i bambini di cold rock regia di Pascal Laugier USA, Canada, Francia 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i bambini di cold rock (2012)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I BAMBINI DI COLD ROCK

Titolo Originale: THE TALL MAN

RegiaPascal Laugier

InterpretiJessica Biel, Jodelle Ferland, Stephen McHattie, William B. Davis, Samantha Ferris, Katherine Ramdeen, Kyle Harrison Breitkopf, Jakob Davies, Teach Grant, Alicia Gray

Durata: h 1.46
NazionalitàUSA, Canada, Francia 2012
Generethriller
Al cinema nel Settembre 2012

•  Altri film di Pascal Laugier

Trama del film I bambini di cold rock

A Cold Rock, negli USA, molti bambini sono scomparsi senza lasciare traccia. La superstizione parla di un uomo alto e scuro, che li rapisce nel cuore della notte. Julia è un'infermiera che non crede alle leggende ma, precipitatasi nella stanza del figlio con un oscuro presentimento, deve fare i conti con ciò che vede: un’enorme figura è ferma all’entrata di casa sua, con il suo bambino in braccio. La donna ingaggia così una ricerca disperata pur di riavere il figlio.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,37 / 10 (113 voti)6,37Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I bambini di cold rock, 113 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»
Commenti positiviStai visualizzando solo i commenti positivi

Neurotico  @  13/04/2019 09:57:29
   6 / 10
Per quel che mi ha ricordato Martyrs (i volti tumefatti, le discese nei bui corridoi, l'atmosfera cupa e opprimente) mi è piaciuto. Per il resto vedo non pochi difetti, da attribuire soprattutto ad uno script claudicante e macchinoso che non favorisce una fruizione scorrevole del film.
La tecnica del cambio di registro, per cui si passa dall'horror da fiaba oscura al drammatico, al thriller poteva essere un pregio ma si è rivelata un'arma a doppio taglio. Incompiuto.

BenRichard  @  10/04/2018 00:34:05
   6 / 10
Il film diretto e sceneggiato da Pascal Laugier devo essere sincero mi ha convinto e colpito molto meno rispetto al suo lavoro precedente con "Martyrs". Si basano su due generi totalmente differenti tra loro, ma con "Martyrs" era riuscito a sconvolgermi e sorprendermi mica poco, in questo caso invece non ho trovato una sceneggiatura di tale livello nonostante anche questo cerchi di sorprendere lo spettatore ma l'ho trovato meno convincente, anche se pure questo vuole lasciare un messaggio importante. Se sulla sceneggiatura non mi ha soddisfatto appieno, non posso dire di certo la stessa cosa su come Pascal abbia diretto questo film. Non c'è che dire, il regista sà il fatto suo, ed è anche in grado di esaltare parecchio le qualità di un attore. In questo caso mi riferisco soprattutto, ovviamente, a Jessica Biel, la protagonista del film, veramente molto brava, nonostante non sia certo una novità che l'attrice sia molto in gamba ad interpretare certi ruoli. Ma fa piacere rivedere anche la bambina prodigio che sta crescendo, Jodelle Ferland, che mi colpì tantissimo nel film di "Silent Hill" e recentemente avevo visto un'altra pellicola con lei protagonista, "Case 39", che anche in quel caso la trovai fenomenale. Qui il ruolo che la Ferland deve recitare è di minor spessore in quanto viene chiamata in causa molto meno e sicuramente di difficoltà inferiore rispetto ai ruoli che ha dovuto interpretare nelle due pellicole che ho appena citato. Ad ogni modo anche in questo caso la sua parte la fa senza sbavature. Per il resto tecnicamente il film è anche valido, il resto del cast oltre le due attrici che ho menzionato se la cava più che bene, tutti gli attori che vengono interpellati fanno il loro dovere..il mio voto, pur sempre positivo, così contenuto è solo un mio limite in quanto la trama nel suo sviluppo non mi abbia trasmesso chissà quali emozioni e non mi abbia trascinato dentro al film come mi sarei augurato.

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  03/01/2018 19:30:39
   7 / 10
Questo film è stata una sorpresa, inizia in modo abbastanza usuale e lo sviluppo della trama è un colpo di scena dietro l'altro. Bella la messa in scena di un America depressa,dove ormai ogni speranza è morta e lo sviluppo futuro un sogno che non si avverrerá . Da qui lo sviluppo articolato e ben scritto della storia incentrata su delle sparizioni di bambini. Brava la Biel in versione dimessa. Storia scritta bene e non banale, anche se abbastanza improbabile.

krystian  @  09/10/2017 16:34:42
   7½ / 10
Un thriller-drammatico (non horror) molto interessante dai continui colpi di scena che, ad un certo punto, porta a domandarti "ma che cavolo succede???". Peccato solo che dopo aver "scoperto" il segreto (il colpo di scena) il mordente scenda un pochino. Ma comunque rimane eccellente e, dopotutto, il finale un pochino tocca il cuore.

eruyomè  @  22/04/2015 02:15:20
   7½ / 10
Una bella sorpresa, davvero un bel thriller. Sarebbe un 7, ma mezzo voto in più per il finale, che ho trovato davvero "giusto". Aggiunge profondità a un film che è molto meno banale di quanto sembri.
Non avendo certo pretese di capolavoro del genere, fa comunque bene il suo lavoro, c'è la giusta tensione ed è ben girato, pur nell'inverosimiglianza della trama, e con certe forzature evidenti di sceneggiatura. Non che disturbino troppo in realtà. La visione è ripagata piuttosto da bei momenti di vera angoscia e dai continui colpi di scena e ribaltamenti di certezze momentanee.
La Biel mi lascia piuttosto indifferente in generale, ma qui l'ho trovata brava e in parte, niente da dire. Cercherò gli altri film di questo regista.

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/04/2015 12.32.01
Visualizza / Rispondi al commento
chem84  @  20/04/2015 22:25:00
   6½ / 10
Discreto film che riesce a farsi seguire con interesse, grazie anche alla buona prova di J.B.
Non si grida al capolavoro, ma vale la pena spendere un'ora e mezza per vederlo.

the saint  @  16/03/2015 12:02:30
   7 / 10
certo che uno di fermasse alle copertine dei film...

sembrava il più classico degli horror... poi ti rendi conto che è il regista di Martyrs...

