intrigo a berlino regia di Steven Soderbergh USA 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

intrigo a berlino (2006)

 Trailer Trailer INTRIGO A BERLINO

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film INTRIGO A BERLINO

Titolo Originale: THE GOOD GERMAN

RegiaSteven Soderbergh

InterpretiGeorge Clooney, Cate Blanchett, Tobey Maguire, Leland Orser, Tony Curran, Beau Bridges, Robin Weigert, Dave Power

Durata: h 1.45
NazionalitàUSA 2006
Generethriller
Al cinema nel Marzo 2007

•  Altri film di Steven Soderbergh

Trama del film Intrigo a berlino

Durante la seconda guerra mondiale, un giornalista americano viene inviato a Berlino. Lui in realtÓ accetta perchÚ vuole cercare la donna che ama della quale ha perso le tracce a causa della guerra. Durante la sua trasferta in Germania, per˛, viene coinvolto nella storia dell'omicidio di un soldato americano, sospettando che l'autore del fatto sia l'ex marito di Lena, la sua amata...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,77 / 10 (22 voti)5,77Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Intrigo a berlino, 22 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

marcogiannelli  @  28/04/2016 10:18:09
   6 / 10
scenografia perfetta, ma una storia un pò scialba, a mio avviso per una messa in scena di Soderbergh non azzeccata, perché sia il cast che la sceneggiatura lo permettevano

Goldust  @  02/07/2014 12:31:55
   5 / 10
Da una parte la curatissima ricostruzione ambientale e storica, in un elegante bianco e nero che rimanda ai classici del passato ( Casablanca senza dubbio, Il terzo uomo probabilmente, ma anche Vincitori e Vinti, per l'attinenza con i temi trattati ), dall'altra una storia che fatica a coinvolgere lo spettatore, ammesso che ci riesca. Ne deriva un risultato d'insieme freddo e frammentario, lento nell'incedere ed inadatto ad una visione disimpegnata, nonostante il cast di gran nome presente. A tal proposito il povero Clooney interpreta il ruolo forse più sfigàto della sua carriera, prigioniero di un personaggio senza spessore e continuamente malmenato dall'inizio alla fine del film.
Inizio a pensare che, tolta la brillante trilogia degli Ocean, Soderbergh sia un regista deludente.

ZanoDenis  @  01/04/2014 19:31:41
   4½ / 10
Prima della visione, pensavo che mi sarebbe piaciuto sicuro, mi sbagliavo, è molto ma molto più lento e meno interessante dei noir o thriller anni 40/50 a cui si vuole rifare, proprio una delusione

guidox  @  10/10/2010 23:24:39
   5 / 10
deludente, noioso, lento.
l'eccellente fotografia e una buona atmosfera d'epoca non salvano da sole questo film, che ha il grandissimo difetto di rimanerti estraneo dall'inizio alla fine.
indigesto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  20/05/2010 22:20:02
   6 / 10
Tanta impeccabile formalità nel riprodurre l'atmosfera dei grandi noir anni '40 al servizio di una storia che in fin dei conti non decolla e non coinvolge più di tanto. Accattivante lo sfondo della Berlino in rovina simbolo della fine di una guerra e contemporaneamente l'inizio di un'altra, buone le interpretazioni di Clooney e la Blanchett e sorprende in positivo la prova di Mcguire, ma come ripeto una storia non all'altezza dell'accurata confezione.

TonyMontana  @  19/04/2010 00:19:57
   6½ / 10
Steven Soderbergh, bisogna dirlo, non è proprio il regista più originale di Hollywood, il suo cervello non trabocca di idee come ad esempio succedeva per Stanley Kubrick. D'altronde geni si nasce, non si diventa.
Il regista americano però ha classe. Intrigo a Berlino è un film di classe, specialmente per chi è appassionato di film noir anni 40-50 e per chi vede in Humprey Bogart lo zio che non ha mai avuto.
Regia, fotografia, scenografia e scelta dei personaggi quasi impeccabile, anche l'intreccio (l'intrigo) non è male. C'è da considerare che rispetto a quegli anni sono passati più di cinquant'anni e quindi come già detto, si tratta di una sorta di remake-puzzle di pellicole di quel periodo.
Consigliato ai fan del genere.

