lord of war regia di Andrew Niccol USA 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

lord of war (2005)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LORD OF WAR

Titolo Originale: LORD OF WAR

RegiaAndrew Niccol

InterpretiNicolas Cage, Ethan Hawke, Jared Leto, Bridget Moynahan, Eamonn Walker, Ian Holm, Sammi Rotibi

Durata: h 2.00
NazionalitàUSA 2005
Genereazione
Al cinema nel Novembre 2005

•  Altri film di Andrew Niccol

•  Link al sito di LORD OF WAR

Trama del film Lord of war

Ormai nell'occhio di un agente dell'Interpol, un trafficante di armi comincia a fare i conti con la sua coscienza e con i rimorsi legati al suo lavoro..

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,58 / 10 (255 voti)7,58Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Lord of war, 255 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

Effeverde  @  12/05/2020 18:32:02
   5 / 10
Prima di gridare al filmone, io mi chiederei:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ma per cortesia, su. In ogni caso, diciamo pure che le vene spiritose proprie del protagonista narrante appaiono in generale poco congeniali, alla luce del tema trattato. La morale finale, invece, tirando le somme risulta indubbiamente valida

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
il problema, come già esposto all'inizio, è che vi si giunge in maniera che più sgangherata non si può.

Jokerizzo  @  15/02/2020 08:36:01
   9½ / 10
Gran film, merito anche dell'ottimo cast!

Thorondir  @  23/07/2019 22:32:53
   7 / 10
Andrew Niccol non è un regista banale e Lord of war lo conferma non solo per il tema che porta sullo schermo ma anche per il come lo fa. Niccol opta per un ritmo serrato (lontano per esempio dal suo miglior film, cioè Gattaca) e decide di farci narrare tutto dalla voce del protagonista, interpretato da un Nicolas Cage in buona forma attoriale. Il problema di Niccol in Lord of war sta nell'aver ceduto ad una tipica "deviazione" di molto cinema impegnato americano che si è palesata sempre di più con il tempo e cioè la faciloneria, la tentazione di buttare tutto in commedia, superficialismo e reiterata sospensione dell'incredulità. In particolare la prima parte è clamorosamente banale e mainstream per uno come Niccol, che ha sempre ricercato l'autorialità nel suo cinema. Quando la sceneggiatura riesce a limitare questo gioco da comedy (e ci riesce nella seconda metà), il film diventa sempre più interessante, serrato e infine politicamente sgarbato, fino ad un finale che nella sua semplice brutalità ci ricorda che il "male necessario" è connaturato al sistema.

DogDayAfternoon  @  08/04/2019 22:28:25
   6½ / 10
Troppo sempliciotto e superficiale, visto anche il tema trattato. Ha dalla sua una buona dose di scene d'azione ben fatte, ed un coinvolgimento ed intrattenimento costante.

A tutti gli effetti un'americanata, che in quanto tale qualcuno potrebbe denigrare ma altri apprezzarla; io mi pongo nel mezzo.

Neurotico  @  09/07/2018 18:35:25
   6½ / 10
Non mi ha impressionato più di tanto. Bravi gli attori (soprattutto Leto) e la trama e il tema trattato sono sufficientemente interessanti per dare un certo appeal al film, ma per quanto mi riguarda non si fa ricordare.

jek93  @  07/05/2018 23:26:42
   8 / 10
Lord od War è un bel film, merita di essere visto ed è a mio parere molto sottovalutato (strano a dirsi visto che il protagonista è N.Cage, uno che ci ha abituati a film orribili).
La storia è convincente, interessante e non troppo lenta per un film di questo genere.
Le recitazioni sono buone, così come il contesto generale e la fotografia.
Ottimo film, merita.

wicker  @  22/04/2017 19:51:43
   7½ / 10
Bel film che nonstante il ripetersi degli avvenimenti non annoia sostenuto da una regia brillante,tesa e serrata ..
Per una volta bene Cage o almeno non fa disastri anche se è sempre monoespressivo ..

