duel regia di Steven Spielberg USA 1972
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

duel (1972)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DUEL

Titolo Originale: DUEL

RegiaSteven Spielberg

InterpretiDennis Weaver, Eddie Firestone, Lou Frizzell, Tim Herbert, Jaqueline Scott

Durata: h 1.30
NazionalitàUSA 1972
Generethriller
Tratto dal libro "Duel" di Irvin Shaw
Al cinema nel Novembre 1972

•  Altri film di Steven Spielberg

Trama del film Duel

David Mann, commesso viaggiatore, sorpassa con la sua auto un'enorme autocisterna. Sarà l'inizio di un incubo, con il misterioso conducente di questa intenzionato a dargli la caccia e ad ucciderlo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,95 / 10 (207 voti)7,95Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Duel, 207 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  21/05/2018 17:35:19
   7 / 10
Debutto col botto per Spielberg. Film nato per la televisione che, con l'aggiunta di alcune scene, è passato nel circuito cinematografico. Un thriller inquietante divenuto vero e proprio cult, in cui il talento acerbo del regista americano è già ampiamente visibile.

kafka62  @  26/04/2018 11:50:41
   7½ / 10
Nonostante l'assoluto, trasparente realismo della storia, "Duel" è chiaramente un film metaforico, è la lucida e kafkiana trasposizione di un incubo portato alle sue più estreme conseguenze, la allucinata descrizione della discesa agli inferi di un cittadino americano medio (con famiglia, lavoro e valori medi, vale a dire piccolo-borghesi), inopinatamente chiamato a fare i conti con un'Entità Ostile e costretto per avere la meglio a far ricorso ad un selvaggio e primordiale istinto di sopravvivenza (come il Dustin Hoffman di "Cane di paglia", ma con ben altre implicazioni allegoriche). David Mann, il protagonista, è – secondo le stesse parole dell'autore – "una persona ordinaria in circostanze straordinarie", cioè un personaggio il quale, messo di fronte a una situazione che lo sovrasta, scopre per la prima volta la sua vera natura, fino ad allora sepolta e resa impotente dalle regole e dalle convenzioni sociali.
Se accantoniamo per un attimo la tentazione di dare un significato a questa Entità Ostile, è interessante osservare la progressione inesorabile, e narrativamente efficacissima, attraverso la quale David viene fatto precipitare nell'incubo. Egli passa gradualmente, con la sua auto, dalle affollate vie cittadine a strade sempre più deserte, la sensazione di normalità creata dalla musica della radio, dalla guida regolare e rilassata, dai rettilinei privi di traffico viene incrinata dalla fastidiosa comparsa dell'autocisterna, il montaggio si fa impercettibilmente più serrato (il ritmo è più spezzato, diventano più frequenti le inquadrature dagli specchietti retrovisori). Quando in una manovra di sorpasso David per poco non rischia la vita, egli esclama: "Non ci posso credere! E' assurdo!". Egli è ancora legato agli usuali schemi di ragionamento, continua a pensare all'appuntamento di lavoro e al ritorno a casa, e non si accorge che invece è irrevocabilmente entrato in un'esperienza in cui non valgono più le regole comuni, e in cui, oltretutto, è completamente, irrevocabilmente solo. La gente attorno a David progressivamente scompare: durante la sosta al bar egli scopre che tutti gli avventori calzano gli stessi stivaletti del suo misterioso persecutore (quasi a sancire una sorta di indifferenziata ostilità del prossimo), mentre la benzinaia e la coppia in automobile, potenziali soccorritori del protagonista, vengono allontanati con brutalità dall'autocisterna. Alla fine David rimane solo contro il terrificante avversario, e accetta finalmente l'ineluttabilità della sfida all'ultimo sangue.
Ma cosa rappresenta la diabolica autocisterna? Quale significato deve essere attribuito a questa inquietante presenza? La geniale trovata di Spielberg di non dare alcun volto all'autista ha come effetto, oltre a quello di accrescere la suspense del film, quello di metafisicizzare il deuteragonista. David è perseguitato da qualcosa che non capisce, che sfugge al suo controllo, alla sua razionalità. Si tratta di Dio? o del Destino? o di un complesso di colpa di proporzioni titaniche (la moglie gli ricorda per telefono un episodio imbarazzante avvenuto la sera prima)? o della Macchina tecnologica? o dell'Irrazionale che sconvolge la routine della quotidianità? Spielberg non lo dice apertamente. Tutte le interpretazioni sono plausibili, ma quello che conta è che la polisemantica ricchezza del film non ha bisogno di celarsi all'interno di una struttura criptica e fumosa, da nouveau roman, giacché qui il materiale simbolico è tradotto in termini perfettamente e limpidamente realistici (in fondo la storia può essere legittimamente circoscritta al mero inseguimento tra due automezzi per le strade della provincia americana, anche se poi, per fare un esempio, il tubo di scappamento dell'autocisterna rimanda inevitabilmente allo sfiatatoio di una balena, autorizzando così l'identificazione del camion con l'immagine biblica del Leviatano).
"Duel" è imbevuto di classicità. In esso si possono ritrovare ad esempio atmosfere tipicamente western: in una sequenza "David è ripreso da sotto il corpo dell'autocisterna, esattamente come in tanti western l'eroe veniva ripreso da sotto le gambe dell'antagonista" (La Polla: "Steven Spielberg", La Nuova Italia), mentre i due autoveicoli si fronteggiano ieraticamente come in "Mezzogiorno di fuoco". Per contro non si possono nascondere i debiti di Spielberg nei confronti del cinema di avventura. L'inseguimento e la resa dei conti finale sono descritti secondo i tradizionali stilemi del genere: la tensione via via crescente portata gradualmente all'apice (soprattutto per mezzo del montaggio, come si è già detto, o di stratagemmi come l'alternanza tra la musica dell'autoradio e il rumore dei veicoli sulla strada a seconda che la sequenza sia ripresa all'interno o all'esterno dell'abitacolo), i momenti di rilassamento che preludono a un aumento dell'intensità del dramma, i contrattempi improvvisi e inattesi, persino la presenza di animali come ragni o serpenti. Infine, "Duel" è un road movie: anche se più che un film "di strada" alla "Easy rider" o alla "Punto zero" può essere definito un film "su strada" (in cui la strada e il viaggio sono tutto sommato lo sfondo all'azione, ancorché uno sfondo non meramente accessorio e casuale), esso conserva tutti i topoi del road movie, soprattutto nella scelta delle inquadrature (la strada vista dagli specchietti retrovisori, le inquadrature del volante, del contachilometri o della spia dell'olio, le riprese del cofano, i campi lunghi che fanno interagire il veicolo nel paesaggio circostante).
Pur essendo il lungometraggio d'esordio di Spielberg, "Duel" fa già intravedere una personalità registica fuori del comune. Il giovane regista trasforma una storia di matrice televisiva in un qualcosa di squisitamente cinematografico. Non c'è in "Duel" la standardizzazione delle inquadrature e la piattezza fotografica di un TV movie, bensì una varietà di soluzioni stilistiche (angoli di ripresa, lunghezza dei campi, successione delle sequenze) davvero impressionante. E originale, perché, a distanza di tanti anni, si può dire che "Duel" è un film inconfondibilmente spielberghiano. Si consideri la scena seguente. L'auto di David è ripresa a distanza col teleobiettivo; ad un certo punto la vediamo sbandare e fermarsi in mezzo alla strada: una zoomata all'indietro, che fa entrare in campo le ruote dell'autocisterna, rivela allora inaspettatamente la presenza del temuto nemico. Il tutto in un'unica sequenza, grazie a un personalissimo montaggio "in macchina". D'altra parte, l'inquadratura del tunnel in fondo al quale si staglia l'autocisterna ha un precedente nel cortometraggio "Amblin'", la ripresa del treno e del camion che viaggiano paralleli esprime l'amore del regista per un cinema dinamico e in perpetuo movimento (non a caso Wim Wenders la citerà in "Nel corso del tempo") e il finale con la silhouette di David contro il sole al tramonto rivela la sua ben nota fascinazione per l'illuminazione naturale. Manca, è vero, in "Duel" la perfezione spettacolare delle opere successive (dove abbondano i dolly, gli effetti speciali e in genere l'impiego di tecnologie sofisticate), ma ad essere sinceri la freschezza, l'originalità e la forza inventiva di questo primo film, in cui il contributo del pro-filmico è ancora abbastanza marginale e la narrazione viene risolta soprattutto a livello di tecniche di ripresa, sono preferibili alla fastidiosa e falsamente ingenua maniera di altri film della maturità del regista.

