kotoko regia di Shinya Tsukamoto Giappone 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

kotoko (2011Film Novità

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film KOTOKO

Titolo Originale: KOTOKO

RegiaShinya Tsukamoto

InterpretiShinya Tsukamoto, Cocco

Durata: h 1.31
NazionalitàGiappone 2011
Generedrammatico
Al cinema prossimamente

•  Altri film di Shinya Tsukamoto

Trama del film Kotoko

Kotoko Ŕ una giovane madre affetta da turbe psichiche, tra le quali spiccano la tendenza all'autolesionismo, che la spinge a procurarsi ferite sul corpo per sentirsi viva e reale, e una particolare forma di sdoppiamento della visione, che le fa apparire, accanto a ogni individuo che incontra, un duplicato malvagio e pericoloso sempre pronto a minacciare la vita di suo figlio. Solo la passione per il canto, supportata dalla splendida voce di Kotoko, riesce in parte a lenire l'ansia e le crescenti tendenze ossessive della donna; ma il bambino le sarÓ presto sottratto dai servizi sociali, che la giudicano incapace di prendersene cura. L'incontro con uno scrittore di successo, di lei segretamente innamorato, rappresenterÓ tuttavia per Kotoko una nuova possibilitÓ di recupero dell'equilibrio, seppur portata avanti in modo singolare e pi¨ che mai precario.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,75 / 10 (6 voti)8,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Kotoko, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  01/10/2013 14:28:13
   8½ / 10
La consapevolezza di non poter essere madre adeguata e la disperazione che ne consegue. Da questo toccante tema nasce il tormento viscerale generato dalla follia e da duplici visioni che infestano la mente della protagonista, forse causate da un compagno - in realtà mai esplicitato come tale - adorabile con il bimbo ma violento nei confronti della moglie.
Kotoko, questo il nome della protagonista, rimasta sola con Daijiro, matura una sorta di iperprotettività nei confronti del piccolo che la inducono ad assumere atteggiamenti pericolosi non solo nei confronti di se stessa, tra l'altro già tendente all'autolesionismo. Il baratro della follia la invoca con crescente insistenza, e a Kotoko viene tolto il figlio. La rinascita sembra passare per la bizzarra e sadomasochistica relazione con uno scrittore (il regista stesso) che le consente di riconquistare l'affidamento del pargolo ma non quella stabilità che per un attimo ha fatto capolino.
Paura e momenti di alta commozione, squarci di precaria felicità e un pizzico di ironia: Tsukamoto scava nella mente della donna restituendone un profilo dissennato coscientemente e di conseguenza divorato da ciò. Lo stile frenetico del regista nipponico si ravvisa nei momenti più drammatici anche se i deliri cyberpunk riecheggiano lontani, siamo più in un contesto intimista sottolineato dalla colonna sonora affidata alla voce della protagonista, ovvero la cantante Cocco che si rivela interprete di notevole potenza espressiva.
Realtà e allucinazioni si rincorrono, non vi è certezza perchè i due stati si mescolano; lo scrittore stesso potrebbe essere il frutto di una mente che ha bisogno di un placebo psichico per ritrovare stabilità aderendo al ruolo che le compete. Tutto è urlato in faccia attraverso scene al limite dello shockante, Tsukamoto risparmia poco riuscendo comunque ad ammorbidire attraverso delicate connessioni la condizione della poveretta, il cui istinto materno brucia in un corto circuito di sofferenza pura, intriso di riflessioni e pensieri toccanti che lasciano spazio ad una condizione di enorme pena.

TheLegend  @  20/04/2013 17:04:20
   7 / 10
Viaggio nella follia di una donna raccontato attraverso lo sguardo di un altro folle come Tsukamoto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  11/04/2013 15:00:04
   8½ / 10
Kotoko provoca una tale quantità e qualità di emozioni difficili da descrivere, perchè tali emozioni si vivono. Si vive nella follia una donna dalla mente martoriata e lo stile di regia di Tsukamoto si adegua alla perfezione all'instabilità degli stati d'animo della donna, alle sue visioni sdoppiate, ai suoi momenti serenità, alla sua dolcezza. Corpo e mente a cui Cocco, l'attrice protagonista, offre un'adesione al personaggio che va oltre lo straordinario.
Kotoko è la poeticità di Vital con la claustrofobia di Haze dove c'è spazio per la follia e la serenità, la dolcezza e la crudeltà, il comico e il tragico senza che la retorica faccia minimamente capolino. E' una pellicola da lasciarsi trasportare e assimilare.
Due anni fa non riuscii a vederlo a Venezia e ancora lo rimpiango. Certamente relegarlo alla sezione Orizzonti, dove peraltro ha vinto, è qualcosa di scandaloso.

