the counselor - il procuratore regia di Ridley Scott USA, Gran Bretagna 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the counselor - il procuratore (2013)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE COUNSELOR - IL PROCURATORE

Titolo Originale: THE COUNSELOR

RegiaRidley Scott

InterpretiMichael Fassbender, Brad Pitt, Cameron Diaz, PenÚlope Cruz, Javier Bardem, Dean Norris, Natalie Dormer, Rosie Perez, Goran Visnjic, Sam Spruell, Ruben Blades, Bruno Ganz

Durata: h 1.42
NazionalitàUSA, Gran Bretagna 2013
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2014

•  Altri film di Ridley Scott

Trama del film The counselor - il procuratore

"The Counselor" Ŕ ambientato principalmente nella frontiera, e racconta la storia di un avvocato (il cui nome non viene mai pronunciato) che si mette in affari con Reiner, un conoscente dalle losche amicizie. L'idea Ŕ di prelevare un carico di cocaina del valore di 20 milioni dollari a sud del confine e spacciarla con l'aiuto di un poco di buono di nome Westray. Naturalmente, niente va secondo i piani.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,08 / 10 (74 voti)5,08Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The counselor - il procuratore, 74 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DogDayAfternoon  @  30/10/2018 12:53:08
   6½ / 10
Sinceramente non comprendo del tutto la generale stroncatura che ha avuto questo film.

Non sarà certo un film che ricorderemo per anni, ma non mi è parso nemmeno poi così malvagio. Vero che la trama non è chiarissima, che il film è piuttosto verboso e in alcuni punti qualche dialogo gira a vuoto anche se comunque la media è ben oltre la sufficienza...ma tutto sommato mi ha tenuto comunque sempre interessato fino alla fine, grazie soprattutto alla presenza di attori del calibro di Fassbender, Bardem, Pitt che pure senza strafare mi danno comunque motivo e soddisfazione di proseguire con la visione del film. Aggiungo pure Penelope Cruz e Cameron Diaz, due attrici anche loro spesso denigrate ma che personalmente non disdegno, la seconda in particolare l'ho trovata benissimo in questo film. Che il film punti soprattutto sul cast, lo si capiva anche solo dalla locandina.

Qualche chiarezza in più sulla trama e i personaggi l'avrei gradita, ma anche così com'è non è un film da buttare.

gemellino86  @  12/09/2017 23:25:43
   6½ / 10
Non tra i migliori film di Scott ma mi è piaciuto. I personaggi sono cattivi e tutto gira intorno al traffico di droga. Bravi Fassbender e Diaz, sprecati Pitt e Cruz. Finale che lascia turbati.

Spotify  @  28/03/2017 19:58:53
   7 / 10
--- PRESENTI SPOILER ---

Bel thriller di Ridley Scott, il quale, nel 2013, dopo tanti lungometraggi, alcuni dei quali diventati capolavori assoluti della settima arte, riesce ancora a tirar fuori buone idee, mettendole poi, bene in scena.
Il film in questione è un'opera spietata, violenta e pessimista. Non ci sono buoni e/o cattivi, ma solo un feroce fato che determina il futuro dei protagonisti.
La trama ha come personaggio principale un avvocato, del quale, non ne viene mai rivelato il nome. L'uomo è prossimo a sposarsi con la bella Laura, ma prima, deve concludere un importante affare, non del tutto pulito, anzi... l'avvocato infatti è invischiato in una faccenda di droga assieme ad un suo conoscente, un certo Reiner. Quest'ultimo è fidanzato con Malkina, donna molto attraente ma al tempo stesso doppiogiochista e calcolatrice. Il tutto sembra procedere per il meglio e pare che sia l'avvocato che Reiner, otterranno un bel po' di soldi. Ben presto però, con la morte di un ragazzo affiliato ad altre persone invischiate nell'affare, le cose cambiano e l'avvocato verrà risucchiato in un vortice di morte e violenza.
Scott, come detto prima, dimostra ancora di saperci fare, specialmente nella caratterizzazione dei personaggi, spesso ambigui, contorti e intricati.
In questo film, il regista di South Shields, utilizza una vasta gamma di protagonisti, col rischio dunque, di confondere lo spettatore con un gran numero di soggetti. Invece, il regista riesce a valorizzare tutti i personaggi, dando a ognuno un proprio spazio, distribuendoli in maniera omogenea all'interno della narrazione.
La cosa che più mi è piaciuta, è stata che il regista è appunto riuscito a mettere si, tanti protagonisti nella vicenda, però al contempo è stato ordinato, non dando mai allo spettatore quella sensazione di confusione, che in altre pellicole con così tanti soggetti si può avere.
Tutti gli attori sono calati benissimo nelle rispettive parti, ciascuno ha qualcosa di intrigante. I personaggi secondo me meglio riusciti, sono quello di Westray, un uomo viscido ma al tempo stesso con una personalità che colpisce, e quello di Malkina, donna dal fascino irresistibile ma al contempo diabolica. Anche gli altri protagonisti sono comunque ben tratteggiati, di Reiner, ad esempio, si nota l'estrema stravaganza.
Il ritmo è fluido, magari all'inizio la pellicola ci mette un po' ad ingranare, però poi dopo decolla e garantisce una visione piacevolissima. Scott ci presenta i protagonisti mano mano, fino a creare un puzzle per poi dare il via alla narrazione vera e propria. Una narrazione sapiente, che non fa calare mai l'attenzione e gode soprattutto di un'eccellente cura dei dialoghi da parte del director.
Diverse sono le sequenze dove c'è una buona suspense. Però, le scene tecnicamente migliori, sono quelle più violente. Innanzitutto c'è quella dell'omicidio del motociclista, la quale pur essendo molto rapida, è sviluppata, e montata, in maniera eccezionale. In seguito abbiamo la sequenza della morte di Westray che è d'antologia. Di questa scena, un po' come per quell'altra, sorprende la velocità e allo stesso tempo la chiarezza, con cui avviene il tutto. Il resto poi, è affidato ai credibilissimi effetti sanguinolenti, i quali danno più gusto alla sequenza.
Il finale è ottimo, Scott trascina lo spettatore nell'abisso di violenza dove è finito l'avvocato. Il regista, attraverso l'epilogo, fa capire all'astante come, basti poco a ritrovarsi nel baratro, dopo essere stati a contatto con la malavita.
Scott valorizza per bene le scenografie. Senza dubbio, sono suggestive le zone desertiche che fanno da sfondo a numerosi momenti della pellicola. E risultano funzionali anche al cospetto della trama.
La fotografia si sposa bene con le location. Scott e Dariusz Wolski riescono a dare un tocco cupo al film, specie nella seconda parte, quando le cose per il nostro avvocato cominciano a girare per il verso sbagliato.
Il cast è composto da grandi nomi: abbiamo Michael Fassbender, Javier Barderm, Cameron Diaz, Brad Pitt ecc...
Gli attori che più mi son piaciuti sono stati la Diaz e Pitt. L'attrice di San Diego mette in mostra tutte le sue abilità al fine di cercare di essere più meschina possibile, e ci riesce benissimo. Poi l'interprete supera se stessa nella famigerata scena erotica avente protagonisti lei e la macchina di Reiner. Lo spettatore viene colpito dalla naturalezza con la quale la Diaz recita una sequenza così hot. L'esplicazione dei dialoghi è ottima e le espressioni impeccabili.
Il buon Pitt da sfoggio anche lui ad un personaggio meschino ma al contempo saggio. Nonostante l'attore di Shawnee non sia proprio tra i personaggi primari, fa ugualmente una performance di alto livello, funzionale e umile, segno di adattamento anche a ruoli più marginali.
Bravo anche Bardem. Fassbender non mi è dispiaciuto, però, ogni volta che lo vedo recitare, a mi sembra che l'attore irlandese, abbia costantemente la stessa espressione stampata in faccia. Forse sarò io che vedo storto, però la penso in questo modo.
Vanno fatti i complimenti al director per il fatto di esser riuscito a gestire così bene un intero cast di star.
La sceneggiatura è solida, offre una storia di sicuro non originale ma comunque accattivante. Ci sono dei bei colpi di scena, tante situazioni interessanti e un impianto narrativo ben costruito. Buona la caratterizzazione dei personaggi e dialoghi sopra le righe, forse un po' scontati nella parte finale della trama, però complessivamente si fanno notare.
Tuttavia, c'è una parte che mi ha lasciato interdetto. La spiegherò dopo.
Dal punto di vista Etico e sociale, Scott ha fatto un ritratto molto violento dell'America contemporanea, specie le sue zone più periferiche. Poi, come detto prima, il regista ci mostra che appena si viene a contatto con la malavita, quest'ultima trasporta il malcapitato di turno nel suo mondo senza nemmeno che lui se ne accorga.
Le cose che ho apprezzato di meno sono essenzialmente due: la prima è lo spreco di un'attrice come Penelope Cruz. E' stata l'unica interprete a non essere stata valorizzata bene dal director, il quale la gestisce come se fosse l'ultima arrivata. A questo punto conveniva scegliere un'attrice meno famosa. Peccato perché l'interpretazione della bella attrice spagnola non era stata neanche male.
L'altra cosa che mi ha destato perplessità, è appunto quella parte dello screenplay che ho citato sopra. Infatti, per una buona parte della trama, il tema centrale è il sesso. Ok che l'obbiettivo era quello di fare un'opera eccentrica, però, tanto si parla delle avventure sessuali dei protagonisti, che spesso si esce fuori dai binari della vicenda principale.

Conclusione: un valido thriller da gustarsi a 360 gradi. Non è un filmone, però se avete ha voglia di un cinema onesto, di intrattenimento, dotato di una bella storia e di grandi attori, "The Counselor" fa al caso vostro.
Non è obbligatorio vedere questa pellicola, però se vi capita sott'occhio, una visione dategliela.