Strix  @  08/02/2018 22:34:08
   6 / 10
No vabbè. La media dell'8 proprio no.

Capisco che è il primo di Spielberg, capisco che ci sono elementi interessanti, ma alla fin fine resta un mediometraggio palesemente imbottito di filler per arrivare alla canonica ora e mezza. Troppo noioso e monotono per i 90 minuti, probabilmente anche per i 74 originali.

Tra l'altro, capisco il budget ristretto ma le scene d'azione sono alquanto banali, da un road movie mi aspettavo qualcosa di più arguto.

Ed è pure invecchiato male.

Ok tutto, ma 8 proprio no.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/09/2018 11.33.48
Visualizza / Rispondi al commento
C_0_  @  28/08/2017 15:47:56
   7 / 10
Buon film. Niente di speciale come qualcuno dice però.

Crabbe  @  16/08/2017 10:58:10
   7½ / 10
Spielberg alle prese con un piccolo budget, sforna probabilmente il suo film migliore (dopo Lo Squalo).

Pellicola kafkiana.

antoeboli  @  17/05/2017 01:14:19
   7½ / 10
Il film che lanciò Spielberg nel mondo del cinema . Punto !
Duel è uno di quei prodotti che quando lo vedi , capisci perchè un regista così sia arrivato in alto .
Con un budget striminzito ci si affida alle inquadrature ai tempi e alla capacità del protagonista di creare la giusta dose di suspence che cattura lo spettatore.
Un gioco folle , un duello tra l uomo e un gigante di ferro inquietante e cattivo . Camion che fu scelto dallo stesso Spielberg attraverso un vero cast di camion americani d epoca per essere ricordato nei tempi .
D.Weaver è l anima di questa pellicola , i suoi pensieri , i suoi timori... le sue paure di dover far qualcosa , prendere una decisione , lo porteranno quasi forzatamente a non darla vinta al suo antagonista .
Fotografia curata , peraltro con la versione che ho visto in bluray si nota dannatamento la bellezza dei paesaggi , che non annoiano affatto .
Unico neo per chi volesse prendere la nuova versione , il doppiaggio italiano è stato cambiato per un qualcosa di molto meh .
Per il resto rimane una pietra miliare , e un film che ha ottenuto numerose citazioni negli anni , basti pensare a film come Brivido di King o Jeppers Creepers .

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

fabio57  @  15/09/2016 14:32:46
   8½ / 10
Geniale "road thriller" che ha avuto nei tempi successivi, svariati tentativi d'imitazione.Girato con pochi mezzi, ma con grande intelligenza e sapiente utilizzo della macchina da presa, è efficacissimo nel creare, con semplicità disarmante, un'atmosfera di tensione e di suspense crescente. Spielberg è un grande maestro

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  30/08/2016 18:02:15
   7 / 10
Thriller on the road che nonostante si riveli una pellicola grezza sotto alcuni punti di vista mette in mostra il talento (troppo spesso puramente tecnico) di un esordiente Spielberg già in grado di far vedere al pubblico cosa sia la tensione (lo farà in maniera molto più potente con "Lo Squalo").

KitaVerde  @  27/02/2016 19:36:18
   7½ / 10
Uno dei film di Spielberg che preferisco, pochi mezzi e buone idee.

marcogiannelli  @  02/02/2016 08:14:47
   7 / 10
carino con un'ottima idea, ma nulla di angosciante o simile
mi sembra l'opera natale dello Jaws che venne dopo poco

pernice89  @  30/08/2015 18:12:18
   8 / 10
Considerando diversi fattori (l'epoca in cui è stato realizzato, l'esordio alla regia di Spielberg, il tempo limitatissimo per girarlo) questo film è davvero ben riuscito. La suspence è sempre altissima

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
e l'autocisterna ha qualcosa di inquietante. Certo, in alcuni commenti che ho letto si dice dell'illogicità del protagonista: perché non gira i tacchi e basta? Perché non chiama la polizia subito? La spiegazione non mi sembra così complessa: innanzitutto non se n'è andato dalla parte opposta perché l'avrebbe seguito anche lì. E non chiama la polizia subito perché è chiaramente preso dal panico, non sa ragionare in modo razionale, e preso dall'agitazione era convinto che non gli avrebbero creduto.
Davvero bello, consigliato a tutti.

Project Pat  @  22/08/2015 16:13:37
   7½ / 10
"Duel" è un altro di quei prodotti impossibile da valutare senza adeguatamente collocare. A rivederlo in un contesto quale quello odierno, dove è stato mostrato quasi tutto e dove di conseguenza si è sempre meno influenzabili, se ne potrebbe constatare alla lunga la monotonia e in aggiunta, l'illogicità in certi punti

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

tuttavia bisogna tener presente che allora, in pieni anni '70, esso recava autentiche ed incondizionate dosi di angoscia e di tensione, tracciando altresì (ed è forse questa la cosa più importante) il ritratto di colui che da lì a venire sarebbe diventato uno tra i migliori registi di tutti i tempi, sor Steven Spielberg.
Dato l'enorme successo, le citazioni in futuro saranno non poche, ad esempio "Jeepers Creepers" del 2001, la prima che mi viene in mente.
Assolutamente da vedere, dal momento che il suo contributo, decisamente lo apportò.

_Hollow_  @  24/02/2015 14:07:33
   9½ / 10
Uno (se non il) dei capolavori di Spielberg. Ansiogeno e adrenalinico fino alla fine, senza un attimo di tregua. Fortemente empatico.
Duel, nella sua "semplicità" (perlomeno dell'idea, non per come è girato) è esempio di Cinema, con la C maiuscola.