Spotify  @  27/04/2016 00:24:19
   7 / 10
Interessante film di Andrew Niccol con un ottimo Nicolas Cage. La pellicola in questione propone un tema che di solito nel cinema non è stato mai trattato molto, e cioè, il traffico illegale di armi. Il regista attraverso questo lavoro, esprime una critica, la quale, durante lo svolgersi del lungometraggio si fa sempre più estesa. Il primo bersaglio di Niccol è il governo americano, il quale, come ci mostra il cineasta neozelandese, è sempre coinvolto in attività illecite come appunto scambio di armi, droga e quant'altro. Da tutto questo arsenale illegale che gira, si capisce poi come in America, si verifichino sempre episodi come sparatorie, omicidi e quant'altro, spesso proprio per colpa di uno uso improprio di pistole, fucili ecc... Altra analisi condotta dal director, è la vendita di armamenti in Africa o comunque in quei paesi caratterizzati da forte instabilità politica e sociale. Viene messo in luce il fatto di come il trafficante si rifiuti di rendersi conto, che sta vendendo mitra, granate e revolver a spietati signori della guerra, i quali poi si serviranno di questi "acquisti" per uccidere gente innocente permettendo così l'instaurazione nel loro stato di regimi totalitari. Ciò inoltre, permette anche di dare uno sguardo alla situazione in certi paesi del continente nero, e comprendere in quali situazioni drammatiche versano. L'ultima tematica importante che viene trattata con rilevanza, è il rimorso e lo scrupolo che il trafficante d'armi comincia a provare, capendo finalmente che, anche se indirettamente, egli ha ucciso migliaia di persone. Allo stesso tempo però, Niccol ci dimostra che alla fine, è quasi impossibile smettere di continuare a perpetrare questo "lavoro", specialmente se si fa da tanto tempo, e che alla fine l'unico vero obiettivo che importa a quelli come "Yuri Orlov", sono i soldi. Cage, che interpreta proprio "Orlov", fa secondo me una delle sue interpretazioni migliori. Nel film, l'attore gioca molto con la versatilità, riuscendo ad essere molto ironico in certe situazioni, serio e drammatico in altre e infine un mix di tutti e due gli stati in ancora altre circostanze. Poi la recitazione è molto realistica, è come se Cage, ci volesse portare oltre lo schermo per farci vedere con i nostri occhi, sia tutte le operazioni illegittime che avvengono tra USA e altre parti del mondo, sia per mostrarci in che condizioni vivono certe persone dell'Africa. Le espressioni sono sempre molto accattivanti e l'interpretazione dei dialoghi è impeccabile. La regia di Niccol è molto scrupolosa e oltre a rappresentare bene le tematiche sopraccitate, è molto attenta nella descrizione del protagonista. Il regista vuole dimostrarci quanto sia difficile condurre la vita contrabbandando armi, infatti il trafficante vive su un enorme castello di bugie che man mano è andato costruendo, mente continuamente ai familiari e alle persone che gli vogliono bene e più ottiene ricompense da quello che fa, più non riesce a "disintossicarsi dalla sua dipendenza". La faccenda poi si fa ancora più complicata quando cominciano a subentrare scrupoli e rimorsi, i quali si mischiano alla voglia di continuare a trafficare armi, portando quindi il contrabbandiere in un profondo stato di confusione e soprattutto davanti ad una scelta, cioè, o continuare a condurre tale attività o condurre un'esistenza normale. Cage è fatto calare eccellentemente nei panni di Yuri Orlov, col director che azzecca tutto in quanto a caratterizzazione e direzione. L'atmosfera evocata da Niccol è particolare, perchè sta nel limbo tra sarcasmo e drammaticità, dando un impronta particolare alla pellicola, non collocandola in un genere ben definito. Il ritmo è molto fluido, non ci sono mai cali di interesse o momenti noiosi, si procede spediti grazie anche alla continua suspense che si crea man mano col passare dei minuti. Narrazione solida e diretta, il regista va sempre diritto al punto senza girare attorno alle questioni. Il finale è di un'intelligenza rara, oltretutto è innovativo e anche molto pessimista. Il director pone lo spettatore davanti alla realtà nuda e cruda della situazione che si vive in America a proposito del contrabbando d'armi. La fotografia è buona, si sposa bene con i paesaggi africani grazie alle tinte marroncine. La scenografia è altrettanto ben fatta, c'è molta cura nella caratterizzazione delle città distrutte dalla guerra civile. Il regista ci fa osservare meticolosamente questi posti attraverso singolari inquadrature e movimenti con la macchina da presa, allo scopo di farci capire a cosa porta il traffico d'armi in paesi come appunto la Liberia o la Sierra Leone. Se Niccol ha fatto bene dietro la cinepresa, non si può, purtroppo, dire lo stesso per quanto riguarda la sceneggiatura. Un sacco di cose sono molto approssimate, ad esempio il protagonista entra nel giro del contrabbando d'armi quasi per caso e con troppa facilità. Non c'è un percorso graduale che porta Orlov in questo ambiente, ma avviene tutto di scatto, improvvisamente. Altra cosa gestita male, è stata la stesura dei personaggi secondari, i quali, pur essendo interessanti, trovano poco spazio all'interno di tutta la trama. Su soggetti come la moglie di Yuri oppure Jack Valentine, si doveva puntare molto di più, infatti sono molto intriganti e affascinanti, ma alla fine si ha la sensazione che diventino solamente ingombranti. Poi se la parte di Jack Valentine è interpretata da un attore del calibro di Ethan Hawke, si perpetra uno dei più grandi sprechi attoriali degli ultimi 20 anni. Per il resto lo screenplay non è neanche male, ci sono dei dialoghi trascinanti, intensi e mai banali, la stesura del protagonista è studiata nei minimi dettagli e naturalmente l'originalità della storia in se.

Conclusione: un film molto godibile su un tema di cui se ne discute troppo poco. Cage da solo vale il 60% della pellicola, davvero nulla da dire. Consigliato.

Voto: 7+

alex94  @  17/02/2016 15:28:11
   7½ / 10
Ma guarda un po che sorpresa,Nicolas Cage che recita bene in un film.
A parte gli scherzi questa pellicola scritta e diretta da Andrew Niccol non è per nulla male,anzi è una delle poche che descrive il mondo dei trafficanti d'armi,argomento sicuramente interessante e poco affrontato dal cinema.
Non mancano alcuni problemi e difetti sopratutto nella sceneggiatura,interamente concentrata sul protagonista e poco sui personaggi secondari,che a tratti appaiono abbastanza stereotipati (sopratutto il fratello del protagonista),interessante invece il personaggio della moglie che avrebbe meritato più spazio.
Non convince pienamente il modo in cui il protagonista entra nel traffico d'armi,appare troppo poco realistico e semplice.
Nonostante questi indubbi difetti comunque il film è godibile,mai noioso e presenta anche degli spunti di riflessione non proprio banalissimi.
Ben diretto e ben recitato,bravissimo questa volta Cage,in una delle sue migliori interpretazioni di sempre (insieme a quella in "Cuore Selvaggio")
Una pellicola ironica (per questo aspetto mi ha ricordato parecchio un altro film di denuncia "Thanks for your smoking") che merita sicuramente una visione,anche solo per ammirare Cage che dimostra al mondo di saper recitare.

Goldust  @  11/01/2016 17:09:39
   5 / 10
L'incipit con voce fuori campo dall'ironia neanche troppo malcelata pensavo potesse incanalare il film sui binari di un "Thank you for smoking" 2.0; niente di più sbagliato, il film di Niccol è un pistolotto guerrafondaio che alla fine di due estenuanti ore fa passare il più triste dei messaggi: non importa se siamo dei cattivoni senza cuore nè scrupoli, ci sarà sempre qualcuno peggiore di noi. Una manciata di scene dignitose ( tra queste, il faccia a faccia finale tra Cage e Hawke ) non salvano la baracca, e la costruzione della famiglia dei sogni su fondamenta di menzogne fa acqua da tutte le parti.
Musiche non proprio ricercatissime, se vogliamo usare questo eufemismo ( Ethan Hawke si fa un pista con Cocaine di Clapton in sottofondo... dai su, un pò di immaginazione). Media generosa.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/05/2020 18.58.16
Visualizza / Rispondi al commento
Mildhouse  @  28/12/2015 19:12:36
   8 / 10
Uno dei pochi film a trattare questo tema, e lo fa nel modo giusto colpendo nel segno, talvolta anche con amara ironia.
Evocativa la colonna sonora

Seida  @  08/10/2015 10:21:43
   6 / 10
Film che potrebbe essere molto meglio,fa riflettere e racconta senza giri di parole il problema delle armi e delle guerre.Il grosso problema di questo film è uno solo:Nicolas Cage

mauro84  @  06/01/2015 23:09:26
   7 / 10
Grazie a consigli che sta volta ho dato seriamente retta, ho recuperato sto pregevole film. Bella trama, non pensavo un film così storico "attuale" chissà veriterio?!

