il presagio regia di Richard Donner USA 1976
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il presagio (1976)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL PRESAGIO

Titolo Originale: THE OMEN

RegiaRichard Donner

InterpretiGregory Peck, Lee Remick, David Warner, Billie Whitelaw, Harry Stevens

Durata: h 1.51
NazionalitàUSA 1976
Generehorror
Tratto dal libro "Il presagio" di David Seltzer
Al cinema nel Luglio 1976

•  Altri film di Richard Donner

Trama del film Il presagio

Scopre che il figlio adottivo è l'anticristo, e cerca di sopprimerlo. C'è spettacolo, ma poca originalità. Una suspence davvero notevole, ottimi attori e una fotografia spenta e suggestiva. Il film ebbe tre seguiti, primo dei quali fu La maledizione di Damien.

Film collegati a IL PRESAGIO

 •  LA MALEDIZIONE DI DAMIEN, 1978
 •  CONFLITTO FINALE, 1981
 •  IL PRESAGIO 4, 1991

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,58 / 10 (89 voti)7,58Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior colonna sonora
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior colonna sonora
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il presagio, 89 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  23/09/2018 16:33:49
   7½ / 10
Un classico del cinema horror anni '70. Memorabili alcune sequenze e la colonna sonora. Ancora oggi, riesce a trasmettere un vago senso d'inquietudine per tutta la sua durata. Sicuramente un horror degno di nota, imperdibile per gli amanti del genere.

Colibry88  @  18/09/2018 04:21:24
   8 / 10
Ecco, se qualcuno mi domandasse cosa intendo per "un buon film horror", molto probabilmente menzionerei "Il Presagio" (e altri pochi titoli). Film che ha segnato la mia infanzia; avevo una vecchia vhs che ogni tanto guardavo tremante. La tensione è assolutamente ben dosata, si avverte qualcosa di minaccioso ed inquietante lungo tutta la durata del film. Inutile dire che la prova del cast è semplicemente riuscita. Donner confeziona una storia davvero sconvolgente e angosciosa, ben congegnata e ben recitata. Ottima la colonna sonora. Il finale mi ha sempre colpito molto, lasciando un forte senso di rabbia, orrore e inquietudine. Un cult indimenticabile.

biagio82  @  29/05/2018 00:13:17
   7 / 10
un grande classico dell'horror girato da un richiard donner in maniera quadrata e capace, in un crescendo di tensione e colpi di scena e con alcuni punti davvero memorabili, come le morti cruente di alcuni personaggi.
con questo film, dopo il primo tentativo fatto da Polanski con ROSEMARY'S BABY, ci viene definitivamente consegnato il mito dell'anti cristo, che lascierà il segno in generazioni ed influenzerà altre opere a venire.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  17/11/2017 01:23:55
   8½ / 10
Il film di Donner ha sicuramente fatto la storia del cinema horror, rifacendosi soprattutto a "Rosemary's Baby" e scegliendo un ritmo piuttosto lento con lo scopo di aumentare la tensione. Le atmosfere sono quelle giuste, la sceneggiatura è efficace e il film fa il suo effetto ancora oggi, diversi decenni dopo la sua produzione. Sicuramente il migliore della trilogia originale (e con ogni probabilità anche migliore del quarto "aggiuntivo" e del remake, che entrambi non ho visto e non credo di avere molta voglia di vedere). Quasi tutte le scene di "The Omen" sono efficaci, una menzione speciale va fatta senza dubbio per quella nel cimitero. Il film riesce a fare effetto senza scene particolarmente sanguinose o mostri particolarmente elaborati, ed è sicuramente un ottimo esempio sul come creare un clima giusto per un film horror.

Mattia100690  @  29/08/2017 13:51:53
   7½ / 10
Classico del genere "horror", mi aspettavo qualcosa di più consistente. Alcune scene sono effettivamente terrificanti, ma manca di mordente.

DitaAppiccicose  @  05/06/2016 21:33:52
   8 / 10
Un classico dell'horror in senso lato degli anni settanta, nato forse sull'onda del successo de "L'esorcista" ma somigliante maggiormente a "Rosemary's baby" di Polanski,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Né la regia né la fotografia mi hanno entusiasmato, ma il film nel complesso mi è piaciuto non poco. Come punti di forza vi ho trovato una tensione praticamente stabile dall'inizio alla fine senza che si ricorra mai allo spavento fine a se stesso ( il "bubusettete" per intenderci... ), oltre ad una colonna sonora parecchio inquietante, premiata giustamente con l'Oscar. Gregory Peck sa dare spessore al personaggio, ma anche quello interpretato da Billie Whitelaw rende parecchio. Ad essere pignoli mi è sembrato affrettato il finale,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Overfilm  @  02/05/2016 20:32:03
   7 / 10
Non un capolavoro ma essendo un classico... direi che va visto anche se negli anni il tema e' stato trattato piu' e piu' volte.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  24/04/2016 13:23:42
   8 / 10
Classico senza tempo sull'Anticristo. La lentezza narrativa e i momenti di puro orrore, nell'insieme molto dilatati, altro non fanno che risaltare la tensione psicologica dell'intreccio, avvalorato da inquietanti toni apocalittici, scelte scenografiche di indubbia suggestione, e dalla prova razional/disperata del grande Gregory Peck.

Tappa imprescindibile del cinema horror.

Oskarsson88  @  08/09/2015 01:25:52
   7½ / 10
Nel suo genere davvero bello.. raro che un horror mi piaccia! Veramente ben fatto nelle scene principali.. il bambinello inquieta! Poi c'è una scena ricorda Shining a bestia! Comunque davvero piacevole, la colonna sonora azzeccatissima!

hghgg  @  07/05/2015 16:50:17
   7 / 10
Be per questo film vale più o meno quello che dissi già per "L'esorcista" e sebbene ci siano sostanziali differenze il giudizio complessivo è lo stesso; entrambi i film non mi fanno impazzire, soprattutto a causa delle tematiche e del come queste vengono trattate e mostrate ("Rosemery's Baby" ad esempio oltre ad essere un capolavoro mi inquieta moltissimo).

Questo tipo di storie, questo tipo di orrore rischia di lasciarmi sempre indifferente, non mi prende, non mi cattura, non mi spaventa e soprattutto a volte mi annoia molto, per me è come guardare un qualunque Fantasy, questo l'ho detto già commentando "L'esorcista" o ancora parlando di quelle che per me sono pure schifezze come "L'evocazione".