7+

76mm  @  06/02/2017 11:34:14
   7 / 10
Chi gioca col fuoco, soprattutto dalla parti di Ciudad Juarez, si scotta.
Non ci voleva Ridley Scott per portare alla luce questa realtà.
Detto questo il film non è affatto male, mi sorprende una media così bassa.
Per tre quarti del tempo si parla di sesso, per il resto dei modi non proprio ortodossi coi quali i simpatici narcos messicani regolano i loro conti…una ****ta insomma.
Bardem e Pitt laidi da far schifo, Fassbender un po' monocorde, Diaz da paura, sprecata la Cruz.
Dice poco ma lo dice bene, senza inutili concessioni alla spettacolarizzazione (tranne che per una scena, da cult immediato, che è rimasta impressa a molti).
Violenza contenuta e funzionale alla trama.
Un Ridley Scott d'annata.

VincVega  @  23/01/2017 01:31:08
   7½ / 10
Ho molto apprezzato Cormac Mccarthy nei romanzi "Non è un Paese per Vecchi" e "The Road", le versioni cinematografiche sono state tutte e due convincenti (più quello dei fratelli Cohen che quello di Hilcoat) e quindi non potevo farmi sfuggire questo film con una sua sceneggiatura originale unita alla regia del grande Ridley Scott.
"The Counselor" è un film abbastanza sottovalutato, quindi dopo averlo visto qualche anno fa, non avendo compreso tutte le critiche che gli erano state rivolte, mi sono voluto procurare la versione estesa con 20 muniti in più.
Il film è imperfetto, bisogna ammettere che certi dialoghi possono risultare ridondanti, a volte McCarthy sembra quasi compiacersi però non si rimane indifferenti al fascino che pervade la storia.

Il procuratore entra in un affare e di conseguenza in un ambiente in cui nuotano pescecani, gente molto più dura di lui, Ridley Scott riesce a descrivere il vortice in cui viene inghiottito, un'angoscia progressiva e una parabola verso l'inferno, con un finale che difficilmente potrebbe essere meno pessimista.
Il cast fa il suo dovere, con la migliore del lotto sicuramente Cameron Diaz, Malkina, una donna di personalità, arpia e abile manovratrice, capace di fare benissimo il doppio gioco, protagonista di una scena cult, metafora della decadenza del mondo globalizzato.

Sono convinto che questo sia un film che nel tempo verrà rivalutato, ci sono dei rimandi e dei dialoghi che in un primo tempo non vengono notati, con più visioni si riesce ad apprezzare di più quello che ci vogliono mostrare McCarthy e Scott.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Rollo Tommasi  @  23/10/2016 19:46:54
   7 / 10

SPOILER !!!

Tributo spettacolare alla violenza, The Counselor - del variabilmente ispirato regista Ridley Scott - è un film che non conosce sfumature, se non nei verbosi dialoghi esistenzialisti che sgorgano come un'ossessiva cifra stilistica dalle labbra di ogni personaggio; è la rappresentazione stessa del sottobosco distopico che ammanta il Sogno Americano di purezza, successo, lusso e libertà, a cui si contrappone quello al confine messicano, polveroso e corrotto, dove si combatte una guerra impunita ed anarchica di inaudita crudeltà per la spartizione del mercato della droga. Nella teatrale scacchiera di questa guerra, che appare sempre più come il fotogramma di una catena alimentare, si muovono pedine bizzarre, stereotipate ma realistiche, chiamate a recitare un ruolo per la sopravvivenza.
The Counselor è anche la narrazione crudele della discesa agli Inferi dell'Uomo probo che si è accostato al Male smarrendo la "retta via", per inseguire un facile ma pericolosissimo progetto di arricchimento.
Si può discutere l'estetica del prodotto, la spudorata scena di autoerotismo della zarina Cameron Diaz sulla Ferrari gialla (che resterà la più indimenticabile sena di pubblicità occulta mai ammirata sul grande schermo...), oppure la trama che lascia più intuire che spiegare, in cui il Boss della Mafia messicana non si mostra mai e rimane una presenza oscura in perenne attesa di mietere, ma il film è solido e ben recitato, con un Fassbender clamoroso e pulsante (da applausi il pianto struggente davanti al cimelio "insanguinato" dell'amata Penelope Cruz).
Il tocco finale della barbarica esecuzione di Brad Pitt (e del motociclista nel deserto...) è una pennellata d'autore, anche se bisogna ammettere che l'arma utilizzata, una garrota fatta con filo di acciaio, era già stata proposta in una versione meno tecnologica da Brian De Palma in "Blow Out" e da Peter Medak in "Triplo Gioco - Romeo is Bleeding".
Da Ridley Scott è lecito aspettarsi qualcosa di più sicuramente, ma, nella sua imperfezione, Il Procuratore è destinato ad una lenta, progressiva rivalutazione.

Filman  @  31/08/2016 21:12:59
   3½ / 10
Altro oggetto cinematografico di dubbio gusto, e in questo caso difficilmente classificabile, firmato dal peggior Ridley Scott che si poteva immaginare, THE COUNSELOR ha un infinità di difetti, i quali sovrastano una storia potenzialmente interessante con sprazzi drammatici dalla sincera originalità, facilmente riassumibili: quasi mai si avverte il fulcro motore della storia, ovvero che il mondo della malavita sia catapultato addosso al povero protagonista senza via di fuga, e basterebbe questo; la sceneggiatura è configurata in base a lunghi dialoghi seppur nessuno di questi sia minimamente interessante per qualsivoglia motivo; possiamo assistere increduli a ridicoli e squallidi residui di quelli che una volta erano gli ideali femministi del regista. Fine.

topsecret  @  13/07/2016 14:25:13
   6½ / 10
Filosofia criminale.
L'asse portante di questo film di Scott sono i dialoghi, a volte un po' troppo verbosi per la verità, che però si amalgamano bene con le caratteristiche dei personaggi dando luogo ad una storia interessante e discretamente coinvolgente, nonostante le quasi 2 ore di durata.
Il cast è ricco di prime firme e tutte si muovono abilmente negli spazi a loro concessi, dimostrando un certo carisma e un discreto fascino, soprattutto la Cruz (però più dimessa nell'autonomia della storia) e la Diaz, vero motore del film.
Cinismo, avidità e illegalità si fondono in questo incipit dal ritmo in crescendo che, a mio avviso, non fatica a coinvolgere e strappare un voto positivo.

mauro84  @  16/06/2016 17:42:23
   6 / 10
Finalmente trovo a guardarmi sta ultima fatica del famigerato regista. Adorato le ambientazioni di frontiera, così definite, fotografia semplice, modesta. Vi sono dei buchi nella trama ok, non cade nel banale, non vedo improvvisi cali di tensione, tiene legato alla sua visione, impegnativa ma senza esagerare.

Cast stellare.... Michael Fassbender interpretazione top, Brad Pitt (ma quando invecchia?!), Javier Darmem mai valutato appieno da me, lo conosco poco, visto bene.

Cameron Diaz & Penelope Cruz: coppia di donne al centro di una buona figura, interpretazione degna...

Caro Ridley, tanti capolavori, tanti bei film, sto qua è stato un mezzo flop per tanti, per molti, troppe persone che secondo me cercavano qua in un film serio, la tua consacrazione, invece... Lascia dei buchi nella sceneggiatura, non sempre le scene di azione finiscon come ci si aspetta e poi bo... forse tutto già visto....
Non lo reputo per me, un film fallimento, lo ripeto un film che si poteva costruire e girar meglio, magari meno attori, + scene lunghe, e alla fine cercar di dar un senso al tutto, che non lo ha.

Film consigliabile a quei pochi davvero ammiratori del grande Ridley, capita a tutti un momento di discesa, ma non vuol dire che non piaccia, ma a soli pochi.

Film meritevole per ambientazione e cast stellare!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Hard to Kill  @  02/04/2016 20:03:53
   8 / 10
Uno dei film più sottovalutati della storia del cinema recente.
Ad una prima visione risulta un po' criptico, ad una seconda visione se ne coglie il senso, ad una terza visione lo si ama davvero. Figlio di una sceneggiatura a dir poco sontuosa, questo film viaggia su livelli altissimi per quanto riguarda ambientazione, dialoghi e personaggi (tra tutti la Malkina di Cameron Diaz). A livello emotivo poi, trasmette il senso di smarrimento del protagonista di fronte al succedersi degli eventi nonché il senso di morte che incombe su di lui, una morte dolce e inevitabile. Da vedere ripeto, almeno due volte.

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/06/2016 12.17.18
Visualizza / Rispondi al commento
floyd80  @  18/02/2016 16:28:39
   3 / 10
Prendi un grande scrittore, un ottimo regista, un cast di attori eccezionali e che cosa ottieni?
Un film che dire sconclusionato sembra quasi un complimento.
Punto primo (Già; sono arrabbiato e quando uno è arrabbiato fa così...mette i punti) ricapitoliamo:
Punto primo: La sceneggiatura, davvero non si può! Durante la visione del film ti viene un laconico dubbio: "Ma quando l'hanno finito, l'hanno rivisto?"
Punto due: La regia, sembra un film di Michael Bay senza la tamarraggine.
Punto tre: Gli attori sembrano guardarti negli occhi e sembrano volerti dire: "Salvati, non continuare a guardare nella speranza che ci capisci qualcosa, non lo farai...non lo farai!"

