roma citta' aperta regia di Roberto Rossellini Italia 1945
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

roma citta' aperta (1945)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film ROMA CITTA' APERTA

Titolo Originale: ROMA CITTA' APERTA

RegiaRoberto Rossellini

InterpretiAldo Fabrizi, Anna Magnani, Marcello Pagliero, Vito Annichiarico, Nando Bruno

Durata: h 1.40
NazionalitàItalia 1945
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1945

•  Altri film di Roberto Rossellini

Trama del film Roma citta' aperta

Durante l'occupazione nazista di Roma, la polizia tedesca Ŕ sulle tracce di un ingegnere legato alla Resistenza, Giorgio Manfredi, che riesce a sfuggire alla perquisizione nel suo appartamento e si rifugia in casa di un amico. Un parroco, Don Pietro, impegnato nella lotta contro i nazisti, aiuta Giorgio nei contatti con la Resistenza...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,05 / 10 (73 voti)9,05Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Roma citta' aperta, 73 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Zazzauser  @  09/10/2016 00:28:39
   10 / 10
I Capolavori del Cinema, specie quelli nostrani, hanno bisogno di poche parole. Roma Cittá Aperta é forse il più bello e importante esemplare di cinema neorealista italiano, e l'esempio più lampante di come un'Italia in ginocchio sia stata capace - e più che mai sia stata intenzionata a dimostrarlo - di produrre, creare, emozionare. Pochi, pochissimi mezzi: l'investimento del capitale da parte di un commerciante di lana, convinto da Rossellini a continuare la collaborazione se voleva rientrare nei costi; grandi, grandissimi nomi: la Magnani e il suo carisma da popolana, Fabrizi modellato sul vero padre Morosini.. la maestria di Rossellini affiancata dall'aiuto di Fellini. Emozionante, fresco e vero come settant'anni fa

Karlo1200S  @  07/05/2016 20:45:18
   10 / 10
Assolutamente da vedere, a maggior ragione per la sua valenza storica.

Matteoxr6  @  21/02/2016 19:32:57
   10 / 10
Una settantina d'anni l'Italia contribuiva a piene mani a costruire la storia del cinema dando vita al neorealismo di grande qualità. Ora affoghiamo nella ***** (salvo le rarissime eccezioni che tutti conosciamo).

pak7  @  16/11/2014 01:28:36
   9½ / 10
Capolavoro senza tempo, che ha cambiato il nostro cinema. L'ultima mezz'ora è letteralmente da pelle d'oca. Attori davvero tutti in parte, specialmente un giovane Fabrizi nella commovente inteprpretazione di Don Pietro. Applausi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  30/10/2014 17:37:09
   6 / 10
Opera la quale valenza storica, fulcro del neorealismo italiano, prevale su tutto l'insieme, oggi più che mai. Nonostante la drammaticità indiscutibile del periodo catturato e della storia narrata, non l'ho trovato nè appassionante nè emozionante come da aspettative, tra l'altro la regia mi è sembrata abbastanza lineare tanto quanto le prove attoriali, assolutamente nulla di eccezionale (salvo una magnifica Magnani, protagonista, tra le altre cose, dell'unica scena veramente memorabile del film).

Contestualizzato ai tempi ha il suo perchè, ma comunque fin là; oggi come oggi lo reputerei quasi inguardabile, oltre che datatissimo.
Un manifesto fondamentale della nostra storia; attenzione però, ciò non lo rende automaticamente un capolavoro. Non per me almeno.

6 di rispetto, ma nel genere c'è di meglio, e di molto più fresco.

DogDayAfternoon  @  02/10/2014 21:24:59
   7 / 10
Uno di quei film la cui visione è d'obbligo, uno spaccato di storia del cinema. Considerato il capostipite del neorealismo italiano, anche se a mio avviso non è il migliore del filone: un paio di scene sono da antologia, ma nel complesso è un film che non mi ha convinto fino in fondo, e non è una questione anagrafica; la trama va avanti abbastanza a rilento, e i momenti in cui non sono in scena Aldo Fabrizi o Anna Magnani sono abbastanza monotoni e poco incisivi.

Bisogna però anche dire che andrebbe visto solo per la celebre scena


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Belle le musiche, soprattutto per l'epoca.

Sono consapevole che oggettivamente il 7 gli sta stretto, però al di là delle scene citate nello spoiler il resto del film non mi ha colpito particolarmente e ho fatto una certa fatica ad arrivare alla fine. Comunque consigliato a tutti.

Liak  @  28/08/2014 22:01:37
   6½ / 10
Non ho mai amato il vecchio film ( lo so è strano) comunque il film è molto carino.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  17/08/2014 22:42:57
   9 / 10
Se anche Preminger l'aveva considerato un momento di passaggio tra due ere nel cinema, forse non è tanto fuori strada l'idea che mi sono fatto di questo film: un duomo fiorentino della settima arte cominciato con stilemi gotici frutto di una dominazione "barbara" nella cultura - fin troppo evidenti ancora le esasperazioni espressive, la drammatizzazione e la fotografia d'eredità espressionista - messi però al servizio di un Rinascimento culturale tutto italiano, un momento di riaffermazione di libertà e indipendenza che è stato chiamato Neorealismo.
Roma città aperta, insomma, sta in quel punto di ripartenza della storia italiana tutta; una strada in salita si, ma che, almeno nel cinema, ha poi raggiunto picchi di assoluta grandezza. Monumento.