Nicolas Cage, finalmente interpretazione degna, ottimo in tutto!
Ethann Hawke, non mi è mai stato a genio lo ametto, eppure qua merita e si prende ciò che deve!

Il regista sforna un ottimo film, piacevole, da guardare, da capire, da analizzar anche.. tutto è colleggato.. la guerra è ciò che fa girar l'economia del mondo!

Chi ama il genere è da vedere, non stanca. Ti porta con sè verso la fine. Consigliato!!

david briar  @  20/08/2014 01:33:41
   6½ / 10
Ci sono,essenzialmente,due approcci che un regista può adottare per parlare di tematiche molto serie.Può trattarle in maniera seria e impegnata,rischiando di rendere pesante la visione,ma creando un potenziale emotivo altissimo che non può lasciare indifferenti,come è il caso degli eccellenti Syriana,Traffic e Blood Diamond,forse i migliori esempi recenti.
E poi c'è un altro approccio,quello in cui si cerca di sdrammatizzare l'argomento,per rifletterci in modo più leggero e ironico,ed è il caso di Persepolis o Good Bye,Lenin!,che ci riescono discretamente(ma i film citati sopra sono di tutt'altra pasta).Questa è la strada scelta da Andrew Niccol per un tema così serio eppure così trascurato,e ci riesce solo in parte,e sicuramente meno rispetto ai due titoli di cui si parla sopra,che comunque hanno in comune solo l'approccio di partenza.

"Lord of war",basando tutto sul protagonista e sulla sua voce narrante,gira per tutta la sua durata intorno ai danni e ai finanziatori di questo lavoro senza discuterli davvero(non bastano le statistiche),se non nell'ottimo finale.Fino a li si segue abbastanza bene,anche se spesso arranca per colpa di personaggi secondari molto deboli e di una certa prevedibilità in alcune scelte volutamente scorrette.Non convince del tutto la facilità con cui,solo grazie ad un'ispirazione casuale messa li per fare effetto,il trafficante d'armi raggiunge il successo,come se mettersi a contrabbandare armi fosse la cosa più semplice del mondo.Va meglio col personaggio della moglie,che si viene a trovare in una situazione interessante,a cui si poteva dedicare più spazio.

Niccol alla macchina da presa garantisce un certo livello con vari guizzi visivi,purtroppo la fotografia è troppo patinata,sembra quella di un film d'azione.Fortunatamente Cage è adatto ad un ruolo del genere e salva spesso la baracca,soprattutto nei dialoghi con un Ethan Hawke raramente così trascurabile,svalorizzato dalla sceneggiatura.

In conclusione,il messaggio arriva e in questo le sequenze di apertura e di chiusura funzionano bene.Ma con un argomento così importante,ci sarebbe voluta una maggiore incisività,mentre qui si ondeggia fra l'agiografia e la denuncia al sistema globale,ma non basta una frase perché questo arrivi con forza.E' un prodotto interessante per l'approccio e per il tema,ma onestamente vedo il bicchiere mezzo pieno e penso che si potesse e si dovesse fare di più.Per essere uno dei primi film che ne parla così direttamente,ci si può accontentare..

JOKER1926  @  05/07/2014 21:21:49
   7½ / 10
Esiste in fondo anche nei film un codice. Se è rispettato difficilmente possono alla fine piovere critiche; il ritmo, la trattazione del soggetto e gli attori sono strumenti che formano una parte consistente della totalità del codice.

"Lord of war" del 2005 mantiene tanti di questi fattori e va a prendersi le lodi di tutti, siamo dinanzi ad un grossissimo lavoro cinematografico.
Prima di tutto è nevralgico parlare della tematica avanzata dalla regia, Andrew Niccol. Il plot si snocciola attraverso questioni non convenzionali ma simultaneamente assai dolorose. In primo piano il losco mercato delle armi, illecito in tutto, specialmente se legale.
"Lord of war" comunque deve la sua grandezza alla sua decisione e consapevolezza di illustrare la situazione e di rimanere estraneo e cinico al tutto; ossia non si narra per poi moralizzare, il tutto è un percorso chiuso, il protagonista fa da solo il bello e il cattivo tempo; non esiste una soluzione ma solo un continuum della cosa, fra tante amarezze e perplessità.
Il colpo di genio in questa produzione americana parte già dall'inizio con parole, immagini (dure e beffarde) e con musica che cade a pennello. Lo stile alle volte si tinge di pulp, il dramma e l'azione svolgono ben presto una solida e irreprensibile fusione. Il film, a questo punto, non può non essere avvincente; il ritmo in un film è importante; da esso si arriva a parlare dell'interesse che un film offre, lo stesso interesse è parente stretto del ritmo.

Andrew Niccol talaltro sceglie molto bene ed ingaggia un attore poliedrico e forse, troppe volte, tartassato ingenerosamente dalla critica, ovvero Nicolas Cage. La stella del cinema in questo frangente va a prendersi un ruolo particolare e lo porta avanti con stile e tenacia, parliamo certamente di una delle maggiori prove di questo attore. Fra le altre cose di questo regista segnaliamo lo stile adoperato per "Lord of war", ossia stile poliedrico che sa accontentare i critici e le masse. Inoltre la pellicola ha una valenza, nonostante il mancato schieramento "politico" nella storia (manca lo schieramento politico perché il film non finisce ma prosegue) mostra, ovviamente, il marcio della società e l'arretratezza di alcune tribù (difficile definirli stati) africane, contemporaneamente soggiogate da pessimi uomini d'affari europei e americani.

"Lord of war" è una grossa sorpresa, non manca nulla. Si contano solo una piccola serie di enfatizzazioni e di forzature, comunque la storia prende pesanti spunti da vicende realmente accadute, ma nella fattispecie cinematografica l'enfasi e i paradossi (o roba del genere) diventano, alle volte, delle piacevoli prassi, utili e indispensabili nell'egemonia e nella riuscita.