Anche vedendo "The Omen", seguendo lo sviluppo della storia ho avuto le stesse sensazioni, lo stesso "nulla" emozionale, la stessa inarrestabile idea di stare assistendo ad un qualcosa di pacchiano tra preti, anticristi, croci, diavoli, chiese e Gesù ti salverà.
Tutto giusto sia chiaro, il film affronta l'eterno scontro tra Bene e Male da un punto di vista cattolico quindi ci sarei anche rimasto male se fosse apparso Cthulhu da un momento all'altro, tuttavia devo ribadire che questo tipo di tematiche mi lascia del tutto indifferente, un po' annoiato e ben poco inquieto.

In ogni caso, al di là dell'identica opinione che ho dei due film, ci sono varie differenze che fanno da "aghi della bilancia".

"The Omen" innanzitutto è a mio avviso molto meno interessante da un punto di vista registico. E' diretto bene, con impennate notevoli nelle scene madri, ma da questo punto di vista, e non è strano, Friedkin da facilmente scacco a Donner. Mi basta pensare al prologo del film del 1973 o alla forte tensione che nella prima "sonnolenta" parte la regia di Friedkin riesce a creare, cosa che non riesce a Donner nonostante alcune scene ottime di cui parlerò dopo.
Anche la fotografia era superiore nel film con Linda Blair, in questo film a volte l'ho trovata un po' "posticcia" anche in scene molto belle che avrebbero meritato di più.

Tecnicamente, e registicamente soprattutto, il film di Friedkin è un gioiello, più curato, anche nel montaggio ad esempio, più lucido e meno spezzettato che "The Omen" che paga anche una sceneggiatura nel complesso sullo stesso livello o quasi di quella de "L'esorcista" ma a volte troppo confusa e frettolosa, brava nel creare momenti storici del cinema horror ma più debole nella sua interezza.

Il film di Friedkin è anche recitato meglio. In "The Omen" gli attori se la cavano e Billie Whitelaw è bravissima nel tratteggiare il personaggio più memorabile e inquietante dell'intero film però Gregory Peck, attore che non ho mai apprezzato molto, non riesce a reggere tutto sulle sue spalle mentre dall'altra parte le prove recitative della Burstyn, di Von Sydow e della stessa piccola Blair furono da applausi.

"The Omen" però riprende molti punti proprio nella gestione dell'elemento horror che qui ho apprezzato molto più che nella pietra miliare di Friedkin, grazie anche ad un certo numero di sequenze eccezionali che creano un'atmosfera orrorifica di indubbio effetto (e queste sono anche girate bene) e riescono a lasciare un alone di sottile inquietudine che ti scava dentro e colpisce di più rispetto alle più dirette manifestazioni de "L'esorcista".

Nel film di tre anni prima dopo una prima parte d'attesa molto affascinante succedeva praticamente di tutto. Bambina posseduta, bambina che vomita verde, bambina con la faccia da demone, bambina che si rigira la testa di 180 gradi, bambina che scende a ragno dalle scale, bambina che si ficca un crocefisso nei propri punti intimi, mobili che volano, preti che volano, un casino.

A mio avviso era tutto troppo sopra le righe, tutto troppo esplicito e decisamente poco spaventoso.

In "The Omen" qualcosa di grosso succede pure (il temporalone ammazza-preti, i cani) ma è tutto molto più sottile, sotterraneo, una costante tensione pronta ad esplodere, con scene tese, di grande fascino. Il Male presente è ben chiaro e al protagonista alla fine restano ben pochi dubbi eppure non si esplicita mai tutto in maniera eccessiva come ne "L'esorcista", il caro bambino Damien fa accadere cose orribili ma se ne sta sempre lì buono e tranquillo. E questa scelta l'ho trovata molto più riuscita rispetto alle emanazioni "vomitose" del "rivale".

Da un punto di vista dell'atmosfera quindi questo film mi ha colpito, non è un tipo di horror che mi turba o mi entra dentro però qui ci sono scene davvero riuscite.

Impossibile dimenticare la scena del suicidio della bambinaia... Qui la regia è eccellente, la scena arriva improvvisa, tagliente come una rasoiata, anticipata solo dalla vista del classico cane nero (bel cagnone, a proposito) e soprattutto avvolta in un atmosfera irreale, sospesa. "Guardami Damien, questo è soltanto per te". Scena bellissima e circondata da un'atmosfera che, seppure in senso lato, mi ha ricordato certe atmosfere di "Picnic ad Hanging Rock" non so nemmeno io perché visto che sono due cose molto diverse; forse per l'insensatezza percepita dallo spettatore, in quel momento, per il gesto della bambinaia non so, comunque grandissima scena.

E da qui inizia la spirale di eventi in un crescendo drammatico inarrestabile con altre scene d'effetto più o meno riuscite:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

La scena più bella a mio avviso resta quella del cimitero di Cerveteri dove in un'atmosfera oscura e irreale il protagonista e il fotografo scoprono le tombe dello sciacallo (madre dell'anticristo) e del figlio del protagonista, evento che porterà ad un'ulteriore tragica e terribile rivelazione, dopodiché verranno assaliti da un branco di mastini neri assatanati (è il caso di dirlo) e dovranno darsi alla fuga. Un po' irreale che tutti quei cani incàzzati non li abbiano sbranati in 20 secondi ma tolto questo siamo di fronte ad una sequenza molto potente, carica di tensione e angoscia inoltre l'immagine


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER è di quelle che non si dimenticano.

Buona anche l'ultimissima scena, mentre il finale in se non mi ha proprio detto nulla, affrettato e dal mio punto di vista poco coinvolgente.

Il film quindi di momenti e di cose buone ne ha, così come ha cose meno buone. Per i motivi detti all'inizio proprio non riesco ad andare oltre con il voto, resta comunque un buon film che ha meritato l'ingresso tra le pietre miliari del cinema horror.

6 risposte al commento
Ultima risposta 08/05/2015 00.46.42
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento luca986  @  07/02/2015 00:01:23
   6½ / 10
Pensavo fosse migliore. Attori convincenti, regia di buona qualità.

alex94  @  13/07/2014 11:27:11
   8 / 10
Ottimo film horror diretto da Richard Donner nel 1976.
La trama nonostante non sia originalissima è buona e si segue con piacere ed interesse fino al'inaspettato finale,molto inquietante il bambino.
Molto buona la regia e veramente ottima la recitazione, in particolare quella del grande Gregory Peck.
Ottima anche l'atmosfera minacciosa che si respira per gran parte del film.
Un cult del cinema horror degli anni 70 assolutamente meritevole di una visione.