Lore.84  @  15/05/2014 19:16:15
   9 / 10
Altro capolavoro del neorealismo italiano, crudo, diretto e senza falsa retorica!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  13/01/2014 14:30:55
   9½ / 10
Un capolavoro assoluto, ancora oggi mantiene immutato il fascino e la potenza delle scene, la forza della disperazione e delle interpretazioni magnifiche (Anna Magnani, giustamente osannata da tutti, ma Fabrizi non è da meno ed è incredibile il modo in cui si è calato nel ruolo).
Fino ad oggi non lo avevo mai visto per qualche mio pregiudizio verso un genere di film, ritenendo che inevitabilmente sarebbero invecchiati, magari male. Ma mi sbagliavo di grosso.
Roma città aperta è moderno ieri e oggi, scevro da ogni retorica, intriso di valori umani cristiani e laici incarnati perfettamente nella figura del prete e del comunista. Demonizza il nazifascismo senza filtri, le scene di tortura fanno palpitare il cuore. Rossellini regista è una continua fonte di sorprese, la maggior parte delle scene girate peraltro in condizioni precarie (e anche per questo restituiscono al film un'aria di verosimiglianza fortissima) sono perfette. Il sangue è sangue, la morte è la morte. Una lunga tragedia umana che lascia spiragli alla speranza, ma non per questo abbassa il tono drammatico e inquietante di sequenze fortissime per l'epoca e ancora oggi molto disturbanti (come quelle della tortura, magistrali).
Aggiungiamoci l'ottima sceneggiatura di Amidei con collaborazione, tra gli altri, di Federico Fellini che costruisce un intreccio corale senza perdere di vista il fine del film né risultare artificioso. La sceneggiatura ricostruisce un personaggio da cima a fondo in pochissime battute, grazie anche alle prove recitative, e i personaggi sono davvero molti.
Indimenticabili alcune frasi, anche se mi permetto di non citare le solite (giustamente) note, ma una scena secondo me grandiosa: quando il maggiore Bergmann (che non ha un accento tedesco pronunciato ma una s serpentesca e melliflua) passa dal suo ufficio con annesso stanzetta perversa delle torture al salone sontuosamente arredato, con donne e musica. Rossellini gira in modo tale quasi da non farci avvertire la dissonanza che si viene a creare, eppure l'effetto è realmente disturbante e restituisce in una magistrale sintesi la depravazione del potere e del nazifascismo.
Affascinanti anche le donne dissolute (un accenno di lesbismo neanche troppo velato?).
Non riesco proprio a vedere punti in cui il film possa essere attaccato anche oggi, compreso il famigeratissimo "invecchiato male". Come Napoli milionaria di Eduardo, opere nate nella guerra e non solo sulla guerra non potrebbero essere disoneste o costruite per acchiappare pubblico sui bassi istinti e al portafoglio neanche se i loro artefici lo avessero voluto. Sgorgano da dentro come un'urgenza espressiva inarrestabile e sfondano lo schermo, ieri come oggi e domani.
Il neorealismo è stato anche e soprattutto questo, nonostante alcuni difetti che per forza di cose hanno reso altri film sperimentali (La terra trema) nient'altro che esperimenti interessanti ma non del tutto riusciti. Forse non sono invecchiati male, non funzionavano neanche all'epoca o non hanno avuto margini di miglioramento. Rossellini (e altri lavori di Visconti e "compagni") hanno avuto il pregio di essere anche una riflessione sulla realtà nel mentre degli avvenimenti, con uso di simboli e tematiche scevre da qualsivoglia sentimentalismo d'accatto.
Ripetiamo tutti insieme quindi: capolavoro.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  27/09/2013 18:26:52
   9 / 10
Grande opera, storicamente rilevantissima, è l'avvio del neorealismo italiano. Diverse sequenze degne di nota. Eccellente la Magnani, notevole Aldo Fabrizi.
Girato nel 1945, è un film che ancora, e soprattutto, oggi merita di essere visto. Memorabile.

7219415  @  15/08/2013 02:10:15
   8 / 10
Film capostipite del neorealismo italiano!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  21/05/2013 16:58:03
   8½ / 10
Il neorealismo per eccellenza, grande film di Rossellini.
Ultimamente, mi sto informando molto su questo movimento cinematografico culturale nato in Italia nel dopoguerra, dopo aver visto alcuni film di Fellini e di De Sica, ho deciso di guardarmi Roma città aperta.
Una rappresentazione della guerra in Italia eccellente, un via e vai di scene molto cruenti come quelle della tortura, dell'esecuzione e dell'omicidio della povera Pina, non lasciano indifferenti.
Seppur sino passato più di sessant'anni dalla sua uscita, mi ha colpito, più di molti film del giorno d'oggi, mi ha affascinato parecchio, forse perchè amo la storia del mio paese e di cos'era questo paese in quei anni, stessa cosa l'ho provata per Umberto D e Ladri di Bicicletta di De Sica.
Un film da inserire nelle scuole e nelle lezioni di storia per le giovani generazioni, per raccontare e non dimenticare cosa ha subito il popolo italiano durante l'occupazione nazista.
Un pezzo di storia, un grazie sentito al regista che ci ha lasciato un opera da non perdere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  31/01/2013 15:01:09
   9 / 10
Emozionante film di Rossellini che diede il la al cosiddetto "neorealismo" aprendo le porte ad una nuova era per il cinema. Non riesco a trattenere le lacrime quando per l'ennesima volta rivedo la famosa scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER che poi tra le altre cose l'ha resa molto nota ( infatti nell'anno successivo girò 5 film ). Aldo Fabrizi è straordinariamente calato nel personaggio ma è Anna Magnani che impressiona veramente. Una pellicola importante con un valore storico di non poco conto. Da vedere.

