mala noche regia di Gus Van Sant USA 1985
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

mala noche (1985)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MALA NOCHE

Titolo Originale: MALA NOCHE

RegiaGus Van Sant

InterpretiDoug Cooeyate, Sam Downey, Nyla McCarthy, Ray Monge

Durata: h 1.18
NazionalitàUSA 1985
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1985

•  Altri film di Gus Van Sant

Trama del film Mala noche

Commesso in un drugstore che Ŕ punto di ritrovo per dropout alcolizzati e tabagisti, Walt si innamora disperatamente di Johnny un immigrato clandestino messicano che non parla una parola d'inglese ed Ŕ arrivato a Portland insieme al suo amico Pepper. A Johnny di Walt non importa nulla, ma sta al gioco per scroccargli qualche birra e qualche pasto, anche Walt del resto accetta di essere maltrattato, forse perchÚ crede che la gente oggi sia troppo lontana dal concetto della morte.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,88 / 10 (4 voti)7,88Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Mala noche, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  16/11/2018 20:51:37
   6½ / 10
Fare un esordio che sia amatoriale, da cinema d'essai, è sintomo di uno spirito autoriale e intraprendente, ma spesso porta con sé tutti i difetti di una pellicola dilettantesca. Tra un montaggio caotico e dislessico, una trama che è concentrata in un'unica idea e una narrazione che la persegue a tentoni, arrivandoci con stanchezza, si potrebbe dire che MALA NOCHE sia l'esempio perfetto di pellicola dilettantesca e che Gus Van Sant sia il tipico regista alle prime armi la cui vena artistica ribolle alla ricerca di uno sfogo. Guardare all'estetica povera sarebbe troppo semplice e probabilmente sbagliato: più giusto soppesare la storia nelle sue tematiche, cioè l'amore, l'omosessualità, la clandestinità e l'irrilevanza sociale e capire che non ci si trova di fronte a qualcosa che merita di essere ricordato.

Woodman  @  30/08/2013 16:48:45
   8 / 10
Storia languida, oscura, folle, erotica, quella di Walt e dei due scavezzacolli messicani, immigrati ladruncoli, selvaggi, sensuali e opportunisti. Somigliano ad animali, oppure a dei bambini intrattabili, e il paziente, cordiale Walt ne fa le spese in quanto a dignità, dato che si scopa il più **cazzotto dei due e viene puntualmente ridicolizzato, preso per il cu.lo o insultato.
Non ho percepito una vera e propria disperazione, ma il disegno dei personaggi è ottimale, le loro vicende a zig zag convincono e muovono empatia. Gli attori non professionisti sono perfetti.
Superba fotografia in bianco e nero per una pellicola molto dandy e un pizzico finocchia, spruzzata di cultura alternativa americaneggiante e di piccante golosità fisica.
Esordio premonitore di quelle che saranno le scelte narrative e figurative del freschissimo Van Sant, reduce da incontri con autorevoli personalità di dirompente portata rivoluzionaria, quali Burroughs e Wharol.

Assai interessante, piacevole, ben orchestrato.

Sicuramente da vedere.

DarkRareMirko  @  27/07/2012 11:54:36
   8½ / 10
Più che a Pasolini, Truffaut e via dicendo, autori comunque omaggiati, io credo che qui Van Sant si rifaccia molto al Coppola di Rumble fish (uscito 2 anni prima), mio film preferito di sempre.

Il bianco e nero, le tematiche, i giovani protagonisti, la durata me l'han fatto ricordare in pieno difatti.

Ad ogni modo il tocco autoriale del regista si sente eccome (temi come l'omossessualità, per esempio) e come esordio registico non c'è male, davvero.

Costato pochissimo, non ebbe comunque molto successo.

E' un film più che altro sulla noia di vivere.

Ciaby  @  07/10/2011 21:31:30
   8½ / 10
Amour fou dalle tinte scure, vecchie macchine scassate, sgurdi colmi di nulla. è il tocco carnale non mostrato, ma palpabile e pieno di grazia. è il lato puro e naif di un cinema che sa di vomito d'anima: così com'esce, così è. E per questo, dannatamente riuscito. Nonostante Gus Van Sant raggiunga il capolavoro con "Elephant", non ritrovò mai più questo appassionato amore per il cinema che si denota subito nel suo linguaggio completamente anti-stereotipato. La discesa verso l'amore, verso gli inferi notturni. I cunicoli. Le strade. Le luci. Sono ombre che si rincorrono in un bianco e nero che sa di Truffaut, sono relazioni disperse nella legge, sono storie di gente che sembra un ammasso di spettri. Sporcizia erotica con il retrogusto di vita. Sporcizia erotica senza sesso.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010853 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net