GianniArshavin  @  18/05/2014 10:36:15
   6½ / 10
Fra i grandi classici horror del passato , "Il presagio" di Richard Donner era l'unico che mi mancava e per tale motivo ho deciso di recuperarlo.
Analizzando per bene questa pellicola di punta nel panorama dell'orrore anni 70 , ho trovato in primis straordinaria la colonna sonora di Goldsmith , inquietante come poche.
Tecnicamente il film a distanza di tempo funziona ancora egregiamente , grazie ad una regia oculata , una fotografia fredda e spenta adatta a questo tipo di storia e validi effetti , con un paio di sequenze realizzate splendidamente.
Passando alla vicenda , malgrado già nel 76 la tematica trattata non fosse poi cosi originale , la sceneggiatura non presenta falle consistenti e quindi la narrazione risulta quantomeno credibile. Da sottolineare la scrittura dei personaggi di Damien e della governante , davvero riuscitissimi nella loro sinistra caratterizzazione , fra i migliori senza ombra di dubbio del periodo; ovviamente a questo ottimo risultato hanno contribuito anche gli attori , bravi e in parte.
Passando alle pecche dell'opera , mi dispiace dirlo ma nonostante la storia sia ben costruita non sono riuscito a spaventarmi o a provare disagio. "Il presagio" è conosciuto come uno dei film più cupi e inquietanti mai realizzati , ma su di me questo effetto non si è verificato. Ho apprezzato la scelta di eliminare spaventi facili e sangue a fiumi , ma il terrore psicologico e l'atmosfera malata di "Rosemary's baby" , ad esempio , qui sono assenti totalmente.
Poco sfruttata pure l'ambientazione e nemmeno la famosa sequenza del cimitero mi ha suggestionato più di tanto.
Il ritmo con cui va avanti la vicenda è molto compassato e a volte , duole dirlo , la noia sopraggiunge beffarda.
Chiudo citando altri due aspetti positivi come: il finale inaspettato e la realistica presa di coscienza dei due genitori sulla reale natura del figlio.
Ricapitolando sotto molti aspetti "Il presagio" mi ha deluso , ma non si possono comunque dimenticare i numerosi pregi. Donner dopo questo lavoro (considerato maledetto per una serie di sfortunati eventi in fase di realizzazione) abbandonerà totalmente questo genere dedicandosi a pellicole totalmente differenti.

horror83  @  13/03/2014 10:16:07
   4 / 10
Pessimo sotto tutti i fronti. Il remake è decisamente molto meglio, poi confrontato con questo film è un capolavoro. Questo film è noioso, privo di tensione, e la paura manco a parlarne. Ho notato che hanno fatto il remake a film dove gli originali non sono questo granchè.
E questo, "il presagio", è proprio brutto, noioso, lento, il bambino che non mette inquietudine per nulla. Menomale che fanno i remake! Io preferisco molto di più i film horror moderni perchè li trovo superiori a quelli del passato (dell'horror passato mi sono piaciuti pochissimi film). Evviva i remake! Evviva l'horror moderno, superiore in tutto!
Questo film è bocciato!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 02/09/2014 14.25.16
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  22/02/2014 14:42:13
   7½ / 10
Dopo aver visto il remake del 2006 mi sono deciso a reperire anche l'originale. E ho fatto bene.
Un film assolutamente inquietante, specialmente nella seconda parte, scandito da una colonna sonora altrettanto cupa ed ansiogena, diretto abilmente da Donner e interpretato magnificamente da Peck e da tutto il cast.
Ci si sente pienamente coinvolti durante tutto l'evolversi della storia e non ci si distrae nemmeno per un attimo, lasciandosi trasportare dalle atmosfere dense di pathos e di suspense.
Davvero ottimo nel suo genere.

alepr0  @  19/02/2014 23:01:21
   7 / 10
Era da tempo che non vedevo un film capace di angosciarmi così. Da vedere se siete appassionati di horror. E' stato fatto anche un remake ma non è stato sullo stesso livello.

vieste84  @  09/02/2014 12:23:48
   7½ / 10
Bellissimo!! La storia è ben fatta ed è sorretta da ottime musiche, la suspence c'è e si sente, gli attori sono indovinati e in piu le scene delle morti sono spettacolari, il senso di impotenza ci accompagna per tutto il film......10 e lode per la scena del fotografo. Pagherei per vedere degli horror cosi ben fatti al giorno d oggi

Azrael  @  11/12/2013 13:06:08
   8 / 10
Assieme all'esorcista di Friedkin e Rosemary di Polanski, il miglior film in tema di satanismo.
Per la verità qui non ci sono possessioni, ma abbiamo il figlio del diavolo in persona che cala tra i viventi. Semplicemente una pellicola cult che ancor oggi riesce a trasmettere inquietudine e sbigottimento. Un classico da cineteca che non può mancare nella vostra memoria filmica.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  05/11/2013 14:33:32
   8½ / 10
" The Omen- il presagio " Di DOnner è un film horror abbastanza retrò, che proposto ai giorni nostri sarebbe facilmente ignorato.
Invece questa pellicola vanta una confezione tecnica ottima : una fotografia spenta fa da contorno alla drammatica vicenda, le musiche non sembrano appartenere a questo mondo ( Goldsmith in grandissimo spolvero ), mentre il cast è ottimo.
Oltre a Gregory Peck, perfettamente in parte, menzione a parte meritano sia il piccolo bambino che la sua malefica badante.
Entrambi sono realmente inquietanti e non hanno nulla da invidiare a figure horror più moderne.
Il film è del 1976 , perciò è assolutamente differente il modo di fare un film horror .
Mentre adesso si cerca più lo spavento temporaneo ed improvviso con le solite scene con audio a palla ed apparizioni repentine, qua invece non troveremo neanche una scena di questo tipo.
" Il presagio" è un horror che cresce piano piano , estendendo un'atmosfera lugubre e malata, che elargirà morti a chi proverà a contrapporsi all'ANticristo.
Il tema dell' ANticristo prende ispirazione in maniera non troppo velata dal capolavoro di Polanski, ROsemary's Baby, e dall' esorcista di Friedkin.
Probabilmente il film ha avuto la grandissima sfortuna di essere accostato ( dal punto di vista temporale ) all'ultimo film citato, passando un pò in sordina.
Tra l'altro, Kubrick in Shining propone un bambino sul triciclo, ed è palese il richiamo a questo film.
Oltre a questa celeberrima scena, moltissime altre sequenze regalano dosi di tensione che difficilmente ho trovato in altre pellicole : cito la scena del cimitero, oppure la scena del ritorno a casa da parte di Peck.
INsomma " The Omen" è un horror vecchia maniera, probabilmente sorpassato nei modi di spaventare , ma che ancora adesso riesce ad attrarre per la semplicità con la quale riesce a tenere lo spettatore incollato allo schermo.
Purtroppo anche questo film ha dato il via ad una saga di 3-4 film.
Sarà mia premura evitarli accuratamente.