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  26/01/2013 14:55:07
   9 / 10
Film spartiacque per come unisce la Storia - con la sua violenza e i suoi soprusi - con le piccole storie di uomini qualunque. Personaggi emblematici (il prete, il comunista, la moglie, l'amante, i figli, i collaborazionisti) di un'Italia ferita nell'anima e negli affetti dalla Guerra.

Scene entrate nell'immaginario collettivo, una morale della visione che non arretra davanti a nulla, e un intelligente uso del melodramma popolare per raccontare l'occupazione nazista di un paese ancora giovane, ingenuo, forse eroico.

Oggi si fa ancora ammirare per la bravura di Rossellini di stilizzare set di fortuna e un b/n molto contrastato; per l'interpretazione della Magnani e soprattutto di Aldo Fabrizi: un prete che combatte contro le ingiustizie degli uomini senza distinzioni ideologiche. Molto in anticipo sui tempi per come racconta gli italiani.

prof.donhoffman  @  28/11/2012 11:32:35
   8 / 10
Rossellini è il neorealismo.

baskettaro00  @  03/06/2012 12:50:13
   8 / 10
L'ho apprezzato molto nonostante preferisca il neorealismo di"ladri di biciclette".ottimo fabrizi,che anche qui appare molto naturale nei suoi film..

ste 10  @  22/05/2012 00:00:23
   10 / 10
Giustamente considerato una delle pietre miliari del neorealismo e della storia del cinema italiano

speXia  @  21/05/2012 14:43:11
   9 / 10
Visto oggi a scuola nell'ora di storia. Ai miei compagni, che hanno gusti cinematografici non proprio raffinatissimi (la parte maschile reputa un capolavoro I Soliti Idioti, quella femminile I Puffi), ahimè, non è piaciuto tanto, anzi l'hanno trovato noiosetto.
E invece è un vero filmone, storicamente importantissimo e interessante. Gli attori, poi, sono da oscar, soprattutto se paragonati a quelli (italiani) di oggi.

Finale stupendo.

Si gradisce di più se si capisce il tedesco.

Invia una mail all'autore del commento OpheliaQueen  @  08/04/2012 15:08:50
   10 / 10
Non occorrono commenti superfli.
Capolavoro con grande interpretazione!

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  28/10/2011 16:54:53
   10 / 10
Grandissmo film.Bravissimi la Magnani e Fabrizi

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  28/09/2011 15:52:58
   9 / 10
Pina osserva disperata il marito mentre viene trascinato via dai nazisti. Si divincola, corre verso di lui urlando disperata.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
"Roma città aperta" potrebbe essere riassunto in questa scena: il trionfo di un'umanità disperata ma incapace di rassegnarsi.

isaber  @  24/08/2011 14:12:40
   9 / 10
L'immagine della Magnani che rincorre l'automobile è un'immagine che tutti hanno visto almeno una volta, nei poster, nei libri di cinema, e tutti, almeno una volta, dovrebbero vedere questo film che racconta, con straordinari interpreti, un pezzetto della nostra storia. Crudo, semplice e aghiacciante. é impossibile rimanerne indifferenti.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  03/08/2011 13:25:30
   8 / 10
Penso di non poter dare più di otto a questo film di Rossellini, che in quanto a trama, mi è sembrato abbastanza povero. Positiva, invece, la rappresentazione "nuda e cruda" della realtà del periodo della Resistenza. Ottimi gli attori, su tutti Fabrizi e Magnani (quest'ultima vinse anche un Nastro d'Argento), e la regia.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per il resto nient'altro da dire, non so perchè ma questi film neorealisti sulle guerre del Novecento non riesco mai ad apprezzarli e a considerarli capolavori, li trovo spesso abbastanza lenti e un pò poveri. Mi viene in mente anche "La grande guerra". Però gli altri film neorealisti, quelli mi piacciono, basta pensare a "Umberto D.", "Ladri di biciclette" o a "La strada"...

dave89  @  30/07/2011 08:08:16
   8 / 10
Bel film....da vedere.

guidox  @  26/06/2011 18:32:45
   9 / 10
cinema di altissima scuola, meraviglioso nella sua semplicità, con due attori indimenticabili nei loro ruoli, quali Aldo Fabrizi, il prete del popolo che soffre e Anna Magnani, vedova, madre, ma soprattutto donna, entrambi incredibili nel tratteggiare i loro personaggi nel contesto della storia.
struggente.

censurableah  @  31/05/2011 17:55:48
   9 / 10
Colossali Fabrizi e la Magnani, unfilm che dovrebbe essere proiettato per le giovani generazioni

Lory_noir  @  12/05/2011 00:00:20
   8½ / 10
Emozionante e crudo. Magnani e Fabrizi splendidi. Da vedere assolutamente.

Paolo70  @  05/05/2011 19:24:54
   8½ / 10
Un grande film ambientato nel periodo della resistenza con i nazisti che cercano uno dei responsabili del movimento di liberazione che riesce a fuggire e a nascondersi da un amico. Un film drammatico con una grande interpretazione di Aldo Fabrizi nei panni di un prete. Consiglio a tutti di vederlo.

