images of relief regia di Lars Von Trier Danimarca 1982
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

images of relief (1982)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IMAGES OF RELIEF

Titolo Originale: BEFRIELSESBILLEDER

RegiaLars Von Trier

InterpretiEdward Fleming, Kirsten Olesen

Durata: h 0.54
NazionalitàDanimarca 1982
Generegrottesco
Al cinema nel Settembre 1982

•  Altri film di Lars Von Trier

Trama del film Images of relief

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,00 / 10 (2 voti)6,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Images of relief, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  23/12/2011 01:30:31
   6 / 10
Quoto in pieno il perfetto commento di Beefheart. "Images Of Relief" è un'impresa titanica, per moltissimi aspetti. Racconta di un tema caro a Von Trier: le lotte partigiane alla fine della II Guerra Mondiale. L'argomento ritornerà più ampiamente sviluppato nel simile "Europa" (a cui ho dato infatti lo stesso voto), e credo che LVT sia affascinato (come anche il discorso-lettera iniziale delucida) da quanto sottile sia in queste situazioni storiche la linea che divide "bene" e "male". Ma ovviamente (e purtroppo direi) non è tanto la trama che interessa al primo Lars. È l'aspetto visivo di questo film che lo consacra a punto ineludibile della sua filmografia. Un'impresa titanica per un esordiente. Ottima mano, ottima fotografia (nella seconda parte), ottima atmosfera. Macabra all'inizio e appunto "liberatoria" alla fine. Il titolo è azzeccatissimo: queste sono Immagini. Il tutto è collegato solo da una storia che non è una storia. Il tutto è collegato solo da immagini ricorrenti, suoni, movimenti, fruscii e volti disperati e sognanti e sofferenti di uomini e donne non identificati. Nel complesso un'opera affascinante (soprattutto gli ultimi dieci minuti, accompagnati da una bellissima colonna sonora…già si nota il buon gusto di Von Trier), anche se eccezionalmente pesante e incomprensibile. Il voto è sia politico (Lars è Lars), sia motivato: un film così non si può valutare in positivo o in negativo, siccome i due aspetti si fondono inevitabilmente a suggerirti un'esperienza di tipo diverso, di ordine forse superiore. Un film che si assorbe, si vive. Per questo do un voto neutro come il 6, a metà fra il bene e il male, proprio come il film. Da vedere assolutamente comunque (se si è fan di LVT), si trova su You Tube.

Beefheart  @  25/10/2011 19:55:47
   6 / 10
Che dire di questo "viaggio" ai confini del cinema? Innanzitutto che, per fortuna, è solo un mediometraggio della durata di un'ora risalente agli albori della carriera del regista. Lars Trier è sempre stato decisamente eccentrico, figuriamoci agli inizi, quando tutta la sua arte e creatività erano, probabilmente, compresse nella spasmodica attesa di esplodere, sfogarsi e trovare soddisfazione, paradossalmente disgiunta da qualsiasi dogma, regola o imposizione cinematografica, di cui non sentiva certamente il bisogno e, meno ancora, il timore.
Dico "per fortuna" perchè questi 54 minuti non sono facili da metabolizzare, soprattutto per un profano come me, che poco sà di regia, tecniche di ripresa e storia del cinema, avvicinatosi al prodotto per mera curiosità. Si perchè, in effetti, trattasi di 54 minuti di ermetismo allo stato puro, forse manierismo, fatto di simbolismi evocativi, effetti chiaro-scuro, primissimi piani, violenze accennate quanto basta, dialoghi scarni, commento musicale pressochè inesistente, fatto salvo per alcuni passaggi accompagnati da canti... liturgici (?), trama appena percettibile e finale metafisico. Sempre da profano, potrei definire il tutto come una sorta di punto d'incontro tra Tarkovskij, Fassbinder ed il Lynch di "Eraserhead".
Tengo a precisare che il voto numerico da me espresso è prettamente "politico", in quanto obbligatorio da un lato ed impossibilitato io a giudicare (non avendone i mezzi), dall'altro. Ovviamente non è proprio il caso di consigliarlo ai non addetti.

2 risposte al commento
Ultima risposta 24/12/2011 12.56.39
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


959987 commenti su 37677 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net