neruda regia di Pablo Larraín Argentina, Cile, Spagna, Francia 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

neruda (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film NERUDA

Titolo Originale: NERUDA

RegiaPablo Larraín

InterpretiGael Garcia Bernal, Alfredo Castro, Pablo Derqui

Durata: -
NazionalitàArgentina, Cile, Spagna, Francia 2016
Generebiografico
Al cinema nell'Ottobre 2016

•  Altri film di Pablo Larraín

Trama del film Neruda

1948: guerra fredda in Cile. Il senatore Pablo Neruda accusa il governo di tradire il partito comunista e viene accusato dal Presidente Gonzalez Videla. Il prefetto Oscar Peluchonneau deve arrestare il poeta che cerca di fuggire dal paese con la moglie. Ispirato dai drammatici eventi della sua nuova vita da fuggitivo, Neruda scrive "Canto General". Neruda vede nella sua storia di poeta perseguitato dal suo implacabile avversario, la possibilità di diventare sia un simbolo di libertà che una leggenda letteraria.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,50 / 10 (4 voti)6,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Neruda, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

marimito  @  04/11/2016 20:53:04
   6 / 10
In realtà il film non è stato malvagio, anche se non mi ha molto preso. Ci si perde un po' in un mondo a metà tra quello del vate e quello del comunista fuggitivo, ed in questo perdersi la figura dell'inseguitore apparentemente subordinata a quella di Neruda sovrappone un ennesimo piano ed un ennesimo mondo, il suo, che nn si capisce quanto sia reale e quanto inventato. Insomma una sceneggiatura non troppo semplice da intendere con interpreti che però non si sono risparmiati. Per me Larrain raggiunge la sufficienza, ma non oltre.

Kitiara31  @  18/10/2016 23:45:35
   2 / 10
Leggendo i commenti precedenti, non riesco a credere di aver visto lo stesso film. Neruda l'ho trovato soporifero, più che onirico. Sono stati minuti di pesantezza assoluta, con la voce narrante che descrive scene pompose.
L'unica poesia che amo di Neruda "Puedo Escribir" d'ora in poi è irremediabilmente associata allo stazio di questo film. Non sono una bimbaminkia, amo il cinema. Anche il miglior cuoco può preparare un piatto pessimo una volta ogni tanto, così come un buon regista ogni tanto può fare un brutto film, tipo questo.

21 risposte al commento
Ultima risposta 02/01/2017 00.05.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/10/2016 02:10:14
   9 / 10
Beh c'e' questo Film meraviglioso che non andra' a vedere nessuno malgrado la sua bellezza sia forse irripetibile rispetto al novantanove per cento della produzione cinematografica di quest'anno ("Jackie" dello stesso Larrain ci va vicino ma non lo eguaglia), magari qualche bimbominkia capitato per caso in Sala a vedere Larrain (dovrebbero impedire i Cinema a certa gente) lo stronchera' addirittura, pensando che la sua ignoranza sia frutto di un convincimento personale e autorevole. Lasciamo perdere. Intanto abbiamo un cineasta che e' di gran lunga il piu' attraente e acuto regista del mondo, capace di raccontare una fuga mettendoci dentro un duello western, un feuilleton, e soprattutto un Noir quasi onirico, un psicodramma su due uomini - il Poeta e il suo persecutore (immaginario!?) - alla ricerca della propria identita'. Per intenderci Borges non avrebbe potuto fare di meglio, e non si tratta di esagerazioni a riguardo. Un film che implica un grande impegno morale, prima di tutto (si sa anzi si percepisce che il comunismo di Neruda e' di stampo Stalinista), e ideologico, puo' scatenare dibattiti e manca certamente di un futuro prossimo venturo che vorremmo vedere riletto proprio da Larrain in persona (sul colpo di stato degli Usa contro le elezioni democratiche e l'insediamento di Pinochet, sui rapporti ambigui di quest'ultimo con lo Stato Vaticano). Ma e' anche un film emotivamente coinvolgente per quanto ironico (e vagamente Iconico) raccontato da un grandioso Garcia Bernal che da comprimario diventa Elemento tragico e beffardo della vicenda. Il Neruda di Larrain diventa in due scene memorabili (l'incontro con una ragazzina povera, o una "compagna" ubriaca e disillusa) un'uomo che vive sulla propria pelle la propria Utopia, al punto di credere unicamente al Popolo che, in molti casi, ha perso la liberta' per causa sua. Rischia tantissimo, Larrain, anche la retorica nel l'epilogo post-finale, e invece libera un contraddittorio che e' l'apice del romanzo di una Vita. Pagine di poesie disseminate ovunque, a decantare realta' ("dillo da poeta") o la favola metaforica dove ogni Prigione e' armonioso bisogno di Liberta'. Film spaventosamente bello