ValeGo  @  08/12/2010 22:06:34
   9 / 10
Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  25/11/2010 17:41:25
   9 / 10
Capofila di una rivoluzione estetica nel cinema, "Roma, città aperta" di Roberto Rossellini fu il primo prodotto importante del Neorealismo italiano. Il movimento che riuscì ad abbattere le convenzioni del "cinema dei telefoni bianchi" di moda nell'Italia fascista. Il film di Rossellini sulla Resistenza italiana fu scritto nei giorni della lotta clandestina contro i nazisti. La scarsità delle risorse finanziarie e tecniche si rivelò un pregio per questo film, che fu girato in stile documentaristico. Mostrando persone vere in luoghi reali, il film portò una ventata di aria fresca nel cinema occidentale. La libertà di movimento della macchina da presa e l'autenticità dei personaggi, insieme a una nuova narrativa, sono tra le qualità che fecero di "Roma, città aperta" la rivelazione del Festival di Cannes del 1946, dove fu premiato con la palma d'oro. Il Neorealismo italiano divenne presto un modello estetico per i registi interessati a una vivida descrizione della storia e della società. Una delle cose più interessanti di questo capolavoro è l'approccio di Rossellini ai personaggi del dramma. Alcuni degli eroi del film rimarranno per sempre nel cuore degli spettatori. Chi potrebbe dimenticare Pina che corre tra i proiettili, o il prete che riconosce nel partigiano torturato il supplizio di Cristo? Nonostante il tono melodrammatico, la storia è aspra e toccante oggi come allora. E non sorprende che, dopo questo ruolo, la Magnani sia diventata una delle più grandi stelle del cinema italiano.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  11/11/2010 12:32:52
   8 / 10
Questo è un altro dei grandi film neorealisti, un film che mostra la cruda realtà di quell’epoca, senza falsa retorica, senza falsi colpi di scena. La telecamera è come un occhio nudo di un testimone. Fa piangere il cuore.
E Don Pietro, quello sì che è un Prete con la P maiuscola.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  31/03/2010 16:23:37
   9 / 10
E' il film manifesto del neorealismo. Convince sia sotto il profilo narrativo che risulta alquanto semplice ma ben equilibrato in funzione dei 3 personaggi principali... sia se lo si vuol guardare a mo di documentario storico. Rossellini dirige con sicurezza gli eccellenti Fabrizi, Pagliero e soprattuto Magnani in una della scene più toccanti e commoventi della storia del cinema. I loro 3 personaggi rappresentano l'anima di quell'Italia in ginocchio e che proprio dalle figure del partigiano, della persona comune ma passionale e del sacerdote dispensatore di conforto... ha saputo trovare la forza di rialzarsi.

phemt  @  07/01/2010 11:08:18
   8½ / 10
L’occupazione nazista vista dall’occhio neorealista di Rossellini che fotografa splendidamente un durissimo momento della storia italiana che con questo documento riesce a far ragionare molto più di un qualunque libro di storia… Commovente, duro ma con un filo di speranza finale… Capolavoro!

Monumentale la prova di Aldo Fabrizi, storica quella della Magnani la cui corsa disperata verso il suo amato Francesco rimane una delle scene più rappresentative del cinema italiano in generale!

topsecret  @  12/10/2009 18:40:47
   8 / 10
E' un film che cerca e riesce a fotografare l'immagine fedele ed umana di quel periodo così tragico e sofferto in cui speranza ed eroismo si contorcevano in una stretta spesso mortale.
La grandezza di superbi attori come Aldo Fabrizi ed Anna Magnani consiste anche e soprattutto nel fatto di riuscire a calzare ruoli così intensamente drammatici, mantenendo la stessa naturalezza con cui affrontano ruoli più leggeri e scanzonati.
Una pellicola patrimonio del cinema italiano.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  21/07/2009 20:26:41
   9 / 10
Nell’immediato dopoguerra, prima ancora che De Sica struggesse il cuore d’Italia coi suoi magnifici lavori, Rossellini aveva già scritto pagine di rara verità e durezza. E mentre in poesia, le testimonianze degli orrori e delle miserie che il conflitto aveva portato, andavano a coincidere con l’elaborazione d’uno stile oscuro e altamente simbolico (l’Ermetismo), nel cinema s’elaborò spontaneamente una poetica diametralmente opposta: quella del Neorealismo.
“Roma città aperta” ne divenne dunque il manifesto, segnando un netto punto di svolta. E poco conta se artisticamente appare oggi discutibile. Se spesso, nel corso del film, ci si accorge che la narrazione tende a scivolare nel romanzesco. “Roma città aperta” è un’intensa testimonianza. “Roma città aperta” è un atroce documento. Più efficace ancora delle liriche dei nostri grandi ermetici del tempo.
E alcune sue scene; la donna che cade colpita mentre va in contro al marito arrestato, l'ingegnere della resistenza torturato a morte, il prete fucilato a sangue freddo davanti ai suoi ragazzini; sono insolubili scaglie ghiacciate che sono penetrate dentro la nostra memoria.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  23/12/2008 17:52:28
   10 / 10
Roma città aperta ha un valore storico per il cinema italiano e internazionale fondamentale. Una cesura netta tra ciò che era prima e la nascita del periodo più fecondo del cinema italiano, il Neorealismo. Un cinema impantanto nei "telefoni bianchi", che, improvvisamente, descrive la realtà di un periodo storico molto doloroso per il nostro paese: la fame, i rastrellamenti nazi-fascisti, i bombardamenti. Grandioso Aldo Fabrizi, un'interpetazione che non può e non deve lasciare indifferenti.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR faith81  @  12/09/2008 10:49:36
   9 / 10
Film capostipite del Neorealismo. Crudo, drammatico,straziante. Formidabile!

Invia una mail all'autore del commento wega  @  17/07/2008 17:58:45
   10 / 10
Vittorio De Sica è stato l'emozione, Roberto Rossellini il pugno nello stomaco.
Drammaturgia molto più complessa e articolata rispetto "Paisà", ciò che salta più agli occhi sono questi bambini, costretti ad agire, pensare, vivere come i grandi. Ciò che salta più agli occhi è questa figura eroica nazionale, un prete che è simbolo di abnegazione, coraggio e speranza; ciò che salta più agli occhi è vedere rappresentato chirurgicamente quanto un'ideologia possa fare del male. A questo punto non so più scegliere tra De Sica e Rossellini.
Un immenso Aldo Fabrizi ed una grande Anna Magnani. Bravi tutti quanti.