Pascal Laugier l'ho amato in quel film! Martyrs ( un po' meno la mia ex ragazza che uscì dal cinema con i conati di vomito..) e in questo film si vede che c'è un po' di sua stoffa!
comunque un buon thriller, anche se piuttosto inverosimile!

Lory_noir  @  12/10/2014 18:09:25
   6 / 10
Piacevole e originale anche se molto poco credibile come storia.

Nic90  @  31/07/2014 22:05:55
   7 / 10
Sorprendente questo thriller/drammatico,trama e sceneggiatura originale.
Buon finale,brava la Biel.

ferzbox  @  14/07/2014 16:35:44
   7 / 10
Io questo Pascal Laugier non riesco proprio ad inquadrarlo; con "I bambini di Cold Rock" ho visto tutti e tre i suoi film(compresi "Saint Ange" e "Martyrs"),ma tutti quanti hanno avuto su di me dei riscontri differenti.

"Saint Ange" l'ho reputato un film vuoto ed insipido,con una sceneggiatura lenta,noiosa ed inconcludente(bruttissimo)....

"Martyrs",nonostante molti l'abbiano reputato un film di cattivo gusto,non mi è dispiaciuto,anzi lo considero un film molto coraggioso e potente concettualmente e scenicamente....a me piacque....

"I bambini di Cold Rock" è una via di mezzo; non geniale,ma nemmeno banale....non sconvolgente quanto "Martyrs",ma nemmeno inutile come "Saint Ange".....

Diciamo che l'idea di base non è male; il colpo di scena finale mi ha stupito...credevo che si sarebbe risolto con una soluzione più scontata,invece alla fin fine si è dimostrato più profondo di quanto avrei creduto.
Il problema è nel ritmo molto altalenante e nel come gioca le sue carte a disposizione.
La struttura della sceneggiatura risulta un tantino confusa; non si capisce se il film sia un thriller,un horror o un drammatico...pare un pò tutto e non pare niente.
Se uniamo questo al già citato ritmo lento,capirete che la pellicola non lascia spazio a buone speranze e si ha l'impressione di essere incappati nell'ennesimo filmetto pretenzioso alimentato dai soliti clichè.
Fortunatamente le cose cambiano quando si comincia a scorgere qualche elemento chiave della trama.
A 3/4 del film cominciano a venire fuori le varie sottotrame che legano i diversi personaggi della storia,portando lo spettatore ad avere una visione più ampia del tutto e facendo guadagnare punti ad una sceneggiatura che fino a quel momento non sembrava voler mostrare niente di particolarmente originale.
Con questo non voglio dire che il film sia un capolavoro; purtroppo vuole cercare di ingannare lo spettatore troppo spesso,illudendolo di star vedendo un horror; formula anche interessante,ma in alcuni casi troppo presente ed insistente; stonava un pochino e distoglieva l'attenzione da alcuni particolari che secondo me avrebbero valorizzato di più la conclusione della vicenda.
Tuttavia il film non mi è dispiaciuto...se devo essere sincero mi aspettavo un prodotto più commerciale,invece alcune trovate le ho ritenute molto particolari.
Una visione non è peccato,ma si poteva girare molto meglio.....un peccato considerando le intenzioni....

GianniArshavin  @  25/04/2014 20:41:17
   7 / 10
Buon thriller firmato Pascal Laugier al primo lavoro americano.
Il film è ben costruito , dell'ambientazione suggestiva e misteriosa all'atmosfera decadente del paesino di Cold Rock fino ad arrivare alla minaccia che incombe sul piccolo centro montano dove spariscono nel nulla decine di bambini.
Laugier è bravo a tenere alta la tensione e a gestire bene i colpi di scena , malgrado il rischio di cadere nel banale fosse molto alto. Proprio i colpi di scena sono una delle peculiarità del titolo , ma devo dire che seppur ben fatti sono riuscito ad anticiparli e questo non mi capita molto spesso.
Nonostante questa relativa prevedibilità (aspetto puramente personale) il film propone una domanda importante e la risoluzione finale , per quanto un po' forzata , è di sicuro effetto e non lascerà indifferente lo spettatore.
Egregio il lavoro fatto sui personaggi , ambigui al Punto giusto e in perenne oscillazione fra giusto e sbagliato.
Qualche colpo come detto Laugier lo perde in fase di sceneggiatura e in qualche punto forse troppo lento ma per il resto il terzo prodotto del regista francese è sicuramente degno di nota sia sotto il profilo dell'intrattenimento che sotto quello dei contenuti.

CyberDave  @  16/02/2014 23:59:58
   6½ / 10
Un buon thriller che deve molto al colpo di scena a metà film che stravolge unpò tutto e che trasforma i buoni in cattivi e viceversa.
Dopo una cosa del genere non era facile proseguire ma direi che il regista è riuscito abbastanza a far quadrare il tutto con una spiegazione finale soddisfaciente.
Nel mezzo un pò di noia e qualche spavento, tutto sommato un film guardabile ma nulla di clamoroso. Continuo a pensare che il vero aso di questo regista sia stato Martyrs.

-Uskebasi-  @  10/02/2014 07:05:30
   7½ / 10
Colpi di scena così a metà film se ne vedono pochi, me ne viene in mente solo uno.
Laugier sforna un thriller originale, interessante, intelligente, forse metaforico.
E Jessica Biel si conferma tra le prime 10 attrici mondiali.

harlan  @  28/01/2014 02:26:19
   7 / 10
i bambini di cold rock si presenta sicuramente come un film non banale. anzi, si contraddistingue per una trama molto spessa e densa di eventi e ottimi capovolgimenti di fronte. fiore all'occhiello é sicuramente la commistione di generi che il regista mette in gioco, che abbinata ai già citati colpi di scena rende il film ancora più intrigante e interessante...
si parte strizzando l'occhio alla orphanage, si continua con un pizzico di non aprite quella porta, ci si aggroviglia alla sesto senso, si termina alla martyrs, dove il regista sembra autocitarsi...
bello davvero.
menzione per jessica biel e per la regia: pregievoli.

dispiace sapere che si sia rivelato un mezzo flop.
e poi invece sapere di ciofeche che incassano. cifre astronomiche

romrom  @  12/01/2014 23:38:31
   6 / 10
Mah...dopo aver visto Martyrs mi aspettavo qualcosa di 'tosto' invece Laugier ha abbassato parecchio il livello di tensione, che è discreta solo nella parte centrale , quando non si capisce bene

chi è il buono e chi il cattivo


la Biel non è una gran attrice questo si sapeva, il risultato finale è appena sufficiente, con un finale piuttosto sotto tono

Chemako  @  28/11/2013 20:00:39
   6½ / 10
Thriller, horror, drammatico, moralistico.....sinceramente l'evolversi della storia spiazza un po'.....