GianniArshavin  @  31/05/2014 14:34:31
   7 / 10
Coraggioso , ambizioso e riuscito lavoro di Niccol.
Questa storia realistica , cinica e verosimile è riuscita a convincermi a pieno , senza annoiarmi (se non un po nella fase centrale) ed evitando le trappole della retorica. L'ascesa e la conseguente caduta del protagonista sono raccontate in maniera puntigliosa e credibile , anche grazie ad un personaggio (Yuri) scritto perfettamente ed approfondito nei suoi dilemmi in maniera sapiente.
La regia di Niccol fa il suo lavoro (super i titoli di testa) , colonna sonora e fotografia sono di qualità e a spiccare ci sono anche tre attori in gran spolvero come : un Cage sorprendente nel donare a questo trafficante d'armi cinismo , brillantezza e una moralità tutta sua , un sempre sottovalutato Ethan Hawke e un'ottima spalla come Leto.
Da applausi il finale , grazie al monologo finale di Cage che mi ha ricordato vagamente quello finale di Brad Pit in "Killing them softly".
Promosso a pieni voti!

BenRichard  @  13/03/2014 15:35:15
   7½ / 10
Un Nicolas Cage molto stimolato nella parte per un film ambizioso ben girato e ben interpretato da tutto il cast (nota di merito anche per Jared Leto)..ottima la trama su cui si basa, diversa dal solito e che si avvicina molto alla realtà, e direi gestita anche in maniera soddisfacente..Lord of War è un lavoro accurato e lo si vede, nonostante tutto siamo ben lontani dal poterlo definire un gran bel film..purtroppo tende a lasciarsi dimenticare non potendolo così considerare un film memorabile..è realizzato molto bene e di fatti ho dedicato varie visioni a questa pellicola..ma manca di qualche emozione in più..nulla di grave comunque...decisamente un buon film, vale la pena vederlo ;)

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  24/12/2013 16:33:25
   7 / 10
Il film più ambizioso di Niccol, una parentesi breve e lapidaria forse sulla scia di 'Bowling a Columbine' ha avuto il coraggio di affrontare un argomento antipopolare in America, nella cui costituzione trova al 2° emendamento il diritto inviolabile di ogni cittadino di possedere un'arma al pari del voto e della libertà d'espressione, una norma vecchia più di 2 secoli, nel momento in cui fu emanata era l'unico mezzo di difesa dalle colonie europee, a 200 anni di distanza è solo un interesse economico delle lobby delle armi, il mondo è loro gli altri sono troppo impegnati ad uccidersi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  24/10/2013 01:27:14
   8 / 10
L'inizio con la pallottola seguita fino all'obiettivo è raggelante.

Ok, non è colpa del fabbricante o del venditore, una carogna vale l'altra. Se non fosse lui a commerciare in questo schifo ce ne sarebbe certamente un altro.
Ma almeno lui ci pensa, eccome se ci pensa dopo aver visto una sparatoria dal vivo con morti annessi.
Ma il dubbio sulla moralità del suo lavoro non lo sfiora neppure, cinico, astuto e fortunato. Può esserci qualcuno più cinico di lui?
E' morale questa 'professione'?
Beh, certamente no. Quindi? E' pure pericoloso per via della gente che lo contatta, certamente non delle mammolette o quelle gentili margheritine bianche primaverili rosate sulla fine dei petali, ma veri bastardi dentro.
Eppure convince anche il fratello a fare il suo stesso lavoro: portatori di morte, distruzioni e dolore.

"Sei sempre nel posto sbagliato nel momento giusto".
Fantastica la scena dell'aereo.

Purtroppo l'ho visto in inglese, lingua che non ho il privilegio di conoscere a fondo. Chissà quanto mi sono persa.
Ebbbravo Nicolas Cage!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

alberto9  @  21/10/2013 21:12:44
   7½ / 10
Veramente un gran bel film con un super Nicholas Cage. Mette in gioco l'etica di coloro che vendono le armi e finanziano la guerra.

cicatesta  @  01/10/2013 18:28:27
   5 / 10
MAH! Me l'avevano consigliato fig4ta invece... deludente.
Sì qualche bella scena c'è ma il film non convince.
Inoltre Nicolas Trotalessa Cage ha SEMPRE la stessa faccia!!!
Abbastanza una cavolata.

MonkeyIsland  @  27/06/2013 18:36:05
   7½ / 10
Gran film di Niccol.
Incredibilmente Cage recita molto bene e anche Leto nonostante non sia il suo mestiere se la cava bene.
Grande critica al mercato delle armi e ai paesi che dovrebbe lottare per la "pace".
Magnifica la stellina (1 su 5) data dal Morandini a questo film quando poi ne da 5 a robetta come Vincere di Bellocchio!! Posate il fiasco!

Max23  @  01/06/2013 22:31:19
   6½ / 10
Ho trovato molte similitudini tra il personaggio interpretato da N.Cage e Walter White, il protagonista della serieTV Breaking Bad.
In entrambi c'è un conflitto interiore tra la coscienza e l'egocentrica soddisfazione di svolgere un lavoro negativo, ma come nessun altro al mondo saprebbe fare.
Purtroppo Cage perde la sfida con Cranston in quanto non è altrettanto abile a suscitare quel mix di odio e pietà nello spettatore.
Risulta più una "macchietta" e non dimostra sufficiente tormento interiore neanche quando...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Il film è comunque piacevole e non manca di efficaci inquadrature, come ad esempio quelle dove la telecamera sembra collocata sulle pallottole.

clint 85  @  06/03/2013 03:32:01
   7 / 10
Ottime interpretazioni e trama coinvolgente; è senza dubbio un buon prodotto ma per me resta un gran film mancato.
Viene dato pochissimo risalto all'ascesa al potere del protagonista mentre se ne da molto alla sua attività accumulando un evento dietro l'altro rischiando di sfociare nella confusione.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

alepr0  @  20/12/2012 22:04:05
   7 / 10
Bel film con Nicolas Cage molto interessante. Ottima la trama, la regia e anche l'interpretazione di Cage. Vale la pena di vederlo.