Invia una mail all'autore del commento brabus  @  25/01/2016 19:35:56
   2½ / 10
ma che è sta cosa....solo discussioni e paracini senza senso...moralismi fasulli..
nessuna azione nessuna suspance...boooo parole parole parole solo parole.....
ottimo per dormire

gherardo81  @  03/01/2016 02:10:31
   1½ / 10
Film inguardabile. Non ti da il tempo di conoscere i personaggi te li butta li nella mischia all'improvviso, e da per scontato che lo spettatore riesca a unire tra di loro dialoghi e scene sconnesse. Non riesco a capire come si possa passare una roba del genere. Con un cast di tutto rispetto non si può fare una porcheria simile. Mezzo voto in più per il collare del ghepardo.

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/02/2016 16.22.49
Visualizza / Rispondi al commento
Overfilm  @  29/03/2015 15:40:55
   1½ / 10
Faccio mio il commento di Mchele Serra su Repubblica del 29/03/2015:
L'AMACA del 29/03/2015 (Michele Serra).
HO VISTO (con imperdonabile ritardo) uno dei più brutti film di tutti i tempi, "The councelor" di Ridley Scott, gongolante esposizione di depravazioni criminali ambientata nei ridenti paraggi del narcotraffico, e mi è suonato nella testa, per accumulo, un campanello di allarme. Mi avvertiva che i miei neuroni, dopo oltre mezzo secolo di affezionata frequentazione della Società dell'Immagine, avevano raggiunto il limite massimo di assorbimento di carotidi recise, revolverate in faccia, teste bucate, cadaveri in putrefazione, ninfomani assassine e porcaccioni impasticcati.
Non è questione di intervenire nel già frequentatissimo dibattito sulla riproducibilità tecnica della violenza, sui suoi effetti catartici oppure ammiccanti, di denuncia oppure di emulazione. Non è neppure in questione l'enorme tema della rappresentazione del Male, a scopo pedagogico e/o di lucro. Men che meno è in questione l'inutile presunzione di sentirsi buoni e bravi al cospetto di un mondo depravato. È solo una banalissima faccenda personale. Non reggo più la dose, che specialmente grazie a Hollywood è diventata bulimica, si spara più nei telefilm che in Siria, si tortura di più sul set che tra i ragazzi dell'Is. È un po' come quelli che diventano vegetariani non per scelta ideologica, ma perché con l'età non hanno più voglia di carne. Ecco, diciamo che, anche grazie a Ridley Scott, sento che invecchierò, come spettatore, da vegetariano.

TheLory  @  04/03/2015 22:08:30
   2 / 10
Veramente brutto. Il film di un regista maiale sessuomane che non si lascia scappare un'occasione per inserire banali momenti sconci, probabilmente per rendere questa storia scialba un po' più pepata.
Ma vattene al diavolo Ridley!

Goldust  @  26/02/2015 11:27:19
   5 / 10
Da salvare in questa pellicola di Scott c'è solo l'atmosfera vagamente malsana da deserto di confine, marchio di fabbrica di Cormac McCarthy, qui sceneggiatore, in cui questa storia di malavita e traffico di droga si sviluppa ed in cui il valore della vita umana è molto modesto. Il resto del film è invece sovraccarico di inutili orpelli sessuali, di foga recitativa a tratti ridicola ( Bardem sembra uno schizzato ) ed è poco credibile nei dialoghi, troppo sopra le righe come alcuni suoi personaggi. Nella prima parte la storia si lascia anche seguire, poi sbraca anche lei ( il vagare senza senso dell'Avvocato in Messico ), lasciando un senso di sbalordimento - e parere personale, delusione - quando si arriva alla conclusione. Il migliore del cast mi è sembrato Pitt, che rispolvera per l'occasione il fare smargiasso e l'aria del faccendiere risoluto già ammirati nella serie degli Ocean.
Da dove salta fuori "il procuratore" come sottotitolo italiano mi piacerebbe proprio saperlo. Ma chi le fa le traduzioni?

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  16/12/2014 15:13:51
   2 / 10
Un regista da sempre sopravvalutato che confeziona male una sceneggiatura colabrodo perdendosi nell'ego cinematografico di una pseudo prova autoriale. Debole, labile, in un unico lunghissimo vicolo cieco.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  05/12/2014 09:20:10
   5½ / 10
Gli "alti" e "bassi" di Ridley Scott si confermano anche in questo caso e dopo il valido "Prometheus" arriva questo deludente film sul narcotraffico...anche se piu' che occuparsi dell'argomento il film offre una lunga analisi sui personaggi, protagonisti di questo Mondo fatto di bugie, allussioni e morte.
Un avvocato perbene pensa di fare soldi facili ma si fidera' delle persone sbagliate. Eppure viste da fuori e sentendole parlare nessuno di noi si fiderebbe per un secondo, ma il potere dei soldi sovrasta tutto e tutti.
Sceneggiatura valida, ma dialoghi fin troppo prolissi. Un film che non si capisce dove vuole finire a parare...

lukef  @  27/11/2014 21:06:38
   6 / 10
Mah.. mi ha convinto sì e no.
Tiene attaccati allo schermo? assolutamente sì
Per il resto boh. Decisamente imbellettato.. opulenza ovunque, quella c***o di Bentley non c'è inquadratura che manchi (sempre pulitissima tra l'altro, pare uno spot) e tutta sta filosofia sui diamanti (molto snob).
Trama scontata e poco approfondita.. forse perché troppo laborioso trovare giustificazione a certe situazioni improbabili... meglio lasciarle nell'oblio. Personaggi secondari che son più che altro caricature fuori luogo.
Pagella attori:
Fassbender: Ok, niente di speciale
Brad Pitt: inutile, sprecato
Cameron Diaz: Decisamente insopportabile. Interpreta bene e si fa anche ben odiare. Pallosissime le sue massime esistenziali ma non è certo colpa sua
Cruz: vedi Brad Pitt
Bardem: Mi piace come interpreta questo ruolo

Guardatevelo se volete un po' di viulenza alla "paese per vecchi" ma, se non siete tonti fino al midollo, non aspettatevi colpi di scena. Finale, più che amaro, fa girare le balle.
Qualche idea carina e qualche punto di riflessione comunque lo si trova.

Sestri Potente  @  24/11/2014 17:42:58
   5 / 10
Premetto che l'ho visto a scatola chiusa, non sapevo esattamente cosa aspettarmi.
Sicuramente siamo in presenza di un regista esperto e capace, nonché di un ottimo cast.
Il problema è che si tratta del solito film in cui la storia passa in secondo piano e si guarda di più ai "concetti" (in questo caso l'orrore di una tragedia, il triste epilogo di un affare malavitoso andato male).
Preferisco film più aperti a questi polpettoni...

gabri68  @  22/11/2014 16:42:07
   4 / 10
sconclusionato, lento e senza senso. Un film talmente deludente che non ho avuto neanche voglia di capire il perchè ed il per come....

The Cellular  @  22/11/2014 14:52:32
   3½ / 10
Film banale e insulso, si salvano pochissime scene come per esempio la decapitazione del motociclista che ancora devo capire cosa stesse facendo di lavoro. E forse mi ha garbato la scopata della cruz con la ferrari...(mai visto prima)
Tutto il resto é fuffa..attori messi li per caso e scommetto ben pagati. Regia indegna

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Alex2782  @  22/11/2014 11:11:09
   3 / 10
La sceneggiatura macchinosa e piena di buchi e la regia piatta influiscono sulla recitazione di un cast potenzialmente stellare, la storia, non si riesce a comprendere, una cozzaglia di eventi che si susseguono, facendoti attendere il finale nella speranza di un qualcosa che non accade mai.

Parsifal  @  22/11/2014 00:24:21
   4½ / 10
grande Cast alcune frasi ad effetto bella fotografia....ma poi il resto è' sceneggiatura piena di buchi ,al punto da non capire neanche chi fa cosa e chi sta con chi è come fa a sapere che assolutamente non sufficiente scontato anche il finale.

BrundleFly  @  14/10/2014 18:30:11
   7 / 10
Ridley Scott firma qui il suo film 'più autoriale' (mascherandolo da film commerciale) dai tempi de "Il genio della truffa".
Il poco successo si può probabilmente spiegare col fatto che molti, facendosi attrarre dal trailer e dal cast stellare, si aspettavano un film con tanta azione e inseguimenti mozzafiato.
Invece, ho trovato quest'ultima fatica del regista britannico un'opera molto personale a livello registico e fotografico, forse un po' zoppicante a livello di sceneggiatura. Il film parte senza dubbio lento, ma nella seconda metà si riprende e personalmente mi ha coinvolto moltissimo.
Un film CATTIVISSIMO che, d'altro canto, posso capire benissimo che non sia per tutti i gusti.

wicker  @  13/09/2014 20:20:34
   6 / 10
Sono fermamente convinto che uno scrittore debba fare il suo mestiere e basta.
Cormack Mc Carthy qui scrive la sceneggiatura con un ritmo che per un suo libro sarebbe probabilmente perfetta, ma che per un film risulta troppo macchinosa rischiando di inceppare il motore dello stesso con dialogi lenti,monocordi e inconcludenti..
La tensione di Fassbender è palpabile ma non è nè noir,nè pulp,nè dramma insomma il prodotto rimane un pò a un bivio sulla direzione da prendere.
La trama è comunque avvincente anche se intuibile e gli attori sono bravi.. bella la fotografia e la colonna sonora.
Quando però alla fine leggi regia di Ridley Scott ..beh ti viene da pensare"mi aspettavo molto meglio"

Matteoxr6  @  13/09/2014 18:52:17
   5 / 10
Ben recitato, regia snella e fotografia degna di un film hollywoodiano. Purtroppo il film non mi è piaciuto, l'ho trovato semplice e troppo prevedibile, se non banale in molti dialoghi.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