Spotify  @  08/11/2013 21:51:53
   6½ / 10
Film molto ''strano''. C'è da dire che la trama e l'idea di partenza non sono affatto male, con continui colpi di scena che fanno ''resettare'' tutto allo spettatore. Poi c'è una buona regia ed un'ottima interpretazione da parte di tutto il cast. Comunque i continui colpi di scena sono, si, interessanti, ma allo stesso tempo non esaltanti. Poi penso che questo sia uno dei film con una delle sceneggiature più ingarbugliate che esistano. Il finale l'ho trovato un po' assurdo ma carino. C'è di meglio ma è un film che si lascia vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  19/10/2013 23:09:39
   7 / 10
spoiler ammazzafilm

Molto interessante.
Tutti aspettavamo al varco Laugier per capire se era più veritiero l'acerbo e pasticciato Saint Ange o il grande Martyrs, considerato da qualcuno (e anche da qualche blog/sito) come l'horror più bello del decennio.
Non lo è in realtà ma vederlo tra i candidati è d'obbligo.
Tutti aspettavamo Laugier ma dovremmo avere obbiettività nel'analisi.
Chi lo detestava avrà da ridire anche qua.
Chi lo esaltava troverà materiale anche qua.
Chi esaltava semplicemente Martyrs parlerà di delusione.
Invece I bambini di Cold Rock è "soltanto" un buon film, uno di quelli, ne parlavamo con Insidious 2 pochi giorni fa, che prova a raccontarci una storia e mette tutto il resto al servizio di essa.
Ha tanti meriti, proviamo ad evidenziarli.
Intanto c'è la Biel, una di quelle brave e belle che anche struccate mangiano la testa alle starlette recitazionedovesei di turno. (a tal proposito quando ho visto quel figlio brutto in quel modo mi chiedevo quanto fosse orrendo il padre per aver bilanciato così).
Personaggio molto sfaccettato il suo, a un tratto persino sfuggente.
Ed è proprio questo il capolavoro di Laugier in questo film.
Perchè ne I bambini di Cold Rock i personaggi sono tutti complessi, fanno cose buone e altre sbagliate, sembrano nel giusto e poi nel torto, hanno i loro pregi e i loro difetti. Di quasi tutti quelli principali nel corso del film pensiamo sia bene che male, fatichiamo a condannarli o a premiarli.
Specie per quello della Biel, angelo o cinica trafficante di bambini?
Ma ripenso anche al pianto finale di Tracy, davvero potente per un personaggio anch'esso sfuggente.
Mi è piaciuto molto il modo di raccontare con quel prologo che è un mezzo flash forward, con quel twist a metà film che cambia tutto e con quel finale che gli dà un sapore diverso, ti pone domande, ti mette dubbi.
E se tutto quello che succedeva fosse giusto?
E' quello che si chiede anche la piccola Jenny in fuga dallo squallore ma in crisi di identità nel finale.
Finale che come in Martyrs Laugier dipinge di autorialità, forse anche troppa, con un altro deus ex machina, la vecchia, molto simile a quello del precedente e bellissimo torture movie.
Soluzioni narrative apparentemente diversissime ma sottilmente molto simili tra i due film.
Ma Laugier si riconosce, non solo nel finale. Molti luoghi tornano, la regia è ancora magnifica (che riprese aeree...), la donna è sempre l'eroina. E per la terza volta su tre c'è il trucchetto della stanza di sotto che nasconde qualcosa.
Difetti?
La vicenda, diciamocelo, è abbastanza improbabile, un tale giro di bimbi nel mondo normale sarebbe stato scoperto dopo pochi mesi.
E lo splendido titolo originale, The Tall Man, richiama una figura molto misteriosa nel film ma raccontata malissimo. Laugier avrebbe dovuto giocare più col paranormale, magari attraverso inquadrature ad hoc. Invece questo uomo alto alla fine non inquieta mai, non è nemmeno così alto in realtà (all'inizio c'è un motivo, non è lui) e non viene presentato mai nella maniera giusta.
La conferma che Laugier può sempre dire la sua.
E che forse sboroneggia un pò troppo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  17/10/2013 23:48:57
   6½ / 10
Dopo il cult "Martyrs" su di Laugier c'erano grandi aspettative. Riesce a girare un film molto interessante ma che, ovviamente, non fa gridare al "capolavoro"!
Il punto di forza di questa pellicola è anche il punto debole...i continui colpi di scena che stravolgono i sentimenti del pubblico nei confronti della protagonista sono vari e alcuni troppo forzati.
In particolare l'ultimo che ci porta a credere che...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Un buon intrattenimento dove niente appare scontato...

Oh Dae-su  @  17/10/2013 17:37:09
   6 / 10
Prometteva davvero bene.. la trama era coinvolgente ed interessante, poi secondo me si è perso strada facendo..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Fenderigo  @  09/10/2013 16:21:55
   7 / 10
A me sinceramente e piaciuto.Scorrevole e per nulla banale.
Un bel 7 se lo merita!

Hyogonosuke  @  09/10/2013 01:25:31
   6 / 10
Mah.. un film guardabile, buona regia e fotografia.
La trama puo' risultare anche interessante, se nonchè arrivati alla spiegazione finale il tutto non risulti così inverosimile.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

clint 85  @  29/09/2013 02:29:26
   6½ / 10
Buona ambientazione e regia; il film è tutto sommato abbastanza carino.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR bellin1  @  28/09/2013 11:06:46
   6½ / 10
La prima parte è abbastanza caotica, ma onestamente c'e' da dire che questo Pascal Laugier sa mischiare bene le carte a disposizione: dopo il graffiante "martyris" anche a "Cold rock" disorienta lo spettatore nella seconda parte. E' un buon thriller, non horror, con bell'ambientazione, dicreto ritmo ma qualche piccolo buco narrativo. Finale che lascia una logica domanda morale.

