il figlio di saul regia di Laszlo Nemes Ungheria 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitŕ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il figlio di saul (2015)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL FIGLIO DI SAUL

Titolo Originale: SAUL FIA

RegiaLaszlo Nemes

InterpretiGéza Röhrig, Levente Molnár, Urs Rechn

Durata: h 1.47
NazionalitàUngheria 2015
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2016

•  Altri film di Laszlo Nemes

Trama del film Il figlio di saul

Protagonista del film č Saul Ausländer (Géza Röhrig), membro dei Sonderkommando di Auschwitz, i gruppi di ebrei costretti dai nazisti ad assisterli nello sterminio degli altri prigionieri. Mentre lavora in uno dei forni crematori, Saul scopre il cadavere di un ragazzo in cui crede di riconoscere suo figlio. Tenterŕ allora l'impossibile: salvare le spoglie e trovare un rabbino per seppellirlo. Ma per farlo dovrŕ voltare le spalle ai propri compagni e ai loro piani di ribellione e di fuga.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,81 / 10 (32 voti)7,81Grafico
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior film straniero
Miglior film dell'Unione Europea
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film dell'Unione Europea
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il figlio di saul, 32 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Crimson  @  28/01/2016 15:02:02
   10 / 10
Spoiler presenti.

La vicenda di Saul ricorda come nella disumanizzazione imperante, quando attorno tutto è crudele e scioccante e si è costretti ad assuefarsi al fondo del fondo dei sentimenti negativi che l'uomo è capace di provare e perpetrare, sia ancora possibile distinguersi e recuperare quel sentimento a cui tenterò di attribuire un nome, ma che originariamente è indefinibile, afasico.
E' quel sentimento che mi accompagna al termine della visione, dove mi ritrovo sui titoli di coda piegato in avanti con la testa tra le mani senza il minimo compiacimento e con la sensazione di non volere, di non riuscire a sporcare in nessun modo la visione con la verbalizzazione.

Ora vorrei pronunciarmi a freddo giusto per lasciare traccia per me, per ricordare quando ne avrò bisogno, come mi accade con quel che scrivo quando guardo i film di Tarr, Ceylan e Farhadi, tra i pochissimi registi che negli ultimi anni tornano ad ossessionarmi quando la vita mi sembra senza troppe vie di uscita, indicandomi puntualmente determinate, mastodontiche verità.
Mi piacerebbe anche chiarire quel che secondo me (ma potrei sbagliarmi) il film vuole incidere attraverso il progressivo disvelamento della verità (presunta o autentica) sulla paternità del protagonista.

Ieri a distanza di poche ore dalla visione dell'esordio di questo regista ungherese ho rivisto Notte e Nebbia di Resnais sul grande schermo: quasi un alfa e omega nella cinematografia sul ehm "tema" – ? non so definirlo meno banalmente - di questi ultimi settant'anni.
Ho considerato quanto queste due opere siano distanti nel tempo, oltre che diametralmente differenti sul piano tecnico e narrativo, ma altrettanto efficaci ed indispensabili. Offrono prospettive stimolanti e irrinunciabili: i corpi ("i pezzi") che Resnais sbatte in faccia mi rimandano ad una visione collettiva, Nemes invece mediante l'orrore fuori fuoco e la camera incollata al suo protagonista s'insinua in un dolore differente. Si tratta a mio avviso di un richiamo esistenziale che dall'individuo si allarga all'umanità, come tenterò di spiegare più in là.
In ogni caso, tutto nasce finalmente da un punto di vista veramente esterno rispetto ad un giudizio sommario e semplicistico sui Sonderkommando, e questo è uno dei punti di forza con cui il film si lancia su un binario "giusto" e condivisibile fin dall'inizio.

Il figlio di Saul è altro non solo rispetto al seminale Notte e Nebbia, ma anche nei confronti di tutto ciò che è stato girato riguardo i campi di sterminio. Marca un punto di vista assolutamente nuovo e mai sperimentato, e già questo basterebbe a renderlo degno di attenzione.
Troppo spesso, quasi sempre, si è caduti in superficiali, abusati spunti di riflessione. Non mi piace definirlo, come ho ascoltato dalla bocca dell'attore protagonista, un film "contro", ma diverso sì. Ognuno poi la vede come vuole, personalmente non ho nulla contro i Schindler's list del caso.