Dr Peckinpah jr  @  20/05/2008 19:10:18
   1 / 10
Soderbergh non mi è piaciuto come regista,premetto.
Comunque questo film è di una noiosità e banalità assurda,non coinvolge mai e l'unica scelta azzeccata è il bianco e nero.
tentata e inutile sottospecie di rifacimento dello storico casablanca,quasi neanche gli attori sembrano crederci.
inguardabile

Gruppo REDAZIONE K.S.T.D.E.D.  @  23/10/2007 13:39:39
   6 / 10
Lavoro immane da parte di Soderbergh & Co. nel riportare perfettamente regia, fotografia, costumi e scenografie indietro di 60 anni. Da questa prospettiva il film risulta innegabilmente valido, però resta anche l’unica dalla quale risulta tale. “Intrigo a Berlino” omaggia in modo palese grandi pellicole del passato (sicché è inutile citarle) e lì si ferma; non ha infatti la benché minima capacità di coinvolgere, è piatto, tanto che in più di un’occasione si spera arrivi presto alla fine; niente di peggio per un film.
Le interpretazioni, benché convincenti, non possono da sole risollevare le sorti della pellicola, che a conti fatti, quindi, altro non è che il solito pacco regalo vuoto; pacco regalo confezionato comunque in modo mirabile, eh.

Invia una mail all'autore del commento GuderianH  @  25/09/2007 08:09:02
   4½ / 10
Non coinvolge assolutamente!!!

dgarofalo  @  02/08/2007 13:22:46
   6 / 10
UN BEL FILM INTRIGANTE ME NIENTE DI CHE

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  01/08/2007 09:46:52
   7 / 10
Soderbergh è uno di quei registi a mio parere sopravvalutati che la critica specializzata ha spesso difeso abbastanza inspiegabilmente e che a parte qualche raro caso (Bubble,Traffic) ha sempre proposto lavori obiettivamente poco interessanti ,che denotavano o un’attitudine troppo commerciale oppure irritante nell’inutile ricerca di sperimentazioni fini a se stesse come nel caso dell’improponibile “Full frontal”.
Detto cio’,mi sento pero’ di affermare che questo “Intrigo a berlino” è un prodotto gradevole,che si lascia seguire piacevolmente pur denotando qualche difetto.
Soderbergh è abile a proporci una pellicola che richiama fortemente i film anni’ 40/50,riuscendo a sfruttare al meglio una fotografia perfetta,un sapiente uso delle musiche ed in particolar modo un utilizzo preciso della mdp,che scimmiotta in maniera perfetta i movimenti,le inquadrature,le dissolvenze che si usavano in quel periodo.Ne stiano lontani quindi coloro che pensano di vedere un film d’azione basato su strabilianti effetti speciali.
Clooney e la Blanchett hanno le fisonomie adatte per interpretare personaggi dal gusto fortemente retro’,mentre lascia un pochino a desiderare Tobey Maguire,che a causa della faccia da eterno adolescente,riesce ad essere poco credibile per il personaggio che si trova a dover interpretare,un po’ quello che spesso capita a Di Caprio.
Non tutto giostra perfettamente,la trama è ben arzigogolata,ma non sempre scorre in maniera semplice,in alcuni punti ci si deve affidare un po’ troppo al proprio intuito ed in altri è inevitabile constatare qualche passaggio a vuoto abbastanza inutile ai fini dello svolgimento,banale anche la citazione finale di "Casablanca",nel complesso comunque un film che si lascia guardare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  15/07/2007 17:20:20
   7 / 10
Omaggio Di Soderbergh e Clooney ai neri bellici e post bellici degli anni '40 stile "Casablanca".
Il regista gira in bianco e nero , usa le i fari per le luci + innaturali possibili, e ritorna indietro di '50 anni. Racconta una storia di intrighi spionistici confusa e abbastanza classica. Si muove tra Curtiz, Fritz Lang e Hitchcock e omaggia nel vero senso della parola il genere.