Piu che sufficiente. 6 1/2

topsecret  @  02/09/2013 13:56:24
   6½ / 10
La voglia di trasmettere un messaggio che è anche una riflessione morale e sociale mi fa associare il film di Laugier ad altre pellicole che avevano il medesimo scopo. Penso a film come THE VILLAGE o come GONE BABY GONE, in cui la critica si univa all'etica morale per creare nello spettatore dei pensieri, delle riflessioni su argomenti attuali di grande presa emotiva.
I BAMBINI DI COLD ROCK mette in evidenza questo aspetto, mischiando le carte con il thrilling per creare mistero ed aspettative che a parere mio vengono ripagate senza falsi moralismi e facile retorica. Anche se non sempre il tutto e congeniato alla perfezione, la storia è in possesso di un ritmo discreto che mantiene vivo l'interesse in chi guarda, regalando momenti di pathos e di emozione che lasciano soddisfatti della visione.
Abbastanza bene la Biel.

calso  @  31/08/2013 15:22:29
   6½ / 10
Un buon film, che ti lascia o almeno prova a lasciarti il dubbio fino alla fine, intrigando nel cercare di capire chi fosse colpevole, di copsa o se fosse tutta fantasia..piuttosto carino come thriller

sossio92  @  03/08/2013 23:53:37
   7 / 10
Laugier non delude neanche stavolta ,buonissimo mistery film che tratta una tematica delicata ...consigliato

horror83  @  02/08/2013 19:43:30
   8½ / 10
molto bello questo film, sono rimasta molto sorpresa da questo film perchè è un bel thriller come non se ne vedeva da tempo! brava Jessica Biel! affronta anche un tema molto delicato. per me promosso.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  25/06/2013 12:44:51
   7 / 10
Bel film di Laugier su un tema delicato che costringe a qualche riflessione.
Qualcosa lo si intuisce prima che venga svelato, ma tutto sommato lo sviluppo è soddisfacente e le svolte ben congegnate.
Molto brava J. Biel.

Elwing77  @  23/06/2013 23:24:54
   7 / 10
Thriller originale con una storia dai risvolti inimmaginabili.

pinhead88  @  15/06/2013 14:07:20
   6 / 10
Pascal Laugier è un regista che stimo, ma nel panorama thriller-horror francese è l'unico che procede ad alternanza. Il suo esordio con Saint Ange non mi entusiasmò per niente, diversamente mi colpì alla grande con l'originalità e la profondità di Martyrs. Pochi mesi fa vidi ''The Tall Man'' e rimasi nuovamente deluso, soprattutto perchè era un film che mi intrigava parecchio.
Qualche pregio si trova sicuramente, la fotografia cupa, il degrado delle estreme province americane, la melodrammaticità della Biel, ma il film in sè non decolla mai.
A metà già si capisce tutto e l'inquietudine, la fitta nebbia che si celava nella parte iniziale si tramuta in una banale caccia alle streghe.
A parte questo non ci si annoia, ma una migliore struttura narrativa avrebbe sicuramente reso la vicenda più piacevole da seguire.

elnino  @  10/06/2013 01:21:25
   6½ / 10
Alterna momenti di grande interesse, a momenti molto lenti, ma vale la pena di resistere fino alla fine. Profondo.

Trixter  @  15/05/2013 17:34:08
   6 / 10
Ottimo thriller per circa un'ora, dopodichè, palesato il vero ruolo della protagonista, il film perde mordente, la trama si stiracchia e la tensione cala. Fino ad un finale poco plausibile ed un pò deludente. Ad ogni modo, buona la regia e l'ambientazione.

despise  @  03/05/2013 08:13:03
   7 / 10
Finalmente l'ho visto. Non so perchè, mi aspettavo un horror... così non è stato....
commento: tutto si può dire tranne che i film di Laugier possano essere definiti banali....
il regista ancora una volta con grande abilità riesce a spiazzare lo spettatore, ed una storia che sembra quella di un tipico thriller-horror con boogeyman si trasforma poi (un pò come succedeva in martyrs, ma senza quella feroce violenza visiva...) in un dramma dai forti risvolti sociologici.
Certo le pecche non mancano (come diverse forzature nella trama), però va dato atto al regista francese di impegnarsi a fondo nel voler OSARE, e dare allo spettatore qualcosa di nuovo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per me promosso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  17/04/2013 22:16:42
   6 / 10
Discreto intrattenimento e trama tutto sommato non scontata per un film che ha nell'assenza di punti forti il suo maggior difetto. Sufficiente per una visione rilassata senza pretese.

pisano  @  16/04/2013 12:27:52
   7 / 10
Più che horror è un thriller!girato molto bene con ambientazioni perfette e con colpi di scena.diverso dagli altri film horror su i bambini in orfanotrofio

vale1984  @  12/03/2013 11:18:45
   6½ / 10
diciamo che in dei momenti pensavo peggio, altri meglio e che fino in fondo non ho capito se mi è piaciuto oppure no...il punto è che l'idea è molto bella e che alla fine mi è piaciuta ma il film nel complesso non è granche ed è un peccato perchè i presupposti li aveva tutti...non credo siano gli attori o la regia ma forse con un taglio più netto della storia sarebbe stato migliore.

Kesson  @  03/03/2013 16:52:55
   8 / 10
Pascal Laugier si conferma un regista abilissimo, intelligente ed originale, in grado di raccontare la sofferenza e il sacrificio come pochi.

Seppur con tematiche ed una storia completamente diversa, il concetto che stava alla base di "Martyrs" si ripropone in questo bellissimo "The Tall Man", senza però ricorrere nell'esasperato uso della violenza visiva, che pure è presente ma che viene sovrastata da quella psicologica ben più preponderante, sofferenza che diventa un veicolo fondamentale per raccontare un thriller dalle tinte cupe, dove i punti di vista e le convizioni dello spettatore vengono ribaltati di continuo per tutta la durata del film, fino ad un epilogo imprevedibile e davvero molto intelligente.