Scrivevo, dall'individuo all'umanità. In effetti ciò che mi sembra elevi il film da quello stilema ossessivo che ne è la forma a opera di profonda sostanza, è l'aver unito all'intrepida ricerca del protagonista – vissuta costantemente con gli occhi sul suo corpo e quindi sull'azione – una manifestazione progressiva del pensiero che la sottende.
Si crea un punto di contatto tra coscienze: lo spettatore è sempre più incastrato, al pari di Saul, in un ritmo frenetico (tutto in fretta, nel minor tempo possibile, con il massimo dello sforzo).
Rispetto all'automatizzazione del brutale contesto, ci sono solo i barlumi di una lotta "di classe" volta al disperato tentativo perso in partenza di una rivolta per sopravvivere, e chi come Saul sa che "è già morto" e quindi si crea uno scollamento tra le parti (vedi le sequenze della fuga finale, in cui viene acciuffato e letteralmente trascinato una volta che ha perso il cadavere del ragazzo).
Saul è solo ma non possiamo lasciarlo solo in questo strenuo tentativo che identifica come ultimo, prioritario e direi unico possibile.

Nella tragedia più assurda e atroce, ai limiti estremi della violenza, nonostante tutto c'è qualcosa, e penso che come tutte le storie della vita anche la Shoah racconti in maniera ancor più definitiva il ciclo della vita, l'essere padre rispetto al figlio, essere padri rispetto ad una terrestrità inesorabile e al destino del mondo in cui viviamo e desideriamo che loro vivano. E parimenti, l'inesorabilità della nostra morte allora significa che la morte dei figli va onorata secondo i codici del mito più che della religione in sè, ah il caro vecchio mito come ultimo baluardo da difendere secondo Syberberg, a difesa dell'oltraggio più estremo di una mentalità becera come quella del nazismo in cui i corpi non sono altro che pezzi, vengono ammucchiati, studiati in aberrazioni scientifiche e mediche, annichiliti e resi nicht. Sono figli stuprati della loro innocenza in cui riconosciamo la nostra innocenza stuprata in uno specchio – perché sempre lì, forse dovremmo poter tendere allo stremo delle nostre vite: la salvaguardia di innocenza e dignità. E poi di per sè questo rifiuto categorico di un corpo da sottoporre ad autopsia, innanzitutto, che sarebbe un'onta sull'onta di una morte indicibile – la sequenza del ruomore assordante proveniente dalla camera a gas; Resnais ci mostra nel suo documentario le unghiate sul soffitto: ci sono immagini più desolanti?).

E' sempre una questione di responsabilità, dunque, da padre a figlio, e questo si riverbera con un'eco dolorosa e violentissima sulla generazione successiva, che non capisce perché nascondere le atrocità (vedi la sequenza di Notte e Nebbia mostrata nelle scuole a Gudrun e Christiane in Anni di piombo).

E quindi, per forza, in una tragedia di padri e figli non ho la minima intenzione di chiedermi più di tanto se il ragazzo fosse il figlio di Saul. Il film lascia intuire la risposta, ma non ha più importanza.

Saul tende a dignità e innocenza, dunque, la sua sagoma non ha più confini, non si percepisce più come presenza fisica, figurarsi distinguere un "ruolo".
Si è genitori di tutti, i bambini sono bambini identici, identica è la manifestazione di un'innocenza come ultimissima meta da proteggere se vogliamo proteggere l'ultima possibilità rimasta per significare quando "siamo già morti". Saul (ri)vede all'unisono sé stesso e suo figlio (o non suo figlio, ma un figlio. Non ha alcuna importanza come detto) e il sorriso è come recupero di un'emozione primordiale che lo (ri)porta ad una visione surreale (in quelle condizioni), simil-onirica, estatica della vita.
Tutto diviene metafora: non ha compiuto la missione anelata con tanto ardore, il corpo è perduto, risucchiato da un vortice inaffrontabile, ma quel bambino è reale ed è libero di correre.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittlefabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontanolunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998995 commenti su 42948 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net