mr. beaver regia di Jodie Foster USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

mr. beaver (2011)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MR. BEAVER

Titolo Originale: THE BEAVER

RegiaJodie Foster

InterpretiJodie Foster, Mel Gibson, Anton Yelchin, Jennifer Lawrence, Paul Hodge, Michelle Ang, Riley Thomas Stewart, Kris Arnold, John Bernhardt, Cherry Jones, Zachary Booth, Jeffrey Corbett, Baylen Thomas

Durata: h 1.31
NazionalitàUSA 2011
Generecommedia
Al cinema nel Maggio 2011

•  Altri film di Jodie Foster

Trama del film Mr. beaver

Walter Black, presidente di un'azienda di giocattoli sull'orlo dl fallimento, soffre di una grave forma di depressione. Quando la moglie lo caccia di casa, trova la marionetta di un castoro (beaver) e inizia ad animarla. Walter diventa cosi' simpaticissimo, un vero vulcano di energia e di idee. Riesce a riconciliarsi con la moglie e il figlio piccolo e a riportare l'azienda al successo. Ma presto, The Beaver, diventa troppo ingombrante e, infine anche pericoloso.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,23 / 10 (45 voti)6,23Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Mr. beaver, 45 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

StIwY  @  29/01/2019 21:10:14
   2½ / 10
Era da tempo che non visionavo una emerita cretinata come questa. Non c'è molto altro da dire, onestamente mi vergogno un pò per Gibson, per il fatto di aver partecipato a questa buffonata.

wicker  @  23/03/2018 12:31:04
   6½ / 10
voglio prenderlo come un punto di vista sulla depressione, perchè io che ne ho sofferto so che è tutta un'altra cosa e non basta un pupazzo a uscirne.
Comunque l'idea è buona anche se nella seconda parte assume un pò troppo toni commerciali e prevedibili.. Grande Gibson

MonkeyIsland  @  05/01/2015 18:52:26
   4½ / 10
Flop ai botteghini quest'ultima fatica della "paladina" dei diritti civili Foster è il classico esempio di film fumoso che si lancia in metafore che lasciano il tempo che trovano per mascherare la banalità di una sceneggiatura senza guizzi tipica di un qualunque filmetto da Sundance.
Non male Gibson anche se ormai l'ha capito pure lui che è bollito e infatti ha trovato la sua dimensione all'onlus per pensionati megalomani gestita da Stallone (leggasi come Mercenari), insipida pure la Lawrence e piattezza a non finire per questa pellicola e quel castoro sarebbe stato meglio fosse quello di Zombeavers.

alex94  @  24/08/2014 11:37:27
   6½ / 10
Discreta commedia drammatica diretta da Jodie Foster nel 2011.
La trama non è particolarmente originale ma è sviluppata abbastanza bene in modo piuttosto grottesco,riuscendo a regalare qualche sorriso in alcune scene.
Carina e piuttosto originale l'idea della marionetta.
Più che sufficiente la regia e ottima la recitazione,in particolare Mel Gibson,veramente convincente nei panni del depresso protagonista.
Insomma un filmetto particolare,merita di essere visto,abbastanza interessante.

DarkRareMirko  @  24/08/2014 01:54:20
   7½ / 10
La Foster, dopo due regie buone/discrete, rimane sempre su tale livello proponendo un film semidrammatico che gioca molto le carte dell'originalità.

Molto bene Gibson e brave anche la Lawrence e la Foster (il duo Gibson/Foster era già stato assieme in Maverick di Donner).

Il pupazzo, tocco di certo grottesco/weird, non stona troppo nell'economia del tutto, facendo comunque prevalere, imho, l'amaro sull'ironico.

L'opera ha il fascino del cinema indipendente e risulta molto riuscita sotto il profilo del ritmo, visto che trovate spiazzanti/discutibili/improbabili (comunque magari interpretabili anche in senso simbolico) reggono invece bene per tutti e 90 i minuti.