Splendida come al solito la regia, coadiuvata da una bellissima e logora fotografia, assolutamente perfetta per descrivere l'ambiente sociale degradato in cui è ambientato il film. Bravissimi tutti gli attori soprattutto Jessica Biel davvero calata nella parte, credibile e mai sopra le righe.

Pascal Laugier, seppur lontano dalla sua Francia, si conferma regista di livello e sforna un bellissimo thriller davvero imperdibile per gli amanti del genere e non solo.

Invia una mail all'autore del commento brabus  @  27/02/2013 15:49:10
   6 / 10
la motivazione finale mi ha deluso.... il film scorre bene e ti lascia sempre con il dubbio....ma appena scopri il motivo di tutto questo rimani deluso!!!
nessumo mai rischierebbe anche la vita per questo!!!!

steven23  @  21/02/2013 15:14:51
   7 / 10
Ci si aspettava (o almeno io mi aspettavo) il classico thriller condito qua e là da qualche scena che sfociava nell'horror, e l'inizio non fa altro che rafforzare questa ipotesi. Poi, però, tutto cambia e ci si trova di fronte a qualcosa che, poco prima, non era per niente preventivabile.
Lussier dirige un film ambiguo e carico di tensione, lontano dal suo lavoro precedente ma comunque interessante, con alcuni buonissimi colpi di scena e una Jessica Biel che regge bene il ruolo da protagonista che le viene affidato.

Alex22g  @  20/02/2013 23:36:55
   10 / 10
Grandissimo film e ottimo esordio ad Hollywood per il regista di quel capolavoro che fu Martyrs. Jessica Biel bravissima e ipnotica come non mai, ma complimenti a tutto il cast. Da vedere e rivedere per apprezzarlo appieno

androjoker  @  15/02/2013 17:53:45
   7½ / 10
Non un capolavoro ... ma discreti colpi di scena e buone interpretazioni. Non l'ho trovato noioso. Mi è sembrata la discreta copia di "Changeling".

sagara89  @  11/02/2013 13:21:01
   6½ / 10
Non piace e non dispiace..un film che non si capisce bene cosa vuole essere ma che tutto sommato si può guardare

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  10/02/2013 11:03:06
   7 / 10
Laugier ha un grandissimo pregio, riesce sempre a confonderti e a non farti capire quale piega prenderà la trama del suo film. The Tall Man non fa eccezione e nel complesso si rivela un buon film, ben diretto ed interpretato. Purtroppo sono tra quelle persone che non ha apprezzato pienamente il finale, non l'ho trovato così entusiasmante come il resto del film. Nel complesso però mi è piaciuto e lo consiglierei tranquillamente.

john doe83  @  04/02/2013 15:57:36
   6 / 10
Ma.... Non saprei come giudicarlo questo film, l'idea è interessante, le ambientazioni e la regia non sono male, però mi aspettavo più crudezza... Dal trailer e dalla locandina sembra un horror ma alla fine non lo è.

outsider  @  03/02/2013 10:05:14
   7 / 10
Un film che per un pezzo e' molto doloroso, poi ci si rasserena.
Molto appropriate le atmosfere, il tema e' il piu' pesante delle cronache americane e non.
Buona la tensione. Amaro in bocca tanto, al di la' delle spiegazioni,dell'epilogo, ob propter la realta' presentata.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/03/2013 23.56.14
Visualizza / Rispondi al commento
TonyStark  @  23/01/2013 14:13:53
   6½ / 10
un triplo colpo di scena che mi ha sorpreso, un inaspettato finale e una buona interpretazione della biel salvano un film un pò noiosetto.

VinLet  @  19/01/2013 12:01:55
   7 / 10
E' lo stesso regista di Martyrs..ma nulla a che vedere con quel genere
E' un film più drammatico che thriller..con una profondo scopo morale
Dopo un'ora un po' noiosetta..arriva il colpo di scena
La seconda parte acquista uno spessore sociologico, che porta a riflettere
E' poco coinvolgente, poca tensione, tanti punti non sono chiariti..ma incuriosisce
Buone le interpretazioni..ottima l'idea

doctordelly  @  31/12/2012 02:15:34
   7 / 10
Un thriller avvincente , curata la scenografia e buona l' interpretazione di Jessica Biel.
Trama originale con qualche colpo di scena , se amate il genere thriller ve lo consiglio ma se cercate l'horror pieno di sangue e "salti sulla poltrona" cercate altrove.

Ho qualche dubbio riguardo il film : vedi spoiler

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

desertoceano  @  29/12/2012 20:34:40
   6 / 10
thriller che ha ben 2 colpi di scena. Nel l'insieme lo consiglio. Non metto un voto più alto perchè mi sembra troppo lungo e alcuni dialoghi mi sembrano mortizi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  04/12/2012 19:26:06
   6½ / 10
Dal trailer poteva sembrare un altro di quegli horror male che girano da un pò di anni al cinema. Poi però vedendolo mi son dovuto ricredere. Un'atmosfera appuntita riveste il film, anche se il finale è debole e la trama non sempre funziona bene. Alti e bassi ma cast azzeccato direi.

benzo24  @  17/11/2012 20:03:11
   7 / 10
Mi è piaciuto anche se il finale non mi ha convinto del tutto

BrundleFly  @  11/11/2012 10:43:04
   6½ / 10
Impossibile commentare approfonditamente questo film senza spoilerare.
Un thriller che si basa su un'idea originale, ma che risente un po' della mancanza di ritmo soprattutto nella parte finale.
Cast anonimo dove nessuno spicca più di qualcun altro.

TheUndertaker  @  08/11/2012 14:43:46
   6½ / 10
thriller decente... di sicuro non rimarrà impresso nella memoria di molti... ma non mi ha deluso...

ste88  @  07/11/2012 10:29:38
   6½ / 10
Buon film, senza pretese!

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  23/10/2012 11:58:25
   6 / 10
La prima parte del film e davvero interessante e il colpo di scena ben congeniato ma la seconda parte rovina tutto. Carino

m@ssì  @  18/10/2012 19:27:03
   6 / 10
Si vede finalmente un thriller diverso non eccezionle ma che nuche nei suoi modi lenti e poco vivaci cerca sempre di spiazzare lo spettatore facendosi continuamente domande su come e perché...salvo l idea di rinnovarsi ma lo svolgimento e rilento

Alex2782  @  14/10/2012 23:27:00
   6 / 10
il finale salve un film piatto e noioso nonostante una buona ambientazione.
la sufficienza è presa ma ripeto solo grazie al finale.