EDN85  @  27/08/2014 10:33:54
   8½ / 10
Film che puo' non piacere o non essere capito da tutti.
Ma per me...è stato emozionante seguire tutta la storia di questo innominato avvocato nel tentativo di incrementare le sue ricchezze attraverso affari di droga. Il grandissimo Ridley Scott dirige perfettamente questa pellicola presentando i vari personaggi con sublime accuratezza. Riesce a rendere la storia inizialmente molto raffinata e attraente, per poi ridipingere il quadro di un colore brutale e violento.
Gli attori sono fantastici! Compreso Michael Fassbender! Abilissimo nel mutare il suo personaggio mentre lo accompagna alla lenta e tragica trasformazione del suo lussuoso mondo che diventa un inevitabile inferno.
Personalmente non mi è piaciuto molto il personaggio Westray, anche se il bravo e secondo me sprecato Brad Pitt lo ha reso molto figo!
Ma...vogliamo parlare di Cameron Diaz? Non la credevo capace di vestire i panni un personaggio così perfido!! Veramente pazzesca! A mio parere la sua più grande interpretazione!

deliver  @  30/07/2014 03:33:55
   7½ / 10
Io credo che si tratti di un film che per stile e contenuto, o piace o non piace.
Se qualcuno si aspetta il solito cartello movie alla Cani Sciolti, The Counselor non è niente di ciò. Se invece si amano le tematiche scabrose calate in narrazioni di ampio respiro, ove a contare solo le atmosfere, gli umori, il senso di tragico e maledetto che aleggia sulle esistenze dei protagonisti, allora potrete apprezzare e godervi questa pellicola.
La sceneggiatura porta la firma di un gigante della Letteratura americana del Novecento: quel Cormac McCarthy già noto al mondo del cinema per la trasposizione del suo Non è un paese per vecchi. Stavolta C. mette il suggello alla sua prima sceneggiatura originale e il clima che regna nella storia è avvolgente quanto vividamente realistico - perché sempre passando per McCarthy, questo film trasuda eccentricamente quella mentalità sudista affiancata al locus del confine rovente tra Messico e Usa, popolato anche di affaristi senza scrupoli e di narcotrafficanti spietati.
La trama, nelle sue linee principali, la conoscete già. Ma la catabasi del trafiletto, non riguarda solo il prode avvocato, ma tutti i personaggi secondari coinvolti in questa girandola di morte e distruzione.
L'unico monito del film sembra proprio riportarci a quell'atavico peccato che i greci definivano "iubris": il peccare di arroganza, il cedimento ai facili entusiasmi a cui fa seguito l'illusione di poter controllare gli eventi. E invece spesso, la misura e' colma sin dall'inizio e si finisce travolti da un vento più grande.
Scott, secondo me, se la cava benissimo nel preservare quell'angoscioso senso di tragedia incombente che si dispiega dall'inizio sino alla chiusura, proprio come McCharty comanda ! Dopo il flop di Prometheus, Scott si risolleva dimostrando di essere quel regista elevato che abbiamo già conosciuto.

zeppelin  @  20/07/2014 23:00:03
   5½ / 10
Per come è stato strutturato tiene bene la tensione ma la lentezza nel procedere è veramente estenuante...
Qualche dialogo interessante, nonostante ad un certo punto vengano un po' a noia; finale non proprio a sorpresa...
Con gli attoroni coinvolti forse si poteva fare qualcosa di più...

Ma poi:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Alex22g  @  14/05/2014 20:17:46
   10 / 10
Davvero inspiegabile una media voti cosi'bassa per questo film del grande Ridley Scott.
Ho acquistato il blu-ray nonostante le varie recensioni mediocri lette in rete, e fortunatamente mi sono fidato del mio istinto.
Il film è davvero ben riuscito, con un cast stellare, un ottima sceneggiatura e dialoghi oltre ad una regia eccellente.
I personaggi sono molto carismatici ( e non solo per la bella presenza datagli da attori del calibro di Bardem o la Diaz ) e folli a livello di caratterizzazione e stilizzazione di quel determinato stereotipo che rappresentano.
Sono presenti dioverse scene forti ( a livello di violenza/sangue) per gli amanti del genere ma anche i dialoghi mi hanno colpito per la loro realizzazione e contestualizzazione .
Aggiungiamo una fotografia da urlo e delle soundtrack perfettamente idonee , ed ecco il risultato.
Per me tra i migliori di Scott ( specie se visto in versione Extended )

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  13/05/2014 15:53:54
   7 / 10
Hai successo, soldi, una bella macchina, una casa splendida, una compagna spettacolare che non vede l'ora di sposarti; eppure non ti basta.
Vuoi sempre di più, l'ottundente limbo di confine tra Messico e U.s.a. è l'ambiente ideale per zittire una moralità già in partenza negoziabile, la svolta verte sul sobbarcarsi lo smercio di un' ingente partita di droga immischiandosi col "cartello" locale. Malavita organizzata senza volto, feroce e spietata, non propensa a prestar fede alle coincidenze che purtroppo per l'Avvocato (Procuratore nella versione originale) si manifesteranno nel più beffardo dei modi, causando un terremoto sanguinoso nel suo mondo imbellettato.
Prima sceneggiatura originale di Cormac MacCarthy tirata a lucido dalla regia misurata, con adeguato complemento cromatico, da Ridley Scott. Il mondo descritto è border-line non solo per coordinate geografiche popolato com'è da personaggi che hanno eletto l'eccesso a loro religione. Il cast decisamente glamour è di quelli che oltre alla piacevole estetica sfodera personalità, dando vita ad un intreccio ronzante attorno ad un camion in apparenza carico di liquami, in realtà una fortuna su quattro ruote.
Pellicola verbosa con esplosioni di violenza sorprendenti, i dialoghi affondano con mirabile propensione affabulatoria in disquisizioni sospese tra integrità, dovere e bramosia. L'incedere è ipnotico, le riflessioni evitano banalità materializzando fin da subito un senso di minaccia che si rivelerà più che giustificato.
Nell'intimidazione più o meno velata i predatori sguazzano, pronti a colpire evitando di esporsi troppo. Scott sposta mirabilmente l'attenzione dal deus ex machina in cui l'assenza di moralità è totale, priva di rimorsi e completamente asservita a quel possedere materiale col quale (letteralmente) si può scopare.
Concesso commuoversi per la morte di un leopardo, mai per quella di un uomo. E' la legge della frontiera dove a vincere è solo il più spietato, oltre che il più subdolo.

likely  @  24/04/2014 03:38:04
   4 / 10
Forse le mie aspettative personali erano un pò troppe alte, ma questo nuovo film dell'ormai decaduto Ridley Scott mi ha lasciato veramente inorridita. The Counselor è con ogni probabilità il peggior film del padre di molteplici capolavori come Alien, Blade Runner, Thelma & Louise o Il Gladiatore. Volgare, noioso, prevedibile e fastidioso nella sua risibile banalità, l'ultima fatica di Scott brilla per negatività e pochezza di contenuti, di idee originali, di ritmo e di sostanza. Un film sconcertante, dove si passa da dialoghi ridicoli (vedi il pescegatto...) a presunte massime sparate a caso dai vari protagonisti. The Counselor si muove lento come un bradipo, tenendo lo spettatore in attesa di un qualcosa che non arriva mai. La sceneggiatura macchinosa e piena di buchi e la regia incredibilmente piatta di Ridley Scott influiscono in maniera letale anche sulla recitazione di un cast potenzialmente stellare; Fassbender non cambia mai espressione, Cameron Diaz un'espressione non ce l'ha più, Bardem fa tenerezza conciato in quel modo, mentre Pitt e la Cruz non tolgono e non aggiungono niente al film. I personaggi, tutti, sono stereotipati e patetici, il film non decolla mai ma conferma, purtroppo, che il buon Ridley avrebbe bisogno di una pausa di riflessione. Si salvano solo la fotografia e qualche scena d'effetto come la decapitazione del motociclista. Pessimo.

3 risposte al commento
Ultima risposta 16/05/2014 03.25.45
Visualizza / Rispondi al commento
Giovans91  @  30/03/2014 14:50:47
   7 / 10
Questo film, dalla messe in scena cruda e violenta mi è piaciuto. Ci viene mostrata l'avidità dell'essere umano difronte al potere dei soldi e alla droga…
Il film è ricco di tanti dialoghi e non per questo è lento e noioso, anzi, bisogna solo prestare maggiore attenzione nel seguire ogni singolo passaggio narrativo. Infatti è composto da monologhi, telefonate, incontri a due in cui a far da padrona è la parola.
Le sequenze d'azione però non mancano e la violenza esplode in modo fatale e terrificante, con decapitazioni e sparatorie...
La regia di Ridley Scott è solida e perfetta come sempre. In questo film si avvale della (prima)sceneggiatura di Cormac McCarthy, autore del romanzo "Non è un paese per vecchi".
L'apparato tecnico è di alto livello, d'altronde stiamo parlato di un regista come Ridley Scott! Splendida fotografia, bella la scenografia che mostra i magnifici paesaggi del Messico e ottimo il montaggio, incalzante.
Interpretato da un cast all-star: Michael Fassbender, Penelope Cruz, Cameron Diaz, Javier Bardem e Brad Pitt. Attori di fama mondiale e qui tutti in gran forma, con menzione speciale per il sempre ottimo Fassbender, Pitt e Bardem, un'inedita Diaz, sensuale e cattiva come non mai.
Un film bello e molto particolare. Ovviamente potrà non piacere a tutti (visto le tante recensioni negative), ma io ne consiglio ugualmente la visione.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

kako  @  19/03/2014 19:18:55
   4 / 10
tecnicamente ed esteticamente è un film ben realizzato, regia e fotografia sono buone, ed anche le interpretazioni del cast di tutto rispetto. Ma la sceneggiatura, la storia, non si riesce a comprendere, una cozzaglia di eventi che si susseguono, facendoti attendere il finale nella speranza di un qualcosa che non accade mai. Alcune scene che si salvano e risultano godibili, ma sono però totalmente fini a se stesse. Sembra una grossa operazione commerciale che punta sui grandi nomi della regia e del cast, che poi si rivela vuota e inutile, dove dominano confusione, insensatezza e dialoghi che vorrebbero essere impegnati ma risultano molto spesso stupidi.

