napoli, palermo, new york, il triangolo della camorra regia di Alfonso Brescia Italia 1981
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

napoli, palermo, new york, il triangolo della camorra (1981)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film NAPOLI, PALERMO, NEW YORK, IL TRIANGOLO DELLA CAMORRA

Titolo Originale: NAPOLI, PALERMO, NEW YORK, IL TRIANGOLO DELLA CAMORRA

RegiaAlfonso Brescia

InterpretiMario Merola, Howard Ross, Lucio Montanaro, Massimo Mollica, Liana Trouche, Guido Alberti, Biagio Pelligra

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 1981
Generepoliziesco
Al cinema nell'Aprile 1981

•  Altri film di Alfonso Brescia

Trama del film Napoli, palermo, new york, il triangolo della camorra

Un ex camorrista ha cambiato vita, ma quando gli uccidono la moglie si scatena di nuovo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,00 / 10 (3 voti)5,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Napoli, palermo, new york, il triangolo della camorra, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  15/12/2019 18:47:44
   4 / 10
Ennesimo filmetto del duo consolidato Brescia-Merola. Quest'ultimo senza dubbio ha sempre avuto più carisma che capacità recitative, ma anche se le avesse avute, la qualità del film non sarebbe certo migliorata. Fra poliziesco, noir e qualche sipario comico, questo film è un frullato di tante cose, ma originalità prprio nulla.

Spotify  @  11/09/2019 05:08:22
   5½ / 10
Noir nostrano dei primissimi anni 80 che ritrae uno spaccato della malavita che imperversava nel sud Italia.
Nulla di che, non un gran film, anche se alla fine si lascia guardare. Riguardo ciò, gran parte del merito va a Mario Merola che praticamente da solo sorregge tutta la pellicola, altrimenti ci sarebbe stato poco da fare.
La trama vede protagonista Gennaro Savarese, ex camorrista ed ora gestore di una trattoria. Il commissario Galante però, non crede al cambiamento di Savarese e così lo sorveglia in maniera molto marcata. Un giorno, Savarese riceve l'invito a cena per la festa di compleanno del boss Francesco Ruocco, ex socio di Savarese. Gennaro accetta e porta con se sua moglie. Alla cena però, un gruppo di rapinatori irrompe e nel trambusto che si viene a creare, sparano ad alcuni degli invitati, tra cui la consorte di Gennaro. L'ex camorrista, distrutto dal dolore, decide allora di riallacciare i suoi vecchi contatti, allo scopo di vendicarsi degli assassini di sua moglie.
Senza troppi giri di parole, Alfonso Brescia realizza in fin dei conti un revenge movie, niente di più originale. Certo, le vicende camorristiche e il taglio noir/gangster della pellicola danno un po' di "condimento", però sempre di revenge movie parliamo.
Brescia in questa pellicola, sottolinea l'impotenza della giustizia contro la camorra, che ai tempi era una piaga davvero tremenda. Alla fine, ci viene fatto capire che la camorra può essere si rallentata, ma non può essere, purtroppo, debellata.
Uno dei problemi maggiori dell'opera, è forse proprio il periodo nel quale essa è stata realizzata: negli anni 80, il filone italiano poliziottesco/noir/gangster era andato scemando, dopo la gloria ottenuta nel decennio precedente. Di idee non ce ne erano molte, cosicché Brescia ha computo un'opera di riciclaggio, scopiazzando da vari poliziotteschi degli anni 70.
La regia non offre grandi spunti: innanzitutto, la pellicola si sviluppa in maniera lenta, specie nella prima parte, con scene assolutamente inutili e che danno l'idea di essere state girate solo per allungare il brodo. Poi si, dopo il ritmo diventa più sostenuto e il film è anche piacevole, però una vera sterzata non avviene mai. Di tensione non ce n'è poca, tante sequenze sono prevedibili e scontate. Totalmente inutili e messe a caso, le presunte scenette comiche con protagonisti gli scagnozzi di Savarese.
La caratterizzazione dei personaggi, o meglio, di Gennaro Savarese, funziona invece. Il protagonista è ben calato nel contesto della storia, anche attraverso i tipici cliché, ma va bene così. Diciamo che lo spettatore non resta affatto indifferente riguardo l'operato di Gennaro, e spera fino alla fine che l'uomo riesca a scoprire la verità. Ben delineato anche il boss Ruocco, veritiero e autentico, la figura più possente del film. Intrigante anche il commissario Galante, soggetto simpatico e determinato. Ho trovato irritante, invece, il boss Coppola, davvero ridicolo. Non c'è un briciolo di credibilità in questo personaggio.
Il finale è bello ed è l'unico momento del film in cui si ha una vera e propria svolta: finalmente c'è suspense, i colpi di scena presenti sono inaspettati, poi Brescia gira questi ultimi 5-6 minuti con maestria, facendo culminare il tutto con dei bei effetti speciali.
La fotografia, purtroppo, è tra le cose peggiori della pellicola, in quanto risulta totalmente assente. Sembra quasi che sia stata usata la luce naturale per le riprese. Anche la scenografia non è sfruttata benissimo, funge solo da sfondo, quando invece una città come Napoli, dovrebbe essere lei stessa protagonista.
Bella invece la colonna sonora, col suo incidere drammatico. D'altronde questi film vantavano quasi sempre delle musiche riuscitissime.
Gli attori sono tutti bravi: Merola ottimo, incarna la "napoletanità". Nel film è serio, ma conserva delle sfumature umoristiche che rendono la performance di qualità. Gran interpretazione dei dialoghi e ottime le espressioni. Molto bravo anche Howard Ross nel ruolo del commissario, belle movenze e bella parlata. Prova di spessore di Massimo Mollica, nel ruolo di Francesco Ruocco, si vede tutta l'esperienza dell'attore siciliano.
La sceneggiatura non è gran cosa, anzi: a tratti la narrazione è ingenua, con situazioni forzate, oppure ci sono cose spiegate male (però, non ci sono grossi buchi) o di fretta. Parecchi gli episodi banali e scontati. I dialoghi sono così e così, ma a volte sono talmente sciocchi da essere irritanti. La cosa buona è la stesura dei personaggi, ben fatta con protagonisti credibili.


Conclusioni: un filmetto che ha tanti difetti ma anche dei pregi. Se si è amanti del genere in questione, allora una visione gliela al film si può dare, sennò se ne può fare tranquillamente a meno.

peppe87  @  20/05/2013 03:25:53
   5½ / 10
altro poliziesco brescia-merola, segue il titolo sviluppandosi nelle 3 città con merola in cerca di vendetta... niente di speciale

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001083 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net