les miserables regia di Tom Hooper Gran Bretagna 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

les miserables (2012)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LES MISERABLES

Titolo Originale: LES MISÉRABLES

RegiaTom Hooper

InterpretiHugh Jackman, Russell Crowe, Anne Hathaway, Amanda Seyfried, Eddie Redmayne, Samantha Barks, Sacha Baron Cohen, Helena Bonham Carter, Aaron Tveit

Durata: h 2.32
NazionalitàGran Bretagna 2012
Generemusical
Al cinema nel Gennaio 2013

•  Altri film di Tom Hooper

Trama del film Les miserables

Jean Valjean ritorna in libertà dopo aver trascorso gran parte della sua esistenza detenuto in un carcere, dal quale usciva ed entrava in continuazione a causa di alcuni furti dettati dalle estreme condizioni di povertà in cui viveva. Deciso a lasciarsi dietro quegli anni e Javert, lo spietato poliziotto che non ha mai smesso di braccarlo, Jean prova a costruirsi una nuova identità che lo riscatti agli occhi di una società che da sempre lo considera un reietto. L'incontro con l'operaia Fantine, poi, fa sì che prenda a cuore le sorti della figlia di lei, cambiando per sempre il resto della sua vita.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,29 / 10 (52 voti)8,29Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Migliore attrice non protagonista (Anne Hathaway)Miglior sonoro (Andy Nelson, Mark Paterson, Simon Hayes)Miglior trucco e acconciatura (Lisa Westcott, Julie Dartnell)
VINCITORE DI 3 PREMI OSCAR:
Migliore attrice non protagonista (Anne Hathaway), Miglior sonoro (Andy Nelson, Mark Paterson, Simon Hayes), Miglior trucco e acconciatura (Lisa Westcott, Julie Dartnell)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Les miserables, 52 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  05/06/2016 14:31:18
   8½ / 10
Non amo assolutamente il genere ma qui siamo di fronte ad un musical bello come non ne vedevo da tempo (perlomeno da "Sweeney Todd").
Canzoni maestose, un cast di prim'ordine e, per ultimo ma non ultimo, un classico della letteratura francese alla base di tutto.
Piace, convince e coinvolge, non annoia nonostante la durata e pur essendo quasi completamente cantato (pochissimi i dialoghi, qualcuno in più non sarebbe guastato probabilmente).

krystian  @  28/02/2016 22:14:38
   10 / 10
Wow… imponente, potente, emozionante, coinvolgente, sensazionale e via dicendo; ci ho messo tanto tempo prima di visionare questa pellicola perché scettico…, ma ora mi domando "dove sei stato fin ora?".
Un kolossal di impressionante potenza emotiva e visiva nonché musicale.
Mi era stato detto che era completamente cantato, e così è (diciamo il 99%, ci saranno sì e no cinque minuti di dialogo) però CHE MUSICA!!!! Sono senza parole.
Ammirevoli le interpretazioni, mi sarebbe piaciuto che la Hathaway rimanesse un po' di più in scena, ma in quei pochi minuti riesce a trasmettere delle tangibili emozioni.
FINALE DA PELLE D'OCA…!!!!!!!!!!!!!
Consigliato assolutamente. Senza ombra di dubbio.

matt_995  @  25/02/2016 12:04:15
   9 / 10
Per quanto sia un tantino commerciale e sempre "Oscar friendly", il cinema delicato e raffinatamente british di Hooper mi garba parecchio. Qui raggiunge il suo massimo, rendendo a pieno la grandezza (per quanto possibile) del romanzo immortale di Hugo e la spettacolarità del musical di Broadway (il più longevo della storia) con l'uso di un grandangolare eccessivo che distorce pesantemente i volti e le immagini e rende a pieno il dramma, lo smarrimento, l'angoscia di Jean Valjean & Co.
Le canzoni restano nella testa per giorni. Che dico... Per anni! Lo vidi al cinema nel 2013 e ancora oggi canticchio i motivi più celebri.
La recitazione è eccelsa. Jackman si fa scoprire per l'ottimo attore che è. La Hathaway struggente e disperata, quando canta I dreamed a dream ricorda la Maria Falconetti de Il martirio di Giovanna D'Arco di Drayer. Da oscar! Ma meritevoli di menzione anche Redmayne, Cohen e la Banks (quest'ultima veramente sorprendente nel ruolo più tragico della storia, Eponine, la vera eroina tra tutti i miserabili). Un pò meno Crowe.
Per me era da Oscar. Peccato



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marcogiannelli  @  26/01/2016 22:00:26
   7 / 10
un buon musical, ma uno di quei prodotti che mi lasciano indifferente
bene il comparto tecnico e le recitazioni

DarkRareMirko  @  18/01/2016 01:05:32
   9 / 10
Effettivamente un grande ed intenso musical, dove tutto è perfetto (regia, musiche, fotografia, cast, ecc.).

Fa strano vedere la Hathaway così (tutto tranne che sexy), ma l'Oscar l'ha vinto anche per questo; nulla da eccepire, nulla da dire, mai un minuto noioso ne una sbavatura, ottima recitazione del cast (Jackman, Cohen, Crowe, la Seyfried, ecc.), ottimi innesti in CGI, bei costumi, grande ricostruzione storica, ottimi make up.

150 minuti che passano in fretta; saggio l'aver voluto fare un musical, viste tutte le varie edizioni filmiche tratte dall'opera di Hugo che già ci sono.

Si sono evitate forzature, ironie e sentimentalismi vari, ed anche per questo il film è risultato sincero.

Hooper si riconferma regista da tenere d'occhio, tra i più dotati in circolazione.

Norgoth  @  30/12/2015 18:03:28
   10 / 10
Meraviglioso, intenso, davvero emozionante. Attori che rasentano la Perfezione, dal primo all'ultimo. Due ore e mezza di durata. La noia? (Quasi) non pervenuta.

.Kia90.  @  27/01/2015 14:01:00
   8 / 10
Una produzione imponente, definirlo musical credo sia poco, è qualcosa che si avvicina davvero ad un'opera teatrale. Cast brillante, storia ben costruita, bellissime musiche; non mi ha annoiata nonostante la durata e il leggere continuamente i sottotitoli. Quell'anno, agli Oscar, avrebbe meritato molto di più.