Luca401  @  15/03/2014 23:03:49
   6½ / 10
Sinceramente non capisco tutti questi voti negativi e' un buon film non e' il top ma di certo non merita 2

bood  @  08/03/2014 13:41:13
   3½ / 10
scusate .. io non sono un raffinato recensore , neanche un grezzo provinciale o che .. ma .. che ***** è sto film ??
sono rimasto sbigottito
se l'intenzione era stupirmi ce l'ha fatta ..

wuwazz  @  08/03/2014 09:59:46
   3 / 10
Era dai tempi di "tutti gli uomini del re" con Sean Penn che non vedevo un tale spreco di registi, produttori ed attori.

Qui di seguito la sceneggiatura del film:

In un sacco di posti differenti:
Bardem: "Avvocato... ma lei lo sa che è pericoloso..."
Fassb: "Eh?"
Pitt:"Avvocato... stia attento"
Fass:"eh?
Bardem:"Avvocato... guardi... io l'avverto..."
Fass:"eh?"
Diaz:"Avvocato.....
Fass:"eh?"
Bardem:"Avvocatoavvocatoavvocato"
Fass:"eh?"
Pitt serrando gli occhi:"Avvocato... ma è sicuro? Una volta ad uno gli hanno staccato la testa..."
Fass:"Eh?"
Bardem:"Avvocato......"
Fass:" eh?"
Cruz:"No ponga nnada! No ponga nnada senor"
Fass:"eh?"
Bardem:"Avvocato... è pericolosissimo"
Fass:"eh?"
La diaz si scopa una ferrari.
Fine

5 risposte al commento
Ultima risposta 22/11/2014 22.20.52
Visualizza / Rispondi al commento
marcogiannelli  @  01/03/2014 22:54:30
   4½ / 10
****** assurda...che senso ha il film? Scene fine a sè stesse...tipo per aizzare i maschietti con la Cruz e soprattutto la Diaz e per le donne con Fassbender e Brad

halflife  @  28/02/2014 21:19:30
   3 / 10
film??....dove?, come...? quando...? do 3 solo per brad, il solito marpione con a solita smorfia e solita postura che ormai ha stancato....

Trixter  @  27/02/2014 23:25:35
   6½ / 10
Un misuratissimo ed elegante Ridley Scott cede il passo ad uno sceneggiatore di lusso, il signor McCarthy il quale, però, non si mostra all'altezza del blasonato regista. Protagonista del film, infatti, è una sceneggiatura prolissa, verbosa, confusionaria; con qualche spunto interessante che tuttavia si perde nei dialoghi infiniti e, a tratti, insapori dei protagonisti. I quali, peraltro, non risultano neppure adeguatamente sfaccettati.
Scott, a mio parere, fa un buonissimo lavoro, regalandoci una fotografia di altissimo livello ed alcune scene (ad esempio la decapitazione del motociclista) davvero di gran pregio. Insomma, esteticamente The Counselor è senza dubbio un ottimo film, diretto con mano sicura ed elegante; ma è proprio sotto il profilo contenutistico che non convince pienamente.
Molto bravi gli attori ma non adeguatamente sfruttati, in primis una Cruz eterea ed inconcludente. Insomma, passo falso di McCarthy... ma non di Scott.

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento ilSimo81  @  25/02/2014 10:15:36
   5½ / 10
"The Counselor" è il protagonista, un avvocato a cui non manca nulla ma che vuole di più, e per questo si convince a sporcarsi le mani in un piano azzardato e rischioso, in cui la posta in gioco è tutto.

Un gioiello falso, che inizialmente ti acceca per poi rivelarsi bigiotteria.
Questo è "The Counselor".
Ti sbatte in faccia eccessi di lusso, bellezza hollywoodiana e malizia
(dalla scena iniziale alla "prestazione" di una Cameron Diaz da morire).
L'effetto però è quello della polvere negli occhi: tipico di un film che si compiace rimirandosi allo specchio, ma che non dice niente perché la storia non sorprende (non aspettatevi originalità o colpi di scena), e parla molto più di quanto racconti.
Quel che rimane: la sfacciata sensualità (a tratti vero erotismo) di Cameron Diaz e un paio di buone scene da thriller.
Per il resto:
Bardem in un ruolo intrigante ma sprecato;
il pur buono Fassbender in un ruolo fin troppo ingenuo;
Pitt in un ruolo classico e prevedibile;
Penelope Cruz in un ruolo sdolcinato e pleonastico.

Visivamente imponente e ammaliante. Contenutisticamente anonimo.

La parola chiave è spreco. Deludente.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  21/02/2014 15:21:01
   7 / 10
Testa o croce diceva Anton Chigurth. Decide il caso. Anche The Counselor sotto questo punto di vista non fa eccezione. Nell'universo caotico di McCarthy c'è un fantomatico cartello della droga che domina ma senza un volto preciso ed identificabile. Al di sotto un avvocato che vuole fare soldi facili, opera una scelta consapevole ma poco si cura delle conseguenze e da tale scelta viene annientato. In questo film di un misuratissimo Scott è presente in misura maggiore la scrittura di McCarthy, il nichilismo di un mondo che si divide semplicemente in prede e predatori, avidità e cupidigia a danno di codici d'onore ed amicizia. Certamente il personaggio secondario della Cruz è meno utilizzato forse perchè meno sfaccettato rispetto agli altri interpreti: è l'unico che instaura un rapporto che va oltre il semplice interesse personale, perfettamente complementare alla Cruz perchè l'unico dotato di principi morali e di una certa purezza. Verrebbe da dire "Non è un paese per i puri di cuore".
Più vicino al noir puro che al canonico thriller di cui conserva l'intreccio, Il film di Scott è un oggetto un po' particolare e poco convenzionale, facile quindi l'effetto spiazzamento che ha provocato, in cui specialmente nel peregrinaggio finale messicano si ritrovano quegli elementi di pessimismo puro che richiamano al Peckinpah di Garcia.

danko  @  12/02/2014 12:20:28
   4 / 10
Visto il cast era no ben altre le attese ma non ci siamo, aspetti sempre che succeda qualcosa ma in realtà arriva al finale(non vedi l'ora) senza che accada nulla.si salva solo la Diaz..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Leonardo76  @  08/02/2014 01:15:05
   5 / 10
Raro caso in cui si salva quasi esclusivamente il finale che però non basta a salvare le precedenti baracconate (leopardi, pesci gatto, cunnilingus) e banalità. Peccato perché con i mezzi a disposizione poteva uscire un ottimo film ma il cast è utilizzato male (la Diaz fuori parte) e troppo pochi colpi di scena,
Anche lo strangolatore automatico si era già visto in Trauma del 1993 di Dario Argento.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  05/02/2014 13:52:07
   6½ / 10
Non mi è piaciuta la sceneggiatura, troppo pasticciata e confusa, ma ho amato i personaggi (su tutti quello di Fassbender). La scena in cui l'attore irlandese esce in strada cercando la morte, morte che il fato bastardo decide di non concedergli, è magnifica.

Peccato perché con qualche accorgimento in più poteva venirne fuori un gran bel film.

nick fury  @  04/02/2014 23:45:14
   2 / 10
un film inutile. Noioso, confuso, scialbo, con dialoghi insensati, senza mordente, senza tensione, senza...niente! Un film inutile!

pieroscoop  @  04/02/2014 20:57:22
   4 / 10
Davvero brutto, inutile, non succede mai nulla con buchi di sceneggiatura enormi. Una delusione inaspettata da Scott.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  04/02/2014 16:43:41
   5½ / 10
L'ultima fatica di Ridley Scott è un film girato molto bene, con una bellissima fotografia ed un cast stellare che però non riesce del tutto a conquistare lo spettatore.
Il problema principale è la sceneggiatura che, sebbene porti una firma degna di nota, risulta troppo verbosa, prolissa e poco attenta allo sviluppo dei singoli personaggi.
Per quanto concerne il cast ho trovato poco sfruttato Bardem e tutti i comprimari, poco incisiva anche la Cruz. Abbastanza carismatici Pitt e la Diaz. Fassbender utilizza tutto il suo fascino ma il suo avvocato rimane un personaggio piuttosto incolore.
Troppa carne al fuoco.

paride_86  @  04/02/2014 00:30:28
   3½ / 10
Dopo il brutto Prometheus ecco il pessimo "Il Procuratore". A niente serve il soggetto di McCarthy se poi la sceneggiatura ha dei buchi enormi, se la regia è incapace di creare pathos e tensione, se il cast è lasciato praticamente da solo.
Ridley Scott in caduta libera.

opeth74  @  03/02/2014 12:30:05
   7 / 10
Film ottimo , scelta stilistica e narrativa volutamente omissiva . E' chiaro che il regista non vuole dare risposte agli interrogativi narrativi che il film pone ma è necessario? Penso di no, visto che un minimo di sforzo intellettivo ci porta ad un quadro generale più che chiaro...
Evidentemente qualcuno si aspettava di vedere un film di Bruce Willis stile anni ottanta, mi dispiace ma a volte è bene informarsi prima di entrare in sala...
Scott dipinge un quadro di sfacciata crudeltà su quello che oggi permea la letteratura e la cinematografia recente cioè il genere "Cartello Messicano" e lo fa con una sottile vena ironica e fatalistica (emblematico quello che dice il messicano quando parla del morto nel barile) .
Promosso anche questa volta Scott molto meno Fassbender e molto brava la Diaz, inutili (potevano risparmiare sui compensi) gli altri grandi nomi...

sev7en  @  31/01/2014 17:23:47
   7½ / 10
Un avvocato, ambizioso quanto volutamente ingenuo, cerca la svolta con il business della droga finendo travolto dalla fatalità del caso che lo conduce per mano in un tunnel senza più via d'uscita...