Però non appassiona per niente, e alla fine è solo un innocuo, seppur divertente, inutile esercizio di "stile". Soderbergh è diligente, ma il suo film bada solo alla forma e non alla sostanza. Il cast è abbastanza sprecato anche se Cate Blanchett è davvero molto bella.

Intendiamoci però: è decisamente molto meglio lo sterile omaggio Soderberghiano che il recente e pacchianissimo omaggio Depalmiano, in cui non si è azzardato neanche il bianco e nero.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  24/05/2007 23:50:23
   5½ / 10
Semplice esercizio di stile per un film noioso e piatto, fatto bene per carità ma nulla più.....
Doveva essere lo Shindler''s list del 2006 e invece è stato uno dei più grandi flop mai registrati in proporzione alle speranze che sono state rivolte.
Oltre ad avre incassanto quasi niente al botteghino, e considerando il cast è quasi incredibile, il film è passato totalmente inosservato, non ha vinto uno straccio di un premio nonostante il film nascesse come consacrazione di Sodeberg al rango di autore.
Ma nonostante una pellicola non proprio da buttare, autori o lo si è o meno e Soderbergh per me non lo è

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/07/2007 14.48.45
Visualizza / Rispondi al commento
bartlisa  @  04/05/2007 00:56:51
   5½ / 10
gli do 5 1/2 sulla fiducia..in realtà ho visto solo il primo tempo xkè sono crollata dal sonno durante il secondo!!! Un po' triste se si pensa che è un thriller. Non che mi aspettassi chissà che da un film con George Clooney...

Invia una mail all'autore del commento Lele_System  @  01/04/2007 01:37:27
   5 / 10
Di basso profilo, si basa quasi completamente citando piu' o meno velatamente altri (grandi) film senza cavare un ragno dal buco. Da Soderbergh mi aspettavo molto di piu' visti i precedenti (Traffic o Bubble su tutti)

Emiliacia  @  26/03/2007 11:12:21
   6 / 10
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  18/03/2007 23:57:26
   6 / 10
Soderbergh ricrea alla perfezione le alchimie del cinema noir degli anni 40 in una spy-story in bianco e nero,tecnicamente straordinaria ma purtroppo terribilmente piatta.Ottimo e perfettamente in parte il cast,con un Clooney carico di fascino ed energia,una carismatica Cate Blanchett in versione dark lady e la sorpresa Tobie Maguire,finalmente in un personaggio sgradevole e arrogante.Purtroppo la parte di quest'ultimo si riduce ad una sorte di comparsata,e di li in poi il film comincia il suo graduale declino:l'intrigo si infittisce e si fa arduo da seguire,le citazioni ai classici degli anni 40 perdono tutto il fascino regalato dall'impatto nei primi minuti e la storia d'amore risulta fin dall'inizio fredda e distaccata,con una sceneggiatura incapace di donare spessore ai ruoli del duo Clooney-Blanchett(da Paul Attanasio era cmq lecito attendersi di piu')....sufficenza stiracchiata quindi,per un prodotto impacchettato con mestiere,ma incapace di emozionare e coinvolgere.

The Jack  @  16/03/2007 09:53:24
   5 / 10
Non mi piaciuto.
La regia è buona, il bianco nero, il sapore retrò, la forte ispirazione a Casablanca.

Ma tutto questo è esercizio, come dice abacab, è l'idea, se vogliamo alternativa, che ti spinge a fare questo film.

