i piccoli maestri regia di Daniele Luchetti Italia 1997
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i piccoli maestri (1997)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I PICCOLI MAESTRI

Titolo Originale: I PICCOLI MAESTRI

RegiaDaniele Luchetti

InterpretiStefano Accorsi, Stefania Montorsi, Giorgio Pasotti, Diego Gianesini, Marco Paolini, Maurizio Donato, Filippo Sandon, Marco Piras

Durata: h 1.54
NazionalitàItalia 1997
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 1998

•  Altri film di Daniele Luchetti

Trama del film I piccoli maestri

Autunno 1943. Un gruppo di studenti parte per l'Altopiano di Asiago per opporsi all'invasione nazista in Italia e unirsi ai partigiani.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,83 / 10 (9 voti)5,83Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I piccoli maestri, 9 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

ValeGo  @  26/04/2015 23:32:35
   7 / 10
Dal punto di vista della realizzazione il film è molto scontato, al limite dell'ingenuo, ci possiamo tranquillamente immaginare i risvolti di un sacco di scene

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER per non parlare dell'inizio in cui i ragazzi che decidono di fare i partigiani vengono dipinti quasi come dei rin********ti. Anche le interpretazioni di Accorsi e Pasotti non mi hanno convinto (ho trovato quasi meglio le parti in cui c'erano dei ragazzi che parlavano davvero in veneto). Eppure,nella sua semplicità e nonostante alcuni strafalcioni, il film mi è piaciuto. E si può apprezzare forse proprio per il suo essere genuino, una genuinità che si riflette anche nel gruppo di ragazzi che dapprima sono un pò imbranati e disorganizzati e poi diventano uomini. Perchè passare dai banchi dell'università alla guerra li ha cambiati profondamente, hanno visto amici morire, hanno visto la morte in faccia e le atrocità che l'uomo può commettere, eppure non si sono arresi nè nascosti, hanno continuato a combattere perchè credevano fermamente di avere diritto alla libertà, una libertà che era stata loro sottratta e che volevano disperatamente riprendersi. Mi ha colpito la frase finale di Mario che piange dicendo che tempi così non sarebbero più tornati, quel fervore, quella voglia di riscatto, quella determinazione e quel coraggio si sono poi perduti col passare delle generazioni e ci siamo abituati a dare per scontati anche i diritti più semplici. Commovente il discorso di Marco Paolino all'arrivo dei ragazzi in montagna.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR dubitas  @  08/02/2013 18:24:01
   7 / 10
''I piccoli maestri'' non mi è dispiaciuto affatto,anzi l' ho trovato un prodotto originale ed interessante,pur con qualche difetto.
Parla di un gruppo di partigiani durante l'occupazione nazi-fascista : giovani di ogni età,provenienti da ceti medi, che hanno da poco finito gli studi, lottano per difendere la patria in nome di un valore chiamato ''patriottismo''.
E non solo, i valori risorgimentali come la ricerca della libertà e l'uguaglianza riaffiorano inesorabilmente, fiumi di sangue si susseguono : è il sangue di chi offre il proprio corpo in difesa dell'insieme collettivo,del popolo italiano.
Noi non ci stupiamo di niente,ma se abbiamo oggi la libertà è proprio grazie al partito dei partigiani,è grazie a quei giovani che hanno buttato la loro vita, quando potevano benissimo farne a meno e ''servire la patria'' con la tessera fascista.
Appartengo alla ''new generation'' e quei fatti della resistenza mi appaiono lontani, un retaggio del passato che ormai in pochi possono testimoniare da vicino.Eppure vedere a scuola questo film mi ha dato una sensazione assai piacevole e gradevole,sono stato assalito da un senso di realismo ed i valori di quel mondo mi hanno trasportato emotivamente, coinvolto e maturato.
In sostanza vale la pena vederlo.
Perché 7 e non 8,9,10? Parto subito col dire che le mie valutazioni sono piuttosto severe (ed in passato lo erano di più).Non metto un voto altissimo perché comunque la realizzazione della pellicola si è dimostrata un po' amatoriale (con questo non voglio dire che sia un film di cattiva fattura), solo si poteva investire meglio in alcuni aspetti della sceneggiatura ed in alcuni momenti narrativi.