Lord Blade Runner, al secolo Ridley Scott, dopo il flop planetario di Prometheus torna sulla Terra per un lungometraggio dal cast stellare ed una sceneggiatura partorita dall'immenso Cormac McCarthy, qui come in nessun altro film, ostaggio di una critica divisa tra guelfi e ghibellini.
La storia è ambientata nel Messico e punta i riflettori su quella che potrebbe essere "normale amministrazione" nel "Cartello", dove "la casualità non esiste", dove "se manca qualcosa vuole dire che speri ritorni… ma non ritorna mai niente", dove "la verità non ha temperatura". Un avvocato, un "figlio dei fiori" Michael Fassbender, accetta di lavorare con un suo cliente, Reiner (Javier Bardem, lampadato e sofista) per trasportare un carico di cocaina oltre il confine messicano con l'intermediazione di Brad Pitt (nel film, Westray, affascinante, pacato e anche lui decisamente sofista). Naturalmente in quella che sembra un'operazione da manuale una semplice, futile, coincidenza porta l'intero Cartello a credere che l'avvocato ed il suo gruppo abbiano voluto giocare sporco e quindi a decretarne il de profundis con una preda illustre, Laura, l'acqua e sapone, nonché moglie del'avvocato, Penelope Cruz.
Fin dall'inizio, però, Scott rileva il personaggio cardine dalla storia, il burattinaio invisibile che incarna per alcuni versi questo fato malefico, in grado di deviare in modo permanente il corso degli eventi con una freddezza ed un sadismo tipico dei gironi dell'Inferno: Malkina. Cameron Diaz, conturbante, turbante, imprevedibile ma dannatamente sexy, dispensa perle di saggezza da cultura Zen mentre con una mano apostrofa l'estrema unzione anche al suo fidanzato e con l'altra cerca di abbracciare qualcuno che possa ascoltarla, come il parroco in confessione, costretto alla fuga per il morbo della sua parola, tentatrice quanto peccaminosa.
McCarthy, morto dopo morto, mostra come innescata la miccia, la detonazione finale sia solo una questione secondaria, perché prima che arrivi, la tensione e quel senso di smarrimento che in genere porta al suicidio, stringe con la forza di un boa il collo di ogni persona, soffocandola lentamente, dolorosamente, sempre più forte con quel cappio che come ultimo stadio, ruzzola a terra in compagnia di una testa. Il messaggio che traspare è comune quanto ignorato: l'avidità è una strada inesplorata che una volta su due paga ma con la stessa percentuale è in grado di portare via tutto, anima in primis. Rassegnarsi quindi a ciò che la vita offre? No, non è questo sicuramente ma di certo l'ignoranza, come "conoscenza del non sapere" non concede secondi appelli ed il nichilismo che riempie le lacrime di disperazione dell'avvocato, con quell'Hola finale stampato su un inutile DVD, sono la pennellata finale ad un'opera che ha spaccato la critica, valutata eccessivamente verbosa (ma non lo è anche la tediosità della routine quotidiana?), inutilmente sessuale (la scena iniziale è decisamente gratuita…) e dalla trama claudicante (ma la vita non lo è altrettanto, con i suoi alti e bassi?).

Un bel film che va visto da inizio a fine pensando ad ogni singola frase pronunciata perché il cinema è e deve essere anche una palestra di vita, per evitare che realtà aliene, possano sorprenderci e condurci, per mano, lungo strade inesplorate…

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/02/2014 17.51.11
Visualizza / Rispondi al commento
sabyd  @  31/01/2014 12:12:22
   2 / 10
ORRIBILE.
Solitamente cerco sempre di trovare qualcosa di positivo in un film che non mi convince, ma qua faccio veramente fatica.
Noioso, inconcludente, dialoghi senza senso, insomma da non vedere assolutamente!! Mi spiace solo per Ridley Scott; non me lo aspettavo.

hpolimar  @  27/01/2014 15:47:12
   4 / 10
TEDIO. Nell'attesa perenne nel film che quella sorta di prologo finisca e inizi il film vero

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/01/2014 16.33.03
Visualizza / Rispondi al commento
hulaplain  @  27/01/2014 11:41:48
   7½ / 10
Bello. Angosciante. Consigliato.

uito  @  25/01/2014 18:40:22
   5½ / 10
film nel suo complesso abbastanza deludente soprattutto per quelle che erano le premesse dato il cast stellare da cui si sarebbe dovuto nutrire....molto lento soprattutto nella prima parte e vuoti di sceneggiatura davvero incolmabili. Insomma un' occasione sprecata.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  24/01/2014 12:50:19
   8 / 10
Grande messa in scena per Ridley Scott, non nuovo a sconcertanti alti e bassi. Reduce dell'ignominioso "Prometheus", Scott dirige uno dei lavori pi¨ pregevoli della sua carriera (sempre di gran lunga secondo, com'Ŕ ovvio, all'inarrivabile "Blade Runner").
Merito anzitutto della notevole sceneggiatura di Cormac McCarthy, che Scott adatta abilmente, sapendone amplificare asciuttezza, fermezza e intransigenza. Affidandosi ad ambientazioni fortemente espressive, fotografate con dettagliata freddezza, la macchina da presa Ŕ trattenuta. Scott dirige con polso saldo: non si concede virtuosismi, e si limita alla contemplazione impassibile di un universo di abiezione.
In effetti sappiamo giÓ, dal cinema, della crudezza estrema del narcotraffico. Illuminati a riguardo, di recente, anche dal Saviano di "ZeroZeroZero", il film di Scott comunque Ŕ talmente bello che, se non arriva a essere un capolavoro quale "Gomorra" di Garrone, Ŕ solo perchÚ il soggetto di "The counselor", classico, romanzesco e un pochino risaputo, difetta di particolare originalitÓ. Tutto il resto per˛, nel film, Ŕ talmente perfetto da mozzare il fiato, anche grazie a quattro interpretazioni magistrali. Il cast all-star Ŕ straordinariamente in parte. Bardem Ŕ meraviglioso nella sua duttilitÓ; Pitt non Ŕ mai stato cosý poco gigionesco e tanto cinico e mediocre. Cameron Diaz Ŕ trasformata in un famelico e ferino demone di ghiaccio, qui forse nel ruolo migliore della sua carriera. Fassbender Ŕ straordinario nel mimetismo con cui rende, prima, la spregiudicatezza rampante di un uomo comune che ignora il lato oscuro delle cose, e, quindi, l'aggrovigliarsi nello strazio di quest'uomo mediocre, che aveva il paradiso e ha scelto l'inferno. A loro si aggiunge, in controcanto, una dolente Penelope Cruz che fa da agnello sacrificale.

Come si diceva, la forza del film deriva dalla sceneggiatura. E' senz'altro un film insolitamente verbale: e in ci˛ va trovata la sua originalitÓ.
Lungi, d'altra parte, dall'essere un film statico, "The counselor" Ŕ attraversato da una tensione che progredisce parallelamente all'incupirsi di una tragedia, mentre il cielo resta splendido e luminoso, e indifferente alla meschinitÓ umana: disinteressato alle sorti di uomini mediocri, che si trascinano all'inferno sulla superficie, ora levigata ora brulla, di un deserto che Ŕ correlativo oggettivo di un deserto morale.
E' attraverso i dialoghi di McCarthy, filosofici senza essere retorici (sempre congrui ai personaggi e ai contesti), che si dipana l'intransigente disgusto e il disincanto di un autore quasi ottantenne che dimostra di aver scrutato lungamente nell'abisso, e, pur avendone viste di tutti i colori, ha conservato la capacitÓ d'indignarsi.
La constatazione pi¨ amara e pi¨ forte che il film ci consegna, Ŕ che quanto maggiore sia la consapevolezza del male e delle sue conseguenze, maggiore diventa la capacitÓ di agire nel male. Non c'Ŕ redenzione nÚ desiderio di catarsi: affidando proprio ai pi¨ spietati le riflessioni pi¨ lucide e sagge, McCarthy apre veramente gli occhi sull'orrore. Con sguardo pi¨ che mai asciutto e disilluso.

Vedi recensione

2 risposte al commento
Ultima risposta 24/01/2014 21.06.29
Visualizza / Rispondi al commento
Lory_noir  @  23/01/2014 23:22:58
   4½ / 10
Veramente brutto. Firmato da nomi importanti e con un cast elevatissimo, ma un buco nell'acqua.

stefanoste  @  22/01/2014 14:07:47
   3 / 10
Come recitava una celebre frase in un famoso film di Fantozzi: "..una cag... pazzesca!!"

