al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Gli ultimi 20

media film 4,92 (19 commenti)MATRIX RESURRECTIONS

peppe87 @ oggi alle 18:46:25
   6 / 10

media film 7,86 (33 commenti)GLI UOMINI PREFERISCONO LE BIONDE

Filman @ oggi alle 18:16:31
   7 / 10

media film 6,56 (251 commenti)QUELLA CASA NEL BOSCO

zerimor @ oggi alle 18:06:49
   7 / 10

media film 4,50 (3 commenti)LA FAMIGLIA ADDAMS 2 (2021)

jason13 @ oggi alle 17:31:06
   4 / 10

media film 3,67 (3 commenti)LET IT SNOW

jason13 @ oggi alle 17:28:23
   3 / 10

media film 8,05 (74 commenti)UN MERCOLEDI' DA LEONI

Gruppo COLLABORATORI Compagneros @ oggi alle 16:29:06
   8 / 10

media film 7,38 (12 commenti)FESTA DI LAUREA

VincVega @ oggi alle 16:27:24
   7½ / 10

media film 7,38 (17 commenti)IL MAGNIFICO SCHERZO

Filman @ oggi alle 15:55:11
   7 / 10

media film 7,83 (6 commenti)IL TRADITORE

Merlino95 @ oggi alle 14:16:22
   8½ / 10

media film 5,00 (2 commenti)HOME SWEET HOME ALONE - MAMMA, HO PERSO L’AEREO

topsecret @ oggi alle 13:48:51
   4½ / 10

media film 5,50 (6 commenti)PIOVUTO DAL CIELO

camifilm @ oggi alle 12:47:23
   5½ / 10

media film 5,42 (13 commenti)RESIDENT EVIL: WELCOME TO RACOON CITY

antoeboli @ oggi alle 12:38:07
   6 / 10
Locandina del film RESIDENT EVIL: WELCOME TO RACOON CITYA dispetto di tante opinioni controverse,sull'ultimo film reboot della serie di Re,questo nuovo riadattamento cinematografico l'ho trovato discretamente godibile.
Probabilmente nel suo essere imperfetto in diverse situazioni,è perfetto invece sull'essere piu' vicino al videogioco di tutti gli altri film esistenti finora.

E un prodotto che consiglio caldamente solo agli appassionati del videogame,visto che il fan service qui abbonda in ogni dove,e altri non capirebbero le situazioni e gli omaggi ai capitoli 1 e 2 del brand di Capcom.

Ottime le scenografie la ricostruzione della città,meno invece la direzione del casting,che oltre a non aver saputo attingere attori con fattezze perlomeno congrue alla controparte videoludica,almeno potevano sforzarsi nel caratterizzarli.

L'attore di Leon è un pivellino che non sa neanche usare un'arma da fuoco e non sa come si indossa un giubbotto antiproiettile,quando sappiamo che è un poliziotto eroe.
Molto anonimi anche Jill e Chris che sono ricordati con affetto dai fans,ma qui risultano sfruttati molto male.

Meglio l'attrice di Claire,cosi come quelle interpretazioni secondarie che risultano piu azzeccate del cast principale.
Molto male invece gli effetti in cgi,a discapito di alcuni artigianali piu riusciti.I cani in computer grafica sono da serie B,ma di quelle pellicole brutte che non vedevo da almeno 20 anni.

Il finale e quello post credits,fanno ben sperare in un futuro con un sequel che spero vada a limare alcuni dei difetti,cosi come una regia troppo legata anche nelle inquadrature a un opera da fan movie.

media film 8,68 (223 commenti)LO CHIAMAVANO TRINITA'

FrankNFurter @ oggi alle 12:04:17     1 risposta al commento
   10 / 10

media film 7,22 (44 commenti)DUNE (2021)