2 risposte al commento
Ultima risposta 02/01/2010 21.32.39
Visualizza / Rispondi al commento
mrwoolf  @  27/06/2008 14:41:14
   10 / 10
capolavoro assoluto della filmografia mondiale; fotografia splendida della situazione italiana durante l'occupazione nazista, trasmessa sicuramente meglio di un arido libro di storia...
immensa interpretazione della Magnani e di Fabrizi

amoreblu  @  30/12/2007 17:46:15
   9½ / 10
uno dei più bei film italiani si dice, beh ... non c'è che dire lo è senza dubbio. Aldo Fabrizi è fenomenale.

Pekisch  @  22/11/2007 11:55:14
   9½ / 10
Ovviamente uno dei capolavori di Rossellini, capostipite del neorealismo anche se meno neorealista di Paisa'.
Particolare la scelta di Rossellini, che ha voluto sottolineare la differenza tra gli italiani e gli oppressori con diversita' di carattere sessuale: Bergmann (credo si chiami cosi') ha delle movenze effemminate (l'attore se non erro era un coreografo omosessuale, scelto apposta per questo), e la Lauretta lascia intravedere tendenze lesbiche.

Personalmente ho intravisto la presenza di Fellini soprattutto nei dialoghi, in particolare la scena della padellata e la formidabile battuta del forno:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/07/2008 18.00.31
Visualizza / Rispondi al commento
sonhador  @  13/10/2007 17:40:00
   6½ / 10
A mio parere il più sopravvalutato del neorealismo italiano. E' comunque sufficiente nel complesso. Superbi indubbiamente gli attori.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/07/2008 18.02.02
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  30/09/2007 14:00:14
   9 / 10
CAPOLAVORO (PROBABILMENTE IL FILM MANIFESTO) DEL NEOREALISMO. LA REALTA' DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE E, IN PARTICOLARE, DELL'OCCUPAZIONE NAZISTA DI ROMA RESA MAGISTRALMENTE.
PERFORMANCE ATTORIALI GRANDIOSE.

LA SCENA DELLA DISPERAZIONE DELLA MAGNANI CHE CADE E' QUASI UN MIRACOLO.

UN PEZZO DI STORIA (NON SOLO CINEMATOGRAFICA) DA GUARDARE ASSOLUTAMENTE.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  19/07/2007 10:04:46
   9 / 10
Il Cinema, l'Assoluto Cinema di Roberto Rossellini si presenta qui nella sua forma più elevata, sublime, elevata.
egli non si piange addosso, non c'è alcuna esagerazione nè nella teatralità della Magnani (suprema) nè nella drammaticità di Francesco e di Giorgio, nè nella santità di Padre Pietro, egli presenta la realtà, la vita e lo fa con una poesia che ancora oggi desta sentimento e passione. la scena della camionetta è la perfezione, è la summa della Grandezza di Rossellini e il suo cinema.
chiaramente ispirato (ma poi non è detto) allo scheletro della storia dei Promessi, ma enormememente differente, devo concludere che il personaggio che più mi ha colpito per il suo cinismo e realismo è l'amica di Loretta, la traditrice. questa ragazza rappresenta a mio parere il lato più oscuro dell'occupazione nazista, quello che in pochi sanno, ossia di ragazze drogate e costrette alla prostituzione e qualcos'altro...
è, nel film, il risultato di una gestazione durata guarda caso 9 mesi (come dice all'inizio), una gestazione violenta e distorta, mostruosa.
indubbiamente il migliore del Neorealismo, sebbene non vada pazzo per questo filone.

24 risposte al commento
Ultima risposta 19/07/2007 21.02.01
Visualizza / Rispondi al commento
Dick  @  17/07/2007 16:49:51
   9 / 10
Toccante e amaro film su una triste e controversa realtà attraverso diverse vicende che s' incrociano.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Marlon Brando  @  16/07/2007 20:40:53
   9 / 10
Pur con i suoi difetti legati a forzature e alla retorica cosidetta "populista" è un capolavoro, un documento storico di inestimabile valore che rievoca uno dei momenti peggiori della storia d'Italia e dell'umanità oserei dire. Il coraggio e la dignità con cui Pina (la Magnani, che attrice!) corre verso la camionetta, con cui Giorgio resiste alle torture naziste e con cui don Pietro muore fucilato sono di una potenza straordinaria, tuttora attuale. Ogni uomo, di ogni condizione sociale ed economica, può qualcosa per migliorare il corso tumultuoso della storia.
Il film di Rossellini ricorda Manzoni e il suo Fra Cristoforo la figura di don Pietro interpretato da un eccezionale Fabrizi e in generale tutto il film sembra rievocare il realismo e le vicende de I promessi sposi: se allora c'erano gli spagnoli (e gli austriaci) qui ci sono i tedeschi, un motivo in più per considerare il romanzo di due secoli fa' attualissimo.
La forza di ricominciare, incredibile a dirsi, nacque proprio dal dolore e la sofferenza: su, un po' di orgoglio nazionale, ragazzi.