Imperdibile.

Dick  @  20/01/2015 23:13:07
   8 / 10
Film per la TV che si eleva decisamente dalla media dei prodotti di questo mezzo. Tutta tensione e azione sulla strada! Il buon vecchio Steven mostrò come ci sapeva fare con la macchina da presa!

Federico  @  07/01/2015 09:20:49
   7 / 10
discreto thriller che risente forse un po' del peso degli anni anche se all'epoca deve essere stato qualcosa di veramente notevole. non mi sono fatto prendere più di tanto forse per l'eccessiva "stupidità" del protagonista che pareva proprio andarsela a cercare

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Nic90  @  26/07/2014 15:01:56
   5 / 10
Per l'epoca molto innovativo,ma sequenze troppo lunghe e noiose,tra l'altro le scene d'azione proprio non mi vanno giù.

Filman  @  10/05/2014 23:38:34
   8 / 10
Predecessore di una metodologia costruttiva nel genere thriller, ideata radicalmente da Spielberg col successivo capolavoro "Jaws", lo stesso regista compone con DUEL, suo esordio cinematografico, un insieme di sistemi ed elementi essenziali al fine di ingegnare una tipologia di suspance di nuova ricerca e dal ritmo innovativo.
La bellezza tecnica, funambolesca e dinamica, incamera melodicamente l'andatura della pellicola, cinica e misurata, fino al pregevole risultato dall'atmosfera torrida, misteriosa e soffocante, dalla storia suggestiva e da cardiopalma, similare ad un incubo senza uscita.

Jolly Roger  @  13/02/2014 01:15:00
   9 / 10
Rivisto ieri per la ventesima volta credo, ma a differenza delle altre, questa volta in lingua originale.
Girato nel 1972 in soli 13 giorni…e con un budget ridottissimo… ma da un regista che dimostrava fin da subito un talento impressionante!!! Stiamo parlando di storia del cinema!

Mi sono trovato a ragionare su due fattori.
Il primo è il tempo. Da quando il film è stato girato sono passati 42 anni, che praticamente equivale…alla metà del tempo che ci è concesso di vivere quaggiù.
Il secondo, che va di pari passo col tempo, è il cambiamento.
Chi vede oggi DUEL per la prima volta (ma anche chi lo rivede per l'ennesima volta come me) non può che rimanere un po'…perplesso dal comportamento del protagonista, e chiedersi, ad esempio: "Ma perché non fa retromarcia e non se ne torna a casa?! Perché non passa una notte in albergo e riparte il giorno dopo quando l'autocisterna sarà ormai lontana? Perché non chiede aiuto a qualcuno quando è fermo alla stazione di servizio?"
Tutto vero, domande legittime! Il problema è che DUEL è uno di quei film che non può essere attualizzato.
Il mondo è troppo cambiato. La tecnologia ha fatto passi da gigante e con essa anche la mentalità. Oggi, già dalla primissima scorrettezza compiuta dall'autocisterna, qualsiasi automobilista afferrerebbe il cellulare per denunciare la cosa…e la brutta avventura si concluderebbe ad un posto di blocco qualche chilometro più avanti. Ma 40 anni fa non c'erano i cellulari…e forse anche la soglia di sopportazione di fronte ad un sopruso era un po' più alta, magari anche proprio a causa della mancanza di questo strumento di connessione con il mondo civile che sta sempre nella nostra tasca.
Come pure erano più alte l'indifferenza - e quindi la soglia alla quale si poteva sperare di ottenere l'interessamento o l'aiuto da parte di altre persone. Infine, sempre per restare in tema di progresso, a quell'epoca un appuntamento di lavoro era meno procrastinabile rispetto ad oggi…perché non potevi di certo sostituirlo con una videoconferenza su skype!
Aggiungiamoci l'ultimo ingrediente, quello fondamentale per spiegarci il comportamento di David: la schizofrenia.
David è un piccolo borghese, fa una vita tranquilla e non vuole problemi, ma lì su quella strada, nel bel mezzo del nulla, si trova di colpo proiettato nella giungla di un milione d'anni fa, dove le regole non valgono più, dove si trova davanti un nemico che non scherza e che sembra disposto a tutto, a morire, ma anche ad uccidere.
Tutto ciò destabilizza completamente l'equilibrio mentale di David, trascinandolo in un loop schizofrenico: egli ingigantisce il problema perché non lo conosce e non se lo sa spiegare, pertanto non riesce ad affrontarlo. Non riesce a prendere la decisione corretta. Addirittura, non riesce nemmeno a comunicare agli altri il proprio stato di frustrazione ed il proprio bisogno di ricevere aiuto (emblematica la scena dell'autogrill, dove si immagina le reazioni che gli astanti potrebbero manifestare di fronte ai suoi tentativi di richiesta d'aiuto).
Allo stesso tempo, però, David non riesce a rinunciare a quello che percepisce come un diritto inviolabile: percorrere quella dannata strada, senza che un pazzo qualunque pretenda di rovinare i suoi piani.
Proprio nel bel mezzo di questa schizofrenia, in lui, piccolo borghese, si realizza qualcosa di magico: Il richiamo della foresta, che però prende una strada tutta sua: non un richiamo di violenza che allontana l'uomo dalla civiltà, ma un richiamo al trionfo della civiltà a costo di usare la violenza. Lui è la scimmia civile che elimina la scimmia violenta, usando i suoi stessi mezzi, cioè la violenza, il Duello, senza esclusione di colpi, per un fine che giustifica qualsiasi mezzo.

Un profondo affetto è quello che provo per DUEL. E' il primo film della mia epoca…che mi pare un film di un'altra epoca!
DUEL è come una persona cara, alla quale col passar del tempo son spuntate le rughe sul viso. Ma io non le vedo…anche se le guardo, il bene che gli voglio mi impedisce di vederle.

3 risposte al commento
Ultima risposta 13/02/2014 17.17.30
Visualizza / Rispondi al commento
Horrorfan1  @  12/02/2014 16:07:33
   10 / 10
Dopo aver commentato "Hush"... mi è venuto in mente questo capolavoro.

Discutere se merita 8 e mezzo, 9 o 10 è solo una questione di lana caprina...

Nel suo genere secondo me è il top (oltre ad essere il precursore e apripista del filone).

BenRichard  @  17/01/2014 20:01:16
   9 / 10
Genialata di Spielberg che merita decisamente un voto alto perche riesce a creare interesse in un film in cui gli unici protagonisti sono un automobile (di chi lo guida) e un autocisterna..(e il tutto girato nel giro di soli 13 giorni!!!!!! roba da pazzi complimenti Steven!!!!)

Troppo "affascinante" questo "Duel"...penso che un film come questo o piace o non piace..difficile che ci sia una via di mezzo..io l'ho apprezzato tantissimo!!!


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento FlatOut  @  15/01/2014 20:30:59
   7½ / 10
Geniale.
Spielberg già in giovanissima età mostra il suo grandissimo talento da regista.
Girato in 13 giorni, è il primo film del regista e non deluderà per niente, la regia perfetta riesce a farti stare incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, ma la coa vella è che l'80% del film si svolge all'interno di un'autovettura.
il miglior thriller on the road di mia conoscenza, geniale.