Buono o quasi, ma non proprio per mainstreamers.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  23/01/2014 02:03:59
   8 / 10
Spiazzatissimo, quasi non so come commentarlo. Metto un 8 che suona più di provocazione che altro. Ma oh, questo per me è un film meraviglioso. Credevo di trovarmi davanti a una commedia e invece nulla di più sbagliato: Jodie Foster (qui anche in cabina di regia) affronta argomenti pesanti e lo fa in maniera semplice ma esplicita, con idee chiare, senza retorica e senza prolungarsi troppo. La depressione che scoppia nella schizofrenia, le difficoltà familiari e un difficilissimo rapporto padre/figlio. Questo è un film coraggiosissimo, Mel Gibson è talmente in parte da offrire una delle migliori performance degli ultimi travagliatissimi anni. Ottimi anche la Lawrence e Yelchin, la cui sotto trama parallela risulta ugualmente interessante (il discorso finale attorno a cui ruota la loro vicenda, è racchiuso tutto in una semplice domanda "Everything's gonna be all right?").

Ho letto parecchie critiche riguardo al fatto che non si capisca mai che strada voglia prendere il film (dramma o comedy) ma secondo me questo è il primo pregio della pellicola. Una piccola parabola di 90 minuti raccontata con tanto mestiere e originalità. Grandissima sorpresa.

Buba Smith  @  04/12/2013 21:32:24
   3½ / 10
Orrendo. Un film che vuol darsi grandi arie, e spacciarsi per qualcosa che non Ŕ. Film che vuole trasmettere grandi messaggi di complesse retoriche sulla vita, ma che alla fine fallisce totalmente in questo proposito.

Bocciato.

diabolique1984  @  30/05/2013 11:55:51
   6 / 10
ai limiti della sufficienza. su questo tema reputo davvero migliore "effetti collaterali (2013)".

questo è fin troppo "surreale" e non mi ha fatto impazzire mel gibson in piu e in piu punti, anche se è sicuramente grazie a lui che raggiunge la sufficienza.

hghgg  @  23/04/2013 23:27:14
   5½ / 10
Grande attrice Jodie Foster, non sempre impegnata in pellicole di primissima qualità ma nel complesso è indubbiamente una grande attrice. Come regista però non mi ha mai convinto. I primi due film, pur non essendo assolutamente nulla di particolare erano due prodotti discreti questo invece si rivela alla fine un film mediocre e poco riuscito, pur partendo da un presupposto interessante. La Foster però non riesce a trattare i temi del film (soprattutto quello principale, la presenza di una seconda personalità più forte nel protagonista, personificata nel castoro peluche) come vorrebbe, banalizzando il tutto e rendendolo poco interessante. Lei stessa anche come attrice non è del tutto in parte, il doppio impegno non la fa rendere al meglio ne dietro ne davanti la macchina da presa. Gibson è il solito attorucolo inespressivo e mediocre e dire che in "Gallipoli" di Weir all'inizio della carriera mostrava bel altro talento. Alla fin fine quello che risalta di più è il talento purissimo di Jennifer Lawrence, la miglior attrice americana degli ultimi anni, un talento mostrato appieno comunque non qui quanto in "Un gelido inverno" e "Il lato positivo" pur facendo la sua bella figura anche in questo film. Per la serie, se è brava, è brava. Anche la storia dei due ragazzi comunque poteva esser meglio centrata come tutto il resto del film che alla fine passa via senza lasciare il minimo segno. Impalpabile.

JOKER1926  @  23/03/2013 03:47:17
   6½ / 10
"Mr. Beaver" prodotto da Jodie Foster vede in scena un attore famoso, Mel Gibson.
La stessa Foster Ŕ protagonista nelle dinamiche del prodotto del 2011, pellicola che spazia fra il drammatico e la commedia.
Le tematiche inoltrate nell'intelaiatura narrativa de "Mr. Beaver" sono quelle inerenti a questioni serie, la depressione Ŕ il tema trattato.
Depressione che accerchia l'animo di un uomo importante, il personaggio Walter Black.
Il film, giostrandosi fra ventate di commedia e situazioni alquanto serie, riesce, nel corso del tempo, a farsi apprezzare. Ovviamente la produzione americana propone situazioni non di debordante originalitÓ, ma nonostante tutto, il pubblico Ŕ catturato specie dalla marionetta (?) del castoro, idea divertente ed alquanto insolita.

"Mr. Beaver" non si prende totalmente sul serio, ma nel suo ventre concettuale, inoltra la fotografia di un uomo "morto" e dunque rinato negli strati di una societÓ volubile ed imprevedibile.
Sugli scudi gli attori (Mel Gibson) e la confezione circa le musiche, lavoro portato a termine con sagacia.