Dopo devi lavorare sulla sceneggiatura, recitazione, scene, pathos, poesia.

E questo film non affascina, non suggestiona, non ha scene di "poesia" come Casablanca, non ha forza nelle musiche, non ha nemmeno un intrigo che permetta una parte attiva allo spettatore (all'inizio troppo criptico, poi troppo prevedibile).

Un bell'esercizio, stanco, poco emozionante, un po' come quelle persone che vanno alle feste e stanno sedute su un angolo da sole con un bel vestito e aspettano che la "festa" finisca ... no, li c'è già più poesia.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  08/03/2007 12:51:22
   9 / 10
Finalmente un film in bianco e nero nella Berlino anni '40.
Soderbergh regista maestro ( Solaris, Traffic) ci regala un'oasi nel deserto dei film virtuali di oggi. Cinepresa infatti in primo piano come ai vecchi tempi del neorealismo, personaggi centrali interpretati da due grandi attori, falso finale con ottimo effetto estetico.
Intreccio con buone tinte di erotismo bellico, sorprese, confidenze tra i personaggi sempre in pericolo che accrescono l'interesse per come andrà a finire, omaggio a Casablanca in alcune scene ma senza uscire dai binari della coerenza narrativa impostata, suspense ben orchestrato senza strappare il racconto, Blanchett affascinante e sensuale.
Emozioni a non finire con due attori Clooney e Blanchett straordinari.
Essere riuscito ,Soderberg, a fare un film oggi, ambientato negli anni '40 ,con tale disinvoltura è segno di genialità e preparazione storica e cinematografica non comuni.

paride_86  @  08/03/2007 11:28:38
   7 / 10
La fotografia, gli attori, il montaggio...in questo film è tutto meravigliosamente retrò! Unico neo una trama piuttosto complessa! Sicuramente una pellicola per appassionati del genere.

giumig  @  06/03/2007 13:00:55
   7 / 10
Tecnicamente questo film è da 9: regia, fotografia, scenografia e musiche sono davvero perfette. Quello che manca pero' è una storia e dei personaggi a cui appassionarsi, infatti il film risulta si tecnicamente ottimo, ma rimane freddo nei contenuti. Difficilmente ricorderemo una scena o un personaggio, nè forse ricorderemo la storia, perche in questo film tutto sembra passare in secondo piano per mettere al centro dell'attenzione lo stile e la tecnica.

9 per la tecnica, 6 per la storia. 7 agli attori. 1 per il doppiaggio della Blanchett, davvero pessimo.

Invia una mail all'autore del commento abacab  @  04/03/2007 23:12:27
   6½ / 10
Il film è un "esercizio" che hanno dato da svolgere a Soderberg : "Fai un film in bianco e nero di periodo post-bellico con luci,inquadrature e recitazione d'epoca e con una storia sufficientemente intricata da incuriosire un pochino e creare un po' di tensione..
Il tema Soderberg lo ha svolto bene, con diligenza e bravura ma il suo compitino non riesce a creare quel phatos che purtroppo dopo Casablanca sarebbe impossibile ricreare.E non è nemmeno colpa sua poveraccio.
Clooney non è Bogart e Blanchett non è Bergman.E il perchè il film non "acchiappi" sta tutto qui. Storia e fascino degli attori.
Rimane comunque il fatto che Clooney riesce ad essere sempre e comunque quel simpatico "bambacione" buono, onesto e leale (che in questo film le prende di continuo, fra i risolini delle numerosissime fans di ogni età in sala solo per lui...) e anche questo è pur sempre un suo pregio.
Musiche esageratamente drammatiche che purtroppo non coincidendo con la mancata tensione delle scene che si stanno vedendo sono un po' sprecate.Peccato.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloria
 NEW
domino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroid
 NEW
powidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose belle
 NEW
spider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto liscio
 NEW
una famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
welcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989811 commenti su 41585 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net