Atlantic  @  14/10/2012 23:04:42
   8 / 10
Un thriller molto interessante , che riesce a distinguersi perfettamente da tutti i film simili di oggi.
Una trama un po intrecciata , buone intepretazione (fra tutti Jessica Biel , che interpreta la protagonista , e soprattutto la giovanissima Jodelle Ferland).
Scene d'azione e memorabili per passare poi al finale molto drammatico.
Consigliato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  09/10/2012 17:22:03
   7½ / 10
Sembrava il solito thriller all'americana e invece "I bambini di cold rock" è il film che non ti aspetti......se non conosci Pascal Laugier.
L'abilità dietro la macchina da presa di Laugier è indiscussa ma soprattutto sorprende la sceneggiatura e il suo continuo capovogersi di fronti tanto da riuscire ad eliminare ogni riferimento allo spettatore sia dal punto di vista narrativo, non capendo mai bene i particolari della storia, sia quello sulle qualità dei personaggi.

Purtroppo un pò il giocarsi il colpo di scena a metà film un pò alcune forzature di sceneggiatura che sono ahimè presenti in modo massiccio non fanno di "The tall man" il grande film che sarebbe potuto essere.

Vale comunque decisamente la visione.

Estonia  @  08/10/2012 17:15:33
   6 / 10
Un intreccio avvincente, con colpi di scena e ribaltamenti di prospettiva inaspettati e spiazzanti. L'atmosfera pesante e sospettosa della provincia americana delineata efficacemente. Buono il montaggio e attori ben coordinati. Tutto perfettamente congegnato a livello di regia. Purtroppo nella parte conclusiva il buon potenziale innescato dal gioco ben articolato dei depistaggi sistematici si frange sull'ultima poco convincente svolta della storia, una trovata incongruente con risvolti sociologici davvero fuori contesto. Ottima interpretazione di Jessica Biel.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  06/10/2012 09:42:02
   7 / 10
Arduo analizzare l'ultimo film di Laugier senza il forte rischio di spoilerare perchè è un film che offre dei rovesciamenti dei punti di vista fatti con una certa cura che cambia la nostra percezione nei confronti dei personaggi.
Molto bello il contesto della vicenda, profonda provincia americana e depressione economica che corrode rapidamente il tessuto sociale della comunità, degradandola e di cui i bambini sono le potenziali vittime. Un quadro d'ambiente degradato che mi ha ricordato l'Essi vivono di Carpenter. L'ottima regia di Laugier (bellissime alcune sequenze) tuttavia non riesce a non far notare qualche forzatura di troppo nella sceneggiatura e la poca cura di alcuni personaggi secondari. Non male la Biel, intepretazione misurata e bellezza sfiorita, con lo scopo di evidenziare la sofferenza del suo personaggio. Non siamo ai livelli di Martyrs, ma un buon prodotto.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  02/10/2012 23:19:33
   7 / 10
fino a più di metà film volevo bocciarlo in maniera categorica. Non si capiva praticamente niente,. Poi piano piano si riesce a rimettere a posto ogni singolo pezzo del mosaico ed il risultato che ne esce è sicuramente più che soddisfacente. Il voto non si innalza di più perchè ci sono alcune forzature nella sceneggiatura abbastanza grossolane che citerò negli spoiler.
Innanzitutto la Biel mi è piaciuta, ha offerto una buona interpretazione ed era veramente calata nella parte. Sia la regia che la sceneggiatura sono molto buone, ma mi ha colpito veramente in positivo la fotografia e le location ( menzione speciale per il bosco di notte con i raggi della luna che filtrano tra le fronde).
Detto questo, dò un piccolo input con la trama. Siamo a cold rock, e secondo la leggenda esiste l'Uomo alto, un essere indefinito che rappresenta il male nell'immaginario collettivo degli abitanti. I bambini spesso vengono rapiti e non si capisce chi sia a fare questo e per quale motivo. La protagonista vedrà sottrarsi il figlio e si metterà alla cacca dell'uomo alto e dovrà affrontare qualcosa di inaspettato, per lei e per lo spettatore che la segue.
Il film ha di positivo il fatto che gioca in 2\3 scene con lo spettatore, gioca con la prospettiva dei protagonisti, non li fa apparire come realmente sono e di conseguenza non abbiamo le idee chiari ma siamo comunque interessati a vedere come va a finire il film. La trama secondo me non riesce a reggere per tutta la durata del film ed infatti in alcuni punti si percepiscono proprio degli strascichi della sceneggiatura. Alla fine alcuni passaggi rimangono forse oscuri ed è meglio così, ma il 90 % del significato del film riesci comunque ad estrapolarlo. Non è un capolavoro, non è un film indimenticabile, ma almeno si distingue un pò dalla mediocrità attuale. Un 7 se lo merita!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/10/2012 23.24.31
Visualizza / Rispondi al commento
TheLegend  @  02/10/2012 21:49:51
   6 / 10
Una sceneggiatura originale ma incapace di reggere per tutta la durata del film.

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  02/10/2012 18:27:06
   7 / 10
Pascal Laugier decisamente capace di consegnarci un prodotto gustoso,affascinante,oscuro e che si discosta dai soliti thriller americani inaffidabili e ormai privi di idee geniali,che non ci lasciano una luce di speranza in questo genere infarcito di remake e ancora remake.
No,qui no.Sospiro di sollievo e siamo pronti per una storia preparata con la giusta tempistica e gestione del pathos e della tensione,con una regia serratissima e avvolgente che non perde mai le fila del racconto.
Una figura misteriosa,sto dannato Uomo Nero versione 2.0 partorito dal regista francese,presenza quasi disturbante che ci tartassa per tutta la durata di film,inserito in modo ben organizzato e con il chiaro intento di farci venire piu' dubbi possibili.
Una Biel ben lanciata nella sinistra vicenda,che ci offre una interpretazione degna e impressionante rispetto a quello che e' il suo standard in altri film.