DankoCardi @ oggi alle 11:53:10
   6 / 10
Locandina del film DUNE (2021)All'inizio, quando ho visto che rispetto al romanzo stava andando per conto suo sono andato nel panico, poi per fortuna si riprende. La scelta di fare un film in due parti, di circa cinque ore totali, se da un lato offre il modo di essere più fedeli ed arricchire di particolari che si trovano nel libro, dall'altro rende tutto troppo dispersivo con il serio rischio di inserirci elementi che alla fin fine non c'entrano nulla. Ok, la pellicola gode di effetti speciali e di scenografie fantastiche ma oggi, soprattutto in una grande produzione, questi elementi sono di base e non ulteriori meriti sui quali sprecare fiumi di lodi. Devo dire che mi sono piaciuti molto i costumi che finalmente trasmettono l'idea da beduini del deserto dando un senso più realistico e meno impostato (e qui arriviamo al primo inevitabile paragone con David Lynch). Per quanto riguarda la storia occorre evidenziare che, nonostante sia ben scritta non è dotata di un ritmo continuo e soprattutto manca leggermente di profondità come se Villeneuve desse troppo per scontato che tutti abbiano letto il libro di Herbert, molti elementi mistici che permeano l'opera qui paiono perdersi per strada. Alcuni personaggi, poi, sono resi decisamente male; dove è Feyd Rauta? Thufir Hawat è praticamente una comparsa. Il barone Harkonnen è assolutamente bidimensionale e lontanissimo dall'originale crudele folle invasato volante. Mi sono letteralmente cadute le braccia quando ho visto che un personaggio importante come il Dott. Liet Kynes...è stato trasformato in una donna, giovane bella e sbarazzina! Evidentemente anche Villeneuve (del quale, lo confesso, non sono mai stato un fan) si piega ai compromessi del girl-power e del femminismo imperante di oggi. In alcuni passaggi, come l'incontro nel deserto tra Paul, Jessica ed i Fremen sembra che si stia facendo un remake pedissequo della precedente -e troppo bistrattata- versione di Lynch. Capisco che trasportare su celluloide la totalità dei concetti e delle situazioni descritte da Herbert nel romanzo è pressochè impossibile ma secondo me in questo caso si poteva fare di più tramite una sceneggiatura maggiormente curata soprattutto nei dialoghi; penso di dire qualcosa di oggettivo se avverto che chi in questo film si aspetterà finalmente di vedere il Dune definitivo rimarrà deluso. Personalmente preferisco di gran lunga la versione estesa di Lynch.

media film 7,45 (22 commenti)THE LAST DUEL

Goldust @ oggi alle 11:32:27
   8½ / 10

media film 7,86 (21 commenti)LA REGINA DEGLI SCACCHI

Goldust @ oggi alle 10:26:19
   7 / 10

media film 6,90 (5 commenti)LA GIOSTRA UMANA

Filman @ oggi alle 10:11:33
   7½ / 10

media film 7,57 (22 commenti)TERROR FIRMER

alex94 @ oggi alle 09:52:42
   7½ / 10

media film 7,92 (66 commenti)PAPILLON

Spotify @ oggi alle 04:03:31
   8 / 10
Locandina del film PAPILLONGran bel film, appartenente al filone carcerario. Non siamo ai livelli dell'altro film carcerario per eccellenza degli anni 70, ossia "Fuga di Mezzanotte" (seppur uscito qualche anno dopo questo film qui), però "Papillon" è comunque una pellicola avvincente, drammatica e recitata in maniera strepitosa.

Se la sceneggiatura fosse stata migliore, forse considererei questa pellicola un capolavoro. Tuttavia, a causa di alcune lacune che ho notato, l'opera in certi frangenti si affossa un po', ma a questo ci arriveremo dopo.

La trama vede protagonista Papillon, un uomo che è stato condannato all'ergastolo per un omicidio che non ha commesso. Papillon, insieme ad altri condannati, viene mandato nel terribile penitenziario della Guyana Francese a scontare la sua pena. Il carcerato, che nel frattempo stringe un bel rapporto d'amicizia con l'abilissimo falsario Louis Dega, ha in mente di evadere da quel posto infernale, e così inizierà a studiare la sua fuga.

Il regista firma dunque un'opera imponente, un vero inno alla libertà e alla voglia non arrendersi mai, anche di fronte alle più insormontabili avversità.

Schaffner ci mostra la brutalità delle carceri, come appunto quella dove i protagonisti vengono richiusi. L'essere umano viene privato di ogni cosa, persino di se stesso e nei casi peggiori, diviene una larva.
[SPOILER]Si veda ad esempio tutto il frangente con "Papillon" in isolamento.

Solo chi è in grado di svolgere funzioni importanti, le quali possono tornare utili ai direttori della galera, può permettersi di vivere meglio.
[SPOILER]In tal caso, le capacità di Dega.

Ma "Papillon" è in primis un manifesto sulla libertà dell'uomo. "Papillon" è un uomo amante della vita e vuole essere libero a tutti i costi. E anche dopo tantissimi anni di prigionia, continua a covare il sogno della fuga. Il director fa capire come la libertà sia il diritto più importante che un uomo possa avere e, a meno di validi motivi, essa non può essere negata a nessuno. Essere liberi significa essere se stessi.