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  07/07/2007 23:20:44
   9½ / 10
Nel 1944 avendo stabilito che Roma rientrava tra le città che non avevano obiettivi militari, i tedeschi decisero di risparmiarla dai bombardamenti dichiarandola "Città aperta".
La storia, drammatica quanto tristemente reale, racconta l'occupazione nazista vista dalla parte del popolo, un popolo che collaborava con la resistenza anche a costo della propria vita.
Il desiderio di libertà che accomunava gli Italiani verso la fine della seconda guerra mondiale era tale ormai da non intimorirsi nemmeno davanti alle orribili torture dei nazisti al punto da sacrificare la propria vita.
E tale sarà la sorte di Manfredi davanti all'espressione incredula e addolorata magnificamente interpretata da Aldo Fabrizi, insieme ad Anna Magnani l'unico "attore" del film.
Penso che a pochi non è venuto un groppo alla gola vedendo la memorabile scena della morte di Pina mentre corre dietro il camion dei tedeschi nel quale c'è il fidanzato appena arrestato.
Uno spaccato di una delle pagine più tristi della nostra storia raccontato in maniera semplice ma stupendamente efficace.

iraclion  @  06/07/2007 00:42:59
   9 / 10
la storia del cinema italiano; e nn dimostra i suoi anni. godibilissimo ancora adesso e con un aldo fabrizi che è il manifesto del neorealismo

Dante V  @  01/06/2007 16:52:42
   9 / 10
Uno dei capolavori del cinema italiano.
Un noto critico francese lo ha definito 'un film di gangster'.
Rossellini tratta il tema dell'occupazione in modo assolutamente originale.

AKIRA KUROSAWA  @  01/06/2007 15:31:31
   9 / 10
uno dei film piu importanti della storia del cinema, questo film cambia il modo di fare i film, nasce il cosidetto neorealismo. bravissima la magnani.
per fare il film è bastato girare le strade devastate dalla guerra. unico

Dreamboss  @  19/05/2007 20:08:21
   10 / 10
Da vedere e rivedere....

Napoleone  @  25/04/2007 13:09:19
   8 / 10
Notevole, se si considera per di più la scarsità di mezzi e risorse con cui il regista ha dovuto cimentarsi. Soggetto, a mio parere, non troppo originale ma capace comunque di regalare emozioni e far riflettere su svariati temi: su tutti il sacrificio personale per il conseguimento della libertà in contrasto con l'egoismo dettato dalla paura della miseria.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  21/04/2007 12:20:09
   9 / 10
Il neorealismo nasce in un contesto storico straordinario per situazione politica, storica e condizioni sociali. Non occorreva quindi inventare nulla per emozionare gli spettatori che frequentavano i cinema per vedere e capire il tragico presente di allora. La trama era già scritta nella vita di ogni giorno. Bastava essere solo verosimili: a qualcosa che tutti avevano vissuto o continuavano a vivere tra le pieghe del quotidiano. In questi film le emozioni si potevano leggere negli angoli più impensabili degli sguardi dei personaggi, in quei volti sempre animati da una sorprendente spontaneità e da una chiarezza espressiva che rendeva trasparente ogni interiorità psichica.

Questo film rappresenta una pietra angolare del cinema, su cui poggia la struttura teorica e storica del neorealismo. Per Kezich il neorealismo nasce precisamente con la famosa scena della Magnani in cui si vede la donna rincorrere disperatamente il camion dei tedeschi che porta via il suo uomo e rimanere brutalmente uccisa.

Un film che riassume, con incredibile chiarezza e straordinaria bravura di tutto il cast, la situazione etica, sociale, ideologica, politica, umana della capitale dell'talia: nella fase finale della seconda guerra mondiale.

Cambiando le condizioni storiche il neorealismo sfumerà, verso la fine degli anni '50, nell'espressività dell'interiore psichico, usando tecniche più sofisticate come la rarefazione del discorso in lunghe pause che fanno pensare a qualcosa di emotivo e rappresentativo in via di formulazione o di difficile composizione razionale coinvolgendo nell'effetto artistico che ne deriva anche lo spettatore, vedi Antonioni e un certo Fellini. L'oggetto diventa la solitudine e la crisi esistenziale dell'uomo nella società fortemente industrializzata.

quaker  @  05/04/2007 15:33:16
   10 / 10
Girato con mezzi di fortuna da un ragazzone della borghesia romana, amico di Vittorio Mussolini, ed appassionato di cinema, Roma città aperta inaugura il neorealismo con una delle opere più crude del cinema italiano.
Rossellini, praticamente da solo, in un'Italia ancora devastata dalla guerra, può servirsi di macerie autentiche, di un attore (fino ad allora, e poi quasi sempre) comico come Fabrizi, che dà il meglio di sé in una parte altamente drammatica, di una Anna Magnani eccezionale, incarnazione della donna italiana. Racconta, sia pure romanzando (ma non troppo) fatti veri, come la fucilazione di don Pietro Pappagallo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  15/03/2007 16:03:58
   9 / 10
film che metto davanti a tutti quelli del cosiddetto "neorealismo" forse perche uno dei primi (se non il primo in assoluto) o forse perche quello che mi ha dato piu' emozioni!
merito anche dei bravissimi protagonisti,in particolare Aldo Fabrizi che non avevo mai visto come attore e qui ci regala un personaggio straordinario in continuo combattimento tra il suo dovere di prete e quello di uomo debole...
la sua ultima espressione è un chiaro riferimento alla scena della crocefissione e sembra quasi dire:"padre,perche mi hai abbandonato?".
un film eccellente sotto tutti i punti di vista!

mikyross  @  28/02/2007 14:34:43
   9 / 10
Un mostro sacro del nostro cinema, per niente inflazionato da sessant'anni di manipolazione mistica e classicismo indotto. I PROMESSI SPOSI dello studente di Dams odierno, ma non annoia né risulta scontato all'occhio dello spettatore. Anna Magnani è il mio mito, e Pina è uno dei personaggi meglio riusciti della sua carriera. Il film è così coinvolgente che anche chi lo vede sembra proiettato nel ruolo di una comparsa delle vie di Roma bombardata, o di un amico partigiano che vuole aiutare Francesco. Bravo Aldo Fabrizi, da me non particolarmente amato ma ha fatto davvero una buona interpretazione.
Forte l'allusione all'omosessualità della spia tedesca Ingrid, forse per ricordare i tempi della Dietrich di MOROCCO...