Sbrillo  @  19/01/2013 05:46:53
   4½ / 10
Mel Gibson ancora sul grande schermo, grazie all' amica Jodie Foster, dopo esser stato (essersi?) estromesso dal mondo hollywoodiano....e cbe dire?? il tema trattato dalla Foster, sulla depressione, è abbastanza complesso!
Ho trovato l'opera un pò pretenziosa e non all'altezza delle aspettative, in fondo è un argomento così complesso che sono più le possibilità di fallire che quelle di riuscire!!
conoscendo il dramma attuale di Gibson. mi ha fatto tenerezza...sembrava esser stata scritta per lui questa storia..
circa Beaver simpatico all'inizio, alla lunga stanca e snerva!!
film sul filo del rasoio in costante equilibrio tra il positivo e il ridicolo, anche se sono più le volte che cade in quest'ultima categoria!
occasione mancata!.

topsecret  @  21/12/2012 10:50:42
   6 / 10
La depressione dal punto di vista della Foster che si avvale dell'amico Gibson, pupazzo munito, per raccontare una storia famigliare in cui la malattia prende il sopravvento e rischia di far sprofondare tutto e tutti in un abisso nero senza fine.
Un film abbastanza valido, anche se a volte poco accattivante, meritevole di visione.

ferzbox  @  19/10/2012 16:33:05
   7 / 10
Jodie Foster si cimenta alla regia e decide di farlo presentando una storia di vita quotidiana utilizzando un elemento tanto assurdo quanto bizzarro...
Un Mel Gibson alle prese con un altro personaggio schizzofrenico ma dall'animo buono che trova rifugio in un pupazzo di peluche "virtuale" e progenie della sua psiche ...al fine di recuperare non solo la sua famiglia ma la sua intera vita...
Film che tocca le emozioni e i valori umani mettendo in evidenza la"normalità" delle persone che apparentemente non lo sembrano e dando un messaggio finale che induce sempre nell'avere un briciolo di speranza che possa salvarti...
Dal retrogusto un pò da commedia questo "Mr.Beaver" coinvolge ed incuriosisce fino alla fine...non sempre fluido,a tratti un pò lento...ma un buon film...

gemellino86  @  19/09/2012 19:48:11
   9 / 10
Ho trovato la storia davvero originale e ben fatta. La Foster è un'ottima regista oltre a essere una brava attrice. Per una volta il ruolo di Gibson è azzeccato.

DellaDuck  @  25/08/2012 16:35:55
   10 / 10
Mr.Beaver mi è veramente piaciuto. A tratti da morire dal ridere per certe scene, commovente nella seconda parte del film.
Ne consiglio sicuramente la visione.

Xavier666  @  14/06/2012 00:24:46
   6½ / 10
Grottesco. Quando un film tremendo che tratta la depressione, d'improvviso ti fa ridere per alcune trovate. Quindi grottesco. Almeno per me. Grande mel Gibson!

Hyspaniko9  @  21/05/2012 21:04:41
   8 / 10
Un film bellissimo, emozionante e profondo che tratta il tema della depressione ottimamente, molti lo avranno criticato ed odiato per la trovata del pupazzo, eppure diverte ed intrattiene

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Dexter '86  @  18/05/2012 19:12:12
   6 / 10
Avviso ai naviganti: se guardando la locandina vi aspettate di assistere ad una commediola divertente con animali parlanti siete completamente fuoristrada. L'aggettivo che meglio si adatta a questo film è senza dubbio "particolare", infatti è molto difficile da inquadrare e giudicare considerando che oscilla continuamente tra dramma, ridicolo e tragicomico senza mai prendere una direzione definitiva.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  12/04/2012 23:05:55
   5½ / 10
Dopo svariati anni torna dietro la macchina da presa Jodie Foster decidendo di analizzare un tema scottante e poco affrontato al cinema come la depressione...alcune scelte sono coraggiose e fuori dall'ordinario!
Rispolvera Mel Gibson ,poco amato dal pubblico Americano a causa di problemi personali, e pone come co-protagonista un castoro di stoffa...
Peccato che il tema passa presto in secondo piano e molto viene lasciato al caso...poco caratterizzati alcuni personaggi fondamentali come il figlio maggiore,il rapporto Padre/figlio è solo abbozzato!
Una mezza delusione,peccato...