Marv91  @  11/12/2013 12:27:24
   9 / 10
L'esordio alla regia per Spielberg è anche uno dei suoi migliori lavori, Duel è un film con un basso budget ma tanta, tanta qualità e sostanza. Spielberg dimostra già di essere fin da subito un grandissimo regista e di avere una sua visione. La tensione è alle stelle in questo thriller on the road di stampo "Hitchcockiano", l'interpretazione di Dennis Weaver è perfetta e coinvolge lo spettatore.
Nient'altro da dire se non buona, anzi OTTIMA la prima Steve!

freddy71  @  08/12/2013 18:22:57
   7½ / 10
bel film....tutto un inseguimento dall'inizio alla fine....ti tiene incolato allo schermo...per sapere come va a finire....solo un maestro come spielberg poteva farlo.

GianniArshavin  @  06/12/2013 21:06:37
   7 / 10
Debutto alla regia di Spielberg con questo Thriller on the road che, sembra incredibile,ma ha già più di 40 anni.
Basato su un racconto di Matheson il film è incentrato tutto sul "duello" stradale fra un impiegato alla guida di una macchina e un misterioso camionista alla guida di un'autocisterna. Fra le strade deserte del centro America assisteremo alla lotta automobilistica fra i due mezzi e verremo trascinati in un crescendo di tensione e velocità.
La peculiarità del film è che il nemico non viene mai svelato e mai lo si vede in viso,e questo dona alla pellicola un fascino davvero notevole. Inoltre i piani di lettura sono molteplici e l'opera può essere vista sia come puro intrattenimento con un folle camionista che insegue uno sventurato impiegato,oppure ci si possono trovare significati più profondi come il duello fra l'uomo selvaggio e virile che accetta le sfide (camionista) e il vile e inetto borghese impiegato che non prende nulla di petto e scappa dai problemi senza affrontarli (che durante il film sfugge anche ad una discussione con la moglie per un suo non intervento durante le molestie di un collega ad una festa). Un'altra chiave di lettura delle vicende,oltre a quella del duello,potrebbe essere quella sociale:infatti l'autocisterna,rozza,sporca e vecchia potrebbe rappresentare le sofferenze dei sottoproletari mentre l'auto nuova e di marca potrebbe essere una metafora della medio-borghesia che cerca di elevarsi e di distaccarsi da quelli socialmente "inferiori"senza un reale motivo; a corroborare questa tesi ci sarebbe l'animo da inetto del protagonista che però nasconde una venatura di saccenza e presuntuosità(infatti si rivolge ai passanti e ai locali spesso in maniera scorbutica) e soprattutto questa chiave di lettura viene sottolineata dalla scena del bar,dove David cerca di capire chi sia il suo persecutore,ma non riesce ad individuarlo fra i tanti camionisti tutti simili che sembrerebbero suggerire che il pericolo non è un singolo folle individuo ma un'intera classe sociale che si vede disprezzata da chi ha avuto più fortuna nella vita.
Ovviamente il titolo presenta alcuni difetti,come una certa ripetitività(nella seconda parte maggiormente) e un po di esagerazioni e inverosimiglianze nella trama (l'autocisterna un po troppo veloce e lui che non decide mai di girare e tornarsene a casa).
Comunque,considerando che il film non annoia,che ha più di 40 anni e che presenta molte chiavi di lettura lo consiglio caldamente sia agli appassionati di Steven che non.

Invia una mail all'autore del commento Alan Wake  @  27/08/2013 19:57:18
   8 / 10
Firmato da uno Spielberg che esordisce in grande stile, questo lungometraggio per la TV rimane oggigiorno, dopo quattro decenni di vita, un thriller da manuale.

"Duel" vanta una sceneggiatura semplice e lineare, in cui sono preponderanti l'angoscia e la tensione. Dennis Weaver è un perfetto protagonista di un incubo stradale, in cui il guidatore di un'autocisterna inizia con lui un gioco sadico e mortale.
Girato in due settimane circa, il film abbonda di un grande stile visivo, con ambientazioni desertiche che danno al film un'atmosfera inquietante ed una regia che aggiunge alla pellicola tutta la maestria, e che cade poco nell'esercizio di stile: dinamiche le scene degli inseguimenti e delle fughe del protagonista dal suo incubo ad occhi aperti ed adrenaliniche le scene di ansia e tensione.
Ottima la fotografia ed originale la sceneggiatura di Matheson, che rielabora una paura nei riguardi della strada e dei suoi pericoli. Geniale la scelta di non mostrare l'autista, facendolo sembrare un soggetto astratto ed animando l'autocisterna assassina.

Pieno di cliché innovativi, "Duel" è un film di gran valore, diventato col tempo un thriller cult che ha ispirato opere successive, come "Lo Squalo" dello stesso regista.

sossio92  @  11/08/2013 00:49:27
   6½ / 10
Questo film l'ho visto un pochino in ritardo purtroppo , allora , se dovessi votarlo oggettivamente , gli darei un voto più alto , è stato il precursore o uno dei precursori degli ''horror su strada'' , da riuscir a dar tensione con semplici scene in auto a gran velocità ...ma lo voto tra soggettività e oggettività , perchè sarà che l'ho visto tardi , né apprezzo tutte le qualità tecniche , ma il film non mi ha dato molte emozioni e in alcune scene ho provato noia , però solo per soggettività , nulla da ridire sul film , gli avrei dato almeno 1 voto in più se l'avessi votato in modo oggettivo , ma purtroppo devo guardar anche la soggettività ...

Spotify  @  16/07/2013 17:35:18
   7 / 10
Grande esordio alla regia di Spielberg che ci regala un gran thriller con tanta tensione e curiosità per ogni scena. Un film girato con pochissimo budget ma che ha avuto un successone. Il protagonista è bravissimo sono appasionanti tutti i 90 minuti del film. L'età del film forse lo limita un po' ma resta un gran film on the road. Mostro sacro Spielberg.