Filman  @  01/09/2014 19:47:17
   8 / 10
Trasposizione cinematografica del musical teatrale tratto dall'omonimo romanzo di Victor Hugo, LES MISÉRABLES rinvigorisce il suo genere filmico con fresco splendore e calorosa modernità, costruendo una senso teatrale intimamente spettacolare, e dalla studiata esposizione scenica, espressa dalla regia di Tom Hooper, stilisticamente meno quadrata rispetto alle sue precedenti pellicole.
Il trasporto emotivo che il film propone si consolida nell'eleganza pittorica delle immagini, intaccate da una Computer Grafica poco soddisfacente ed invasiva, nel grande intrattenimento dei dialoghi cantati, spesso coinvolti da tecniche registiche atipiche nella loro raffinatezza, quali i monologhi cantati in primo piano, e nelle recitazioni eccezionali degli attori sfidati in una gara di bravura in più settori.
Drammatica e romantica, l'opera offre lacrime ed appassiona emotivamente senza cadere mai nella stucchevole esagerazione, pur piegandosi ai risvolti meno convincenti del suo soggetto e ai dettami della sua categoria, utilizzando in modo personale una storia tanto semplice ed avvincente quanto riflessiva e tragica, osservando la triste situazione sociale della Francia nella prima metà dell'800 fino a soffermarsi sulla fuga dal passato del protagonista.

cemsal  @  22/03/2014 22:41:59
   9 / 10
Metto 9 solo perché mi sembra assurdo mettere 3 parole in croce in italiano, e le parti cantate in inglese. Concordo che tradurre tutto e farlo ricantare sarebbe stato immenso e rischioso (di farlo in malo modo), ma allora meglio in inglese e sempre sottotitoli

Per il resto, un film spettacolare, veramente ben fatto, ben recitato e cantato, con delle musiche (canzoni) che NON possono NON risuonare nelle orecchie per un bel po' (look down! you'll always be a slave!). Ottimi tutti i protagonisti. Oscar strameritati.

horror83  @  18/03/2014 09:33:03
   6½ / 10
Oh bè sicuramente tecnicamente è fatto molto bene, meritato l'Oscar come miglior trucco e acconciatura, ottimi i costumi, e belle le ambientazioni, cioè si vede che è tutto molto curato, ma stare a leggere i sottotitoli per quasi tutto il film, perchè le canzoni sono in inglese, mi ha abbastanza dato fastidio. Poi ci aggiungo che i musical non mi fanno impazzire....et voilà il mio voto. Mi è piaciuto abbastanza, ma se sapevo l'inglese mi sarebbe piaciuto molto di più. E poi dura troppo, dopo un pò l'ho trovato pesante e un pò noiosetto. Cmq molto bravi Hugh Jackman, Russell Crowe e Anne Hathaway. io lo consiglio soprattutto a chi sa l'inglese e a chi ama i musical.

Sbrillo  @  07/03/2014 20:33:20
   8 / 10
Un gran bel musical....attori tutti ispirati, scenografia e fotografia ottime, buon ritmo.....il film si lascia seguire e appassiona, anche se come punto negativo c'è il dover leggere per 2 ore e mezzo i sottotitoli, rimane comunque un opera maestosa che va premiata!!!
(peccato per l'eccessiva lunghezza, altrimenti il voto sarebbe stato superiore!)

Signor Wolf  @  17/02/2014 23:35:43
   10 / 10
Normalmente i musical mi annoiano, ma questo devo dire che è strepitoso, davvero coinvolgente! penso che se ne avessero fatto un semplice film non avrebbe reso ugualmente!

Oibaf  @  27/01/2014 01:52:37
   7½ / 10
Ho comprato il dvd dopo essermi consultato con le vostre recensioni (lo faccio sempre più spesso) e devo dire che finisco la visione un po' confuso. La storia va avanti abbastanza scorrevolmente però mi da l'impressione che non decolli mai e che alcune scene, per quanto riuscite e piene di pathos, non riescano a giustificare dei voti così entusiasti ed elevati. Eccezionali le ambientazioni, i costumi e l'interpretazione di Hugh Jackman.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  30/12/2013 17:34:33
   7½ / 10
"Les misèrables" di Tom Hooper è, a modo suo (con molto mestiere e un pizzico di originalità – la scommessa vinta di far cantare gli interpreti), grande spettacolo di superficie tratto da un classico letterario, esattamente come "Il grande Gatsby" di Luhrmann. Quello che manca decisamente a Hooper, però, è il tocco personale di chi si mette in gioco, pur dentro il sistema. E questo, a seconda del gusto dello spettatore (posto sempre, naturalmente, che il musical piaccia), può essere un peccato più o meno grave.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  25/11/2013 10:03:28
   4 / 10
Questo è un commento molto personale, che esula da qualsiasi pregio che questo film possa presentare.

Avrei preferito, in quelle due ore e mezza, leggere un libro di Fabio Volo, o essere torturato da Aribert Heim, o mangiare sanguisughe crude al limone, o piantarmi un chiodo in un ginocchio, o graffiare la lavagna con le unghie, o guardarmi Pomeriggio 5, o fare un provino per Amici (danza più canto), o tirare i sassi dal guard rail, o guardare un GP di Formula Uno senza addormentarmi.

Probabilmente la mia domenica sarebbe stata più entusiasmante.

anima79  @  08/11/2013 14:45:28
   10 / 10
Da brividi. Il vero oscar 2013.

speXia  @  27/08/2013 02:13:52
   10 / 10
E quando un film mi emoziona davvero, e mi lascia totalmente estasiato ed esterrefatto dalla sua bellezza, allora è il momento in cui io mi sento di dar 10.
Les Misérables se lo merita tutto.
Quante lacrimuccie...