Badu D. Lynch  @  19/03/2013 13:29:32
   9½ / 10
Uno dei migliori film degli ultimi anni. La pellicola è un viaggio angoscioso nella mente, nello spirito e nel corpo di Kotoko, l'esplorazione di una personalità complessa e dissociata dalla realtà. Kotoko è un lamento esistenziale, malessere di vivere, prigione eterna. La paura di perdere un figlio viene palesata perfettamente dall'interpretazione superlativa di Cocco ; il timore di perdere una parte di se stessi, fa si che si inneschi un meccanismo di diffidenza, così da "vedere" la parte malvagia e negativa (il doppio dell'essere umano) di tutte le persone che stanno attorno alla protagonista. La libertà personale si annulla, la possibilità del fallimento, la costante preoccupazione di un'esistenza in bilico, inibiscono completamente Cocco, e la sola cosa che la fa sentire realmente viva è il dolore.
I simbolismi, presenti anche in altri film del regista, non mancano. Un pò Antichrist e un pò Eraserhead. Impossibile non lasciarsi trasportare da questa drammatica ed emozionante esperienza.
Cos'è reale e cosa non lo è?
"Tsukamoto is back!"

Ciaby  @  18/11/2012 15:56:53
   10 / 10
Può piacere o meno, il cinema di Tsukamoto, ma non si può discutere sul fatto che sia unico, irripetibile, inimitabile, denso e pregno di originalità e di un immaginario visivo straordinario. "Kotoko" conferma l'inesauribile vena artistica del regista, portandolo a realizzare quello che è uno dei suoi apici.
Tornano i suoi temi tipici (come il doppio insito nell'anima degli esseri umani), ma il risultato è di nuovo innovativo, originale, estremo. Cocco incarna una figura seducente, un personaggio ipnotico che ci trascina nella sua follia, nella sua malattia, nel suo male di vivere. E non condividerne il dramma è impossibile.
Capolavoro.

benzo24  @  13/11/2012 10:40:32
   9 / 10
Ci vuole tempo per assimilare e e capire questo lavoro straordinario di Tsukamoto, ma è un film straordinario, originale e fantastico, con delle trovate registiche geniali.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2night47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemicaalamar
 R T
alcolista
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'annabelle 2aspettando il rebaby bossbaywatchbesetmentbolshoi babylonboston - caccia all'uomobugs (2017)chirurgo ribelle
 NEW
civilta' perdutacodice unlockedcorniche kennedycuori puridue uomini, quattro donne e una mucca depressae se mi comprassi una sedia?east endescape roomfamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8fortunata
 NEW
girotondogold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i figli della notte (2016)i peggioriil crimine non va in pensioneil giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoindizi di felicita'insospettabili sospettiio danzero'it comes at night
 T
king arthur - il potere della spada
 T
la guerra dei cafonila mummia (2017)la notte che mia madre ammazzo' mio padrela ragazza dei miei sognila tenerezzal'accabadoralady macbethl'amore criminalelasciami per semprele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberel'uomo che non cambio' la storiamaradonapolimaria per roma
 NEW
metro manilamexico! un cinema alla riscossamilano in the cage - the moviemiss sloanemonster trucksmy italymystic gamenailsnervenessuno ci puo' giudicarenocedicocco il piccolo dragonoi eravamoorecchieparigi puo' attendere
 NEW
parliamo delle mie donnepirati dei caraibi: la vendetta di salazarqualcosa di troppoquando un padrequello che so di leirichard - missione africarobert doisneau - la lente delle meravigliesasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysieranevadasognare e' viveresole cuore amoresong to songsulla via latteatannatavolo 19teen star academythe beatles: sgt. pepper & beyond
 T
the circlethe dinner
 NEW
the habit of beautythe space between (2017)this beautiful fantastic
 NEW
transformers 5: l'ultimo cavalieretutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun appuntamento per la sposauna doppia verita'una gita a romauna settimana e un giornouna vita, une viewhitney (2017)wilson (2017)wonder woman (2017)

957115 commenti su 37393 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net