DarkRareMirko  @  11/12/2012 23:50:24
   7 / 10
Morandini nel dizionario magari è sin troppo severo, però più o meno fa centro quando dice che il lavoro del trafficante d'armi viene qui troppo giustificato (e il personaggio Cage passa pure troppo per simpaticone, altra cosa ingiusta, o, peggio, per necessario).

Niccol dirige bene una storia quasi mai affrontata con questi mezzi, seppur l'andamento dello script non brilli troppo per originalità, finale escluso.

Buon cast, bravi attori (pure Leto, che ben interpreta il fratello ghignante e fattone), ma senza dubbio professioni e contesti andavan maggiormente criticati e puniti.

Un buon film impegnato, si, ma un buon film impegnato dalla parte dei cattivoni.

prof.donhoffman  @  29/11/2012 11:09:35
   7½ / 10
Bello! Cage recita.

maitton  @  29/11/2012 10:33:00
   7½ / 10
non vedevo un cage cosi'dai tempi del mitico "stress da vampiro", un'interpretazione meravigliosa in un film importante e agghiacciante.

daniele64  @  16/11/2012 08:54:58
   8 / 10
Finalmente Cage in un film bello per davvero!Documentata denuncia delle enormi connivenze e commistioni di interesse che esistono tra crimine e potere in alcuni settori e dell'enorme giro di affari sporchi che ruota attorno al mondo delle armi!Notevolissime la sequenza iniziale "vita di una pallottola" e quella dell'aereo!Molto ben girato (buona l'idea dei flash back) e degno di essere visto da tanti per meditarci sopra!

Charlie Firpo  @  15/11/2012 10:22:52
   7½ / 10
Buon film sulla tematica del commercio di armi e sul marcio della società , ritroviamo qui il buon Nicolas Cage nei panni di un' avido trafficante di origine ucraina con pochi scrupoli e con pochi rimorsi che con il tempo grazie alla sua attività riesce a costruirsi una vita agiata e a conquistare la donna dei suoi sogni.

Film scorrevole dall' inizio fino alla fine.

TommyTI  @  26/08/2012 14:38:25
   7½ / 10
FIlm molto crudo,per certi versi mi è sembrato lontanamente di rivedere il cage di "via da las vegas"

C.Spaulding  @  07/08/2012 16:24:00
   7 / 10
Buon film anche se non è proprio d'azione ma più un film drammatico. Comunque questa pellicola è davvero ottima con un bel ritmo......e fa riflettere. Grandissimo come sempre Nicolas Cage. Sicuramente non è un capolavoro ma è comunque da vedere.

BlueBlaster  @  07/08/2012 14:26:04
   7 / 10
Gran bel pezzo di film...tematiche non da poco per un film riuscito anche grazie alle ottime interpretazioni!

kako  @  13/04/2012 13:28:32
   7½ / 10
tema molto importante ben trattato con ottime riflessioni, interpretazione di Cage più che sufficiente e azione molto coinvolgente per una pellicola interessante. Andrew Niccol la sa lunga!

gemellino86  @  01/04/2012 16:48:02
   7½ / 10
Bel film con un tema particolare e attori discreti. Ritmo sostenuto e regia serrata. Cage meno peggio del solito. Consigliato.

Xavier666  @  15/02/2012 23:42:14
   8 / 10
Mi ha turbato parecchio la visione, film coraggioso e un ottimo Nicolas Cage molto nella parte.

Wolverine86  @  26/12/2011 23:36:09
   7½ / 10
Film estremamente interessante su un argomento fuori dall'ordinario. Anche se alcune cose potevano svilupparle meglio e altre mi sembrano un po' troppo forzate.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Film dal ritmo lento, ma sempre vivo.

Bellinidj  @  10/08/2011 23:54:11
   5 / 10
Che palle... E' lentissimo, pesante, statico. La perenne voce del narratore rende il tutto ancor più insostenibile. Non son riuscito a finirlo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  14/07/2011 00:10:33
   7½ / 10
Buon film questo Lord of War. Niccol mi stupì positivamente con Gattaca e con questo film mi ha convinto nuovamente. Un tema interessante, un incipit ottimo e un'ottima direzione confezionano una pellicola coraggiosa.

cruccone  @  11/07/2011 04:19:52
   10 / 10
La bibbia.

Il capolavoro dell'informazione su un argomento preso sempre sottogamba, ma presente giorno dopo giorno, anche ora in questo istante gente muore in Africa, e per causa di queste persone, bellissimo film poichè non si può odiare l'antieroe di questo film, lo si apprezza per tutti gli sforzi che ha fatto e per tutte le volte che porta a casa la pelle, poi sempre di un venditore di morte si parla. Mitico.

simo96  @  27/06/2011 17:42:02
   7½ / 10
apparte il film che è molto carino ed ha una bella trama con dei buoni attori metto questo voto anche perchè il fil non ha paura di dire la sua sul commercio di armi...
e non ha paura di dire che, cosa che mi ha colpito molto, le maggiori vendite di armi provengono dalle 5 maggiori nazioni dell' ONU

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/06/2012 20.40.38
Visualizza / Rispondi al commento
guidox  @  11/05/2011 00:13:20
   7½ / 10
finalmente un Nicolas Cage di nuovo sulla cresta dell'onda in un film che soddisfa ciò che sono le premesse.
a partire dalla primissima scena iniziale (fantastica), si viene trascinati in questa storia lineare, a tratti una sorta di documentario, che non perde mai una battuta e raggiunge il suo apice nel discorso finale del protagonista.

dave90  @  14/04/2011 23:32:04
   7 / 10
Al contrario di altri non mi è sembrato cosi lento.

Ottima l idea con buonissimi spunti.
Perde in alcune parti del film.
I personaggi del fratello e del dittatore non mi sono piaciuti anzi li ho trovati quasi ridicoli. Cosi come la figura della moglie.

Guadagna con il finale e con la morale non banale.