MonkeyIsland  @  28/06/2013 01:54:25
   8 / 10
Finalmente un musical con gli attributi!
Bellissime le canzoni e ottimi i costumi, in gran forma tutto il cast su tutti la Hathaway (anche se recita solo un cameo) e Crowe.

il.razziatore  @  21/06/2013 18:23:28
   9 / 10
Bellissimo, l'ho imparato a memoria!
Finalmente un lavoro fatto come si deve! musiche fotografia attori ecc... tutto!

Mi consigliate altri film BELLI trasposizione di musical o opera?

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/06/2013 20.11.09
Visualizza / Rispondi al commento
livis  @  17/06/2013 11:32:08
   8 / 10
Sontuoso e commovente, interpretazioni fantastiche.............è chiaro che sia impegnativa la visione, è quasi come assistere ad un opera lirica classica. Però ne vale la pena indubbiamente.

pavel  @  07/06/2013 13:53:07
   10 / 10
Questo è uno dei film più belli degli ultimi 20 anni. Con tutto il rispetto per Lincoln e Argo, che si son giocati il grande OSCAR, ma les miserables per me è il film più bello e da OSCAR 2013. è un film che trasmette tantissime emozioni ed è ben fatto, notevole e da brividi l'interpretazione "musical" che ci accompagna per tutto il film, anche se molto lungo di durata, scorre una bellezza.
Anne Hathaway(Fantine) un gradino sopra di tutti gli altri bravissimi attori, performance davvero impeccabile e voce da brividi.
Film da vedere e rivedere. voto 10 ma anche di più.

bm_91  @  06/05/2013 21:12:40
   7 / 10
Mi piacciono i musical, ma questo mi ha un pochino annoiata. Voto comunque alto perché si lascia guardare.

Invia una mail all'autore del commento Andrea80  @  24/04/2013 19:11:22
   10 / 10
Il miglior film dall'inizio del 2012 ad oggi.

jack98  @  07/04/2013 15:02:30
   8 / 10
Assolutamente un magnifico film, dove 2 ore e mezza di musical passano come niente..musiche bellissime, attori magistrali..anne hathaway magnifica (difatti ha vinto l'oscar come miglior attrice non protagonista) con una canzone bellissima (peraltro girata in un unico ciack). Jackman sempre ottimo e un crowe che mi ha sorpreso molto
La coppia Carter, Cohen completamente azzeccata..
La nota di demerito però va alla regia di Tom Hooper, sempre incollata ai volti degli attori..
Cult musical che verrà ricordato, ma non raggiunge Jesus Christ Superstar e Rocky Horror Picture Show, sempre insuperabili

mauro84  @  27/03/2013 23:59:38
   8 / 10
finalmente riesco a giudicare sto capolavoro del cinema moderno.. trama eccellente ricca di fascino\significato\storia. interpretazione attori perfetta.. tutti hanno cantato eccezzionalmente bene. I 3 premi oscar meritati... forse avrei dato anche per il costume però.. come trucco ed acconciature, seppuer minori, son importanti per sti film in sto periodo storico.
Struggente in alcuni momenti.. interessante e piacevole in altri.. epico in altri ancora.. ha tutte le carte in tavole per diventar il film sui miserabili definitivo!

Eccellente lavoro! da non perder per nessun motivo! da vedere!!

Badu D. Lynch  @  25/03/2013 10:49:26
   6½ / 10
Les Miserables.

2013 : odissea nello strazio.
La verità è una : di cinematografico, quest'opera, ha solamente i titoli di coda. In questo film manca la magia squisita della settima arte. E' una pellicola che, a parer mio, si regge solo sulle interpretazioni (canore) magistrali degli attori. Ok, forse ogni tanto si respira un pò di maestosità (forzata).. Ma è una maestosità che non decolla e rimane piatta.. Un film orizzontalmente guardabile con almeno un caffè che vi circola nelle vene. Grandiosi quasi tutti gli attori ; Un immenso Hugh Jackman che, insieme a Phoenix , è il migliore della cinquina candidata all'oscar per il miglior attore protagonista. Ho apprezzato tantissimo anche Russell Crowe che, ogni tanto, mi faceva tornare in mente la voce di Serj Tankian (in tempo di pace), cantante dei Sistem of a Down.. Adorabile ed azzeccatissima la coppia Cohen - Carter. Anna Hathawey : oscar alla miglior attrice inesistente (carina però..).
Epico? Bah, di "epico" c'è solo la durata del film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  08/03/2013 14:42:56
   7 / 10
E' un musical con dei meriti senza dubbio notevoli per il genere, che si avvale di ottime interpretazioni (però Crowe canterino...uhm), nonchè di scenografie, costumi e tutto molto accurati e di gran qualità.
Si fa seguire senza eccessive pesantezze, per quanto quasi tre ore di continui gorgheggi possano sfinire un po'.
Devo anche ammettere di aver cavato il fazzoletto fuori dalla tasca in un paio di occasioni, ma questo solo perchè sono una donna dell'800 per sbaglio finita in questo millennio.

Ridicola la scelta di doppiare le rarissime frasi pronunciate dagli interpreti, mentre tutta la parte cantata è sottotitolata, per cui si generava quel tipico e fastidioso cambio di audio: lasciare quei dialoghi in originale era troppo difficile per noi?

maxroller  @  08/03/2013 00:48:05
   10 / 10
Non riesco a commentare un capolavoro simile. Coinvolgente, appassionante, commovente... tutto!!!!! Epico e tale resterà!!!

docafass  @  01/03/2013 17:23:19
   10 / 10
meraviglioso...e basta

haika82  @  21/02/2013 16:24:19
   9 / 10
Bellissimo racconto, avvincente e coinvolgente, in cui le musiche, piacevolissime, sottolineano e valorizzano ogni singolo momento della narrazione. Le parti cantate sono tutte molto espressive, gli assoli, i duetti o i terzetti, e di grande effetto sono le scene corali. Buone la regia, la fotografia e la ricostruzione delle ambientazioni, gli attori davvero abili nell'essere comunicativi e nel "recitare con gli occhi" cantando.
Da spettatori, non ci accorge minimamente del passare del tempo perchè si viene letteralmente trascinati in un'altra dimensione.