MonkeyIsland  @  12/07/2013 00:20:52
   8 / 10
Filmone girato con due lire.
Tensione a mille per tutto il film e ritmo notevole.
Quasi non ci si crede che è un opera prima visto che è senza sbavature.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  04/06/2013 16:15:24
   7 / 10
Per essere uno dei primi film di Spielberg, non è per niente male!
Duel è un buon thriller, molto semplice in stile on the road, in alcuni tratti crea una vera tensione nello spettatore, ma non è sempre lineare (ogni tanto ne perde un po') e diventa abbastanza ripetitivo, ma non annoia.
Buonissima la scenografia e l'ambientazione, un ritratto dell'America Sud Occidentale molto avvincente! bellissima anche la fotografia e la colonna sonora.
Il finale è un pò rocambolesco, speravo si vedesse almeno il pilota del camion! ma è molto avvincente e soprattutto credibile!
Buonissima prova per un Spielberg agli esordi, pensare che un film come questo possa avere 40 suonati sembre impossibile!

guidox  @  01/05/2013 14:28:52
   8 / 10
bellissimo sin dall'inizio, con l'inquadratura in soggettiva del protagonista che esce dal vialetto di casa, che fa si che lo spettatore passi gradualmente da una situazione caotica di traffico cittadino, alle distese semideserte tipiche di certe zone americane.
sicuramente un film che lascia il segno e che rimane ineccepibile sulla creazione di una tensione che non scema mai, anche se in alcuni passaggi nella parte finale, c'è un tantino di ripetitività che esaurisce prima del definitivo duello la suspance, che fino ad allora era altissima.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  05/01/2013 19:57:36
   8½ / 10
Se Hitchcock avesse girato Duel avrebbe messo esattamente un attore come Dennis Weaver a fare il protagonista, un uomo normalissimo come tanti che si ritrova in una situazione inesplicabile o più grande di lui. Certo, forse Hitch avrebbe usato James Stewart ai suoi tempi...
Ora, a girare Duel è stato invece l'allora esordiente Spielberg e questo è un film per la tv... che incredibilmente sbalordisce ancora oggi per la lezione appresa proprio dai maestri della suspance nell'usarla oltre che nell'andare dritto al punto. E questo film è uno di quelli più "hitchcockiani" che abbia mai visto, Polanski a aprte.
Davvero da lodare Spielberg per essere riuscito a creare una pellicola pressoché perfetta dell'intrattenimento più genuino, con la tensione che accompagna per tutta la durata lo spettatore.
Con i pochi mezzi a disposizione è venuto fuori un piccolo capolavoro della tensione, una pellicola al cardiopalma dove il villain indimenticabile è un autocisterna vecchia, sporca, arrugginita. Non chi la guida, quello è il McGuffin. Proprio l'autocisterna e il suo infernale clacson diventano motivo di ansia per chi guarda, identificatosi senza troppi problemi con il protagonista. La sceneggiatura di Matheson lo delinea con pochissimi tocchi: un uomo poco propenso alla violenza, certamente, che lascia correre (la moglie lo critica perché non ha fatto nulla ad un conoscente che l'ha palpata), che durante il film farà brutte figure e le prenderà oltre ad essere continuamente mortificato dal colossale veicolo che ora lo insegue, ora lo frena e comanda la sua esistenza (emblematica anche la sequenza in cui lui con la sua macchina non riesce a muovere un autobus fermo, mentre l'autocisterna lo fa senza problemi e subito dopo lo insegue).
Nel finale è prevedibile ma ben accetta la "ribellione" di un uomo oramai stremato, oltre all'indugiare della MDP sulla carcassa del vinto. E basta.
Non sappiamo altro, non sappiamo il perché abbiamo assistito a tutto ciò e a Spielberg questo non interessava cosi come a Matheson. Questo è cinema, punto.
Da restare a bocca aperta l'abilità tecnica di Spielberg, inconcepibile pensare che in realtà era un film per la tv.
Successivamente l'allora giovane regista proseguì sulla strada del thriller con il mostro insolito, usando uno squalo dopo un veicolo. Col tempo i suoi film si faranno più ridondanti e retorici in linea di massima, altri meno, ma la tecnica strabiliante di questi inizi non verrà mai meno.
Assolutamente un cult.

Darksyders77  @  30/12/2012 21:52:27
   8 / 10
un pò datato ma pur sempre un film che tiene lo spettatore col fiato sospeso.Questo Duel è un cult da non perdere assolutamente.

InvictuSteele  @  30/12/2012 21:08:04
   8 / 10
Una strada deserta e impolverata, un attore in viaggio, un camion che lo insegue. Tutto qui! Il giovane Spielberg ci regala un'ora e mezza piena di tensione grazie alla sua bravura nonostante il limite del budget, solo i grandi riescono in questo. Cult.

alepr0  @  20/12/2012 21:47:07
   6½ / 10
Bel film thriller con una tensione crescente ambientato nelle terre desolate del Texas se non vado errato. Film interessante anche se non lo reputo un grande film.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/12/2013 18.27.57
Visualizza / Rispondi al commento
ferzbox  @  30/10/2012 16:11:18
   7 / 10
Steven Spielberg agli esordi con un film dalla trama davvero curiosa che vede semplicemente un normalissimo automobilista alle prese con un camionista fuori di testa che cerca la sfida nel cercare di ucciderlo ....
Un uomo contro un altro uomo...una semplice automobile utilitaria contro una titanica autocisterna degli anni 50 possente ed imponente....Davide contro Golia.....il tutto con una regia ben studiata per il poco Budget a disposizione..dove vediamo uno Spielberg che si diverte come un matto nel cercare di rendere avvincente e piena di suspance l'intera contesa...
Ogni tanto si sente la scarsità dei mezzi a disposizione..ma proprio per questo sbalordisce l'incredibile coinvolgimento che riesce a trasmettere questa pellicola...
Una piccola chicca di un regista ormai popolare...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  04/10/2012 00:37:56
   7½ / 10
Notevolissimo esordio del futuro pezzo da novanta Steven Spielberg.
Un thriller psicologico on the road sì semplice e statico, ma anche stracarico di tensione e di grande, magistrale intrattenimento.
Ottima la prova di Weaver, e geniale l'idea tenere nel mistero l'identità del conducente alla guida dell'inquietante camion/mostro per tutta la durata.

Grande biglietto da visita di un regista destinato ad entrare prepotentemente nella storia del cinema.
E "Duel" la sua fama se la merita tutta.

Arkantos  @  16/09/2012 15:42:57
   9 / 10
Per essere il primo film di Spielberg, è veramente fatto bene.

Questo film riesce a tenerti incollato alla sedia dall'inizio alla fine grazie alla tensione che cresce sempre di più, specialmente nei momenti dove arriva il camion assassino: in pratica, quell'ora e mezza che passerete a guardare questo film voleranno.

Un film semplice ed efficace allo stesso tempo, lo considero uno dei migliori del regista.

BlueBlaster  @  15/08/2012 14:31:14
   7 / 10
Pare neanche vero che questo film abbia già 40 anni! Visto ora riesce ancora a creare tensione ed inquietudine...per Spielberg non poteva esserci esordio migliore, dimostra già le sue grandissime doti registiche.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  21/06/2012 10:39:35
   7½ / 10
Grande tensione, grande mistero. un ottimo film a basso costo che ha rivelato al mondo il genio di Spielberg

Goldust  @  21/06/2012 09:30:50
   8 / 10
Il debutto di Spielberg alla regia ( inizialmente pensato per la tv, solo successivamente per il cinema ) è un adrenalinico incubo on the road dove la tensione è distribuita a dovere e la tecnica registica ha molto più peso della sceneggiatura. Non c'è che dire, un eccellente inizio.

C.Spaulding  @  26/05/2012 18:00:37
   9 / 10
Stupendo questo film. Si sviluppa tutto on the road. Una caccia all'uomo indimenticabile..un vero incubo !!!

