23.44.15
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013518 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net