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/02/2013 02.42.31
Visualizza / Rispondi al commento
steven23  @  21/02/2013 15:04:02
   10 / 10
Non ho mai particolarmente apprezzato i musical, e forse proprio per questo motivo "Les Misérables" mi ha stupito ancora di più. Mi aspettavo, anche a dispetto della durata, una certa noia e alcuni punti vuoti nella vicenda, invece ho dovuto ricredermi sin dalla prima scena, dove Jackman fa già capire quanto sarà alto il livello della sua interpretazione. Seguiranno due ore e mezza di pura emozione, di enfasi, di sfarzo e di molto altro. Da sottolineare la regia di Hooper assolutamente straordinaria (ancora mi chiedo il motivo per la mancata nomination agli oscar), per non parlare di sceneggiatura, ambientazione e costumi.
A tutto questo si aggiungono poi le performance del cast, tra le migliori che io ricordi aver visto negli ultimi anni. Jackman e Crowe a parte (in fondo loro sono i protagonisti e ci si aspetta il meglio) la differenza la fanno i personaggi minori, colore che legano perfettamente tutta quanta la storia. In particolare sono due le attrici ad avermi incantato: Anne Hathaway e Samantha Barks. La profondità e l'intensità che donano a Fantine ed Eponinei sono qualcosa di incredibile, basta guardarle negli occhi per sentirsi parte integrante del loro dramma e della loro sofferenza.
In conclusione, un film che merita ogni singola candidatura che ha ricevuto, il miglior musical da parecchi anni a questa parte e, per quanto mi riguarda, uno dei più bei film che il 2013 ci abbia regalato e ci regalerà.

TheLegend  @  19/02/2013 22:14:58
   5½ / 10
Ambizioso,forse troppo.
Le canzoni non sono niente di indimenticabile e da metà film in avanti ci si inizia ad annoiare.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/02/2013 21.41.23
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR frine  @  18/02/2013 00:40:00
   5 / 10
Durante l'intervallo, molte persone hanno abbandonato la sala. Non sto scherzando. Io sono rimasta fino alla fine, con il mio senso di fastidio e noia e l'impressione di essere di fronte a un'abile operazione mistificatoria.
Ma vediamo.
Grande impegno produttivo, tanto da coinvolgere un cast stellare (che però DEVE cantare, e ciò non è facile).
Eccellente il make up.
Ottima fotografia e impressionante CGI: peccato che non si riesca mai a percepire che siamo in Francia, men che meno a Parigi. Se non fosse per il vino, fin troppe volte ricordato, si avrebbe l'impressione di essere in un romanzo di Dickens, non di Hugo.
La sceneggiatura: nel libro i rivoluzionari non sono così deficienti come appaiono nel film. Hanno un formidabile senso critico nei confronti del bonapartismo d'accatto, e prendono in giro l'ingenuo Marius per questo ("poche idee, ma confuse").
Regia convenzionale e oltremodo ruffiana: ridatemi Ridley Scott o Baz Luhrmann.
Musica insopportabile, melassa di premiata casa. Gli attori sono ottimi in quanto attori, ma non sono bravi cantanti: le stecche di Jackman e della Hathaway si sentono ( Russell Crowe se la cava meglio).
Interpretazione: lode a Jackman per avere fatto il vecchio fin da subito e alla Hathaway per avere fatto la brutta quasi subito. La Bonham Carter, poveretta, fa la brutta odiosa da quando ha sposato Tim Burton, quindi niente di nuovo. Sacha Baron Cohen è però forse più credibile di lei quanto a trasformismo barattiero (e voce). Do comunque la palma a Russell Crowe perché non si capisce se c'è o ci fa (e soprattutto perché canta più che accettabilmente: del resto ha un gruppo musicale da molti anni).
In sostanza: se non fosse per la bieca strappalacrimitudine e per il funesto qualunquismo, il film sarebbe anche guardabile. Tuttavia, al momento del finale ho provato un desiderio tarantiniano di bruciare tutto. Ma lascio i dettagli peggiori, i più insopportabili, allo spoiler.
Beninteso è da vedere, anche pagando, giusto per capire a quale livello di broglio intellettuale siamo arrivati:(

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

6 risposte al commento
Ultima risposta 02/03/2013 23.40.14
Visualizza / Rispondi al commento
googar  @  14/02/2013 22:46:53
   10 / 10
Emozionante,spietato e romantico "Les Miserables" si presenta agli occhi dello spettatore come un capolavoro del genere musical e come uno dei migliori film del 2013.
Le tre ore scivolano via piacevolemte e le ambientazioni francesi del post-rivoluzione sono impeccabili come le interpretazioni dei personaggi.
Un finale catartico completa una pellicola sublime che entrera senza dubbio nella storia del genere Musical.

Rosette  @  14/02/2013 00:48:33
   9½ / 10
Oh, my sweet baby Jesus, Yes!

Sono andata a vedere questo film con l'hype a mille: adorando sia i musical che i film storici, non ho potuto evitare di farmi un sacco di aspettative.

Mai aspettative furono più ripagate!
Stupendo, tre ore di musica che per quanto mi riguarda sono scivolate via fin troppo agilmente.
Agghiacciante dove doveva esserlo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Epico dove doveva esserlo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Commovente dove doveva esserlo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per quanto riguarda gli attori, danno prove di ottimo livello, soprattutto Jackman, Hathaway e (sorpresa!) Redmayne. Le voci sono tutte molto belle, anche se ho trovato quella di Russell Crowe davvero superiore a Jackman.