Lory_noir  @  26/05/2012 17:23:29
   6½ / 10
Una specie di squalo on the road. Carino ma un po' insoddisfacente.

deadkennedys  @  05/05/2012 08:34:20
   8 / 10
Un film semplice, diretto, quasi scarno. La tensione cresce costantemente ed il giovane Spielberg pare disporre di un buon budget per permettersi di portare distruzione nel sud degli Stati Uniti...ottime inquadrature in prospettiva dall'auto e dal camion.
Un po' mi dispiace che il camionista pazzo non si veda mai in faccia, ma è giusto così d'altronde. Viene trasformato in inumano e quel che resta allo spettatore non è la bieca e stupida gara fra due piloti mancati e repressi ma qualcosa di molto più ancestrale : una lotta per la sopravvivenza in cui l'uomo ritorna a provare il puro e semplice terrore di essere preda.

gemellino86  @  01/04/2012 13:39:45
   9 / 10
Primo film di Spielberg che esordisce in maniera impeccabile con questa piccola perla. Uno dei migliori thriller degli ultimi anni. Imperdibile.

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento ilSimo81  @  10/03/2012 17:10:39
   5 / 10
Riassunto: un uomo al volante di una Plymouth rossa, perseguitato per miglia da un'autocisterna in un inseguimento che sembra voler attentare alla sua vita oltre che alla sua sanità mentale. Fine.

E' vero, grandissimi nomi lavorano a questo "Duel".
Il film si ispira al bel racconto di Richard MATHESON, autore di altre opere di notevole risonanza: vedi ad esempio "Io sono leggenda" (1954, richiamato in almeno sei - sette film tra cui l'omonimo con Will Smith) e "Al di là dei sogni" (1978, divenuto vent'anni dopo film interpretato da Robin Williams). Il regista è Steven SPIELBERG, su cui è inutile soffermarsi, visto che chiunque nella vita ha visto almeno un film da lui diretto. L'attore è l'ottimo Dennis WEAVER, giunto proprio con "Duel" ad una fama che verrà consacrata quattordici anni dopo nella "Hollywood Walk of Fame".

Questo per dire che non si discute la bravura di Spielberg, la cui mano si vede chiaramente nelle scene e nelle immagini (mai banali, molto curate), né quella di Weaver, credibile interprete di un uomo perseguitato, prossimo ad una crisi di nervi.
Il fatto è che questo film sinceramente arriva ad annoiare. L'elemento dell'originalità è merito del racconto, che peraltro si mantiene più avvincente. Di contro, il film spesso subisce notevoli rallentamenti, palesi espedienti per raggiungere la durata di un'ora e mezza scarsa. Inoltre la "trama" non offre molti spunti di variazione, e pure la tensione non raggiunge elevati picchi. Il deludente finale si spegne perdendo tutta l'intensità che invece aveva nel racconto.

In tutta sincerità, quando ho letto commenti altrui che parlano di "tensione", "imprevedibilità" e "angoscia" sono rimasto stupito. Certo, se i voti sono alti vi sarà un motivo, ma un pensiero insistente mi porta a pensare che si tratti di un film nel complesso sopravvalutato.
Comunque, il mio parere personale si riassume nelle ingenue ma sincere parole di mio fratello a fine visione: "E tu hai passato un'ora e mezza della tua vita a vedere un camion che insegue una macchina?".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  06/03/2012 18:01:19
   8 / 10
Strepitoso film a basso budget che mette in scena tutta la maestria di Spielberg grazie anche a un soggetto semplicissimo, apparentemente poco accattivante ma di grandissimo spessore.

Un gioiello del cinema americano anni 70!
Probabilmente uno dei pochi film di Spielberg veramente autentici e artisticamente ispirati.

Crazymo  @  25/01/2012 15:16:06
   8 / 10
Grandissimo esordio di Spielberg (Solo a me lo stile ricorda "Non aprite quella porta" ? infatti si tratta di tutti e due i film di un'opera prima di due registi [Quello di Hooper del 69 non lo considero] che iniziano la carriera nei primi anni 70!) che mette in piedi un grandissimo road movie low budget. Cosa si può chiedere di piu' da un regista?!

cultmovie  @  15/12/2011 06:45:50
   8½ / 10
esordio strepitoso per spielberg con questa pellicola diventata ormai un cult, bellissime le scene sulle strade desertiche della california.
Ottima prova il film e' un continuo altalenarsi di momenti di tensione il tutto supportato da una trama molto semplice ma non banale, un predecessore...soltanto un genio avrebbe potuto girare un film del genere e cosi' si e' dimostrato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Peter Lyman  @  03/12/2011 12:12:55
   7½ / 10
L'avevo sottovalutato, ma è davvero fatto bene questo lavoro firmato Spielberg. Forse non eccezionale perchè a tratti un po' noiosetto e ripetitivo, tuttavia mantenuto con la giusta lena. Il carattere del protagonista è stato lavorato nei dettagli, col risultato di un personaggio di spessore e non è da poco! Bravo Steven.

edmond90  @  24/11/2011 11:55:02
   7 / 10
Buon esordio di Spielberg,ma non griderei al capolavoro.
La storia è abbastanza inverosimile però il buon Steven riesce ad evitare vistose cadute di tono e mantiene la tensione viva durante tutta la durata della pellicola.

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/11/2011 09.18.43
Visualizza / Rispondi al commento
Stevelukather  @  04/10/2011 01:14:21
   7½ / 10
Un film molto originale che dimostra come spielberg già nei suoi primi lavori sapesse lavorare in modo eccellente dietro la macchina da presa...si tratta di un thriller surreale ma coinvolgente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  02/09/2011 19:08:00
   8 / 10
sviluppare una storia che regge e soprattutto con molta tensione non è semplice.. se in + si sottolinea che la storia verte su un automobilista ed un camion guidato da qualcuno di pazzo, allora si capisce che siamo di fronte ad un regista con le idee ben chiare in testa.
ottimo film, che rispecchia la nostra paura atavica di perdere i valori base in situazioni anche banali come per esempio un autostrada.
il film è lo specchio delle nostre paure primordiali che dimorano nel profondo e che riemergono e non possono essere spiegati attraverso la razionalità..
la missione è sopravvivere solo con l'istinto.
un bell'8 a questo film.

PignaSystem  @  13/07/2011 22:24:34
   7½ / 10
Continuo a chiedermi perché Spielberg dopo questo magnifico esordio, si è rovinato con le proprie mani facendo film uno più retorico dell'altro.
Uno dei pochi nella filmografia di Spielberg che merita la visione.

Leonardo76  @  10/07/2011 16:37:20
   10 / 10
per chi come me guida un autocarro questo film è la bibbia ^_^
peccato per il finale triste

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

franky83  @  03/05/2011 21:00:35
   7½ / 10
nefilim  @  18/03/2011 01:52:15
   8 / 10
sarebbe sette ma un voto in più per come il grande maestro riesce a mantenere attenzione e tensione per tutto il film con una macchina e un camion. Uno dei film più originali di sempre, un'ora e mezza che vale la pena passare.

