la scelta (2015) regia di Michele Placido Italia 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la scelta (2015)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA SCELTA (2015)

Titolo Originale: LA SCELTA

RegiaMichele Placido

InterpretiRaoul Bova, Ambra Angiolini, Michele Placido, Valeria Solarino, Manrico Gammarota, Monica Contini, Gennaro Diana, Marcello Catalano, Vito Signorile

Durata: h 1.26
NazionalitàItalia 2015
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2015

•  Altri film di Michele Placido

Trama del film La scelta (2015)

Laura e Giorgio si amano intensamente e sono desiderosi di un figlio che non arriva. Ma solo un grande amore pu˛ superare la dolorosa prova che devono affrontare. Una prova che impone una scelta. Da una parte, un uomo offeso nella sua morale, che cerca una soluzione al dilemma; dall'altra, una donna che sente la necessitÓ di diventare madre. Quale scelta fare per essere ancora felici?

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,75 / 10 (4 voti)4,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La scelta (2015), 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Palestrione  @  31/05/2015 12:59:34
   2 / 10
Per favore, questo non è un film! Aveva senso il racconto di Pirandello sul tema dello stupro, ma la sceneggiatura è patetica e gli attori (chiamiamoli per convenzione attori) inguardabili.
Sono andato a vederlo al cinema solo perché l'hanno girato a Bisceglie. Qualche sequenza l'hanno girata proprio nel mio stesso palazzo e io riuscivo a vederli perché le riprese le avevano fatte nell'attico dei miei vicini, al quinto piano. Quindi l'ho visto soltanto per curiosità. E ovviamente quello che ha incassato è venuto in prevalenza da Bisceglie, ma credo che altrove non sia stato gettonato più di tanto.
Mi chiedo come facciano Raoul Bova e Ambra Angiolini a essere considerati attori. Se è questo il livello del cinema italiano, allora continuerò a vedere film americani ancora per un bel pezzo.

marimito  @  16/05/2015 19:05:11
   5 / 10
Una storia che manca della carica emotiva ed emozionale che il tema dovrebbe avere. Migliore l'interpretazione di Ambra, mentre Raul Bova sembra incapace di trasmettere qualsivoglia tipo di sensazione (ma a me Raul Bova come attore non è mai piaciuto); in ogni caso il film non decolla, mi sembra piatto e poco realistico.

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/05/2015 19.15.42
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento DjAlan78  @  14/04/2015 10:57:05
   5 / 10
Delusione su tutta la linea. Inadeguati regista e attori (la Angiolini fa pena), sceneggiatura davvero povera.

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/04/2015 00.13.53
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento LukeMC67  @  09/04/2015 01:50:03
   7 / 10
Massimo Recalcati ha dichiarato che si diventa genitori quando si è in grado di adottare i propri figli; è interessante e curioso dover notare che per dimostrare questo assioma Placido sia ricorso a un intelligente e acuto adattamento di una commedia teatrale di Pirandello: da un lato questo dimostra la perenne attualità dell'autore che forse più d'ogni altro ha saputo scavare nella psicologia più profonda del maschio mediterraneo (o forse di ogni maschio) e che ha saputo far emergere tutte le più profonde ambiguità del concetto di famiglia (e quindi di società) mediterraneamente inteso. Dall'altro ci racconta anche di quanto l'Italia non si sia evoluta molto rispetto alla sua epoca e con essa non si sia evoluta la concezione di famiglia (e quindi di società): non è un caso se il nostro sia forse l'unico Paese occidentale che si rifiuta caparbiamente di accettare qualsivoglia cambiamento della struttura familiare riconoscendolo pubblicamente, socialmente.

Ma il denso film di Placido non si ferma qui e va a mettere il dito in una piaga ancor più dolente: la violenza sessuale sulle donne e le sue conseguenze familiari e sociali. Scegliendo un registro tutto mimico e fortemente corporeo, Placido riesce plasticamente a restituire tutta la dimensione interiore ed esteriore del dramma della violenza subìta, rendendo al meglio l'estrema complessità e ambiguità delle scelte che la coppia messa in scena si troverà a dover/voler fare.

Il massimo pregio del film è quello di descrivere tutta la fisicità dei sentimenti: è interessantissimo rilevare che almeno altri due film italiani contemporanei ricorrono a questa chiave di lettura spesso assente dal cinema nostrano, "Hungry hearts" (che condivide con "La scelta" l'autentica "ossessione per il materno" che caratterizza il Paese meno prolifico al mondo) e "Vergine giurata" (in cui invece c'è l'"ossessione" per l'amore inteso come contatto fisico-sessuale con l'altro/a, unico modo per compiere la propria dimensione di genere). Raoul Bova e Ambra Angiolini superano abbondantemente la prova regalandoci dei giochi di sguardi che restano davvero molto impressi. In particolare Ambra Angiolini restituisce in pieno tutto il dramma e il conflitto interiore che la violenza subìta scatena: la perenne rimozione dell'accaduto (necessaria per sopravvivere?) si scontra ogni istante con la necessità di fare i conti con le conseguenze fisiche di quanto successo; e, come se non bastasse, con le conseguenze sociali, familiari in primis. Ogni aspetto della complessa reazione della donna è messo in scena con profonda partecipazione dall'attrice, forse alla sua prova migliore in assoluto.
La stessa complessità non ha il personaggio di Bova, più "duale" nelle sue reazioni; ma non credo sia un limite dell'attore, bensì proprio della psicologia maschile: in fondo, noi maschietti non potremo mai capire cosa significa la maternità e solo da poco ci confrontiamo con le conseguenze di eventuali violenze su di noi. Alla fine per noi conta solo l'"integrità" (cioè la proprietà assoluta) del corpo e della mente di chi amiamo: non potendo controllare efficacemente la seconda, ci concentriamo (p)ossessivamente sul primo.