franzcesco  @  11/01/2012 19:18:34
   6½ / 10
Buon film con una trama interessante e uno svolgimento divertente, serio, intelligente e triste. Buona anche la morale... manca di qualcosa ma non so dirvi cosa...

elnino  @  24/11/2011 08:48:36
   7½ / 10
Ottimo film. Trama ben congegnata nonchè molto originale. Cast ottimo. Un pò lento in alcuni punti ma da guardara sicuramente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  23/10/2011 23:04:08
   7½ / 10
Due storie parallele: Walter, caduto in depressione, cerca di curarsi con il pupazzo Beaver, e il figlio cerca in tutti i modi di non essere come il padre. Le loro sventure sono in qualche modo accomunate in questo toccante film; Jodie Foster tratta il tema della depressione con sentimento e professionalità, e mi sembra molto brava anche dietro la cinepresa.
Bravissimi gli attori. Comunque non si poteva scegliere finale più semplice.

Vinicius  @  20/10/2011 19:08:06
   6½ / 10
Il film non è niente male, ma non è una commedia...detto questo personaggi ben caratterizzati e trama ottimo. Attori ben ispirati.

calso  @  17/10/2011 08:38:13
   6½ / 10
Particolare credo sia la giusta parola per definirlo...a tratti talmente assurdo da rappresentare bene il male di oggi della depressione...la caratterizzazione di questa condizione credo sia riuscita benissimo...coinvolge fin dall'inizio; ovviamente bisogna capirne la rappresentazione sennò uno potrebbe pensare ad una cosa demenziale...

vale1984  @  16/10/2011 12:16:51
   6 / 10
piuttosto noioso anche se la storia può essere molto interessante..
racconta di come un uomo dopo aver provato di tutto per uscire dalla depressione, cade in follia e s fa curare da un pupazzo che tiene al braccio...è una storia tragica che ruota intorno alle vit dei figli e della moglie, a come nonostante tutto gli stiano vicino e a cosa debbano affrontare...
Gibson è molto bravo ma la storia nel complesso non mi ha entusiasmata.

lukef  @  13/10/2011 21:39:07
   7 / 10
L'idea è originale, il film scorre abbastanza serenamente e la situazione è affrontata in maniera superficiale dal punto di vista psicologico ma che non mi azzarderei a definire impropria. Certo in alcuni tratti pecca di poca verosimiglianza ma è una forzatura abbastanza comprensibile per questo genere di film. Pur non addentrandoci nella malattia inoltre, trovo che la sintomatologia sia descritta in maniera appropriata (quale depresso non sognerebbe di poter sdoppiare se stesso anche solo per farsi compagnia da solo?). Bravi gli attori, ecco forse la storiella d'amore tra il figlio (stracciaca**i in maniera odiosa) e l'amichetta si poteva migliorare un po'. In sintesi un film piacevole, da guardare senza troppe pretese.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  28/09/2011 15:51:25
   5 / 10
Terza regia per Jodie Foster dal soggetto dalle grandi potenzialitÓ e quanto meno insolito.
E' il male oscuro al centro di ogni dolore,la depressione che fa a pezzi la vita di un uomo sin quando una marionetta a forma di castoro diventa bizzarro surrogato attraverso cui ritrovare sicurezza e fiducia in se stessi.E ci˛ che accade a un Mel Gibson discreto,fin troppo compassato nel suo ruolo vaneggiante,davvero persuasivo solo negli scatti di collera che trovano inquietanti corrispondenze con il vissuto dell'attore a quanto pare incline ad abitudini manesche.Un padre di famiglia quindi che perde interesse per tutto:affetti,lavoro,hobbies, di colpo orpelli superflui di una vita senza scopo.
La Foster si addentra in una materia spinosa senza riuscire a cavarne una sostanza credibile,il male di vivere del protagonista Ŕ riportato in modo quasi pretestuoso e ci viene presentato solo nel suo stadio pi¨ acuto.Purtroppo suscita poco interesse il protagonista,le sue pene sanno quasi di fittizio senza un background adeguato cui ricollegarsi.
L'idea del pupazzo equivalente alla maschera dietro cui camuffare il proprio carattere o nascondersi per evitare il peso delle responsabilitÓ che inevitabilmente gravano sulle spalle di ognuno Ŕ lodevole,semmai appare fin troppo esagerata l'empatia che si crea tra l'uomo e l'oggetto.Tanto che i
momenti a connotazione tragicomica si sprecano,per poi incanalarsi verso una conciliazione decisamente ordinaria.
"Mr. Beaver" non emoziona e visto il tema trattato ci˛ Ŕ imperdonabile,procede in pericoloso bilico sul filo del ridicolo sprofondando spesso nel tedio assoluto.