Oskarsson88  @  24/01/2011 20:22:58
   8½ / 10
genialata di Spielberg... tensione alta a bassissimo costo

Invia una mail all'autore del commento Duvicchio  @  02/01/2011 11:47:01
   7½ / 10
Per essere il primo film di Spielberg è davvero molto ben fatto! E' molto semplice, per l'ambientazione, gli effetti speciali e la storia, Ma il bello del film sta nella suspance presente in quasi tutte le scene.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  12/12/2010 13:23:01
   7½ / 10
In un viaggio di lavoro tra i tanti, è un sorpasso come chissà quanti altri, il movente di un duello assurdo.
Grosso, rugginoso, scorbutico, il rivale misterioso sembra rappresentare il mondo proletario, un mondo di fatica e polvere; fuma come un vecchio operaio, ha voce prepotente, è collega del treno merci il cui fischio gli risponde. Un mondo pericoloso come dimostra la scritta "infiammabile" (quasi un tatuaggio) che reca sul retro, maschio, anche delinquente. Eppure sembra, nel suo agire rozzo senza ragionamento, l'autocisterna avere un codice proprio: aiuta il bus dei bambini o libera gli animali ingabbiati.
Ma chi sia veramente rimane un enigma. E' un demone senza identità come per Spielberg sarà poi lo squalo, un mostro metallico dalla velocità e potenza inaspettate. Di sicuro, rappresenta tutto ciò che non è il protagonista, l'omino banale e benestante partito dalla città con la sua macchinina e entrato in una giungla sabbiosa e assolata. L'autocisterna lo dileggia e umilia in tutti i modi, vuole ucciderlo ma divertendosi; il film si pone anche come una satira alle paranoie del cittadino e marito comune di fronte al fatto estraneo, ad un inconveniente ingigantito dalla mente dell'uomo che ne destabilizza la routine, ora alieno e non più comodo in una realtà sconosciuta e allucinante, preso da pensieri morbosi.

Le grandi strade desertiche, torride del Texas offrono uno scenario perfetto. Eppure penso che l'inquietudine di cui il film si caratterizza non sia un accordo nelle corde di Spielberg; non s'avverte fino in fondo, almeno per me; il racconto sfiora talvolta il ridicolo (volontario o involontario?), ma resta notevole nella suspense, di cui il regista è già maestro al suo esordio.

L'immagine migliore è forse quella dei cow boy seduti in fila al bancone, quasi a suggerire che l'identità del camionista oscuro si nasconde non dietro un singolo individuo, ma a un popolo intero, diversamente conformato da quello dell'uomo borghese e a lui ostile. Bella anche la discesa finale del mostro nel suo inferno di polvere.

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2010 12.22.25
Visualizza / Rispondi al commento
Stunter  @  04/12/2010 14:29:36
   8 / 10
Chissà quando l'ho visto , sarà un eternità ! E' un film cult , non privo di tensione , da vedere !

7219415  @  19/11/2010 11:04:05
   8 / 10
Bel film...tiene in tensione fino alla fine

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Mothbat  @  15/11/2010 02:59:06
   10 / 10
Cult assoluto. Il vero capolavoro di Spielberg.

wooden  @  13/10/2010 16:29:49
   8 / 10
Teso e angosciante, è il primo film convincente che vedo di S.S., oltretutto considerando il (relativamente) basso budget a disposizione.

Una storietta ingenua e assurda trasformata con maestria in un bel film.
Chissà cosa ci avrebbe regalato se avesse deciso di continuare a fare il regista anzichè lanciarsi nell'intrattenimento a buon mercato per famigliuole annoiate.

rob.k  @  31/07/2010 16:30:21
   8½ / 10
Piccolo gioiellino d'esordio di Spielberg. Caso più unico che raro di film decente pur non avendo una trama... Il trucco è farti aspettare e sperare che inizi ad esserci una trama.... fino all'ultima scena! Tensione e ambientazione fantastici.

bebabi34  @  18/07/2010 17:40:36
   8 / 10
Bel film, con una grande tensione e suspense insostenibile. Un altro esempio che non sempre serve una trama per fare un bel film.

tnx_hitman  @  05/05/2010 21:44:36
   8 / 10
Il primo film di Spielberg e' una gara mortale tra una macchinina e un mostro.
Senza inserire spoiler,riprende a grandi linee la morale dello scontro fra Davide e Golia.
Pero' e' molto ben diretto,l'ambientazione desolata e' ottima per questa"guerra"all'ultima sgommata,e il finale e' una scarica di adrenalina che ti soddisfa pienamente.
E bravo Steven!Uno dei tuoi tantissimi filmoni eccezionali.

Suskis  @  05/05/2010 20:15:23
   8 / 10
Un grande esordio in una pellicola davvero originale. Una sfida mortale 1 contro 1 con paesaggi americani come sfondo. Imitato e scopiazzato negli anni, resta un cult e a ragione.

matt_995  @  05/05/2010 18:43:42
   8½ / 10
pur essendo il film d'esordio di un grandissimo regista come Spielberg, mi aspettavo molto ma molto di meno da questo film.
Spielberg, infatti, con questo Duel, dimostra di essere un grandissimo artista fin dal suo primissimo film (escludendo chiaramente tutti i vari film tv precendenti), e realizza un film teso, angosciante, con atmosfere molto buone e con momenti d'azione e di suspance indubbiamente riusciti alla perferzione.
durante la visione sembra quasi di essere rincorsi da quel terribile tiranno che è alla guida del camion... lo spettatore diventa in un certo senso David mann, il povero protagonista che vive questo terribile ed angosciante incubo ad occhi aperti...
OTTIMO


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Marga80  @  27/03/2010 10:35:41
   7 / 10
Il mio voto è 7 ma con molta incertezza perchè, di certo, non è un film "brutto" ma non penso meriterebbe 10, sebbene da esso abbiano preso ispirazione altri successivi film.
La vicenda è assai semplice e fino alla fine fatichi a capire il perchè di tutto quello che succede...mentre lo vedevo pensavo a "Gli ucceli" di Hitchcock, che, all'improvviso, senza apparente ragione, mai suggerita dal film, impazziscono e iniziano ad attaccare l'uomo.
Matheson, autore della sceneggiatura e Spielberg, giovane regista, mettono subito in chiaro che da tutta la vicenda mai chiaro sarà il motivo che l'ha scatenata. Punto.
Pregevolissima è, quindi, la prova che la psiche del pacato e tranquillo protagonista deve superare: una sfida con se stessi e con un mondo che, di colpo, può mettere a repentaglio le tue certezze e da amico diventare nemico.
Il film rivela come, con le armi giuste, una trama quasi insulsa possa divenire piccolo capolavoro.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  26/03/2010 04:24:18
   7½ / 10
Un tv movie promosso alla sala cinematografica che rivelò il talento del ventiquattrenne Spielberg.
Un road movie folgorante e teso, con la metafora uomo vs. macchina dalle dinamiche superbe, una lotta con un male universale che attacca senza ragione ma che è destinato a soccombere alla grandezza dell'ingegno umano.
Appassionante e pieno di idee tanto da far dimenticare l'impressione di trovarsi di fronte a un prodotto simile ad un episodio lusso della serie "Storie incredibili" e simili. Sicuramente da non predere.