Ed ecco che mi sono convinto nel mettere un 7 pieno.
Da non perdere per strada mi raccomando.

barebone  @  02/10/2012 14:07:31
   6 / 10
Una buona idea di partenza, ma come in "Dream House" anche qui il regista decide di sparare la sua cartuccia migliore a poco più di metà film, solo che in questo caso non ci si limita a capovolgere le situazioni ma si fa addirittura partire una sorta di giostra in cui buono e cattivo continuano a scambiarsi di ruolo lasciando lo spettatore piuttosto sbigottito ( ma per lo meno sveglio ) fino all'ennesimo ribaltamento, in un finale che comunque apre più di quanto non chiuda.
Ambientazione e fotografia in stile "Stephen King" rendono il tutto molto più cupo di quanto la trama consentirebbe, mentre la sceneggiatura colabrodo ( vedi spoiler ) è completamente priva di un qualsivoglia riferimento ai vari background individuali, utili ad aiutare lo spettatore a capire il comportamento dei vari personaggi, che più di una volta causa qualche perplessità.

Tecnicamente non ineccepibile ma comunque un filmetto guardabile.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  01/10/2012 10:27:18
   6 / 10
Laugier firma un thriller cupo, sporco e dalle ambientazioni decadenti.
Il regista cerca di mantenere sempre alta la tensione e di spiazzare lo spettatore per più volte durante il film, anche se non sempre riesce nei suoi intenti.
Ho apprezzato molto la scenografia e la fotografia, molto poco invece Jessica Biel.
Mi aspettavo decisamente qualcosa di più, comunque il film intrattiene, si lascia seguire e il finale non è male.

KasinaKD  @  30/09/2012 23:43:36
   8½ / 10
Una autentica sorpresa: non apettatevi il solito banale thriller americano, è un signor film che nella parte centrale ha un colpo di scena davvero geniale, che cambia completamente il corso e la percezione che lo spettatore ha della storia. Parlare della trama significherebbe svelare già troppo, ma ne vale assolutamente la pena. Mantiene alta la tensione per tutto il tempo, davvero affascinante ed intrigante.

AMERICANFREE  @  29/09/2012 22:33:21
   7 / 10
bel film condivido i voti positivi di altri utenti! io lo consiglio bravissima la Biel

lloydalchemy  @  29/09/2012 21:26:54
   7 / 10
devo dire che questo film gira molto sull'illudere lo spettatore facendoli credere una cosa invece dell'altra, e vero c'è poca tensione ma il tutto e girato in maniera eccelsa, gli attori se la sono cavata bene e ne consiglio la visione.

CavaliereOscuro  @  29/09/2012 10:23:36
   6½ / 10
Discreto thriller che gioca sul'inganno dello spettatore. L'idea è originale, non mancano i momenti di tensione ed anche il finale è soddisfacente. Una di quelle storie la cui fine non è decisamente "lieta" oppure lo è per qualcuno. Bravi gli interpreti e buona regia.

paride_86  @  29/09/2012 02:17:41
   6 / 10
"I bambini di Cold Rock" è un film che spiazza più volte lo spettatore, invertendo radicalmente la rotta e ingannando le aspettative.
Si tratta, tuttavia, di una storia con poca tensione, almeno per essere un thriller, e la sorpresa finale basta appena a giustificarne la visione. Almeno per chi condivide la tesi per cui

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

ely87  @  27/09/2012 19:29:10
   7½ / 10
Da come era iniziato ho pensato "ecco il film trash me lo son beccata io"...
invece mi ha sorpreso mi è piaciuta molto la storia che ho trovato originale nell'insieme,e la protagonista non mi aspettavo che recitasse bene il ruolo.

davvero un buon thriller ben riuscito per chi piace il genere ;)

Invia una mail all'autore del commento Laisa  @  27/09/2012 00:56:07
   7 / 10
Attenzione sono arrivate...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Mi piacciono i film sulla follia umana e non c'è niente da fare... la costruzione narrativa funziona, mantiene le aspettative... alcune scene poi sono superbe, per fotografia e recitazione...

l''unica cosa sconclusionata è la parte anarchica contro il sistema... l'identificazione della povertà come nemico da combattere... il messaggio che le tue potenzialità puoi svilupparle solo se sei ricco e pieno di mezzi...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
però considerato il tutto come espressione di pazzia pura funziona, non c'è che dire...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  26/09/2012 17:23:20
   6½ / 10
L'infermiera Julia Denning (Jessica Biel) è una donna bella, dai lineamenti puliti e la faccia d'angelo. Porta lievemente i segni funesti di un matrimonio finito al momento della morte del marito e quelli più chiari di una carne martoriata. Dopo aver fatto nascere il bambino della figlia dell'amica Tracy (Samantha Ferris), grazie all'esperienza acquisita stando al fianco dell'ex dottore della cittadina di Cold Rock, le capita un incidente.

Julia vive in un esiguo centro periferico nel quale, da circa sei anni, si è a diretto contatto con il panico a causa di alcune inspiegabili sparizioni. Oltre una dozzina di bambini sono stati rapiti dal cosiddetto "uomo alto", una figura a metà tra la leggenda e il reale. Qualcuno è scettico e ne sminuisce l'importanza, qualcun altro lo ha visto allontanarsi tra le vaste zone boschive che circondano le casupole e si lamenta che nessuno interviene perché il paese è troppo povero per suscitare l'interesse dello Stato, unico referente istituzionale che potrebbe far luce sul caso.

Pascal Laugier, già regista del noto e celebrato "Martyrs", conferma la sua attrazione per una ricostruzione scenica (curata da Jean carriere) brutta, sporca e decadente, per realizzare la quale va nello Stato di Washington, USA, a due ore da Seattle. Esibisce uno sfavillante côté di riflessi verdolini, mucchi di calcinacci e vecchie insegne che non possono non richiamare la corruzione dell'anima dell'uomo, squallida anch'essa. Nel fare ciò si affranca dalle classiche tinte horror, fornendo quelle aperture necessarie a far entrare un tipo di cinema singolare e un po' sovversivo.