Spotify  @  11/07/2013 15:22:29
   7½ / 10
Horror molto bello e anche molto inquietante. Sicuramente uno degli horror più belli che ho visto. Forse un po' datato ma se si vogliono cercare i grandi horror cult si deve andare a cercare tra gli 60 e gli anni 80. Un film che gioca di più sulla tensione che sullo splatter, infatti di scene dure ce ne sono poche ma potevano essere un po' impressionati per l'epoca (1976). Il bambino è molto inquietante sopratutto quando fa quei sinistri sorrisetti. Molto bravo il protagonista. Grande film horror.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

dagon  @  05/07/2013 15:59:50
   6½ / 10
Non male, anche se non mi ha mai entusiasmato. Poi c'è la colonna sonora di Jerry Goldsmith e lì parliamo di un altro livello. Avrebbe meritato di esserlo di un film di altro peso: strepitosa, con la famosa lunga suite che mette brividi di inquietudine.

antoeboli  @  20/02/2013 04:07:50
   8 / 10
Un film inquietante , rafforzato da una superba colonna sonora che mette i brividi . La regia del buon R. Donner è ottima ,senza nessuna sbavatura a parte il punto forte del film ovvero il bambino protagonista , che personalmente avrei scelto con una faccia meno angelica .
Recitazione ottima e con un grande G.Peck , che ha fatto si che fino ad oggi questo film possa essere definito un vero cult.
Una prima parte del film abbastanza monotona e scontata , però si sblocca nella ripresa , con colpi di scena a gogo , e con un gran finale , anche se prevedibile .
Io non ho letto ne il libro da cui è tratto Omen , ne quello da cui han tratto Shining ma è paradossale come il film di Kubrick prenda spunto da una delle scene più importanti come quella del piccolo Damien in sella a un triciclio per corridoi stretti .

sweetyy  @  24/11/2012 04:30:05
   8 / 10
Ottimo horror davvero inquietante (anche la colonna sonora), un cult imperdibile.

BlueBlaster  @  03/08/2012 15:53:12
   6½ / 10
Un altro film sopravvalutato...sulla fortuna de "L'esorcista" uscirono, specie in Itali, centinaia di prodotti cloni o comunque dalla tematica affine...pochi però colpirono il segno, questo film si direbbe di si...
Almeno per quel che riguarda la recitazione e la regia, oltre che le musiche siamo di fronte ad un ottimo prodotto!
C'è tensione e le atmosfere sono inquietanti..però per me è stato abbastanza noioso e sicuramente non mi ha fatto l'effetto di altre pellicole demoniache!

Xavier666  @  11/07/2012 23:11:49
   8 / 10
Uno dei miglior film horror della storia sulla scia satanica di Rosemary Baby e l'esorcista. Del primo riprende la tematica del figlio di Satana sulla terra, l'anticristo e del secondo il confronto filosofico tra il bene e il male (confronto che sarà più esplicito e "dialogato" nel terzo episodio della saga, quello con un grandissimo Sam Neil).
Film superbo con una colonna sonora che ha pesantemente influenzato i miei incubi notturni infantili, ottimi attori e ottime performance, non tanto gore (a parte la testa del tipo ! woooww!!) quanto thriller religioso.
Un grandissimo film che non risente per niente del tempo che passa. Un classico.

Tra le performance degli attori vorrei ricordare l'inquietantissima governante!!

C.Spaulding  @  02/06/2012 02:44:08
   9½ / 10
Uno di quei film che quando lo vidi da piccolo mi fece davvero paura. La trama è coinvolgente la regia ottima e la recitazione superlativa.Non solo peck ma anche il bambino non è niente male. Adattissimo per impersonare il figlio di Satana. Straordianaria la decapitazione del fotografo e la scena dei babbuini. Un film davvero sconvolgente. Da vedere assolutamente.

chem84  @  29/06/2011 23:05:36
   6½ / 10
Nel complesso si tratta senz'altro di buon film, anche se probabilmente risente troppo dell'età che si porta appresso.
Guadagna punti per una serie di scene alquanto meritevoli (vedi decapitazione, scena dei cani e siparietto iniziale della governante), ma purtroppo non entrerà nella lista dei migliori horror.

76eric  @  29/06/2011 18:49:16
   9½ / 10
Il film che preferisco inerente il tema del demonio tratta da un romanzo di David Seltzer.
Ha riscontrato molto successo, visti i suoi sequel e remake, ma L' esorcista di Friedkin gli ha un pò, diciamo così, tarpato le ali ( immeritatamente).
Ottima la trama con la Chiesa, nella figura dei 2 preti, che gioca un ruolo molto ambiguo, dapprima portatrice del Male per poi rendersi conto che è troppo tardi e che bisogna agire in fretta.
Cast stellare con il duo Peck/Remick e supportato da ottimi attori di contorno, davvero inquietanti il bambino (Harry Stevens) e la sua tata (Billie Whitelow).
La tensione è sempre presente ed alcuni momenti sono al cardiopalma e questo, va riconosciuto, anche grazie alle eccelse ed azzeccate musiche di un Jerry Goldsmith forse in forma come non mai.
Quanto suona strano infine la parola Cervet, per indicare la città di Cerveteri, sede del cimitero etrusco abbandonato.
Uno dei film che a suo tempo mi spaventò maggiormente. Indimenticabile.

gemellino86  @  21/06/2011 23:27:14
   8 / 10
Molto bello questo horror. Mette molta paura e trasmette tantissima tensione. Tra gli attori spicca un bravissimo Peck. Sconsigliato ai deboli di cuore.

Mothbat  @  21/11/2010 03:27:19
   8 / 10
Ottimo horror anni '70.

edmond90  @  16/11/2010 21:14:43
   8 / 10
Terzo ed ultimo film della cosiddetta"trilogia del demonio"dell'horror americano iniziata da Polanski con Rosemary's Baby nel 1968 e proseguita poi con l'Esorcista di Friedkin.
Decisamente è il peggiore dei tre ma rimane comunque un signor film,ricco di suspence e dominato da un'atmosfera morbosa ed inquietante.
Ben controllata la regia di Donner coadiuvata dalla lussuosa fotografia calda e opprimente.
Alla riuscita della pellicola contribuiscono comunque in maniera determinante gli attori protagonisti:Gregory Peck,perfetto nel ruolo di un uomo tormentato ma sempre fermo e riflessivo e Lee Remick,spaurita e fragile.Notevole anche il bambino che impersona Damien.