Musiche fantastiche. In particolare "Do you hear the people sing?", "At the end of the day" e "Look Down". In particolare...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 06/03/2013 00.02.57
Visualizza / Rispondi al commento
Harue88  @  13/02/2013 09:54:39
   10 / 10
Bellissimo! Aavendo letto il libro di Hugo e conoscendo bene anche il musical l'ho apprezzato ancora di più . Bravissimi tutti gli attori (primi fra tutti la Hathaway e Jackman) e certi momenti sono di straordinaria intensità. Personalmente sono contenta che non abbiano tagliato molto dal musical originale, questo magari ha reso il film un po' più lento ma ha permesso di gustarsi appieno ogni singola emozione scaturita dai personaggi. Come hanno già detto in molti prima di me, non è un film che tutti possono apprezzare, se vi aspettate di trovare qualcosa in stile Moulin Rouge o Grease allora lasciate perdere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/02/2013 23.49.07
Visualizza / Rispondi al commento
fulvioseverino  @  12/02/2013 12:23:43
   4½ / 10
Lo straordinario cameo di Anne Hathaway, l'intensa interpretazione di Hugh Jackman, nonché la pregevole direzione artistica,
non riescono a tenere sveglio lo spettatore durante questa stucchevole trasposizione cinematografica del già mediocre musical scritto da Claude-Michel Schönberg e Alain Boublil.
Almeno non si replicherà per anni.
Brutto. Davvero.

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/02/2013 05.20.46
Visualizza / Rispondi al commento
aitante68  @  12/02/2013 12:17:18
   7½ / 10
Fotografia bellissima, scene magnifiche, Jackman e la Hathaway recitano e cantano benissimo, non sapevo che sapessero cantare cosi' bene. La voce di Russel Crowe invece cosi' e cosi'....Film bello ed emozionante, a tratti pero' la noia fa un po' capolino, ma del resto e' normale in un film cosi' lungo...

LaurettaKoizumi  @  12/02/2013 11:50:29
   9 / 10
Sull'autobus:
ragazzina 1: Volevamo andare a vedere Les Miserables...
ragazzina 2: No!! Non ci andare! Per carità, bello, ma è durato un secolo!! E poi cantano, ma cantano SEMPRE!! Quanto li avranno pagati i doppiatori italiani per questo film? Le battute non cantate saranno cinque in tutto! Cioè, il tipo parla, e parla cantando, quello gli risponde, e gli risponde sempre cantando..cioè, aiuto! Non è come tipo Mamma Mia! Li parlano e poi cantano le canzoni..
ragazzina 1: a me i musical piacciono, mi ispirava...
ragazzina 2: allora vai, ma io mai più una roba del genere....

Finalmente, dopo aver letto su giornali e riviste commenti freddini per questo film, per una volta ritrovo sul caro Filmscoop una media che sia adeguata ad un capolavoro del genere.
Un consiglio: se non amate i musical, come la ragazzina suddetta, di cui ho ascoltato la recensione l'altra mattina, non guardatelo.
E io intendo se non amate i musical come questi, dove la musica non è rappresentata da siparietti ballati e registrati in studio, ma dove l'emozione "imbruttisce" la musica, la rende imperfetta e reale, come se fossimo davvero a teatro.
Una sfida superata a pieni voti che rende questo film una indiscussa novità e una perla del 2013. Inutile ribadire la struggente forza di Anne Hathaway e Hugh Jackman, le due colonne di di questo film. Inutile dire che lo sforzo di tutti gli altri attori, in particolare di Russel Crowe, si vede e si apprezza, sia per attori come lui, alla prima volta in una prova "del genere", sia per altri attori, che hanno già calpestato il suolo di una piece teatrale (vedi Samantha Barks e la sua "On my own").
"Les Miserables" non porterà a casa la statuetta per miglior film, ma merita di portarne in trionfo altre e di essere ricordato. Io personalmente lo ricorderò come il musical di quasi tre ore (sì, tre ore di musica, ora vi rendete conto, ragazzine dell'autobus, perchè non informarsi prima di vedere un film??) che sarei rimasta a sentire ancora un altro po'.
Chapeau.
ps: perchè non metto dieci?....dai, non fatemi rovinare questa bella recensione nominando le uniche due cosucce che non ho apprezzato...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

guidox  @  11/02/2013 18:01:23
   7½ / 10
più che buona questa versione tratta dal romanzo di Victor Hugo, anche se sinceramente in alcuni punti l'ho trovato un po' pesante, nonostante si riscatti spesso con momenti molto emozionanti, grazie soprattutto ad una cura stupenda per le immagini e a delle musiche che ti trascinano.
gli attori danno veramente una gran prova, anche se Helena Bonham Carter mi ha dato un senso di deja vu fortissimo nell'interpretazione del suo personaggio.

gringo80pt  @  11/02/2013 16:51:41
   6½ / 10
Alcune scene son artisticamente proprio belle, così come alcune canzoni, così come la storia/trama, ma non posso passar sopra all'assopimento misto alla voglia di uscire dalla sala che ti colpisce in 3/4 occasioni.

CONFUSO!

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/02/2013 22.58.34
Visualizza / Rispondi al commento
ilgiusto  @  11/02/2013 10:19:45
   8 / 10
Filmone con la 'F' maiuscola.
Grande cast, straordinaria regia (Ma Hooper...quanto è bravo?), ritmo, costumi, sfarzi e scenografie senza badare a spese e, soprattutto, ottime musiche (il main theme 'spacca' come è giusto che spacchi il main theme di un grande musical).
(Gli nego quel mezzo punto in più che meriterebbe solo per la storia, non perchè non sia interessante o avvincente ma perchè, ahi me, mi è già fin troppo nota e dunque, per quanto mi riguarda, mi è mancata un po' di sorpresa).
Assolutamente Imperdibile.

(Poi, vabè, agli Oscar tiferò l'altrettanto imperdibile Argo perchè è più moderno e in un certo qual senso più originale, ma ciò non toglie nulla a questo che è un grandissimo film).

kako  @  09/02/2013 18:02:54
   9 / 10
Per quanto mi riguarda nettamente il migliore tra i film candidati quest'anno agli Oscar. Un musical superbo ed emozionante, perfettamente confezionato in ogni suo aspetto, canzoni e musiche molto belle, una scenografia eccezionale, costumi curatissimi, una regia di alto livello che ci fa immergere benissimo nella storia (scandalosa per me la mancata nomination), e una storia appunto intensa ed emozionante, non se ne sente mai la durata, scorre e coinvolge, prendendoti e trasportandoti fino al gran finale, tra interesse ed emozioni sempre crescenti. Il cast è perfetto, tutti gli attori offrono ottime interpretazioni e ci mostrano buone doti canore. Su tutti sono da evidenziare le stupende interpretazioni di Hugh Jackman ed Anne Hathaway, perfettamente strazianti ed emotivamente coinvolgenti. Gran film sia nella trasmissione delle emozioni sia nella realizzazione tecnica, merita veramente.