Calatosi nei difficili panni di esperto di suspense, l'autore alimenta l'ossessione e il senso di disorientamento dei personaggi e dello spettatore, grazie a un abilissimo e progressivo spostamento dei punti di vista. La sterilità riproduttiva che sembra aver avvolto il villaggio di Cold Rock (nonostante il parto di inizio film avvenuto in un improvvisato reparto di ostetricia) ne incontra una economica. Acuta nel far percepire il trascorrere del tempo e allo stesso modo il senso del presente, la sceneggiatura lavora di fino sulla miseria nel quale il paese si ritrova dopo la chiusura della miniera.

Occorre molto coraggio e ambizione per caldeggiare con uno scritto di tale fatta un imprinting economico affiancandolo a uno sull'infanzia e l'adolescenza. Pascal Laugier gode di un'identità poetica pressoché esclusiva, cerca di entrare nella sfera privata delle famiglie, esplorando le cause e i risvolti dell'alcolismo, perfino dell'incesto. Si muove tuttavia sul filo del rasoio, quando vuole farsi garante di una genitorialità positiva, conducendo un'indagine, approdante a un'inevitabile giudizio educativo, così spinosa ed equivoca che in parte sembra appoggiare la follia e un'idea di immolazione quantomeno discutibile. Quando ci si muove nell'ambito della psicologia infantile e della psicoterapia familiare ci si trova a che fare con un ciclo di vita delicato e impegnativo, ed è necessario fare i conti con le pratiche, le usanze, le tradizioni e i rituali delle culture di appartenenza.

La facile demonizzazione di "quella cosa con la T" che, tra le altre, dovrebbe giustificare il desiderio, più volte ostentato dai ragazzini, di farsi prendere dall'Uomo Nero e nutrire le loro potenzialità e speranze, è un escamotage che serve per un altro "tradimento" narrativo. Perché le vittime passano poi dietro, o forse addirittura dentro, "quella cosa" (rimandi possibili e molto indiretti a "Videodrome" e "Sotto shock"), fertilizzandola con truccosetti e inni alla vita spensierata (costruendo una rete sociale fuori dagli USA dove interiorizzare meglio le regole culturali?) perché sostenuta dai soldi che fanno addirittura ritrovar la favella.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  26/09/2012 10:40:46
   7½ / 10
La cittadina di Cold Rock è in pieno declino, il degrado che la contraddistingue non è provocato solo dalla chiusura degli impianti minerari ma bensì da qualcosa di molto più agghiacciante.
C'è infatti un uomo di nero vestito che per oscure ragioni da anni rapisce i bambini, la gente ne parla malvolentieri e qualcuno crede sia addirittura un'entità soprannaturale.
Questo boogeyman conosciuto come "uomo alto" (il Tall Man del titolo originale) non lascia tracce gettando nel terrore l'intera comunità mentre la polizia brancola nel buio.
Pascal Laugier non stecca la chiamata oltreoceano a differenza di altri suoi colleghi annoverati nella nouvelle vague dell'horror transalpino, confezionando un thriller architettato con grande sagacia.
Dopo un'introduzione convenzionale il regista francese comincia a giocare pesantemente con le certezze dello spettatore e a furia di riusciti twist delinea un quadro rurale difficilmente intuibile.
Le apparenze ingannano di continuo, la tensione emotiva non scende mai di livello e l'evoluzione anomala sorprende non poco. Ciò che passa per scontato viene regolarmente stravolto , e coniugato alla messa in scena tipica di Laugier, permette la costruzione di un thriller molto cupo ed insolito.
Poi a mente fredda si potrà dire che alcuni passaggi sono fin troppo azzardati, sarà pur vero, com'è vero però che "I bambini di Cold Rock" appassiona e incuriosisce mettendo in scena una storia che in definitiva guarda in modo pessimistico all'attualità , con la crisi economica ad ergersi come il vero mostro che distrugge vite, per prime quelle dei più giovani.
Ci sono degli impercettibili punti di contatto con "Martyrs", di certo il proposito finale è molto diverso dalla sconvolgente opera seconda di Laugier che in questo caso oltre ad abbandonare la ferocia del torture-porn trascura anche le rarefatte atmosfere del sottovalutato "Saint Ange", rivolgendosi così maggiormente ad una platea più estesa e centrando l'obiettivo con un lavoro che una volta tanto non sa di minestra riscaldata.

Strix  @  25/09/2012 20:58:10
   7½ / 10
Non capisco chi dà un voto basso a questo film. La suspence C'E', la storia C'E'; Jessica Biel sempre più una conferma per quanto riguarda questo genere di ruoli, la fotografia è molto buona, idem il sonoro (solo nei film di Nolan ho riscontrato un sonoro altrettanto valido)..il regista è uno che ci sa fare..non sarà un capolavoro ma è un gran bel film che fa anche riflettere su un pò di cosette.

7 risposte al commento
Ultima risposta 02/03/2013 17.49.41
Visualizza / Rispondi al commento
axel90  @  25/09/2012 20:30:11
   6 / 10
Peccato. Un thriller dalle premesse molto buone e con delle tematiche di fondo niente affatto insulse si rovina nel voler essere troppo pretenzioso e poco avvincente. La regia esperta e la gradevole interpretazione della Biel salvano il film dall'insufficienza, dovuta peccato ad una mancanza di vera suspense e nel girare troppo attorno ad una trama per svelare colpi di scena che man mano che si va avanti diventano, ahimè, telefonati (arrivati a metà film si capisce dove si vuole andare a parare).

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  25/09/2012 17:53:42
   6 / 10
Purtroppo è la seconda volta che non do un voto entusiastico a Laugier. Questo thriller ha una trama dallo sviluppo interessante ma ha voluto dargli un tono psicoanalitico a discapito della suspense, che di per sé potrebbe andare come idea, ma la sceneggiatura gira troppo intorno a vari argomenti (come quello dal punto di vista sociologico e anche la relazione madre/figlio) senza arrivare a nulla, o meglio arriva ad un finale superficiale e manierista.
Per il resto, perfetta Jessica Biel e regia dalla mano esperta.

farfy  @  25/09/2012 02:05:46
   6½ / 10
Lo salvo per la prima parte....perché ribalta l'idea iniziale del film....però la trama vuole essere troppo morale e questo mi infastidisce un po'...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989885 commenti su 41661 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net