3 risposte al commento
Ultima risposta 26/09/2011 08.22.16
Visualizza / Rispondi al commento
trickortreat  @  08/11/2010 18:25:35
   10 / 10
Bellissimo cult anni 70 con un cast fenomenale! Meravigliosa la decapitazione del fotografo, atmosfere inquietanti e colonna sonora sublime, che si è meritata un Oscar

guidox  @  25/09/2010 15:41:36
   9½ / 10
sul mio voto pesa il fatto di averlo visto quando ero un giovincello, ma anche il fatto che in età più adulta, rivedendolo, molti elementi che avevo apprezzato li ho trovati decisamente in buona saluta, nonostante lo scorrere del tempo.
e poi ad un film di questo genere l'atmosfera anni Settanta giova a prescindere; per esempio, un bambino così inquietante se il film fosse stato fatto negli Ottanta o nei Novanta, non si ci sarebbe mai stato.
la storia è ben costruita, le musiche accrescono in maniera esponenziale la tensione presente dall'inizio alla fine del film e alcune scene sono spiazzanti nella loro crudezza, senza che ci sia bisogno di versare fiumi di sangue.
il tutto infatti è molto psicologico...il cane, la governante...e ancora lo zoo safari, il monastero, il cimitero....
bellissimo e straconsigliato

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/09/2010 15.54.38
Visualizza / Rispondi al commento
dobel  @  03/09/2010 13:25:27
   7 / 10
Otto anni dopo Rosamary's baby, e tre dopo L'esorcista, questo film conclude una ideale trilogia sul Demonio degli anni settanta. E' sicuramente il capitolo peggiore, ma non per questo si tratta di un film mediocre: ci sono almeno tre scene da antologia, e il finale è aperto ai sequel che già cominciavano a balenare nella mente dei produttori. Un buon film, inquietante e diretto molto bene da un regista che, pur non essendo un maestro assoluto, ha dato prova di sapersi inserire sapientemente in un filone impervio. Le prove attoriali sono discrete, e la vicenda suscita molto interesse.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/09/2010 17.39.41
Visualizza / Rispondi al commento
simone p  @  19/07/2010 19:27:46
   6½ / 10
Pensavo meglio.
Comunque è un buon film con dei colpi di scena ben realizzati.
Purtroppo in alcuni punti diventa troppo lento e noioso.

bebabi34  @  04/07/2010 11:24:14
   9 / 10
Suspense al massimo e imprevedibili colpi di scena. Terrificante nella sua semplicità. Nonostante l'età, è tuttora uno dei film più perversamente coinvolgenti.

MarkTheHammer  @  31/05/2010 13:26:01
   8 / 10
Davvero un ottimo horror, trama splendida!

pinhead88  @  03/04/2010 23:10:31
   7½ / 10
Ottimo horror anni '70 che inaugurò una quantità infinita di filoni ispirati a questa saga.senza dubbio uno dei migliori del genere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  06/01/2010 14:42:15
   7½ / 10
Sicuramente uno dei migliori film del genere, soprattutto per la capacità di Donner di sfruttare abilmente un tema già abbastanza codificato. La Remick è sempre bella e maledettamente inquietante nelle sue nevrosi. Un classico da vedere e rivedere

suspirio  @  23/12/2009 01:54:26
   8½ / 10
Ottimo film, girato benissimo, il bambino era veramente terrificante.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  01/11/2009 21:07:11
   6½ / 10
Horror dal grande cast e diretto da un ottimo mestierante come Donner, con una discreta suspense ed un bell'ingranaggio narrativo, ma che col tempo ha perso gran parte del fascino che lo contraddistinse all'epoca. In ogni caso una pietra miliare del genere satanico.

LoSpaccone  @  25/10/2009 17:41:11
   6½ / 10
Thriller sulla venuta dell’Anticristo, sulla scia di film di successo come “L’esorcista” e “Rosemary’s baby”. Poco originale ma avvincente, la suspense tiene fino alla fine.

paride_86  @  17/10/2009 02:26:36
   6½ / 10
Dopo "Rosemary's Baby" è "L'esorcista", nel 1976 ancora una volta viene proposto un film sulla venuta del demonio sulla Terra.
Stavolta il risultato è parecchio inferiore ai titoli sopracitati, ma si distingue per una bella colonna sonora e una buona interpretazione di Gregory Peck.
Per quanto riguarda il bambino...non spaventa nemmeno un po'!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  25/09/2009 13:37:16
   7 / 10
Bel film che ha avuto però dei sequel contraddittori. Donner dirige bene ma la storia (parlo chiaramente per esperienza soggettiva)non mi ha inquietato più di tanto. Film appartenente al filone horror-satanico,sinceramente ci sono prodotti migliori anche se questo film non demerita assolutamente in quanto tratta un argomento gia nel '76 usato e abusato da tanti registi in una prospettiva diversa. Anche per questo il voto va alzato a sette. Il remake di qualche anno fa,per quanto non bruttissimo,non rende giustizia all'originale che ha molte scene costruite con maestria. Ad esempio quella del cimitero è forse l'ambienazione più inquietante di Omen. Buonissimo flm horror che spaventerà però specialmente i più credenti (d'altronde quella del diavolo è una paura ancestrale di tutti gli uomini con una certa religione). Cosa lo rende più debole de L'esocista e di Rosemary Baby? Credo sia per il fatto che nel primo,rispetto a Omen,abbiamo il cambiamento inquietante della bambina sotto i nostri occhi e anche a chi non interessa il filone religioso del film non ne puo rimanere indifferente al cambiamento incredibile d Regan. Invece nel film di Polanski abbiamo una tensione costruita lentamente fino al punto di esplosione. In Omen inquieta il fatto di decidere se questo bambino debba essere sacrificato o no in nome di una fede. Molto originale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  20/08/2009 17:46:30
   7½ / 10
Buon horror e d'altronde in quel decennio il genere ha avuto una grande rinascita, dopo essere stato sdoganato anche dalle grandi majors con l'Esorcista. Una buona trama, ben sviluppata e una tensione che lentamente si insinua insieme ad una certa inquietudine, rafforzata anche da un'ottima colonna sonora.

Ciaby  @  01/08/2009 13:58:31
   7½ / 10
Horror-cult piacevole. Nettamente superiore al sopravvalutato e soporifero "Esorcista", "Omen" si rivela un ottimo film dell'orrore, che non fa paura, ma che sa sopravvivere grazie ad una regia molto ben congedata, attori riusciti e una trama interessante, con buoni sub plots e un'indagine coinvolgente da thriller.
Bellissima la scena iniziale dell'impiccagione.
Notevole il tentativo di non perdersi in effettispeciali-cafonate tipici (purtroppo) di molti horror dell'epoca. Bello.

bulldog  @  16/07/2009 00:24:17
   7½ / 10
Ottimo,buoni anche i sequel.