kako  @  02/09/2011 02:50:36
   7½ / 10
idea originale e interessante, tratta il tema della depressione in maniera non banale e secondo me riuscendo a cogliere nel segno. A tratti toccante ma senza cercare mai la lacrima facile, In certe scene rischia di cadere un po' nel ridicolo ma si salva grazie a un Mel Gibson (che non mi ha mai entusiasmato) molto bravo in una parte non facile da interpretare. In definitiva un film coraggioso e profondo, senza però risultar pesante

Wolverine86  @  25/08/2011 23:47:06
   6½ / 10
Anch'io l'ho trovato un buon filn e non capisco ill perchè di certe critiche. A me non è sembrato un film pretenzioso, pur trattandosi di tematiche molto complesse.

piripippi  @  11/08/2011 23:58:23
   7½ / 10
Ŕ un film bellissimo secondo me. un modo un po anomalo per parlare di depressione. uno sdoppiamento di personalitÓ che pu˛ sembrare un po farsesco ma Ŕ efficace. il film Ŕ a tratti commovente. la gente Ŕ la critica lo ha stroncato ma secondo me film bellissimo e attori bravissimi

laura90  @  11/08/2011 14:06:35
   7½ / 10
Sinceramente non capisco la media così bassa. Un film molto attuale, commovente, che affronta un tema come quello della depressione in modo non banale e profondo. Un Mel GIbson straordinario, come sempre.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  09/08/2011 18:38:11
   5½ / 10
Poteva davvero essere migliore. La Foster dovrebbe interrogarsi circa le qualità del suo sceneggiatore e delle sue capacità di regista.
Quello che non sopporto dei film americani recenti è che sono tutti uguali e soprattutto che cerchino a tutti i costi la moralina finale. Il film americano mediocre ribadisce le proprie verità che avevamo capito tutti da tempo e lo fa senza troppa poesia. Cosa rimane? Sono tutti da 5,5 sti film. Non sono neanche troppo brutti. L'americano è ossessionato dalla solitudine (come scordare "la vita è meglio in compagnia" di Up in the Air?) e non fa che ribadirlo con film vacui e uniformi, dove la sofferenza è commerciale e dove i pianti non si sprecano.
Le connessioni tra dolore e psicologia, i traumi dell'infanzia e la doppia personalità sono tematiche troppo complesse per poter essere affrontate in questo modo. Essere stata una grande attrice non significa sapere dominare un mezzo artistico di cui spesso sottovalutiamo la profondità.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  07/08/2011 16:31:15
   5 / 10
Occasione sprecata per la Foster, un vero peccato.
Certo non è impresa da poco portare una storia di depressione, doppia personalità e solitudine sul grande schermo senza cadere in facili clichè e soprattutto senza rimanere in superficie. Il problema del film è proprio questo il personaggio di Gibson incuriosisce ma non è ben approfondito il suo stato emotivo e la sua espressività un po' troppo vuota non aiuta. Anche il castoro, quale oggetto transizionale a tratti risulta irritante.
Sceneggiatura e ritmo troppo altalenanti per arrivare alla sufficienza.

3 risposte al commento
Ultima risposta 09/08/2011 18.31.08
Visualizza / Rispondi al commento
Crazymo  @  30/07/2011 02:21:35
   8 / 10
Bellissimo...
Punto di riferimento per molte vite, magari messe molto meglio, che possono riiniziare a trovare del buono nella vita, ovviamente non come Walter, però è tutto una metafora, ovvio...
Alla fine mi ha strappato la lacrimuccia, non mi accadeva da tempo al cinema... (e poi avere un'industria di giocattoli e' sempre stato il mio sogno!)

raffybaffy  @  20/06/2011 00:36:50
   9½ / 10
" bello il castoro, lo voglio anche io! " questa è la tipica osservazione di un bambino di 6 anni! pellicola ricca di signicati, molto commovente la scena dove, per disimpegnarsi del castoro si chiude il braccio sotto la porta del garage... codesta scena è ricca di un significato passibile ma discremente soddisfacente di una vita tagliata di netto... la moglie vedendo l'handicap del marito, lo rifiuta nettamente! questo si puo capire dalla scena iin cui lui si unisce fisicamente alla moglie con in mano il castoro. Tutto sommato si puo definire "il film piu bello del decennio".