Azrharn  @  28/02/2011 16:25:04
   7½ / 10
Interessante film che a tratti sembra quasi un documentaro. Convincente N. Cage.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  18/02/2011 23:00:57
   7 / 10
Da un lato, patina a parte, non si può dire che il film non sia prevedibile fino alla nausea. Dall'altro non si può non restare colpiti dal taglio quasi documentaristico della storia, sottolineato perfettamente dalla voce narrante (se lo avesse doppiato il figlio di Alberto Angela sarebbe stato perfetto). E in effetti questo film forse vale più per quel che denuncia che per il resto. E'simile a Blood Diamonds, ma è più crudo, soprattutto per come non si vuole gettare false speranze sul futuro del mondo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  12/11/2010 14:07:01
   8 / 10
Ottimo Cage e ottimo film!
La cosa che più mi è piaciuta è che si è evitato di fare un finale carico di stucchevole buonismo:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Il film ha l'evidente messaggio di voler denunciare il traffico di armi e lo fa senza risparmiarsi di inserire scene che risultano essere veramente drammatiche se si pensa al fatto che tutto questo succede realmente ogni giorno e spesso noi italiani non ne sappiamo nulla.

paride_86  @  03/11/2010 00:43:17
   5½ / 10
Film ambiguo e controverso: se da una parte "denuncia" che un agente dell'Interpol e un trafficante d'armi sono due facce della stessa medaglia, dall'altra cerca di far accettare allo spettatore questo messaggio come un precetto, dichiarando esplicitamente la necessarietà del male e portando lo spettatore a prendere le parti del criminale, che non è poi così cattivo perché tanto "se non ci fosse lui ci sarebbe qualcun altro". Questa è una morale che, seppur realista nel contesto geopolitico mondiale, non si può essere condivisa.

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/06/2012 20.42.48
Visualizza / Rispondi al commento
peppe87  @  25/09/2010 19:40:42
   9 / 10
spettacolare, ho poco altro da aggiungere, nicolas cage sempre a palla come sempre

Eratostene  @  30/08/2010 03:02:03
   8 / 10
Ottimo film con un Nicolas Cage che ci offre una grande prova. Il mondo del traffico d'armi ci viene ben illustrato in una storia scorrevole e piacevole da seguire.

boy94manga  @  29/08/2010 20:22:15
   7½ / 10
Mi è piaciuto molto, vale davvero la pena vederlo. Cage impeccabile!

connor  @  18/08/2010 18:08:12
   7½ / 10
Film/documentario molto ben recitato da Nicholas Cage.

Buba Smith  @  17/05/2010 08:35:01
   6 / 10
Sufficiente, ma non mi ha fatto impazzire...

In certi punti si trascina un po' secondo me.

BlackNight90  @  13/05/2010 01:14:54
   7½ / 10
Gli intenti di denuncia sono evidenti e da questo punto di vista è un film riuscitissimo: i numeri e le scene sicuramente realistiche (ispirate alla vita di veri trafficanti d'armi) parlano da sole, le armi leggere sono le vere armi di distruzione di massa.
Niccol poi è stato lo sceneggiatore di The Truman show, quindi in fatto di storie non è un pivellino. Cage è molto bravo nel dare al personaggio la giusta dose di cinismo e ironia tanto da risultare antipatico e un tantino troppo costruito. Un po' meno riuscito il film nelle parti relative alla vita familiare e al fratello idiota e drogato.
Ho apprezzato il finale molto realista nel suo giustificato pessimismo (anche perché un finale 'buonista' avrebbe mandato a rotoli tutto): che la guerra sia mantenuta perpetua nei paesi più poveri conviene a tutti i potenti, e non c'è giustizia che tenga. Un film scomodo, a me è piaciuto.

--Pio--  @  12/05/2010 21:55:51
   9 / 10
Un ottimo Cage in un ottimo film! Trama molto interessante, basata, pare, sulla vita di un vero trafficante d'armi. L'interpretazione del fratello di Yuri (Leto) mi ha favorevolmente colpito, pensavo fosse un poco di buono come attore, invece mi sono dovuto ricredere!
Insomma...un film da vedere!

LionelCosgrove  @  25/04/2010 22:03:15
   8 / 10
Certe scene facevano venire i brividi da quanto erano belle...
I commenti e i pensieri del protagonista durante tutto il film, sono così boo... mi piacciono.
Davvero un ottimo film

Izivs  @  03/04/2010 15:29:41
   8 / 10
Bel film, ottima interpretazione di Cage...il ruolo era decisamente il suo....la scena finale con l'ingenuo Hawke resterà negli annali....insomma un film che fa anche riflettere.....

AMERICANFREE  @  01/04/2010 11:59:15
   8 / 10
condivido molti commenti, davvero il miglior Cage nonostante come attore non mi convince molto! scena iniziale stupenda film molto intenso e soprattutto per nulla banale! drammatico e stupendo il finale! lo consiglio!

jetset  @  10/03/2010 04:34:16
   9½ / 10
Il miglior Cage per il suo miglior film. Il tema era scottante ed era difficile non scadere nel frignume della compassione. Invece il trafficante d'armi viene presentato in chiave ironica, sotto il punto di vista di chi fa di questo un lavoro come un altro. Favoloso.

James_Ford89  @  09/03/2010 16:54:44
   7½ / 10
Fantastico! Concordo col collega sotto di me in toto! Semplicemente magistrale la scena iniziale! Consigliato

tnx_hitman  @  31/01/2010 21:21:57
   8 / 10
Non avevo mai visto un Cage cosi' azzeccato in un ruolo dai tempi di Face Off.Proprio bravo con un cast di contorno che non sfigura affatto,e una storia intensa e facile da seguire.
Sequenza iniziale della fabbricazione dei proiettili affascinante.
Finale studiato nel migliore dei modi..non poteva essere altrimenti.
Un 8 se lo merita tutto.

l8k47  @  31/01/2010 20:34:23
   8 / 10
Do 8 perchè anche secondo me è uno tra i Cage migliori mai visti!!!
Veramente bello sia per il tema trattato sia per la storia scelta per spiegare lo stesso tema. Lo ho rivisto piu volte perchè secondo me è girato veramente bene!! Dalla prima frase sulla statistica di quante persone sono armate e quante non lo sono. alla domanda di quale sia il vero problema che non è quello di come disarmare quelle armate, ma di come armare quelle disarmate, il film acchiappa da subito!!! stupendo!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento mcnapo89  @  14/01/2010 13:06:34
   7½ / 10
Ottima pellicola interpretata da un egregio N.Cage che tratta le vicende di un avido commerciante di morte, nonostante alcuni cliché

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER per il resto il film risulta interessante e avvincente al punto giusto...VERY GOOD!!!