NutriaDanzante  @  07/02/2013 22:14:12
   8 / 10
E' un film epico! Anne Hathaway è meravigliosa peccato che sia stata sfruttata per cosi poco tempo, ma il finale? era davvero "angelica"! Hugh Jackman merita l'oscar, lo so, sono tutti attoroni quest'anno ma lui ha dato davvero tutto se stesso e si vede perchè comunica tantissimo! Mi dispiace per Russel Crowe che ha una voce veramente fastidiosa! Per il resto è magnifico, per non parlare di Helena Bonham Carter e Sasha baron Cohen che insieme fanno una coppia a dir poco geniale portano pure un pizzico di allegri in uno scenario di miseria! Davvero bello. Troppo inverosimile invece la storia d'amore, quella è un po' una pecca...

7 risposte al commento
Ultima risposta 31/03/2013 15.33.33
Visualizza / Rispondi al commento
Lory_noir  @  06/02/2013 00:32:42
   10 / 10
Non riesco a mettere neanche mezzo voto di meno. Questo non è un film, è un opera d'arte. Far cantare gli attori dal vivo per me è una rivoluzione per il genere musical al cinema e la trasposizione di questo musical è stata realizzata in maniera eccellente. 2 ore e 30 di magia. Questo è il cinema, trovarsi in una sala e non volerla lasciare, sentirsi riempito d'arte. Stupendo.

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  04/02/2013 12:33:36
   8 / 10
Opera magnetica di Sir Tom Hooper,che giostra la sua macchina da presa come una cornice da applicare a diverse scene.Nessun movimento brusco,solo riprese fisse e ampie per inserire i diversi personaggi in un contesto inquietante,nella quale la speranza e' difficile da intravedere e la liberta' e' circoscritta,controllata e tenuta sotto chiave da coloro che giocano a fare i potenti.
Hugh Jackman vaga disperso e disperato alla ricerca di un'identita' e non puo'appigliarsi a nessun sostegno.Straziato essere umano spoglio,stracciato,con un'anima distrutta che detesta il nome che porta,la sua interpretazione e' molto ben impostata e merita secondo me l'Oscar piu' di altri attori protagonisti in concorso.
Comprimari con alcune voci calde,altre molto soavi,casting fatto con cura per un risultato convincente e appagante.Nota di merito a Anne Hathaway che e' superba,un confetto puro e sostanzioso ricoperto di fango piazzato in una mangatoia per maiali che grida pieta'.aiuto e misericordia.E' proprio questa l'immagine che ho di lei e anche lei e' degna di considerazione.

La durata non si sente affatto e la pellicola scorre che e' un piacere.Trascinante ed evocativo,Les Miserables e' un terzo lavoro(se non sbaglio) di Tom Hooper ammirevole e coraggioso(non dimentichiamoci degli attori che cantano in diretta direttamente li sul set).
Di sicuro infuoca gli animi degli spettatori che decidono di visionare questo prodotto.
Non si puo' lasciare la sala senza aver provato una qualche minima emozione forte che ti fuoriesce violentemente dal petto.

Consigliato da tnx.

20 risposte al commento
Ultima risposta 25/02/2013 10.40.59
Visualizza / Rispondi al commento
beppe.fadda  @  03/02/2013 21:13:55
   10 / 10
Un Capolavoro!!! So di dare dieci anche troppo spesso, ma qui è davvero meritato, questo film è una gioia per gli occhi e per l'anima, ti tocca davvero il cuore e ti fa commuovere, un signor film!!! Hugh Jackman semplicemente da Oscar, dovrebbe vincerlo lui, ho preferito la sua interpretazione a quella di Daniel Day Lewis in Lincoln. Il suo Jean Valjean è un personaggio commovente, toccante, profondo, e inoltre dimostra anche doti canori davvero buone. Non capisco le critiche rivolte a Russell Crowe; non è il migliore in quanto a canto, ma comqunque la sua performance di Javert è davvero ottima, alla fine per lui si prova più compassione che odio. E che dire di Anne Hathaway?? Compare sì e no venti minuti, ma in caso vincesse l'Oscar il premio sarebbe più che meritato, un'interpretazione davvero davvero superba, commuove. La scena in cui canta "I dreamed a dream" è imperdibile. Ad Amanda Seyfried e ad Eddie Redmayne non toccano i ruoli più belli dell'opera (i due giovani innamorati, Cosette e Marius) ma comunque intepretano i loro ruoli a dovere. Helena Bonham Carter molto brava (anche se la vedo alle prese sempre con lo stesso ruolo, Madame Thenardiér è una specie di Bellatrix Lestrange privata di manie omicide), così come Sacha Baron Cohen che strappa diversi sorrisi in un contesto molto drammatico. Ottima anche, infine, Samantha Barks, che ci fa provare comprensione e affetto per la sua Eponine, la figlia dei Thenardiér innamorata segretamente di Marius. Molto bella la scena in cui canta "On my own".
Lo consiglio a tutti, è da non perdere!! Le due ore e mezza non si notano proprio!! Bello bello bello.

dagon  @  03/02/2013 20:26:16
   5½ / 10
Il musical è un genere per me assolutamente indigesto anche se quelli moderni riesco a tollerarli più che quelli passati. Un "tutti insieme appassionatamente" non posso guardarlo per più di 5 minuti senza provare un moto omicida. Viceversa, seppure con diversi gradi di sofferenza e di apprezzamento, ho visto i vari Evita, Chicago, Il Fantasma dell'opera, Sweeney Todd, ecc. riuscendo a "sfangarla".
Questo di Hooper l'ho trovato molto deludente sotto tutti i punti di vista: in primis quello registico. Che Hooper sia un regista sopravvalutato mi sembrava già chiaro con "il discorso del re"; in questo caso mette in scena un film con poca vera ispirazione ed ogni tanto la "butta in caciara" con qualche ripresa pseudomoderna a base di camera a spalla, o comunque mossa, tanto per essere alla moda e non sembrare troppo ingessato. Al di là dei personaggi di Crowe e Jackman (la vera grande sorpresa e rivelazione del film), che sono gli unici definiti in maniera un po' più precisa, gli altri, soprattutto nella parte della rivoluzione (a mio avviso la più debole, anche se vorrebbe essere la più "importante"), sono appena abbozzati e molto anonimi, per cui non sono riuscito minimamente ad interessarmi alle vicende di alcuno nè a farmi muovere dalla loro sorte. Anzi, ad onor del vero mi ha mosso la sorte