Ch.Chaplin  @  14/02/2007 20:01:20
   10 / 10
sarebbe un disonore dare meno a questo film ke non solo è girato e interpretato (mamma mia!) magistralmente, ma crea benissimo l'atmosfera ke si viveva all'epoca in italia e a roma in particolar modo.anke x noi ke siamo nati molti anni dopo (e x coloro ke lo vedranno negli anni a venire) un'opera d'arte ke servirà a ricalcificare la memoria ogni volta ke quella parte di storia sarà in procinto d'esser cancellata.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR agentediviaggi  @  18/01/2007 14:08:45
   10 / 10
c'è chi racconta che fece molto di più questo film che i tentativi dei nostri diplomatici per far rientrare l'Italia nel consesso internazionale. Monumentale racconto della resistenza romana, narrato con stile talmente reale da sembrare un documentario. Magnani e Fabrizi da urlo e un Rossellini in stato di grazia per una pellicola che arrabbia e commuove come nessun'altra. Il punto più alto del neorealismo e forse del cinema italiano che mette d'accordo critica e pubblico. Quando il cinema ha una funzione sociale.

davil  @  15/01/2007 22:05:48
   10 / 10
impossibile per me dare meno di 10 a questo capolavoro, forse il miglior film del cinema italiano. Nella sua semplicità e crudezza racconta tutto con una visceralità ed immediatezza uniche. La scena della fucilazione dell'immenso aldo fabrizi è di un'intensità raramente riscontrabile in altre pellicole.
bellissimo ed indimenticabile, chi ama il cinema non può non averlo nella propria collezione

The Monia 84  @  16/12/2006 16:10:08
   9½ / 10
Tre scene che ti rivoltano lo stomaco come un calzino, mentre un grande maestro racconta di una Roma occupata dai nazifasciti, delle sue lotte, delle sue sofferenze e dei suoi sacrifici. Una popolana, un sacerdote e un ingegnere che hanno marchiato a fuoco la storia del cinema nazionale e non.

Invia una mail all'autore del commento domeXna79  @  22/10/2006 10:52:39
   9 / 10
Un capolavoro del cinema italiano neorealista.
Un film imponente ed importante, per la capacità di descrivere un pezzo della storia del nostro paese in maniera forte e drammatica, senza alcun moralismo o pregiudizio ..il racconto è coinvolgente, tale da far emergere tutta la intensità di un popolo che riscopre il senso civico, l’amore per la Patria, espressa proprio nella Resistenza.
Una pellicola che rappresenta un documento storico fondamentale, dove la coscienza civile si eleva ad eroismo, in cui ogni personaggio, pur rappresentato nella sua fragilità, nella sua umanità, sarà in grado di riscoprire il valore della dignità, alzando la testa dinnanzi ai soprusi, ribellandosi ad essi.
Memorabili alcune scene, come quella che vedono la protagonista rincorrere il camion che portava via suo marito, gridandone il nome (Francesco …Francesco), prima di essere cinicamente uccisa dinnanzi agli occhi del figlioletto ..ma anche la tortura (ripresa in tutta la sua crudeltà) consumata in una stanza, che paradossalmente risulta essere contigua ad altre, in cui invece ci si ubriacava ricercando un falsa ed anacronistica felicità ..e poi un finale davvero emozionante (l’esecuzione), pur nella sua drammaticità, ma anche intriso di speranza.
Un cast davvero eccezionale, dalla grande Anna Magnani (forse la più grande attrice che il nostro cinema ha mai avuto) al bravo Aldo Fabrizi (nei panni del prete) ..una regia elevata a perfezione stilistica, con inquadrature eccezionali, del grande maestro Roberto Rossellini.
Un film che ha fatto la storia del nostro cinema.

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  15/10/2006 21:21:14
   10 / 10
Uno dei più grandi film della storia del cinema. Nonostante preferisca pellicole di altri autori italiani (su tutti Fellini e Bertolucci), "Roma città aperta" rimane una pietra miliare del cinema drammatico, nonché un grande esempio di realizzazione di un film pressoché perfetto con mezzi finanziari praticamente nulli. Dalle informazioni che mi sono pervenute, in effetti, Rossellini non sapeva neanche se aveva pellicola sufficiente per arrivare al giorno successivo.
Ad ogni modo devo sottolineare che "Roma città aperta" è rimasto insuperato per quanto concerne la rappresentazione del dramma (più specificatamente dell'occupazione): prendendo praticamente attori "di strada" (escludendo, ovviamente, Fabrizi e Magnani) Rossellini riesce veramente a trasmettere nello spettatore emozioni forti e palpabili.
Il film è di una violenza a tratti insostenibile. La scena in cui la Magnani corre verso suo marito o la tortura finale richiedono nervi ben saldi (non tanto per la crudezza visiva, quanto piuttosto per quella psicologica).
Nonostante io non sia un esperto di tecniche di ripresa (anzi direi che è il contrario), mi rendo perfettamente conto che l'abilità di Rossellini con la camera è a dir poco impressionante: credo infatti che la già citata sequenza della corsa della Magnani sia tra le migliore mai viste.
Straordinarie le interpretazioni di Fabrizi e della Magnani (entrambi nelle parti migliori della loro carriera), ma anche maledettamente intense quelle degli attori non protagonisti: seppure loro non siano professionisti riescono comunque a impregnare "Roma città aperta" di un'incredibile realismo, tanto da farmi pensare che questo sia il miglior film neorealista della storia del cinema italiano.
Proprio oggi, al Festival di Roma, hanno proiettato una nuova edizione, restaurata e rimasterizzata.