La caratterizzazione dei personaggi è strepitosa: "Papillon" sembra essere uomo indistruttibile, sia fisicamente che mentalmente. E' sempre pronto a rialzarsi, a combattere, a far valere la sua parola, non si da mai per vinto e accetta ogni tipo di sfida. Una figura di un carisma eccezionale, che il director riesce a non rendere mai troppo esagerata. "Papillon" è un personaggio assolutamente credibile in tutto e per tutto.
Dega è un uomo buono, generoso ma allo stesso tempo astutissimo. E' un po' l'opposto di "Papillon", e conquista rapidamente la simpatia dello spettatore. L'amicizia tra i due protagonisti è delineata davvero bene, perché pur essendo diversi, entrambi si iniziano a fidare ben presto l'uno dell'altro. Difatti, credo che un altro tema sul quale Schaffner si sia voluto soffermare è quello dell'amicizia, sentimento che non muore mai e che può nascere anche in condizioni infelici come quelle che vivono i nostri personaggi.

Il ritmo è buono, quasi 2 ore e mezza che scorrono via piacevolmente. In qualche punto magari la narrazione rallenta un pochettino ma nulla di grave.

La scena dell'evasione (e tutto ciò che accade dopo la fuga) è girata benissimo. Quasi 50 anni dopo è una sequenza che non perde un briciolo di tensione.
Tecnicamente la regia è ottima, anche se Schaffner alla fine si preoccupa più di raccontare la storia. Le sequenze dell'isolamento di "Papillon" sono molto suggestive, realizzate alla perfezione. Oppure, come detto, la scena dell'evasione ha un tasso di suspense rilevabile nei thriller migliori.

Il finale è molto bello, imprevedibile ed anche velato d'un po' d'allegria. Sulla riuscita dell'epilogo, una carta importante è giocata dall'incantevole location, la quale ci è mostrata come una sorta di esilio per i protagonisti, un posto tanto bello quanto opprimente (apparentemente non esistono vie di fuga).

La fotografia è arida, terrosa, volta a voler evidenziare l'inferno che i detenuti patiscono nella prigione. Il lavoro forzato, il cibo scadente, le malattie, tutti elementi che rendono "l'Isola del Diavolo" uno dei peggiori posti sulla terra.

La scenografia, come accennato prima, è determinante e dona quel tocco d'avventura (e, se vogliamo, naturalistico) all'opera.

Bella la colonna sonora, piuttosto concitata. Piazzata sempre nei momenti giusti.

Grandissimo il cast: monumentale recitazione di Steve McQueen. L'attore riesce perfettamente a calarsi nella parte del detenuto e man mano, mostra con estrema classe e crudo realismo, il decadimento mentale e fisico del personaggio da lui interpretato. Durante tutta la parte dell'isolamento, McQueen è semplicemente mostruoso, gli sguardi catatonici che assume sono da manuale della recitazione. L'attore da anche prova di versatilità, in quanto nella pellicola spesso passa da momenti in cui è ironico e umoristico ad altri dove è particolarmente serio.
Hoffman è autore dell'ennesima grande performance della sua carriera, anche se qui è in ruolo da co-protagonista e francamente, perde il duello con McQueen. Però all'attore di Los Angeles non gli si può dire nulla: è uno che non si capisce come ci sia finito in una prigione, visto che si tratta di un uomo piuttosto gentile, schivo e per di più, dalla statura minuta. A tratti fa quasi tenerezza all'astante. Espressioni eccellenti, così come l'interpretazione dei dialoghi.
Ottimi tutti gli altri attori di contorno.

La sceneggiatura è l'elemento che mi ha convinto di meno. Ci sono delle incongruenze, specie nella parte finale, dove i nostri finiscono sull'isola popolata da quella tribù indigena. Questo frangente sembra quasi un episodio e se stante del film, non aggiunge molto. E presenta a mio avviso delle scelte abbastanza illogiche.
[SPOILER]Non si capisce ad esempio perchè "Papillon" abbandona i suoi amici sulla spiaggia.

Per il resto, lo screenplay funziona abbastanza bene, ad esempio i dialoghi sono molto buoni e sono garanzia di intrattenimento.