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Zazzauser  @  21/01/2014 17:56:16
   4½ / 10
Forse è meglio che McCarthy si limiti a scrivere romanzi, e che Scott si dia una sonora svegliata.
The Counselor è un film piatto e noioso, stilisticamente sconclusionato, e intriso di un'irritante filosofia spiccia. Sembra che Scott si sia buttato nell'impresa di girare un personale "Non è un paese per vecchi" senza aver nemmeno un decimo del controllo e delle capacità dei Coen nel "gestire" uno scrittore come Cormac McCarthy. Come se non bastasse, l'errore fatale: assegnare la sceneggiatura originale nelle sole mani dello scrittore stesso, non abituato a produzioni dirette per il grande schermo. Già aveva fatto fatica con la trasposizione TV della sua opera teatrale, Sunset Limited (sollevato dalle eccezionali capacità di Jones e di Jackson), ma in questo caso non sa davvero che direzione prendere, perdendosi fra i suoi fiumi di parole.
I ritmi lenti e riflessivi del suo stile si riversano così in una trama arrancante, sollevata solo da sporadici momenti d'azione, per piombare di nuovo in lunghe sequenze dominate dai dialoghi.
Come sempre nell'ottica nichilista di McCarthy, è la morte la fine dei giochi, e avidità e lussuria si rivelano essere le migliori strade per arrivarci. Sul sesso però si indugia decisamente troppo, sin dall'inizio (la lunga scena sotto le coperte) e per tutto il film, sinchè si arriva a chiedersi dell'effettiva importanza del tema all'interno della pellicola.
E' un peccato perchè le interpretazioni non sarebbero neanche male (Fassbender e Pitt i migliori), ma contare su un cast stellare non salva gli attori da personaggi gonfi come dei soufflé, ma sostanzialmente vuoti dentro.
Da quando Bruno Ganz si butta in ruoli secondari di dubbia utilità?
Da quando Bardem si lampada?
Da quando si infilano character a caso nella storia senza darsi la briga di spiegare chi diavolo siano (Emma Rigby, John Leguizamo, il cognato di Heisenberg)?
Da quando Scott si è rin********to, forse...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  21/01/2014 12:47:02
   5 / 10
Voglio andare contro corrente in questo capolavoro nosense di Ridley Scott, The Counselor è probabilmente uno dei film più pasticciati della storia del cinema professionistico.
Eppure, vuoi per l'ottimo cast e la messa in scena curata, mantiene l'attenzione , lo spettatore attende la grande svolta ritenenendo che tutta quella confusione narrativa, quella filosofia logorroica da bancarella, quei dialoghi assurdi abbiano alla fine un senso .
Ecco il merito di The Counselor è di essere talmente brutto da spiazzare lo spettatore, da lasciare senza parole e a portarlo a casa con la consapevolezza di non averci capito una mazza per due ore e che non c'è nessuna logica perversa, il film è proprio questo: una caz.zata.

Talmente brutto da essere originale.

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/02/2014 09.43.20
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento stefano  @  20/01/2014 11:48:22
   3 / 10
peccato... Ridley Scott dopo i bassi degli anni 1992-2000 si era ripreso e mi erano piaciuti molto i successivi film. Ma già in Prometheus c'erano i segnali di stanchezza. Qui siamo ai minimi. Non credo per colpa sua in quanto regista, ma per la scelta di dirigere questo pastrocchio sul quale le peggiori opinioni che ho letto qui sotto sono fin troppo indulgenti. La trama non ha un inizio né uno sviluppo, va a avanti a strappi persa in un mare di scene troppo lunghe e dialoghi pretestuosi e presuntuosi (la sceneggiatura è purtroppo di Cormac Mc Carthy, autore del libro dal quale i Coen hanno tratto il loro film peggiore, pazienza se ha vinto l'Oscar). Ho provato imbarazzo e vergogna per i fior di attori presenti che hanno anche loro accettato di imbarcarsi in questo disastro, eppure dovrebbero ricevere tante di quelle proposte da avere solo il problema di scegliere. Forse questa era quella più remunerativa... Entrando in questa pagina ero pronto a far scendere il voto, ma vedo che non ce n'è bisogno, condivido gran parte dei commenti, l'aggettivo più adatto mi sembra "IRRITANTE". Di diritto al primo posto tra le delusioni della stagione.

Manticora  @  19/01/2014 21:23:37
   7½ / 10
Cormach McHarty non è un autore facile, ha scritto una sceneggiatura, la prima della sua carriera, al di là della storia, incentrata sull'avidità umana, McHarty riesce a rendere tutti i personaggi inerenti e intriganti. L'aura di pessimismo, ambiguità e fatalismo che attraversa tutto il film fà il paio con un avvocato ingenuo, un trafficante annoiato, una dark lady disumana e spietata, una ragazza ingenua e innamorata, un intermediario presuntuoso e sciupafemmine. Tutti si muovono sù di un palcoscenico che non lascia scampo, tra dialoghi annoiati, storie di violenza e violenza ancora più improvvisa. Scott mostra la "normalità" dei cartelli della droga messicani, proiettati nel'ostentazione di una violenza fine a se stessa, in cui concentrano il propio potere, non credono alle coincidenze, perchè non ne hanno mai vista una, e quindi per non perdere il rispetto sono pronti a fare un massacro. Accompagnato dall'ottima fotografia di Darius Koeski il film di Scott è certamente un opera "minore" nella filmografia di Scott, ma nel tempo acquisterà valore, fino ad essere rappresentativo di un cinema Noir, mai fine a sè stesso. Il lusso ostentato e dissoluto, rimane in primo piano, inutile panegirico di un umanità che si vive addosso, senza capire che il crimine non è un gioco, ma un modo di essere, e gli squali non risparmiano nessuno. Alla fine ci sono punizioni peggiori della morte, basta un dvd, con sù scritto HOLA, contenente promesse di snuff movie sulla propia dolce metà. Se propio devo muovere una critica, e per la scena iniziale di sesso, inutile ai fini della storia.

ketch  @  19/01/2014 12:47:45
   3 / 10
film veramente brutto, trama inesistente,scene forzate messe a casaccio e ritmo veramente troppo lento! evitatelo

alfrar  @  19/01/2014 10:22:38
   3 / 10
Volete un consiglio? Lasciate perdere. Uno dei più brutti film degli ultimi anni. Trama inesistente, dialoghi ridicoli fini a se stessi, montaggio pessimo. Delusione totale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  19/01/2014 04:05:38
   5½ / 10
Ho avuto il sentore che qualcosa non filasse per il verso giusto. Infatti le cose non vanno benissimo, un'estetica che mette in luce quanto possa essere pericoloso e schematico questo puzzle hollywoodiano di sadismo e patina. Due donne sole la belva vamp vs Cameron Diaz e la fragile Cruz tutta commossa dai "best gold rings" diamonds, con un epilogo che sfiora il Pincher di Seven. Si riscatta bene nella seconda parte, ma coinvolge come un pesce crudo appena pescato in mare. Fassbender ha davvero il mare dentro quegli occhi ma il suo avvocato non lascia il segno, troppo occupato a fare l'innamorato sensuale per essere un doppiogiochista che rischia di lasciarci le penne, e forse la Diaz e' l'unica del cast ad aver capito se stessa, guidata da uno Scott abilissimo con le immagini ma affettato e superficiale con i suoi personaggi. A un certo punto avrei potuto segnarmi tante battute pseudo-filosofiche che in un contesto tanto elegante ma volgare lasciano il tempo che trovano. Non credo che l'amplesso clou della Cruz con l'automobile passera' alla storia, se non altro necessario per rendere eccitante un film altrimenti domestico e statico - ricorda un po' Le belve di Stone - dove quasi non ci si accorge dell'epilogo. Tra incursioni horror e mestamente tribali non si risparmia nemmeno una premonizione di morte in un carcere di massima sicurezza. Scott-McCarthy questo matrimonio non si doveva fare. Girato benissimo, fotografato meglio, ma tanto fumo e poco arrosto

3 risposte al commento
Ultima risposta 21/01/2014 12.47.45
Visualizza / Rispondi al commento
Febrisio  @  18/01/2014 16:13:37
   5 / 10
Un regista di superproduzioni, uno scrittore affamato, un cast d'eccezione, ed invece di banalizzare il film in una solita trama, si desidera fare i compiaciuti, e tentare il filmone nel voler mettere al centro dell'attenzione l'avidità. Il compito purtroppo non è facile; riesce nello spogliarsi di un filo di trama, mancando il contrappeso di un riflesso dell'avido. I ruoli così vegono a mancare, i protaognisti non si distinguono. RImane una sceneggiatura che fa di dialoghi ironici e pieni di se stessi, il suo punto d'interesse. Quest'ultimo non cala fortunatamente fino alla fine, nel frattempo la diaz tra una spaccata e l'altra, che probabilmente non le fa bene alla sua età, sfoggia la prossima moda da acquistare. Il finale già scritto non rivela nulla. Nessun personaggio che si ricordi. Un film ... spacciato.

Scuderia2  @  18/01/2014 15:11:40
   4½ / 10
Un film sull'avidità e sulle conseguenze che i comportamenti ad essa correlata scatenano.
Ho letto la sceneggiatura di McCarthy.
Pur non essendo straordinaria,è stata una lettura piacevole e il cast eccezionale e un regista d'esperienza mi avevano convinto che ne potesse uscire un film da ricordare.
Invece è un flop storico.
Forse Scott è un po' bollito e sempre troppo impegnato a trovare una particina alla Giannina Facio,che ormai anche lei è un'impalcatura traballante.
Ma il grosso errore è stato fatto in fase di stagliuzzatura dello script:sono state eliminate alcune parti brillanti e il ritmo,già lento, ne ha risentito pesantemente.
Bisognava ridimensionare i pistolotti di tutti questi saggi e buttarla un po' più sull'arroganza.
Siamo a Juarez dove le gang si sfidano a forza di filmati con teste mozzate a colpi di motosega.
Dai,un po' di mordente!
Salvo Silvia e Raul.
I ghepardi.
In realtà snaturati anche loro: stilosi predatori adattati a fare i soprammobili.