lorenz!ú  @  07/05/2006 15:03:51
   10 / 10
il film secondo me si divide in due parti:prima della morte della magnani e dopo la morte. quest'attice ha la capacita di riempire lo schermo.. e veramente brava.. devo dire la verita .. ho pianto come un bambino ... un finale triste come tutta la storia . naturalmente il voto e 10 . come dice la didascalia UN CAPOLAVORO ANDATE A VEDERLO SUBITO !un 10 anche a tutto al cast;in primo luogo a anna magnani e aldo fabrizi

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Caio  @  15/03/2006 13:17:26
   10 / 10
Toccante, emozionante, assoluto!

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  13/03/2006 00:20:57
   10 / 10
un capolavoro del cinema italiano.. attori impeccabili... da non perdere

tavullia86  @  24/12/2005 09:57:04
   8 / 10
Uno di quei film che bisogna vedere...ha segnato la storia del cinema......

Invia una mail all'autore del commento Strangelove'90  @  14/09/2005 19:55:31
   10 / 10
Il capitolo più nero della storia italiana, raccontato nel film più significativo del neorealismo italiano. Intenso, straziante, crudo, indimenticabile.

nextam  @  30/08/2005 20:57:38
   10 / 10
questi sono registi. che film capolavoro! Certo che Rossellini e V. De Sica ce li invidiava il mondo. Attualmente, dopo la scomparsa di Sergio Leone, cinematograficamente in italia facciamo piangere, anzi no, ridere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/10/2005 13.23.07
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  27/08/2005 11:40:10
   10 / 10
Un capolavoro senza tempo. Rossellini sullo script di Fellini gira uno dei maggiori film italiani di sempre. Commevente, duro, appassionato. Un capolavoro che non può non essere visto.
Semplice nella sua struttura registica, perfetto nell'esposizione della storia, Rossellini ci dimostra come si possa fare un film senza giungere agli eccessi visivi tanto di moda oggi. Semplice nei suoi campi lunghi e nei suoi piani medi, difficilmente arriva al PP, ma quando lo fa è sempre l'attimo giusto, il momento più intenso.
Indimenticabile la soggettiva dal camion con la Magnani che rincorre il marito arrestato.
Una grande lezione di cinema per tutti.

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/10/2005 13.22.29
Visualizza / Rispondi al commento
polbot  @  08/07/2005 13:44:39
   9 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  20/02/2005 01:45:01
   9 / 10
C'è anche una scena vagamente lesbica (la nazista saffica) quando Mariella Lotti - credo si chiami così - viene ubriacata Non ho voglia di parlare del film, dico soltanto che la vicenda è nel dna di ferite aperte e laceranti che gli italiani hanno purtroppo voluto dimenticare Altro che giornate della memoria per le vittime della resistenza

3 risposte al commento
Ultima risposta 19/07/2007 21.03.19
Visualizza / Rispondi al commento
dragonfly  @  24/09/2004 15:53:43
   10 / 10
Film-cult dell'Italia. Forse non il più bello (secondo me otto e mezzo di fellini), ma sicuramente quello che rappresenta di più il nostro paese. Dalla commozione alla celeberrima scena di Anna Magnani, questo film non poteva mancare a filmscoop.it
Da vedere diverse volte, anche per capire, tecnicamente, come si riesce a fare un film senza risorse economiche. Rossellini, non avendo soldi, ha fregato la corrente elettrica all'esercito americano per girare le scene (quando il comandante l'ha scoperto si è proposto per aiutarlo). In poche parole, Un Mito!

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

150 milligrammi - una donna dorte come la verita'
 T
4021a german lifea united kingdom - l'amore che ha cambiato la storiaabsolutely fabulous: il filmalla ricerca di un sensoallied - un'ombra nascostaalps
 HOT
arrivalassassin's creedausterlitz
 T
autobahn - fuori controllo
 T
ballerina
 NEW T
bandidos e balentes - il codice non scritto
 NEW T
barriere
 NEW T
beata ignoranzabilly lynn - un giorno da eroe
 T
cinquanta sfumature di nerocollateral beauty
 T
crazy for footballdavid lynch: the art lifedoraemon il film - nobita e la nascita del giapponefallenflorencefuga da reuma park
 T
gimme dangerheadshotho amici in paradisoil cliente (2016)il ggg - il grande gigante gentileil viaggio di fannyincarnate
 NEW T
jackiela battaglia di hacksaw ridge
 HOT
la la land
 NEW T
la marcia dei pinguini: il richiamole concoursle spie della porta accanto
 T
lego batman - il film (2017)les ogreslife, animatedlion - la strada verso casal'ora legalemaestro
 T
mamma o papa'?
 T
manchester by the seamiss peregrine - la casa dei ragazzi specialimister felicita'
 T
moonlight - tre storie di una vitanatale a londra - dio salvi la reginanebbia in agostooceaniapassengerspatersonpoveri ma ricchiproprio lui?qua la zampa!
 T
resident evil: the final chapterriparare i viventi
 HOT
rogue one: a star wars storysilencesingsleepless - il giustizieresmetto quando voglio 2 - masterclass
 HOT
split
 T
the founder
 NEW T
the great wall
 NEW T
trainspotting 2
 T
un re allo sbandovarichina - la vera storia della finta vita di lorenzo de santisvista marexxx: il ritorno di xander cageyour name

951190 commenti su 36573 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net