Conclusione: non è un capolavoro, poteva esserlo con una sceneggiatura migliore e qualche altra cosuccia in più, ma parliamo lo stesso di un gran film, che forse nel tempo è andato un po' dimenticato. Va detto che, buona parte del lavoro è sorretta dalle splendide prove di McQueen e Hoffman, due fuoriclasse. Se amate i film carcerari o i forti drammi in generale e volete una chicca del passato, gustatevi "Papillon".

media film 4,50 (7 commenti)MONSTER DOG - IL SIGNORE DEI CANI

Spotify @ oggi alle 03:12:49
   4 / 10
Locandina del film MONSTER DOG - IL SIGNORE DEI CANIFilm italiano a bassissimo costo diretto dal maestro del trash nostrano, Claudio Fragasso. Devo dire però che stavolta il regista romano non realizza uno scempio vero e proprio. Il film è brutto e dozzinale, ma rispetto ad altri lavori del regista è un pelo migliore.

Inoltre, la pellicola vanta la rockstar Alice Cooper nel ruolo di protagonista.

La trama è incentrata su Vincent Raven, un cantante rock che va a recarsi, assieme ad altre persone, in una vecchia villa, per girare il videoclip di una canzone. L'imponente casa appartiene ai genitori, ormai defunti, di Vincent, il quale ha fatto ritorno alla dimora dopo moltissimo tempo. Proprio in quella zona però, da qualche tempo, misteriosi uccisioni si stanno verificando e il colpevole parrebbe essere un licantropo, il quale tra l'altro aizza anche gli altri cani contro la gente. I ragazzi nella villa, poco a poco, inizieranno a vivere un incubo e in più, pare che Vincent non sia totalmente estraneo alla realtà dei terribili fatti che avvengono.

Sotto un certo punto di vista, si potrebbe pensare che con questo film, Fragasso abbia voluto condannare il bigottismo che negli anni 70-80 vigeva contro i musicisti rock, accusati di essere satanisti e quant'altro. Ciò lo si può evincere da quello che dicono gli uomini che a fine film irrompono nella villa e accusano Vincent di svariate cose.
[SPOILER]Ad esempio, quando i tizi accusano il protagonista di essere un licantropo, un seguace di Satana.

La caratterizzazione del protagonista è piuttosto debole, spesso assume comportamenti idioti, ma a conti fatti Vincent Raven risulta simpatico allo spettatore. Gli altri personaggi non fanno testo, totalmente inconsistenti. Forse un tantino meglio sono gli uomini che irrompono nella villa, hanno un po' di carattere in più.

Il ritmo complessivamente è blando, la noia sopraggiunge in più frangenti. Tuttavia, la pellicola non è completamente soporifera, grazie soprattutto ad uno dei pochi elementi del film davvero riusciti: l'atmosfera. Fragasso riesce a creare un clima cupo, dark, che si percepisce bene. Per ciò, il regista si avvale anche di una scenografia ben valorizzata, dove regna la desolazione e la nebbia è costante.

Il sangue invece è praticamente nullo, il che in un horror, in più a basso costo, è gravissimo.
Il lupo mannaro, che a dire il vero non si vede praticamente mai, ha un aspetto alquanto grottesco. Va bene che i soldi erano quelli che erano, però il mostro altro non è che un pupazzone fatto nella maniera più becera. Ridicolo.

Da citare la scena che vede protagonisti gli attempati farabutti. Non parte neanche male, ma poi scade inevitabilmente nel grottesco.

Il finale riserva un discreto colpo di scena, che era intuibile, però Fragasso, stranamente, riesce a far rimanere lo spettatore col dubbio finale (ovviamente studiato).

La fotografia è inesistente, tant'è che la pellicola sembra girata al naturale.

Le canzoni cantate da Cooper fungono praticamente da soundtrack e non sono male, in più offrono dei simpatici siparietti, anche si tratta di episodi che occupano fin troppo spazio. Presumibilmente uno stratagemma, maldestro, del regista nel tentativo di allungare il brodo.

Il buon Alice in veste di attore, diciamo che riesce ad essere simpatico. Sicuramente Cooper come cantante rock è decisamente migliore, ma in fin dei conti, in questo filmetto offre una prova che non è completamente da buttare. I dialoghi sono recitati dignitosamente mentre non si può dire lo stesso, per le espressioni, pessime. Il resto del cast è incommentabile.
La sceneggiatura offre dei dialoghi ridicoli, al limite del trash, nonché ripetitivi. Personaggi delineati malissimo, impianto narrativo vuoto e prevedibile. Ogni tanto magari c'è qualche trovata carina, ma è roba di poco conto.