Clint Eastwood  @  11/12/2009 14:47:55
   7½ / 10
Una storia scritta e diretta da Adrew Niccol (regista dal buon curriculum), basata per lo più sulle figure dei trafficanti d'armi famosi realmente esistiti. Yuri Orlov, finto ebreo russo/ucraino, stabilitosi nella Little Odessa decide che è arrivato il momento di fare qualcosa di grande e cioè vendere armi. Inizia con un paio di UZI per finire a smerciare elicotteri, carri armati e tonnellate d'armi leggere tra cui la famosa AK-47 :

"Di tutte le armi nell'immenso arsenale sovietico, nulla era più remunerativo dell'automat Kalashnikova. Modello del '47, più comunemente conosciuto come l'AK-47 o Kalashnikov. E' il mitra più popolare del mondo, un'arma che tutti i combattenti amano, un'amalgama di quattro chili d'acciaio e legno multistrato, non si rompe, non s'inceppa ne si surriscalda, spara se è coperto di fango o pieno di sabbia. E' così facile da usare che anche i bambini possono farlo, e spesso lo fanno. I sovietici hanno messo l'arma su una moneta, il Mozambico l'ha messa addirritura sulla bandiera. Alla fine della Guerra Fredda il Kalashnikov diviene il prodotto russo più esportato, prima della vodka, del caviale e dei narratori suicidi. Una cosa è certa, nessuno si metteva in fila per comprare le loro automobili."

Lui lo fa perchè è quello che gli riesce meglio, trattare affari/vendere armi e ottenere soldi facili. Questo è il tema centrale del film insieme agli elementi che fanno da contorno come la famiglia, l'amore, l'amicizia, il rischio, la morte, il genocidio, la droga.

Non delude neanche alla seconda visione. Un grande Cage.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/12/2009 14.52.19
Visualizza / Rispondi al commento
kierkegaard1000  @  29/11/2009 02:33:12
   7½ / 10
Un buon film d'azione, cage mi piace in questi ruoli, il film è ben sviluppato trattando del traffico d'armi, completo in ogni aspetto (individualità del protagonista, crimine, amore, amicizia) e mai banale...quello che non mi va giù è hawke nella parte del poliziotto che proprio non mi va giù...non che sia un attore da quattro soldi, anzi, ma proprio non adatto alla parte.

peppone  @  13/11/2009 16:57:11
   8 / 10
Bal film buon ritmo ed una interpretazione bella di Cage. Trama e storia intelligente con sfaccettature interessanti. Film impegnato (come argomento trattato) che scorre molto bene . . . da vedere

andre-o  @  13/11/2009 16:47:04
   9 / 10
Personalmente lo ritengo il miglior film di Cage, perfettamente a suo agio nei panni del tormentato Yuri, sempre combattuto sulla moralità delle sue scelte, diviso tra gli affetti e il "lavoro", ma comunque sempre proiettato verso il suo obiettivo finale: il profitto.
Lord of War è un film che sa di reportage-denuncia, ma anche di commedia amara, con un ottimo comparto di azione...insomma è un film completo sotto ogni punto di vista.
Personalmente, dopo anni dalla sua prima visione, mi trovo ancora a ripensarci e questo non può che farmelo amare ancora di più.
Forse, a causa dell'argomento trattato, si è giocato alcune candidature all'Oscar, tra le quali, la maggiore ingiustizia, è quella nei confronti di Antonio Pinto per la sua meravigliosa colonna sonora.

ultras_doria92  @  05/11/2009 16:14:57
   10 / 10
gran film molto ben fatto il migliore cage mai visto

inferiore  @  11/10/2009 09:54:37
   6½ / 10
Carino. Il tema principale non è banale, però a tratti lo svolgimento si.
Cage e Leto sono bravi, Hawke è abbastanza anonimo, ma non avendo parti di grandi intensità non lo si può nemmeno bocciare.
Tecnicamente valido, pecca in alcuni frangenti di essere eccessivamente schematico e a tratti lento e dispersivo nelle spiegazioni. Nonostante ciò non annoia lo spettatore e lo porta a seguire con discreto interesse tutta la vicenda malgrado alcune lungaggini all'interno della trama.
Nulla di esaltante, nulla di osceno.

squoqui  @  02/10/2009 10:37:45
   7½ / 10
Buona prova di Cage in un film-denuncia, visto però con gli occhi del colpevole. E' incredibile il giro di soldi che c'è dietro il commercio d'armi e come questo sia intricato e radicato in ogni mondo e cultura. Yuri appare quasi apatico nel fare quel lavoro, sembra completamente annullato di fronte all'idea di fare soldi e togliersi i suoi sfizi, fregandosene degli altri

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Film da vedere, se non del tutto vero genera comunque pensieri molto neri nello spettatore.

Febrisio  @  13/09/2009 20:11:00
   8½ / 10
Lord of war è la storia poco credibile di un uomo che sale al potere come “Il Dio della Guerra”***. In modo tanto facile, quanto poco realistico. Da un giorno all'altro potremo aprire la porte ai nostri sogni, guadagnare potere, soldi ed avverare desideri. Tutto capita in fretta a suon di schiocco di dita. Insomma si potrebbe capire che la storia è lì per lì per cadere in un baratro. Andy Niccol, il regista conosciuto per il superbo Gattaca, allevia due ore di sofferenza allo spettatore e mette una voce fuoricampo che ci accompagna nelle disavventure del protagonista Yuri. Sarà questa a farci capire i pensieri, il suo modo di vivere, i suoi scopi. Con un linguaggio schietto e semplice che più volte cadrà in ironia e cinismo ci accorgeremo che Yuri è una persona qualunque, una come noi. Un umano con pregi e difetti, pensieri giusti e pensieri meno morali, con desideri realizzabili e non. I suoi pensieri, potrebbero essere i nostri. “Avrei sempre voluto fare qualcosa d'importante nella mia vita, ma non ho mai saputo cosa...” Man mano che passano i minuti ed entreremo nella storia e più capiremo l'amoralità della nuova vita di Yuri, seguita dal suo caro fratello. I due più volte si sfiorano nel film, dando un senso di smarrimento l'uno con l'altro. Si vorranno bene, ma non capiranno mai le relative droghe da cui non possono fare a meno; il traffico d'armi e la cocaina. Ognuno non capirà la debolezza dell'altro, ma cercheranno di aiutarsi a vicenda a tirarsi fuori da un circolo vizioso... solo forse una frase finale ci svela una risposta a questi comportamenti così umani, così testardi, così...dipendenti e limitati... e di nuovo potremo legarci ai nostri protagonisti, dalle loro vite alle nostre “Questo è il segreto per sopravvivere, mai combattere, specialmente con se stessi”. Yuri avvera i propri desideri, come possedere la donna dei sogni, ma sembra che oltre questo ci sia ben di più. Una necessità del proprio io va oltre quei sogni o capricci, che una volta ottenuti vanno persi nel tempo... “Ci sono solo 2 tragedie nella vita, una è non ottenere quello che vuoi, l'altra è ottenerla”