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER.
Sicuramente il fatto che si canti per 2 ore e mezza ha contribuito progressivamente al mio distacco, ma in altri musical ero "entrato" comunque di più. Le stesse musiche non mi son sembrate nè memorabili nè potenti, a differenza –per dirne uno- di quelle de "Il fantasma dell'opera" (di tutt'altro livello A.L. Webber). La sequenza di apertura mi aveva fatto sperare in ben altro film, ma si è rivelata –ahimè- l'unica con un certo impatto visivo; superata la prima ora, invece, la noia comincia a far più che capolino e si cerca disperatamente di siringare un po' di pathos artificioso, iniettando spesso robuste dosi di facile retorica (a partire da "one day" che è il cavallo di battaglia e che, a mio gusto, è fastidiosamente pomposa). Altro elemento irritantissimo è la coppia "comica" costituita da Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter, a cui sono affidati i siparietti "divertenti". Tra le note positive, oltre a Jackman, veramente ottima si rivela la Hathaway che però compare sì e no 10 minuti anche se sono 10 minuti molto molto intensi che dovrebbero garantirle l'Oscar come attrice non protagonista. Non so dire quanto il mio giudizio sia influenzato dalla mia avversione al genere, sicuramente parecchio, ma tant'è. Considerate le persone che sono uscite a proiezione in corso, non sono l'unico.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/02/2013 22.18.55
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Caio  @  03/02/2013 12:29:05
   8 / 10
Molto bello. Gli attori sono davvero straordinari, non c'è nulla da dire. Vederli cantare mentre le lacrime gli sgorgano sulle guancie e la mdp li riprende in primissimo piano è la manifestazione più chiara del grande talento e della grandissima professionalità dei grandi attori americani. Avrei approfondito di più la parte iniziale, la figura del Vescovo e l'ascea di Jean Valjean verso Dio, ma è solo un dettaglio.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/03/2013 16.33.15
Visualizza / Rispondi al commento
ClaudiaP.  @  02/02/2013 14:07:22
   10 / 10
Veramente bellissimo. Ti lascia dentro un emozione forte e pregnante. Lo rivedrei oggi stesso, bravissimi tutto il cast, Russell Crowe e Anne Hathaway tra tutti (spero che quest ultima vinca l'oscar come miglior attrice non protagonista, ha messo su un interpretazione molto toccante).