RedPill  @  09/07/2009 21:10:19
   7 / 10
Bel film, che tratta uno dei miei temi preferiti in maniera un pò atipica se si considera il soggetto e nonostante la tensione non tocchi quasi mai livelli altissimi, un alone di inquietudine e mistero avvolge la pellicola per tutta la sua durata.Merito da attribuire sicuramente all'ottima fotografia, alla perfetta colonna sonora e alla recitazione di Harvey Stephens, che alla tenera età di sei anni, se ne esce con un'interpretazione veramente magnifica (non mi spiego come mai la carriera di questo bambino si sia, più o meno, fermata qui).Azzeccato anche il ruolo della governante, Billie Whitelaw appare molto espressiva e comunicativa e (incredibilmente) gode di un ottimo doppiaggio; la voce, infatti, appare più bassa e profonda rispetto a quella originale più alta e squillante, ed in oltre risulta essere anche più gentile e accomodante.Bravo anche il più famoso Gregory Peck, che vedrà i suoi momenti migliori nella fasi conclusive, quando il film salirà decisamente d'intensità.Un buon cast quindi, ed una storia ben strutturata rendono questo film uno dei migliori nel suo genere.

memo  @  17/05/2009 22:15:24
   8½ / 10
gran bel horror come si facevano solo nei'70.. classe, tensione, attori bravissimi, musica spettacolare

Drugo.91  @  28/04/2009 14:15:44
   5 / 10
rielaborando un pò con L'ESORCISTA esce questo film, noioso con pochissime belle trovate e poca tensione, decisamente inferiore agli altri capolavori che gli anni 70 ha portato per il cinema horror

John Carpenter  @  26/04/2009 22:25:30
   8 / 10
Grande cult del horror anni '70, Omen è un film che nonostante diversi sequel e un recente remake, è invecchiato benissimo. Infatti questa pellicola sulla scia dell'esorcista, che uscì 3 anni prima, riesce in tutta la sua durata ad intrattenere ed a regalare allo spettatore una certa dose di tensione quasi palpabile, grazie a scene molto intense e a una colonna sonora di Jerry Goldsmith che fin dai titoli di testa riesce ad inquietarti. E in effetti, è un film del terrore, in quanto gli omicidi non presentano splatter e violenza, ma è un horror che punta più sulla tensione e sull'angoscia, su musica e sguardi allucinati. Oltretutto c'è da segnalare che è girato molto bene, ed è per questo un film molto "avanti" per essere di 30 anni fa, e c'è da sottolineare che il regista Richard Donner è qui al suo film d'esordio, un esordio a cui seguiranno moltissimi successi come Superman, LadyHawke, I Goonies e la quadrilogia di Arma Letale da lui interamente diretta.

John.

marfsime  @  15/04/2009 14:18:28
   8 / 10
Molto bello..magari non raggiunge i livelli dell'esorcista (che è comunque un film diverso pur rimanendo nel genere horror demoniaco) ma comunque riesce benissimo nell'intento di inquietare lo spettatore. La regia e la fotografia sono molto buone così come la recitazione di un po' tutti i personaggi..in particolare del bambino con la sua risata decisamente inquietante. Ho visto anche il remake ancor prima di vedere oggi l'originale e devo dire che questo è nettamente superiore..merita sicuramente una visione.

gasy  @  21/12/2008 18:50:40
   8 / 10
Bel thriller psicologico d'atmosfera satanica. Il valore aggiunto oltre alla tensione è il bravo Peck che riesce a dare spessore al ruolo del padre.

Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  02/12/2008 15:11:14
   8 / 10
Donner ci regala un'ottimo horror da un'atmosfera opprimente, che darà ahime il via ad una serie di sequel inutili

Gruppo COLLABORATORI julian  @  21/10/2008 15:37:08
   7 / 10
Considerata l'annata è un horror eccezionale che invecchia benissimo e fa paura tuttora.
Efficace, ben recitato e girato, con un sapiente dosaggio di effetti speciali sempre credibili e mai eccessivi.
La storia dell'Anticristo è inquietante, ma lo sono ancor di più gli eventi che accaddero sul set e ostacolarono la troupe: due fulmini che colpiscono lo stesso aereo su cui la prima volta viaggiava Gregory Peck e la seconda volta Seltzer autore del libro; la moglie dell'addetto agli effetti speciali (che aveva realizzato tra le altre cose anche la decapitazione del fotografo) che muore decapitata in un incidente d'auto in Belgio nel quale viene coinvolto anche il marito stesso.
Questi, una volta destatosi, vide un cartello: Liegi 66,6 Km.
Impressionante !

Inutile guardare Omen del 2006. E' praticamente un remake shot for shot, in tutto e per tutto uguale.

Invia una mail all'autore del commento Project Pat  @  08/09/2008 20:37:09
   10 / 10
Un horror a mio parere capolavoro, da non paragonare neanche alla lontana con il ridicolo, ma comunque solido, remake del 2005.

4 risposte al commento
Ultima risposta 10/09/2008 12.08.51
Visualizza / Rispondi al commento
harold  @  13/08/2008 14:29:22
   10 / 10
Per me, di gran lunga superiore all'Esorcista. Storia meglio elaborata, con gli effetti speciali che non calcano la mano come nel celebre film di Friedkin. e un lavoro di fino sui personaggi e sulla suspense, ottimamente calibrata. Bella regia di Donner, poi finito a dirigere la serie di Arma Letale. Ma qui vale molto di più. Diversi i momenti da ricordare. Cast memorabile. Peck si riscatta dopo qualche film non proprio riuscito; la Remick efficace; la Whitelaw raggelante; David Warner sempre su livelli eccellenti. Indimenticabile la colonna sonora di Jerry Goldsmith, giustamente premiata con l'Oscar. Classico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  12/08/2008 18:30:04
   7 / 10
Buon horror che a differenza del recente remake ha ottimi interpreti che riescono ad aumentare la carica di tensione ed ansia dell'intero film.
La tematica religiosa di base è trattata in maniera dignitosa. Ottima la regia e soprattutto la fotografia.