Il film ci regalerà con delle parole misurate al millimetro, un'ironia brillante e alcune trovate originali. Putroppo dietro questa cortina sorridente tende a svelare un mondo senza pietà, non umano, e poco sensibile. Dove le leggi del potere e dei soldi vale più di qualsiasi vita umana. Una realtà. La nostra realtà. Forse sdrammatizzare è la miglior cosa che l'uomo riesca fare, e qui Mr Niccol sicuramente ci riesce. Gli spunti di riflessione non mancheranno. Lord Of War, sarà un inno alla verità e alla denuncia contro un traffico di morte capitanato dagli americani in primis. Ma sarà anche una storia di una persona qualunque che andrà verso un declino personale, ricco di personali e immorali soddisfazioni. Due storie legate tra loro dal poco rispetto verso il prossimo.

Concluderei citando una scena del film:
Yuri: “Attenti al cane???... non hai un cane! Serve a spaventare la gente?”
Fratello “No serve ad aiutare me, mi ricorda che dentro di me c'è un cane. Un cane che vuole fottere tutto ciò che si muove e che vuole uccidere i cani più deboli, insomma serve a essere più umano”
Yuri “E se quella forse la parte è la migliore di te? La parte canina...”
...
E voi della vostra parte canina che ne avete fatto?


***Signore della guerra! Ma lasciatelo dire a modo “mio”

TheLegend  @  22/08/2009 19:13:00
   6 / 10
Questo film non è riuscito a coinvolgermi più di tanto,troppo prevedibile con delle interpretazioni poco incisive.
Solo verso la fine si riprende un pò.

camifilm  @  21/08/2009 14:27:04
   7½ / 10
bellissima trama, nello sviluppo, ci sono cose che non ti aspetti e vanno bene. A tratti simpatica, per le situazioni.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Egobrain  @  28/07/2009 02:00:23
   9 / 10
Conoscendo ormai ben benone il nostro caro amico Cage(gran talento),e la sua fornace che sforna film commerciali e insignificanti di continuo,"Il prescelto" docet,mi sarei aspettato un altra opera di tale fattura.
Ma con Lord Of War mi son ricreduto,sono un seguace di questo film,il primo adoratore.
Un film coraggioso e documentato alla perfezione,Un N.Cage in stato di grazia,cosi come per jared Leto dei 30 s.t.m.
Quest'opera è un atto di denuncia a tutti quei paesi che importano ed esportano armi(per la cronaca,noi Italiani siamo i primi).
Niccol identifica la Nazione esportatrice come l'assassino,il carnefice di tante morti ingiuste nei paesi coinvolti nella guerra e non solo,basti vedere le tante guerre civili in Africa alimentate non solo da pressioni interne,ma con l'afflusso di espedienti omicida,provenienti soprattutto dai paesi "più progrediti".

12 risposte al commento
Ultima risposta 27/08/2009 21.45.13
Visualizza / Rispondi al commento
axel90  @  26/07/2009 09:56:08
   8½ / 10
Stilisticamente l'ho trovato molto simile a Blow: la storia raccontata in prima persona, il tema (scottante) trattato, la nascita come trafficante d'armi e le sue conseguenti azioni.
Il film prende subito, grazie anche ad un coinvolgimento totale e ad un bravissimo NIcolas Cage. Il film non annoia: è veloce, ci sono pochissimi punti morti e la narrazione ti tiene attaccato allo schermo. Finale veramente bello. Un grande film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

topsecret  @  24/07/2009 19:19:35
   6 / 10
Personalmente non mi ha coinvolto più di tanto e solo la parte finale è riuscita ad attirare la mia attenzione. Un film prolisso, accompagnato per buona parte della sua durata da una voce fuori campo che in certi momenti mi ha infastidito e con una trama poco originale.
Ottimo Nicolas Cage, sempre bravo e convincente, molto più di Ethan Hawke che mi è sembrato poco incisivo.

weareblind  @  07/07/2009 23:35:50
   8½ / 10
Ma ragazzi che bel film! Storia dura e amara, ma raccontata con la voce della commedia (il che poi fa risaltare di più certe parti tragiche). Bello a metà il finale, in parte un po' scontato.

corbi91  @  18/06/2009 15:05:52
   6½ / 10
Un film discreto, bravo nicolas cage, ma secondo me la trama è troppo noiosa, all'inizio sembra interessante, ma poteva essere svilupata meglio.

Yuri Orlov  @  21/05/2009 14:33:12
   8½ / 10
Lord of war non è solo la storia di Yuri Orlov (da semplice immigrato ucraino a più grande trafficante d'armi del pianeta), ma è soprattutto un documentario che porta lo spettatore a riflettere su come i grandi paesi (USA in primis) riescono a distribuire ai paesi del terzo mondo interi arsenali, favorendo così le loro guerre.
Stupendo sia come film che come documentario.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Leonhearth87  @  03/05/2009 11:57:44
   8½ / 10
Un quasi capolavoro per come la vedo io. Una bellissima storia, e un grande Nicolas Cage fanno parte di una pellicola che spiega in maniera superba il traffico delle armi nel mondo, grazie anche all'astuzia e alla furbizia del protagonista. La stessa copertina del film è un capolavoro.
Consigliatissimo!!

FurFante9  @  15/04/2009 17:43:48
   7 / 10
Carino. MA SI DIMENTICA. MEZZO VOTO IN + X LA LOCANDINA...GENIALE!

  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004761 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net