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

elmoro87  @  13/06/2011 11:57:20
   6 / 10
Questo film racconta la depressione di un uomo che progressivamente viene privato di tutto, persino della parola, ma che trova un vecchio pupazzo da ventriloquo per mezzo del quale saprà riscattarsi e riprendersi la sua vita e la sua famiglia... Un film strano, che non mi è affatto dispiaciuto, ma che con la sua inevitabile lentezza annoia un pò... Mel Gibson offre una grandissima prova, in un ruolo difficilissimo che in pochi avrebbero saputo fare... Non male, ma un pò noiosetto.

Rand  @  05/06/2011 22:41:51
   7½ / 10
L'ultimo film della Foster è un opera semplice ma efficace, complice un Mel Gibson in stato di grazia la regista-attrice riesce a creare un affresco familiare coinvolgente, ben scritto e certo non semplice. L'idea dello sdoppiamento di personalità nel castoro è geniale! Ma soprattutto l'evoluzione di di Walter Black è efficace e credibile, cosa non certo scontata. Bravo anche Anton Yelchin nella parte del figlio maggiore, mentre strappa una sorpresa Jennifer Lawrence nel suo secondo ruolo dopo un gelido inverno, nella parte della ragazza bella ma dal passato difficle a cui piace fare i graffiti. Buona colonna sonora, paradossalmente la Foster si ritaglia un ruolo quasi marginale ma funzionale alla storia. Il finale è duro ma serve allo allo scopo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
In definitiva un film gradevole ma comunque ben fatto, anche se da noi l'accoglienza non è stata certo calorosa.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  28/05/2011 16:35:06
   6½ / 10
Niente male, considerato il difficile tema trattato il risultato finale è più che sufficiente. Mi è piaciuto particolarmente il cast, un gruppo di attori ben calati nella parte.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  26/05/2011 00:15:49
   6 / 10
A favore del film c'è un'ottima idea di base, quella di parlare di un caso psichiatrico-depressivo decisamente fuori dal comune, in cui l'irretimento mentale passa attraverso le fibre rassicuranti di un pupazzetto innocuo. Di contro c'è l'incapacità di approfondire le piaghe del processo psicologico, la paura di affrontare i risvolti più sgradevoli della vicenda e l'assoluto abbandono a schemi sceneggiativi scontatissimi (non ne posso più di film in cui i protagonisti sventano la crisi di coppia copulando come furie).
Un film gradevole ma sempre sull'orlo del baratro del ridicolo e della noia, cui la Foster non riesce a conferire il giusto spessore. Morale della favola: non dobbiamo sempre fingere che tutto vada bene. E io ieri ho scoperto l'acqua calda.
Gibson dimostra di fare meno danni davanti che non dietro la macchina da presa, speriamo bene.
A conti fatti deludente (considerando anche le due notevoli prove precedenti della Foster alla regia) e superficialotto, ma guardabile.

Gruppo REDAZIONE Pasionaria  @  25/05/2011 09:13:33
   4½ / 10
Purtroppo il film poteva essere davvero meglio, mi dispiace per la Foster regista, non è riuscita a fare decollare la sua storia: inoltrarsi in percorsi narrativi così complessi, volere approfondire il tema della doppia personalità in modo originale senza cadere nel solito copione salvifico hollywoodiano è un'impresa che pochi bravi registi possono intraprendere e la Foster non ne fa parte.
Neanche il tema dell'intima solitudine del protagonista riesce bene, non emoziona e quel suo castorino peloso, probabile ricordo del suo infantile oggetto transizionale, più che coinvolgere irrita e ridicolizza il dramma.