adrmb  @  28/01/2013 18:55:10
   8 / 10
Sarà perché mi piace il genere, ma vado controcorrente, a me è piaciuto.
E' vero che il film tratta la guerra combattuta dai partigiani con molta leggerezza, ma essa è ben giustificata dalla giovane età dei personaggi.
Ottimo il sobrio e malinconico finale, che rischiava di cadere nel miele.
Recupererò anche il libro.

kamikaze91  @  15/02/2010 00:08:58
   3 / 10
visto a scuola..ridicolo tentativo di realizzare un prodotto didattico..è un film senze nè capo nè coda..fa sembrare i partigiani delle emerite teste di caz.zo..

cheguevara  @  29/03/2007 23:13:27
   8½ / 10
Che voti bassi....Si è vero è un film che rende un po' troppo semplice la resistenza partigiana ma è una ben fatta e commovente storia di amicizia, di ideali diretto in maniere eccelsa da Luchetti, con attori giovani ma già capaci di far provare emozioni...per me 8,5 è giusto per il grande messaggio che lascia...

don carlos  @  27/02/2007 19:35:20
   7 / 10
E' un po' ingenuo in diversi punti, però anche abbastanza realistico e mai troppo pesante. La recitazione di alcuni interpreti lascia un po' a desiderare ed è in certi punti un po' forzata, però dall'altro lato conferisce una vago senso di naturalezza allo svolgersi delle vicende. Bravi Stefano Accorsi e Marco Paolini. Non è proprio un capolavoro, ma tutto sommato è gradevole, si può vedere.

Invia una mail all'autore del commento emmepi8  @  31/01/2007 12:52:35
   6 / 10
Film tratto da un bel romamzo, cosa rimane.. pochissimo. C'è un'aria leggera fra gli attori, che forse è la cosa che più convincente nell'operazione al complessivo, in contrasto con una scneggiatura molto più severa. Realizzazione non all'altezza, specialmente nelle scene di massa; la parte che più mi ha colpito è quella finale, ben costruita e ben recitata, senza melodrammatiche visioni, che avrebbero appesantito.
Lucchetti. Ha fatto delll cose belle ed interessanti, ma da qui in poi ha sempre sbagliato.
Giorgio Pasotti. Esordio di questo attore, che oggi promette più che bene
Stefano Accorsi.Se la cava bene ed è il ruolio che lo ha messo definitivamente in mostra

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  23/12/2006 14:23:04
   4 / 10
Luchetti è la riprova che la Sinistra fa male soprattutto alla Sinistra.
"I piccoli maestri" è un mostruoso esempio di film "didattico-reducista" che vorrebbe insegnare cos'è la Resistenza ai giovani idioti che si masturbano con la playstation e guardano maria de filippi.
Si puo' anche apprezzare il tentativo (lodevole fino a un certo punto) di esprimere con semplicità il pathos (beh...) di quei mesi appassionanti e rivoluzionari, ma è inaccettabile banalizzare ogni concetto ogni sfumatura oltre misura.
Il film è un fallimento su tutta la linea, e i momenti piu' gravi sono proprio quelli che tentano irrimediabilmente di porre rimedio, di attraversare la storia con una lucidità meno ingenua e un messaggio piu' profondo, specialmente quando un partigiano è costretto ad uccidere "un nemico", e vedere la sua morte in faccia...
Gli attori, dicono, si sono divertiti moltissimo a "giocare ai partigiani", e questo fa pensare: pensiamo a quante vuote zucche potremmo scoprire negli atenei, tutti idealisti senza sapere di cosa parlano...
Sembrano i ragazzi della via Paal, e Luchetti ci informa di aver lasciato volutamente i dialetti per "esprimere l'autenticità della storia". Ma guarda un po' che strano: paradossalmente questo brutto film mantiene una sorte di ludicità interiore, una certa genuinità, e si guarda con lo stesso passivo piacere dei filmini su Don Bosco proiettati dai preti nelle sale parrocchiali.
E quel che è peggio, è che la fonte sembra proprio quella catechista
Si salva, comunque, il personaggio di Marco Paolini

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  20/01/2006 17:37:52
   2 / 10
Rimosso, o quasi. Ricordo solo che era un film di me.rda, rasente il revisionismo.
Un gruppetto di borghesucci con le facce da pubblicità del Maxibon anni '90 inserite nel contesto bellico dei '40 che decidono di fare la guerra da partigiani.

Vi prego, lasciate in pace la Resistenza!

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008708 commenti su 44074 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net