Conclusioni: "Monster Dog" non è tra i b-movie horror italiani peggiori, e questo è già un traguardo. Fallimentare sotto tanti aspetti, ovvio, però ci sono anche delle cose che fanno guadagnare alla pellicola qualche punticino in più. Un onesto 4 ci può stare.
Carica altri 20 commenti
Caricamento in corso...

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3/197 donne e un misteroa house on the bayouainbo: spirito dell'amazzonia
 NEW
aline - la voce dell'amorealtri padriamerica latinaannetteantigoneatlantidebelli ciaocaro evan hansencaterina caselli - una vita, 100 vitechi e' senza peccato - the drychi ha incastrato babbo natale?clifford - il grande cane rossocompetencia oficialcry macho - ritorno a casadiabolik (2021)digimon adventure: last evolution kizunadjango & django - sergio corbucci unchaineddon't look up (2021)dovlatov - i libri invisibili
 T
dune (2021)e' andato tutto benee' stata la mano di dioencantoeternals
 NEW
fellini e l'ombrafino ad essere felicifreaks outfrida kahloghostbusters: legacygli stati uniti contro billie holidayhotel transylvania 4 - uno scambio mostruosohouse of guccii molti santi del new jerseyil bambino nascostoil canto del cigno (2021)il capo perfetto (2021)il colore della liberta'
 NEW
il lupo e il leoneil potere del cane
 NEW
il tempo rimastoillusioni perduteinsidious: the dark realmio sono babbo natalel’acqua, l’insegna la sete - storia di classela befana vien di notte 2 - le originila crociatala festa silenziosala legge del terremotola mia fantastica vita da canela persona peggiore del mondola scelta di anne - l'evenementla signora delle roselaurent garnier: off the recordlawrenceles choses humainesl'incontro
 NEW
l'ultimo giorno sulla terral'uomo dei ghiacci - the ice roadl'uomo nel buio - man in the darkmarina cicogna - la vita e tutto il restomatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomixtape - una cassetta per temollo tutto e apro un chiringuitomy hero academia the movie: the two heroesmy sonnimby – not in my backyardno time to dienon cadra' piu' la nevenowhere special - una storia d'amoreone secondper tutta la vitapromisesquerido fidelre granchiored noticeresident evil: welcome to racoon cityscompartimento n.6scream (2022)sing 2 - sempre piu' fortesotto le stelle di parigispace jam - new legendsspider-man: no way homesupereroi
 NEW
takeawaythe beatles: get backthe curse of humpty dumptythe expanse - stagione 6the feastthe french dispatchthe girl in the fountainthe harder they fallthe king's man - le originithe scary of sixty-firstthe tender barthe tragedy of macbeththe truffle huntersthe unforgivabletiepide acque di primaveratrafficante di virustrue mothersultima notte a sohoun anno con salingerun bambino chiamato nataleun eroeuna famiglia mostruosauna famiglia vincente - king richardunderwater - federica pellegrini
 NEW
van gogh - i girasoliverso la nottevita da carlo - stagione 1vivi - la filosofia del sorrisowest side story (2021)yaya e lennie - the walking libertyzappazlatan

1025346 commenti su 46967 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AL LUPO AL LUPO FALSO ALLARME!BARTKOWIAKBRAZENC'E' UN SOFFIO DI VITA SOLTANTOCRUMB - LA STRADA VERSO CASADEATH VALLEYDON'T FORGET TO BREATHEDON'T SAY ITS NAMEDR. ALIEN - DALLO SPAZIO PER AMOREFLESH CONTAGIUMGLI AMICI DI GESU' - GIUDAGLI AMICI DI GESU' - GIUSEPPE DI NAZARETHGLI AMICI DI GESU' - MARIA MADDALENAGLI AMICI DI GESU' - TOMMASOGLI STRANI AMORI DI QUELLE SIGNOREGREED - FAME DI SOLDIHIDEOUTHOW I FELL IN LOVE WITH A GANGSTERI GIARDINI DELL'EDENIL LUPO DELLA SILAINCUBI (2001)LA SPIA DELLA RESISTENZAL'AMORE SBAGLIATOLUPI NELL'ABISSOMARIA DI NAZARETMEGALODON RISINGOMICIDIO AL TELEFONO (1989)RED PENGUINS - HOCKEY SENZA FRONTIERESOLIS - TRAPPOLA NELLO SPAZIOSURVIVAL FAMILYTHE LIGHTTHE LIGHTHOUSE (2016)THE PIZZAGATE MASSACRETHE SONG OF NAMESTHE SPORE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net