Mik_94  @  01/02/2013 16:06:08
   9 / 10
Les Misérables non è uno di quei musical con coreografie realizzate da menti superiori, canzoni da fischiettare allegramente o di cui cantare il ritornello sotto la doccia, riflettori e sorrisi luccicanti. Pur diretto da un regista nato e vissuto nella patria di We Will Rock You e interpretato da attori che provengono dall'America di Chicago, West Side Story e Smash, scrive un capitolo a parte; armato solo di voce, canta – e splendidamente – ma fuori dal coro. Immenso com'è, lungo, con parole che diventano canzoni da intonare in un mondo oscuro e decadente e attori che scompaiono all'ombra dei loro monumentali ruoli, è un'opera lirica (senza tenori e soprani) da godersi, in assenza di un tranquillo loggione, sull'inusuale territorio di una sala cinematografica, magari mezza vuota.
Tom Hooper ha un cast di stelle scintillanti, scenari costruiti come il miracolo dell'arca di Noè, un budget a sei cifre, ma la sua telecamera è fissa sui visi, ora addolorati ora rossi d'amore, sulla verità, sulle emozioni più reali. A darci dimostrazione del kolossal di cui tutti, prima del tempo, avevano parlato, vi sono solamente la scena iniziale della barbara prigionia di Valjean e un'altra, a metà film, in cui Javert canta, vincendo paura e vertigini, su un terrazzo pericolante, affacciato su una malinconica Notre Dame baciata dal fosco tramonto parigino.
Raffinatissimo a livello musicale, infatti, ha una regia scarna e semplice: lunghi piani sequenza, zoom sui volti degli interpreti, prevalenza di grigi opachi e colori terrosi, una scarsa attenzione per le scenografie sontuose, che, in ogni dove, parlano della violenza che il film combatte e tempera grazie al valore catartico e magico della canzone.
Il film di Hooper potrebbe volare alto, ma, con coraggio e voglia di sfida, si abbassa e crolla sulle sciagure umane, come un diamante germogliato naturalmente su strade fangose e impraticabili, segnate dalla neve, dalla scia delle carrozze dei nobili e dai passi traballanti e incerti di prostitute e mendicanti. Les Miz è la voce del popolo, dei diseredati, dei giovani morti per un sogno, nel sangue di barricate che tremano di canzoni e cannonate. E' storia che viene rievocata, vissuta e scritta su un pentagramma. E' l'eco che gli avvenimenti che ci scoppiano intorno hanno sulle nostre vite. Giudicare le prove degli attori è superfluo. Sono performers, cantanti, egregi interpreti e, per quasi tre ore di film, cantano interamente dal vivo. Giù i cappelli, perché non c'è davvero gara! Russell Crowe, la cui voce bassa e cavernosa è forse la più incerta, è un Javert viscido, odioso, ma incredibilmente umano. Hugh Jackman, che invecchia gradualmente sullo schermo, ci regala la migliore interpretazione della sua intera carriera, con una voce controllata che si leva forte in picchi di emozione (nel momento del suo agognato riscatto) e che crolla, spesso, in voragini di dolore (durante le fughe continue, ad esempio, o nel vedere Cosette diventare una giovane donna che non ha più bisogno del suo papà). Avendoci abituati a ruoli fisici e spesso disimpegnati, sorprende nella caratterizzazione di uno Jean Valjean dalla fede inossidabile e dalla moralità ineccepibile, continuamente alle prese con gravosi soliloqui e vibranti e manzoniani appelli a Dio.
Godibilissimi i siparietti comici portati in scena da Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter, brevi ma in grado di suscitare risate spontanee e di alleggerire il peso gravoso delle vicende. Di nuovo insieme dopo Sweeney Todd (altro film che adoro!), funzionano in maniera perfetta, anche se vedere la Bonham Carter in ruoli che la vogliono eccentrica, trasandata e rozza potrebbe, nell'arco di un altro film, venire a noia. Meriterebbe, a mio avviso, di meglio!
Ottimo, anche il lavoro dei più giovani del cast. Passionali, folli, commoventi: l'anima della Parigi ottocentesca e, in parte, di tutto il film. Freschi, giovanili e romantici, Eddie Redmayne ed Amanda Seyfried, le cui voci, belle e diverse - bassa ed impostata quella di lui, cristallina e pura come il là di un diapason quella di lei (forse una delle più precise dell'intero cast) -, si sposano in un connubio dolce e delicato. Accanto a loro, il piccolissimo Daniel Huttlestone (Gavroche) e Aaron Tveit (Enjolras), due autentiche rivelazioni, impegnate anima e corpo in ruoli da pelle d'oca. Il primo, al suo primo film, è stato strappato dalle scuole elementari; il secondo, con una presenza "scenica" e una faccia che lo porteranno, mi auguro per lui, a fare strada, da un episodio di Gossip Girl, in cui recitava il ruolo dimenticabile del cugino di Nate Archibald. Emozione e commozione allo stato puro sono Anne Hathaway e Samantha Barks, quest'ultima passata dal teatro al grande schermo con grande naturalezza e maestria. Entrambe, infatti, sono dirette artefici di due dei momenti più grandi di questo monumentale film. Samantha, giovane e bellissima, dà, dopo averlo già fatto sui palcoscenici americani, la sua bellezza mediterranea e la sua voce angelica alla più memorabile delle Eponine viste al cinema. Figlia di due abomini di genitori, è divisa tra il desiderio di fuggire lontano e l'amore non corrisposto di Marius, già perdutamente innamorato della tenera Cosette. Lei, sotto la pioggia scrosciante, canta la sua solitudine nella poetica e nostalgica On my own e gli spettatori, perfino quelli più molesti, tacciono incantati.
Ognuno di noi vorrebbe sentirsi rivolgere quelle parole e ognuno di noi, senza pensarci nemmeno, sarebbe disposto a stringerla forte e a colmare con amicizia o amore la voragine scavata in quel suo petto scosso dai singhiozzi e dagli acuti di una ballata così emotiva. Ultima solo d'ordine, Anne Hathaway: la novella Audrey Hepburn che, dai tempi in cui regnava su Genovia in Pretty Princess, è cresciuta, fino a diventare una giovane donna il cui ampio sorriso, in ogni suo film, me ne lascia percepire la sensibilità e la purezza d'animo. La sua prova, personalmente, era quella che più attendevo. Il suo ruolo, quello di Fantine, come da copione, è uno dei più brevi ed infelici dell'opera. Ma uno dei più indimenticabili. Senza più capelli, denti, dignità e sogni, è una donna non destinata al lieto fine. Dopo aver venduto il suo corpo, in cambio di pochi spiccioli, seduta nell'oscurità di un umido tugurio, intona, in un canto straziante, un decalogo di tutti i suoi sogni infranti, in una presa di coscienza che tutti, almeno una volta nella vita, faremo o abbiamo fatto. Ne viene fuori la famosa I dreamed a dream. Un capolavoro di musica e parole. E' stata cantata da tutti - Susan Boyle, il cast di Glee... - ma la versione della Hathaway è unica, inimitabile.
Piange, balbetta, sbraita. Urla contro un amore subito tramontato, un Dio crudele e una figlia lontana dai suoi abbracci. Lei canta, lo spettatore la accompagna in un coro di singhiozzi. Le sue labbra screpolate, poco attente ai virtuosismi, diventano un taglio per sputare fuori ogni dolore. E vederla così - piccola come un uccellino, indifesa, con i capelli rasati a zero, il volto emaciato per gli 11 chili persi e quegli splendidi occhi nocciola mai così grandi e umidicci – ferisce a morte, ti uccide.
L'Oscar sarebbe anche troppo poco, per lei. Ha interiorizzato Fantine. Insieme a lei, è morta e rinata un po' ogni giorno. Non saprei cos'altro dire. Vedere il film farà provare anche a voi un po' di quell'emozione che mi ha lasciato attonito, esaltato, inerme. Un consiglio finale: so che andare al cinema da soli può essere un'esperienza spaventosamente deprimente, ma, se già prevedete che il film non possa piacere a fidanzati, fidanzate o amici, lasciateli senza rimpianti a casa. Sentirsi dire, come tante volte capita, "Ma perché cantano sempre?!" potrebbe nuocere alla comprensione della bellezza grezza ed evidente del film e alla salute dei vostri lamentosi vicini di posto, che, all'ennesima domanda irritante, potrebbero scatenare la vostra ira funesta! E' un musical, solo più impegnato ed impegnativo degli altri. Se avete la sensibilità per apprezzarlo, tre ore del vostro tempo libero da dedicargli, la passione per un genere spesso frainteso e i drammi storici, Les Misèrables sarà il vostro film. Quello che aspettate di vedere da una vita intera. Un'opera d'altissimo livello che diventa un film d'altissimo livello. Prezioso.

da Diario di una Dipendenza

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/02/2013 05.25.23
Visualizza / Rispondi al commento
El Piccio  @  01/02/2013 11:20:19
   8 / 10
Un gran bel film, certo visto il genere non piacerà a tutti.
Grande prova degli attori!!

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


958441 commenti su 37525 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net