Molto ben delineato, nonostante sia di contorno, il personaggio interpretato dallo stesso regista: anche qui, con poche battute e molti sguardi, il Maresciallo inscenato da Placido appare non solo credibile ma profondamente umano.

Restano però alcuni difetti non di poco conto a questa pellicola: anzitutto il manierismo della regia che spesso deborda e strafà, grave difetto se teniamo conto della scelta di Placido di giocare su un registro profondamente intimista. L'ottima fotografia di Arnaldo Catinari segue questo manierismo alternando inquadrature fisse o in fast-motion mozzafiato (ancora una volta location pugliesi magnifiche) a concitati quanto complessi, difficili e affascinanti movimenti di camera. La musica, protagonista diegetica ed extradiegetica del film, mi è risultata piuttosto debordante: qualche silenzio in più avrebbe giovato senz'altro a risaltare la dimensione intimista dell'opera.

E una parola per le numerose citazioni pubblicitarie presenti nel film: comprendiamo perfettamente quanto sia difficile produrre una pellicola di qualità oggi in Italia; tuttavia una presenza più discreta degli sponsor (specie quando sono tanti, come in questo caso) si sarebbe dovuta imporre: il risultato è talmente forzato da infastidire, invece che suggerire i marchi coinvolti…

Nel complesso, comunque, un'operazione ardìta ma sostanzialmente riuscita, quella di Placido, il cui merito principale sta nell'aver saputo descrivere quasi perfettamente la solitudine della donna di fronte al suo corpo, specie quando su di esso infieriscono la violenza fisica e quella psicologica di chi non potrà mai capire cosa prova: gli uomini coinvolti sentimentalmente e sessualmente, ma anche quelle donne "omologate" nel loro non aver mai subìto violenze brutali; o magari di aver subìto la "sola" violenza quotidiana del ruolo sociale loro imposto e poi definitivamente introiettato e perpetuato. Ma se quelli di Placido sono davvero la donna, l'uomo, la famiglia e la società italiana del 2015, c'è da star ben poco allegri.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10x102030 - fuga per il futuro
 NEW
77 giorni8 minutia beautiful daya quiet place - un posto tranquillo
 NEW
abracadabraarrivano i prof
 HOT
avengers: infinity warbad samaritanbenvenuto in germania!bob & marys - criminali a domiciliocharley thompsonci vuole un fisicocontromanocosa dira' la gente
 NEW
deadpool 2
 NEW
dogmandopo la guerradoppio amoreearth - un giorno straordinarioera giovane e aveva gli occhi chiariescobar - il fascino del maleeva (2018)ex libris: new york public library
 NEW
famiglia allargatafixeurfoxtrot - la danza del destinogame night - indovina chi muore stasera?garden partyghost stories
 NEW
giu' le mani dalle nostre figliegualtiero marchesi - the great italianhappy winterhostiles - ostilii segreti di wind riveri, tonyaicaros: a vision
 NEW
il codice del babbuinoil cratereil dubbio - un caso di coscienzail giovane karl marxil mio nome e' thomasil mio uomo perfettoil mistero di donald c.il prigioniero coreanoil sole a mezzanotte (2018)il tuttofareil viaggio delle ragazzeillegittimoinsyriatedio c'e'io sono tempestala banalitÓ del criminela casa sul marela melodiela stanza delle meravigliel'amore secondo isabellele grida del silenzio
 NEW
le meraviglie del marel'isola dei caniloro 1loro 2lovers (2018)l'ultimo viaggio (2018)manuelmaria by callasmaria maddalenametti la nonna in freezermolly monstermolly's gamenato a casal di principenella tana dei lupinelle pieghe del temponick cave - distant sky - live in copenhagenoh mio dio!oltre la nottepacific rim 2 - la rivolta
 NEW
parigi a piedi nudiparlami di lucypertini il combattentepeter rabbitpetit paysan - un eroe singolarequando arriva l'amorequanto bastarabbit school - i guardiani dell'uovo d'ororachelrampage - furia animaleready player onerimetti a noi i nostri debitirudolf alla ricerca della felicita'rumble: il grande spirito del rocksea sorrow - il dolore del malesherlock gnomesshow dogs - entriamo in scenasi muore tutti democristiani
 NEW
slender mansotto il segno della vittoriasuccedesurbilesterra bruciata! il laboratorio italiano della ferocia nazistathe constitution - due insolite storie d'amorethe happy prince - l'ultimo ritratto di oscar wildethe silent manthe titanthe wicked gift
 NEW
theytomb raider (2018)tonno spiaggiatotremors 6: a cold day in helltu mi nascondi qualcosaun amore sopra le righeun sogno chiamato floridauna festa esageratauntitledvan gogh - tra il grano e il cielovisages, villageswajib - invito al matrimonioyoutopiazerovskij - solo per amore

973736 commenti su 39399 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net