Invia una mail all'autore del commento alessio222  @  30/07/2008 22:27:32
   7 / 10
buon film,forse mancava un pochino più di tensione e qualche scena horror in più comunque un film che si può gustare tranquillamente

JOKER1926  @  04/06/2008 14:29:39
   6½ / 10
"Il Presagio" di Richard Donner in linea di massima è composto dai principali, cardini, fondamentali ingredienti horror: mistero, storia avvincente, tensione...
Prendo in considerazione l'ultimo "ingrediente"...
La tensione non è tantissima, ma in alcune scene (vedi quella del cimitero) sale alle stelle..! (certo non "turba" il mio animo.!)
Comunque i film su Satana generalmente sono sempre dei flop...
In questa lista però non possiamo "iscrivere" il film in considerazione...
Infatti "Il Presagio" (anche se a mio parere è poco originale), è "munito" di una buona storia, discreta la dinamica del film, pellicola sublimata con un po' di tensione e mistero...
Buoni gli attori, discreta anche la fotografia, l'inizio della pellicola è discreto e molto misterioso...
Come accennato prima lo svolgimento del film è accettabile...
L'Anticristo diventerà gradualmente sempre più diabolico...
Quindi buona l'icona, l'immagine dell' Anticristo molto inquietante, misteriosa anche l'icona della badante che, aiuterà il suo "piccolo" in varie situazioni (anche nel finale...)...
Film composto da tante buone scene, bellissima la scena del cimitero, bella, misteriosa la parte in cui il fotografo mostrerà una fotografia che lo rappresenta (incredibilmente) nello specchio..!
Film pieno di tanti piccoli dettagli, buoni i dialoghi, e ripeto ancora una volta che lo svolgimento del film (forse un po' troppo semplice) è soddisfacente con il padre del bambino che lentamente, gradualmente inizia a nutrire dubbi sulla natura del figlio...
Magnifica la scena verso la fine ove Jennings muore accidentalmente( accidentalmente..?), il suo corpo verrà macellato da una lastra di vetro (scena buona anche sul piano cinematografico...)
Buona la parte, le varie parti in cui si parla delle fotografie "manipolate"... davvero inquietanti..!
La parte finale del film è accettabile, forse scadente sul piano cinematografico...
Particolare il finale, nessuno poteva "pronosticare" una cosa del genere..!
In futuro questa "tecnica" verrà adottata in altre pellicole horror...
Oltre ai tanti pregi della pellicola trovo dei difetti...
Film molto lento e con poca tensione (se si escludono scene come quella del cimitero e il finale questo famigerato "ingrediente" svanisce...), pellicola poco originale, i film su Satana presentano (in linea di massima) le stesse caratteristiche...
Quindi il "Presagio" non entusiasma tantissimo, ma esso resta globalmente un accettabile film e nella classifica dei film Satanici occupa le prime posizioni...
La "leadership" di questo prodotto cinematografico comunque è relativa,ambigua...
Infatti grandi film riguardo Satana non ce ne sono stati... Esempi...?
"Il signore Del Male", "Rosemary's Baby"...

6 risposte al commento
Ultima risposta 23/10/2008 17.38.14
Visualizza / Rispondi al commento
Raffa§  @  25/05/2008 23:18:14
   9 / 10
Sicuramente il miglior horror-satanico che abbia visto fino ad adesso!

Dimenticate "l'esorcismo di emily rose", "l'esorcista", "stigmate"... questo non ha confronti.

Gregory Peck con il suo volto duro e impassibile e strabiliante!

Invia una mail all'autore del commento BIONDO  @  23/05/2008 15:16:32
   7½ / 10
un film molto solido, da vedere...

DarkRareMirko  @  12/04/2008 01:48:21
   7 / 10
Classico horror con un grande Gregory Peck; checchè altri dicano a questo episodio (senza dubbio comunque il migliore) seguiranno due film più che dignitosi e un discreto remake.


Memorabile il tema musicale di Goldsmith e famosissima la scena della decapitazione.
Fear level più che rispettabile; la regia del buon Donner (I 4 Arma letale, Ipotesi di complotto, giusto per citarne solamente alcuni) si sente eccome.

Consigliatissimo, così come tutto sommato i 2 sequel e il remake.
Evitate come la peste il televisivo quarto capitolo.

HGWells  @  07/04/2008 18:50:12
   9 / 10
Non mi stuferò mai di vederlo. E pensare che non amo molto i film lenti, però, cavolo, questo film inquieta come pochi altri (meravigliosa la scena dello zoo), stupendi gli attori, specialmente il piccolo anticristo, bellissime le musiche di Goldsmith (premiate con un Oscar), e stupefacente la decapitazione, anche se l'effetto, visto oggi, potrebbe far sorridere. Eccellente.

The Monia 84  @  09/01/2008 19:54:13
   8 / 10
L'Anticristo e il suo avvento: dal romanzo omonimo di David Seltzer, anche autore della sceneggiatura, un film che ha fatto epoca..
Suspence e brividi garantiti in una delle migliori opere sataniche del genere horror, tutte debitrici di Polanski e Friedkin.
Purtroppo ha dato vita ad un filone, l'ennesimo, straziato da film negativi e poco utili.

éowyn_3  @  23/12/2007 23:43:40
   7 / 10
film ben costruito e inquietante, ma non particolarmente esaltante.

Living Dead  @  01/12/2007 19:03:04
   8 / 10
Tra i migliori thriller/horror a sfondo religioso. Nonostane sia uscito nel periodo in cui un certo "esorcista" terrorizzava le platee, il film di Donner funziona perfettamente. Teso, cupo, spettacolare e con un gran cast, riece a distanza di anni a fare ancora il suo effetto grazie anche ad una sceneggiatura intelligente ma non sempre precisa. Inutile dire che il paragone con l'orrido ed inutile remake è improponibile sotto ogni aspetto.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Tony Ciccione90  @  02/11/2007 21:40:21
   7 / 10
Merita il 7, perchè è molto meglio del remake cui ho dato 6! Il bambino che fa Damien qui è meno irritante del bambino del remake e forse anche più inquietante. Inoltre questo film è molto meno "americano" del remake, basti guardare la fine. In alcune scene c'è molta tensione. Ottimo Peck.

Invia una mail all'autore del commento Andrix84  @  31/08/2007 19:52:50
   6½ / 10
Non male,anche se il remake del 2006 è migliore.

the saint  @  25/08/2007 19:30:25
   7½ / 10
mi sembra che dopo l'esorcista, trattando quel genere di temi li è uno dei migliori...considerando poi che è stato girato nel 1976..assolutamente niente male

cinemamania  @  16/08/2007 14:05:28
   8 / 10
L'interpretazione di Gregory Peck è molto significativa. Bellissimo film.

FORZA NAPOLI  @  10/07/2007 17:02:55
   7 / 10
CERTAMENTE UN BUON FILM, BEN FATTO...
CI SONO DELLE OTTIME SCENE, LA TENSIONE NON MANCA, IL FILM SCORRE ABBASTANZA VELOCEMENTE, IL FINALE E' BUONO, LA SCENA PIU' BELLA E' SICURAMENTE QUELLA NEL CIMITERIO.
E' UN FILM CHE VA VISTO, FILM MOLTO CURATO, BEN FATTO, CMQ LA TENSIONE NON E' TANTA !