Nergal85  @  24/05/2011 14:50:16
   6 / 10
uscito dalla sala sono stato l'unico a cui questo film non ha trasmesso nulla....non mi ha colpito a tal punto da immedesimarmi nella vicenda patita dal protagonista. direi che mi sono mantenuto troppo distaccato ed invece più vicino alla situazione del figlio....cmq non è il capolavoro a cui mi aspettavo di assistere dopo tutte le ovazioni ricevute al festival di cannes !!

Podo  @  24/05/2011 10:08:50
   4 / 10
mamma mia !
Direi che le idee sono definitivamente finite.

fagiolik  @  23/05/2011 22:38:01
   2 / 10
Che non si offenda nessuno (intendo chi ha apprezzato il film) ma a mio modesto parere questa pellicola è un vero disastro... ho trovato il lavoro della Foster piatto, senza nessun "picco" verso l'alto che mi abbia fatto sussultare... la recitazione decisamente apatica (imbarazzante la scena Gibson vs Beaver)... emozioni rese malissimo... e... veramente nn saprei che altro dire... da dormirsi tranquillamente sul divano...

The Legend  @  21/05/2011 19:56:42
   1 / 10
Ma che boiata colossale mio dio, ma quanta coca hanno preso regista e attori durante le riprese, quanta mi chiedo io.

L'ho trovato persino più delirante di Donnie Darko.

3 risposte al commento
Ultima risposta 12/06/2011 23.54.44
Visualizza / Rispondi al commento
simonssj  @  21/05/2011 09:03:52
   8 / 10
sorprendente!
dopo 16 anni Jodie Foster torna alla regia e confeziona questa commedia strana in cui personifica la moglie di Walter Smith, un Mel Gibson in gran forma, caduto nell'ombra della depressione e assiste impotente alla reazione del marito attraverso un sudicio pupazzo di castoro che lo rimette al mondo...
Il tema è sicuramente interessante, e si sente con mano che la volontà di raccontare un tema così importante come la depressione senza buttarla troppo sulla lacrima facile e su scenate isteriche, ma con la calma e la tranquillità di un uomo solo, disperato, fondamentalmente passivo, che reagisce e diviene letteralmente un'altra persona con un castoro infilato nel braccio...
Ho apprezzato anche la storia parallela del figlio maggiore, che non è stata spalmata sul film in modo arbitrario ma è strettamente collegata con quella del padre da cui è impegnato a "staccarsi" in tutte quelle piccole cose che li accomunano.
Bello il finale; in definitiva una bella sorpresa

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#annefrank - vite parallele1968 gli uccellia proposito di rosea spasso col pandaad astra
 NEW
ailo - un'avventura tra i ghiacciangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagieattraverso i miei occhibrave ragazzeburning - l'amore brucia
 HOT
c'era una volta a... hollywoodchiara ferragni - unposted
 NEW
citizen rosideep - un'avventura in fondo al marediego maradonadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampiriermitage - il potere dell'artefigli del setfinche' morte non ci separi (2019)gemini mangli angeli nascosti di luchino viscontigli uomini d'orograzie a diohole - l'abissoi migliori anni della nostra vita (2019)il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil giorno pi¨ bello del mondoil mio profilo miglioreil pianeta in mareil piccolo yetiil segreto della minierail sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerla belle epoquela famiglia addams (2019)la famosa invasione degli orsi in siciliala mafia non e' piu' quella di una voltala scomparsa di mia madrela verita' (2019)la voce del mare
 NEW
le mans '66 - la grande sfidale ragazze di wall streetl'eta' giovanelou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'maleficent 2: signora del malemanta raymetallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimisereremotherless brooklyn - i segreti di una citta'nato a xibetnell'erba altanon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papersparasite (2019)pavarotti
 NEW
pupazzi alla riscossa - uglydollsrambo: last bloodroger waters us + themrosa (2019)scary stories to tell in the darkse mi vuoi benesearching evaselfie di famigliashaun, vita da pecora - farmageddonsole
 NEW
sono solo fantasmistrange but trueterminator - destino oscurothanks!
 NEW
the bra - il reggipettothe gallows act iithe informer - tre secondi per sopravviverethe irishmanthe kill team
 NEW
the reporttolkientorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutto il mio folle amoreuna canzone per mio padrevicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxweathering with you - la ragazza del tempoyesterday (2019)

994401 commenti su 42432 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net