FABRIT  @  17/01/2014 18:31:23
   7 / 10
La regia è solida e senza sbavature, i dialoghi eccezionali e la donna-ghepardo interpretata da Cameron Diaz è perfetta e intrisa di erotismo come mai prima.
Film da vedere.

anthony  @  17/01/2014 11:47:02
   8 / 10
Ho letto da qualche parte, sul web, che quando nel 1982 uscì nella sale "Blade Runner", il capolavoro di fantascienza diretto da Ridley Scott, la critica e i critici dell'epoca (soprattutto statunitensi..) attuarono un vero e proprio gioco al massacro contro la pellicola...che tenne il pubblico di mezzo mondo lontano dai cinema dove veniva proiettato il film: andando a controllare in qualche archivio ho scoperto che davvero così fu...e a gettare scompenso su Blade Runner non furono solo (i più agguerriti) americani..bensì anche una buona parte della critica europea.
Ci vollero almeno una decina di anni (intorno ai primi '90) perchè questo capolavoro della fantascienza ricominciasse a trovare i favori che oggettivamente meritava di ricevere: la consacrazione totale dell'opera avvenne con gli annunci e le messe in scena della Director's Cut...etc...

Bene, questo "The Counselor", ben lungi dall'essere un film perfetto (ma chissenefrega!) , paga lo scotto di essere una pellicola partorita a rimorchio (a livello prettamente temporale..quindi, ahimè, Media-mentale..) di super-acclamate 'sloffiate' come "The Road" e "Non è un Paese per Vecchi"; se prendiamo a esempio proprio questo ultimo titolo..non ho letto di critiche tanto forsennate e di tale 'caratura' a suo indirizzo..eppure la pellicola in questione, almeno secondo il sottoscritto, possedeva tutti i difetti (elevati a potenza) di cui viene accusato e rimpinzato il nuovo film di Scott; film che a me è piaciuto e non poco..soprattutto per un fattore preponderante (assente nell'opera sopracitata dei Cohen..): i verbosi e ficcanti dialoghi di cui sono struttura e spina dorsale questo "Il procuratore" si limitano a rappresentare l'essenza umana brutale e inquietante messe in mostra da McCarthy e Scott...senza una (dico una) sola scivolata verso una demonizzazione ( o una lode) ludico/moralistica parafrasale : le cose stanno in questo modo ed è così. Punto.
..ottima la regia di Scott, molto buone le prove degli attori (la Diaz in particolare..) contornate da una fotografia e una colonna sonore ispirate.

Ci risentiamo tra una decina d'anni.

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/01/2014 13.05.49
Visualizza / Rispondi al commento
ilgiusto  @  17/01/2014 10:40:44
   2 / 10
Tremendo.
'Traffic' in stile '2 palle alla francese' con personaggi finti e stereotipati dallo spessore reale di un foglio di carta velina, insopportabili dialoghi artificiosi e pretenziosi, pesante, lento, e che, per non farsi mancare nulla, sul finire si concede pure, non si sa perchè, del puro splatter.
Cast stellare svogliato e gettato alle ortiche (Bardem è insopportabile ogni qual volta sbuca sullo schermo.., Fassbender mostra solo e perennemente la sua espressione migliore, quella: 'Perchè sono qui? Cosa sta succedendo?...').
Svolgimento e fattura così poco interessanti che il fim non riesce nemmeno in quello che dovrebbe (forse...) essere il suo obbiettivo principale: graffiare.
Difficile portare al termine la visione senza essere tentati di fuggire dalla sala.
Davvero Tremendo.

Un voto in più solo perchè lodo la coerenza di un film che vuole essere pesante e brutto dall'inizio alla fine, e ci riesce.

BlueBlaster  @  17/01/2014 01:05:29
   5 / 10
Non è tutto oro quello che luccica, o in questo caso sarebbe meglio dire diamanti.
Avevo uno strano sentore negativo verso questo film, qualcosa mi puzzava e non capivo perché, ma la mia ragazza ci teneva tanto a vederlo e allora (complice il cast ed un regista di questo calibro) siamo andati a vedere questa pellicola invece de "Il grande match"...gravissimo errore!!!
Vuoi che sia stato perché durante le riprese del film è morto il fratello di Ridley Scott (il noto Tony a cui è pure dedicato il film) che la pellicola sprizza la verve degna di un funerale!?
I commenti che mi precedono esprimono perfettamente ciò che penso ma io sarò di manica un pò più larga perché sono innegabili delle qualità tecniche e recitative di alto livello che "abbelliscono" una sceneggiatura da cestinare.
Cormac McCarthy (parlo solamente per esperienza cinematografica) è uno scrittore dai ritmi lenti e riflessivi e ne sono la prova i due film tratti dalle sue opere ossia "Non è un paese per vecchi" e "The Road" che tuttavia risultavano ottimi prodotti...questa volta firma addirittura la sceneggiatura e trasporta il suo stile soporifero sul Grande Schermo, avrebbe fatto certamente meglio a scrivere la sceneggiatura a quattro mani con qualche esperto del settore perché scrivere libri non è come scrivere storie per il Cinema!
Altissimo potenziale sprecato in quanto Ridley Scott dirige con cura e perfezione, nulla è dato al caso...ci sono molti dettagli ed inquadrature ravvicinate (e la sparatoria ne è un esempio), lo stile appare realistico grazie anche all'ottima fotografia del polacco Dariusz Wolski o all' ancora più rodato montaggio di Pietro Scalia.

Cast stellare che però brilla davvero poco: il migliore è Brad Pitt che però riveste un ruolo abbastanza marginale quanto sfuggente, Michael Fassbender fa pietà ai sassi ed è totalmente inadatto ad un ruolo del genere (il suo ruolo perfetto è quello algido visto in "Prometheus" in cui interpretava un androide e questo dico tutto) non riuscendo a donare il benché minimo spessore o calore umano al suo "avvocato".
Javier Bardem? Che peccato, mi piace sto attore ma qui gli hanno tolto le palle! Il bello è che offre una interpretazione sopra le righe, doveva essere lui il protagonista...i suoi dialoghi sono piacevoli da ascoltare e perché no anche simpatici e ovviamente sto pensando a quello del "sesso con la Ferrari" a mò di pesce gatto :)
E poi c'è lei ossia la pri******* Cameron Diaz che si atteggia come la diva di turno...interpreta una furbissima zoccola d'alto borgo e a parte il suo essere maiala risulta più irritante che altro, spettano a lei i dialoghi più stupidi o noiosi.
A far cadere ancor più le braccia è il cast secondario, ,ma non perché facciano schifo ma perché dire che sono sprecati è un eufemismo...Penélope Cruz, Bruno Ganz (in cinque minuti mostra chi sono i veri attori), John Leguizamo, Rosie Perez, Édgar Ramírez e Toby Kebbell...ossia tutta gente che avrebbe potuto essere nel cast principale al posto di quel catatonico di Faasbender o di quella maialazza della Diaz!

Il film parte come un pornazzo e ciò è imbarazzante, passano dieci minuti e ancora si parla di sesso, altri dieci di noia e ancora mettono in mezzo porcherie ma tutto gratuito ed ostentato senza una reale valenza per la trama.
Non si capisce praticamente nulla del film fino a metà ma anche dopo risulta difficile comprendere dove volessero andare a parare...citazioni una dietro l'altra, racconti e dialoghi (anche belli alcuni a dirla tutta) estratti dalle ??leggende metropolitane?? tipo sugli snuff movie o su quell'arma particolare.
Pellicola verbosa, ostentata, inutilmente prolissa ed elegantemente (McCarthy e Scott hanno rispettivamente 81 e 77 anni e si dovrebbero vergognare anche solo di pensarle certe cose):
Giusto il paragone con "Le Belve" che è il primo film che viene in mente viste le ambientazioni e la storia...bisogna dare atto che quando entra in gioco la violenza non ce ne per nessuno, si vedono scene parecchio crude e sanguinose (il finale è molto forte) e purtroppo lo spaccato di Messico messo in scena è cinico come è nella realtà...il film non lascia false speranze ma solo cruda verità di tutti i giorni per quelle popolazioni.

WELCOME TO MEXICO... THE NARCO-PARADISE!
Ecco qui il motivo perché il mio voto non è gravemente insufficiente, Scott è riuscito almeno a trasmettermi qualcosa della situazione della nazione del narcotraffico, la vita non vale niente e la semplice morte sarebbe la soluzione più facile...quello che si vede o si lascia intendere mette davvero tristezza ed inquietudine.

Peccato appunto per la pallosità del film nel suo complesso, in sala c'era gente che dormiva e io me ne sarei andato se non fosse che ero bloccato da ambo i lati:)
Confuso e inconcludente....DA EVITARE

3 risposte al commento
Ultima risposta 19/01/2014 15.36.10
Visualizza / Rispondi al commento
asdrubale  @  16/01/2014 23:08:24
   4 / 10
Condivido in pieno il commento di dagon.
Film così irritante e insulso da spingermi a scrivere la mia prima recensione su questo sito. La sceneggiatura è debolissima e allungata all'inverosimile da noiosi, inutili e pesanti dialoghi.
Ero così poco coinvolto dal film che ho pensato di abbandonare la sala già alla fine del primo tempo...quanto mi pento di non averlo fatto!

dagon  @  16/01/2014 22:35:32
   4 / 10
Film veramente irritante. Scott prova a fare il suo "non è un paese per vecchi" e finisce per realizzare un film che sta tra "le belve" di Stone ed un Tarantino senza ironia. McCarthy firma una sceneggiatura pseudo-cool, avviatata sui suoi abusati cliché narrativi a base di nichilismo di maniera e ferocia a buon mercato. Ormai di personaggi amorali e squallidi che piacioneggiano a go-go, proferendo frasi ad effetto (o che dovrebbero esser tali, risultando più spesso ridicole), confezionate apposta per finire nella sezione "quotes" di imdb o simili, non se ne può più. Bardem e la Diaz gigioneggiano senza sosta.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989880 commenti su 41661 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net