popoviasproni  @  22/03/2010 19:12:27
   7 / 10
Tecnico, economico, teso, efficace e ... invecchiato non troppo bene.

paolo80  @  12/03/2010 20:30:29
   9 / 10
Una pellicola di assoluto valore, che ha contribuito non poco a lanciare l'allora giovanissimo Spielberg, anche se quasi tutto il merito della bellezza di questo lavoro è da attribuire a Richard Matheson, scrittore abilissimo, che ha curato la sceneggiatura.
il buon Matheson ancora una volta si cimenta a studiare le reazioni di un uomo normale, posto di fronte ad un'imprevisto, rappresentato in questo caso, in un metaforico camion omicida.
Lo sviluppo psicologico del personaggio è creato con molta cura, e la visione non è mai noiosa, nonostante l'idea di partenza sia così esile, da esser quasi tipico dei cortometraggi.
Un'opera da vedere.

uzzyubis  @  12/03/2010 18:32:30
   6½ / 10
Avevo grandi aspettative quando mi sono posto di fronte a questo film di Spilberg, del primo Spilberg l'indipendente.
Sono rimasto un pò deluso, si a qualcosa di diverso soprattutto in relazione ai suoi lavori successivi ma non mi ha colpito molto sia a livello registico che narrativo.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  06/03/2010 23:46:18
   7½ / 10
Il film è molto scarno ma molto efficace. Parla di un semplice cittadino borghese che intraprende un lungo viaggio per le strade del deserto del Texas, diretto non si sa bene dove (forse un appuntamento di lavoro, ma nemmeno sappiamo che lavoro faccia), fino a che non incrocia un grosso e vecchio camion da trasporto che viaggia a passo di lumaca e lo ammorba con il gas di scarico. Il conducente del camion non gradisce il sorpasso, lo risorpassa e gli si pianta di nuovo davanti.
E’ Il punto di partenza di una spirale parossistica che arriva a coinvolgere l’esistenza stessa. Il fatto saliente è che l’autista del camion non viene mai mostrato, le sue ragioni rimangono sconosciute, non si arriva mai ad un dialogo o ad un faccia a faccia. Il male e il pericolo quindi non hanno volto, non hanno ragione, non sono inquadrabili e ciò li rende ancora più angoscianti e inquietanti.
Il film è ingegnato in maniera tale da essere come risucchiati nel vortice di ansia, angoscia, paura e disperazione che attanaglia il protagonista. Il ritmo del film è lento e ogni scena è visivamente molto particolareggiata e fatta ad arte per tenere sempre alta la tensione e la suspence. Hitchcock sarebbe stato molto contento di questo film.
La mdp osserva continuamente il protagonista, il quale ci viene presentato come un comune borghese (giacca, cravatta, casetta, moglie casalinga, due figli) anche se un po’ mediocre e fiacco. E’ importante questo “svalutazione” impressa al personaggio, in quanto lo vediamo spesso annaspare in mille risoluzioni contrastanti, prendendone poi una sbagliata o illogica. Il nervosismo, l’ansia, lo fanno apparire “sospetto” agli occhi degli altri, finendo per non essere compreso o creduto e quindi lasciato solo e senza aiuto.
Come spesso succede negli USA, “a mali estremi, estremi rimedi”. Lo sbocco è sempre quello: la deroga alle regole se a “fin di bene” o per la propria sopravvivenza. Uccidere quindi diventa lecito; del resto far apparire il male in maniera astratta e assoluta rende più convincente questa risoluzione.
Spielberg ha dichiarato di avere voluto semplicemente fare un film di suspence; solo che qualsiasi opera d’arte appartiene alla propria epoca e anche se non voluto, ha sempre un risvolto politico. Il camion brutto, retrò sembra quasi simboleggiare le classi sociali basse e “volgari” che cercano di scalzare la classe media. Il fatto che il pericolo sia rappresentato come qualcosa di indefinito e sconosciuto, sembra indicare il sentimento generale di incertezza e ansia che pervadeva l’America agli inizi degli anni ’70, alle prese con tanti cambiamenti sociali anche epocali. Il film contribuisce a definire e ad alimentare questa paura per certi versi viscerale e irrazionale. Poi, si sa, la paura aiuta molto chi vuole impedire, anche con la forza, i cambiamenti sociali. Playboy (la rivista in cui apparve il racconto da cui è stato tratto il film) non è certamente un giornale rivoluzionario.
A parte i risvolti politici, il film è ben fatto e decisamente più efficace di tanti altri film più complessi. Ha solo qualche momento di stanca o di monotonia, ma insomma, guardatelo e non ve ne pentirete.

LEMING  @  02/03/2010 15:54:45
   7½ / 10
fulminante esordio di Spielberg con un'opera geniale on the road, in seguito pochi altri ottimi film e poi la svolta commerciale!

76eric  @  02/03/2010 14:35:25
   9½ / 10
Esordio col botto per Steven Spielberg che debutta con questo thriller road movie. Il truck è davvero indimenticabile, come eccellente (da oscar) è l' interpretazione del protagonista: costantemente sull'orlo di una crisi di nervi (ovvio), incredulo nel vivere questa situazione assurda, paradossale, pervaso talvolta da segni di rassegnazione a raptus di follia (notevole l'esultanza da bambino quando vede il camion in fondo al burrone).Scena cult ? Sicuramente quando il truck accende le luci nella galleria........se si fosse pensato di fare qualche ripresa in notturna sarebbe stato da 11. Non c'è che dire...... Capolavoro

simone p  @  10/01/2010 19:44:09
   7½ / 10
L'idea di base è geniale.
Nonostante la linearità della trama ci sono diversi momenti di tensione supportati da una buona colonna sonora.

Bravaragazza  @  09/01/2010 14:07:17
   8½ / 10
Il film che ha lanciato la carriera di Spielberg e che, secondo me, meglio lo rappresenta.
Un road movie che tiene incollato lo spettatore fino alla fine, nonostante alcuni momenti morti e interminabili.
Buona l'idea di base, l'antropomorfizzazione della macchina e lo scontro con David Mann (Uomo qualunque quindi...) , che nello scontro tenta disperatamente (e indirettamente) di "ripulirsi" (altro tema topico) e di riaffermare la propria dignità e la propria virilità.
Una pellicola percorribile insieme a David lungo le numerose stazioni a cui il personaggio di volta in volta si accosta.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

despise  @  05/01/2010 09:53:20
   7½ / 10
davvero un bell'esordio per un regista che entrererà poi di diritto nell'olimpo di Hollywood...
teso, ben fatto, senza esagerazioni....
(se si considera che è una pellicola di quasi 40 anni fa!)
promosso

Clint Eastwood  @  03/01/2010 21:53:02
   7½ / 10
Spielberg alle prime armi, giovane (25 anni) e affamato firma questo piccolo cult chiamato Duel. Girato in soli 13 giorni, il ragazzo prodigio della New Hollywood manifesta una delle menti più brillanti del cinema contemporaneo come d'altronde vedremmo successivamente. Ottima scelta del protagonista Dennis Weaver.

Direi, imperdibile.

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998785 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net