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento agentediviaggi  @  10/05/2007 14:54:48
   7½ / 10
E' senza dubbio uno dei migliori horror sovrannaturali che ricordi l'ho (visto da bambino): la tensione e la suspence sono al massimo e l'interpretazione di tutti gli attori è molto buona. Da ricordare la sequenza ambientata nel cimitero etrusco di Cerveteri e il notevole finale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  04/03/2007 18:07:16
   7 / 10
ottimo horror confezionato con classe...non si abusa con la violenza e la musica gia da sola risulta paurosa...
mettiamoci anche un finale inaspettato e ne viene fuori proprio un bel film!

Macs  @  09/02/2007 19:22:55
   9½ / 10
Un film splendido che ancora oggi mette una paura.. del diavolo addosso. Gregory Peck e Lee Remick perfetti, e che dire del piccolo Demien, il miglior piccolo diavolo mai apparso sullo schermo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  12/12/2006 20:31:43
   7½ / 10
Sette e mezzo anche all’originale “Il Presagio”, stesso voto del rifacimento di Moore. Vi sembrerà irritante o petulante il fatto di dare lo stesso voto ai due Omen, che per molti l’ultimo è immeritato. Ma la verità è che entrambi hanno dei difetti opposti, e avendo punti di forza contrastanti, si completano a vicenda. Il film di Moore è senz’altro un remake arrogante, entrato nei cinema quasi prepotentemente e senza avere dei veri motivi x quella nuova realizzazione. E poi, si vedono troppi remake ultimamente, ma questo lo sappiamo tutti, e questo è indice di poca fantasia. Ma spesso e volentieri succede che il rifacimento è meglio dell’originale (Amityville Horror, Le colline hanno gli occhi, The Ring), in questo caso però la situazione è leggermente diversa. Secondo me è solamente una mania il fatto che il nuovo Omen deve essere continuamente disprezzato e criticato, perché tanto i motivi non ci sono! Che non sia piaciuto a qualcuno è un altro discorso, ma allora quel qualcuno dovrebbe disprezzare anche questo Omen; la storia è praticamente uguale! L’horror del terzo millennio è così, che piaccia o no: i registi di oggi hanno capito che per spaventare ci vuole il surround, gli spaventi a continuazione, i flash di scene inquietanti della durata di un millesimo di secondo, la musica opprimente, tensione lenta, scenografia suggestiva…ecc… tutte cose che negli anni settanta non c’erano (tranne ovviamente, le non rare eccezioni!). Perciò mi dispiace dirlo ma è così, Omen di Moore presenta più carica emotiva, anche se quello che scrivo è contraddittorio alla recensione (secondo me deprimente) di Cash.
E ora passiamo alle analisi dei due film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
In entrambi comunque ho notato che la regia è leggermente prolissa, ma poco importa, perché Omen presenta una storia ottima e avvincente, con situazioni credibili e enigmi accattivanti. E comunque tutti sappiamo che i veri complimenti vanno a Donner, il padre dell’intera serie. Perciò la situazione di “The Omen” e “Omen666” è pari.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro e giusto nel mio modo di pensare, siccome il mio intento non è indurre gli altri a pensarla come me, ma far capire a chi legge come la penso io.

8 risposte al commento
Ultima risposta 25/09/2008 17.04.44
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento testadilatta  @  02/11/2006 19:08:42
   8 / 10
A me è piaciuto molto, soprattutto per il tema che affronta.
Non è una pellicola originale però è diretta con molto mestiere da Donner.
Il regista gira bene le sequenze più cattive ed è supportato da una grande colonna sonora.
Il bambino è perfetto nella sua parte... si dice che sia stato scelto proprio per la sua cattiveria, dopo aver rifilato un calcione a Donner durante il casting.
Film fondamentale del genere horror diabolico.

marco84  @  12/10/2006 17:45:32
   8 / 10
Sono perfettamente daccordo con il commento precedente, il film anche se povero dei tanti effetti speciali presenti oggigiorno utilizzati spesso per camuffare lacune scenografiche indecenti, riesce a prendere e a mantenere la tensione sempre su livelli eccezionali. Poi sarà ma lo ritengo molto vicino al film horror per eccellenza degli anni 70, ovvero l'esorcista, e questo oltre che per gli episodi trattati anche per una regia e una fotografia che in linea generale si somigliano abbastanza. Certo è che visto al giorno d'oggi la trama può per così dire risultare banale o quasi, ma è la realizzazione che lo rende assolutamente unico. Non sò come sia il remake ma ho molti dubbi che riesca a uguagliare la suggestiva atmosfera dell'originale.

Dan Rose  @  24/08/2006 13:15:43
   8½ / 10
Un 8 1/2 meritato.
L'avevo visto una decina di anni fa, l'ho rivisto ieri e devo dire che in un genere (l'horror) dove quasi ogni film è una ciofeca, specie in questi anni, rispolverare un classico del genere fa capire cosa era la vecchia e solida scuola del cinema del '70.
I film horror d'oggi seguono meccaniche banali e calcolatissime, troppo bilanciate e anche politicamente corrette da risultare, almeno per me,come una gita al mc donald, con sangue al posto del ketchup e così via...
I vecchi classici hanno il pregio di sembrare molto più realistici : sarà per la SOLIDITA' degli effetti speciali privi di quell'alone computerizzato usato dai registi d'oggi o per l'introspezione psicologica che appunto per l'assenza di mezzi cercava di porre l'attenzione nell' ORRORE psicologico più che visivo.

Questo è un film del genere, e il sorrisetto di Damien alla fine lo conferma, è una delle scene di Orrore più raccapriccianti mai fatte nella storia del cinema Horror.

piernelweb  @  15/06/2006 23:11:22
   7½ / 10
Un thriller demoniaco di ottima fattura che a distanza di 30 anni dall'uscita nelle sale si mantiene di intatto fascino ed efficacia . Donner riesce a creare l'atmosfera giusta, la tensione è palpabile e incessante in un continuo crescendo fino al drammatico ed riuscitissimo finale. Buona la prova degli attori con Gregory Peck in una delle sue ultime interpretazioni da protagonista. Per i cultori dell'horror un film che non può mancare nella cineteca. Da rispolverare in attesa dell'uscita per il 06-06-06 dell'atteso remake.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebangla
 NEW
beautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
blue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?
 NEW
christo - walking on water
 NEW
climax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sisters
 NEW
i morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malel'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormaloro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!
 NEW
shelter: addio all'eden
 NEW
soledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)
 NEW
the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

988796 commenti su 41438 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net