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  16/10/2016 23:41:41
   9 / 10
Pablo Larrain regista cileno di fronte all'altro Pablo, Pablo Neruda il mito cileno per eccellenza. Mi aspettavo un normale biopic ed in fondo l'inizio, con la messa al bando del partito comunista da parte del governo filoamericano di Videla, eletto fra l'altro con i voti della sinistra, lasciava suppore un certo andamento, ma Larrain fin da subito rende questo film spiazzante ed inaspettato. Geniale l'apertura con la seduta parlamentare al gabinetto, dove i discorsi formali che si terranno alla Camera vengono destrutturati dalle necessità fisiologiche dei senatori. Nessun linguaggio forbito, anzi piuttosto schietto e diretto, in primis da Neruda stesso. Con lo stesso criterio Larrain destruttura completamente questo biopic, utilizzando la voce narrante del suo antagonista, il poliziotto Oscar Peluchonneau. Questo espediente permette di osservare Neruda nei suoi aspetti piu contraddittori: grandissimo poeta e voce del popolo cileno, comunista convinto, ma anche amante del lusso come il più normale dei borghesi e grandissimo amante di donne, puttaniere e frequentatore di bordelli. Il film di Larrain ha l'indubbia dote di cambiare la forma in maniera così fluida che quasi non te ne accorgi. Partendo da un contesto reale, di fatti reali lo rende cinematografico come un noir d'annata, a cominciare dal personaggio di Peluchonneau che sembra uscire da un noir anni quaranta, fino a da donargli un toni che sconfina nell'onirico e nel metafisico come nel finale, dove l'ossessione del personaggio "secondario", il poliziotto, lo svuota al punto da diventare simile ad un personaggio letterario, che nella sua missione di catturare il poeta trova il senso della sua esistenza, diventando un parto letterario forse di Neruda stesso. Il personaggio secondario che vuole trovare legittimazione di fronte al proprio creatore. Con Neruda Larrain si conferma come uno dei talenti più cristallini al mondo, grazie ad un approccio piuttosto trasversale delle sue opere che ha la qualità di spiazzare e sorprendere. E non mi sorprenderebbe se, insieme a Jackie, si trovasse a competere su due fronti alla prossima notte delgli oscar.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3 generations - una famiglia quasi perfetta
 T
7 minuti
 T
a spasso con bobabattoirallied - un'ombra nascostaalps
 T
animali fantastici e dove trovarli
 HOT T
animali notturniaquarius
 NEW
arrivalassassin's creedbabbo bastardo 2bianca & grey e la pozione magica
 NEW
brimstonecaptain fantastic
 T
che vuoi che siacollateral beautycome diventare grandi nonostante i genitoricondotta
 NEW
dopo l'amoree' solo la fine del mondo
 T
fai bei sogniflorencefree state of jonesfuga da reuma park
 NEW
funne - le ragazze che sognavano il mare
 T
geniushome (2016)i cormorani
 R
il cittadino illustreil cliente (2016)il ggg - il grande gigante gentileil medico di campagna
 NEW
il mondo magicoil piu' grande sogno
 NEW
il ragno rossoincarnateknight of cups
 T
kubo e la spada magicala cena di natalela festa prima delle festela mia vita da zucchina
 T
la pelle dell'orsola primavera di christine
 T
la ragazza del trenola sindrome di antoniola stoffa dei sognila verita' negatal'amore rubatole stagioni di louisele verita' sospeselion - la strada verso casa
 NEW
l'ora legalemagic islandmasha e orso - nuovi amici
 T
masterminds - i geni della truffamechanic: resurrectionmiss peregrine - la casa dei ragazzi specialimister felicita'
 T
morgannaples '44natale a londra - dio salvi la regina
 NEW
nebbia in agostonon c'e' più religione
 T
non si ruba a casa dei ladri
 T
oasis: supersonicoceaniaone piece gold - il filmpalle di neve - snowtimepassengerspatersonpaw patrolpeppa pig in giro per il mondoper mio figliopoveri ma ricchi
 NEW
qua la zampa!quel bravo ragazzorobinu'rock dog
 HOT
rogue one: a star wars storyshelleyshut insilencesing
 T
sing streetsnowdensullythe birth of a nationthe bye bye man
 T
the founderti amo presidente
 R T
un mostro dalle mille testeun natale al suduna vita da gatto
 NEW
xxx: il ritorno di xander cageyo yo ma e i musicisti della via della seta

949024 commenti su 36401 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net