blonde regia di Andrew Dominik USA 2022
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

blonde (2022)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BLONDE

Titolo Originale: BLONDE

RegiaAndrew Dominik

InterpretiAna de Armas, Adrien Brody, Bobby Cannavale, Xavier Samuel, Julianne Nicholson, Lily Fisher

Durata: h 2.45
NazionalitàUSA 2022
Generebiografico
Tratto dal libro "Blonde" di Joyce Carol Oates
Al cinema nel Settembre 2022

•  Altri film di Andrew Dominik

Trama del film Blonde

Una versione romanzata della vita di Marilyn Monroe, alias Norma Jean Baker.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,94 / 10 (17 voti)6,94Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Blonde, 17 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Goldust  @  08/11/2022 18:19:58
   4 / 10
Il film è la trasposizione di un romanzo e quindi non va pesato come documento storico inoppugnabile, ma non rende un bel servizio alla figura leggendaria della Monroe, anzi. Si sapeva della sua fragilità, anche della sua leggerezza, ma qui si sguazza nel voyerismo più bieco dipingendola come una cretina quasi vicina al ritardo mentale. Va bene denunciare gli abusi subiti ed i dolori che hanno segnato la sua giovinezza - con la ricerca di una figura paterna mai assaporata e tuttavia sempre ricercata - ma due e ore e tre quarti così non si reggono: si parla poco del suo lavoro, poco del suo essere un sex simbol e con la scusa di spogliare la De Armas ( comunque bravissima ) si spinge forte il pedale dell'eccesso e del torbido. Ne esce una pellicola fintamente autoriale che sembra messa lì apposta per dividere, con scelte volutamente shock e inette ( perchè indugiare più volte sul feto? Una sola immagine sola non era sufficiente ? ). Per me il miglior film di Dominik resta "L'assassinio di Jesse James", da lì in poi è andato in calando. Questo lo boccio senza pietà.

Niko.g  @  02/11/2022 10:09:00
   8 / 10
Tempo fa mentre discutevo sul tema dell'aborto con delle persone, una di queste disse che la vita embrionale dell'essere umano è come quella di una formica e schiacciare una formica è una cosa da nulla. Così lo salutai in fretta dicendo che si era fatto tardi e che dovevo rientrare nel formicaio.

Etichettato da molti come antiabortista (come se la cosa fosse un reato) "Blonde" è sicuramente un film senza mezze misure e senza compromessi. L'enfasi negativa dell'etichetta "antiabortista" e le critiche ricevute a Venezia, dove è stato presentato in anteprima mondiale, non devono stupire, in particolare in questo momento storico dove si ha paura di parole come "natalità" e "famiglia", considerati flagelli dell'umanità e piaghe d'Egitto.

Il film è un condensato della vita di Marilyn Monroe e della donna che c'era dietro la maschera, che il regista tratteggia con uno stile psichedelico e orrorifico, non per darsi delle arie, ma perché non è un mistero che la vita di Norma Jeane Baker, dall'infanzia fino alla prematura scomparsa, sia stata una sofferenza costante, un incubo mentale e spirituale, causato dal prematuro abbandono del padre e dalla voracità di un mondo predatorio e perverso, che divora chi è più fragile, proprio come il ghepardo fa con la gazzella più debole, quella più propensa ad inciampare (pure su questo pioggia di critiche dalle femministe "vecchia scuola" per le quali la donna non può essere debole ma sempre forte come Schwarzenegger).

Non è una biografia patinata, ma una rielaborazione romanzata che vuole puntare il dito sull'annullamento della persona ridotta ad oggetto. E la debolezza di certe critiche nasce proprio dal non rendersi conto che il film non vuole parlare di Marilyn Monroe, bensì di chi la osserva, di chi ne abusa, di chi ne ha fatto una pepita d'oro costringendola perfino a rinunciare alla gravidanza causandole un trauma, mentre lei continuerà a ricordare quel bambino mai nato abbandonandosi a suggestioni oniriche (male interpretate dagli abortisti di trincea che alla vista di un feto non capiscono più niente e non dormono più la notte).

Il fatto che Dominik stesso inciampi in alcune scene, perdendo un po' il senso della misura (mi riferisco ad esempio all'enfasi sbrodolona del rapporto a tre con Chaplin Jr. e Robinson Jr.), è la conseguenza dell'estrema densità della materia narrata.
Non è un film perfetto e non bisogna esaltarlo oltre un certo limite, soprattutto non è un film per tutti, ma per un pubblico maturo potenzialmente fornito delle giuste chiavi di lettura, visto che la forza con cui parla di abuso e disperazione mette a dura prova lo spettatore e non teme confronti con altre opere sul tema, in particolare perché lo fa per immagini, fino a diventare metacinema. Le fotografie di Marilyn Monroe, che hanno letteralmente fatto il giro del mondo, è come se prendessero vita. Ana de Armas sembra uscire dall'iconografia per dare vita a Marilyn, attraverso quello che, a tutti gli effetti, sembra un miracolo di esperienza visiva e che, per questo, trova piena legittimazione sul grande schermo.

3 risposte al commento
Ultima risposta 15/11/2022 12.31.03
Visualizza / Rispondi al commento
Jumpy  @  24/10/2022 12:24:48
   7 / 10
Era difficile raccontare la storia di un personaggio come Marylin/Nornman... per i suoi trascorsi difficili, l'animo tormentato, la personalità complessa, il suo abisso di solitudine interiore a volte è vivido e palpabile.
Tecnicamente è perfetto: ambientazioni, particolari, fotografia... tutto al suo posto... non mi stupirei di qualche nomination.
La durata mi è un po' pesata e, per il fatto di essere romanzato, non sempre si capisce cosa ci sia di vero e cosa no... è un aspetto che capisco essere parte integrante del film (essendo tratto dal libro) ma non mi è piaciuto.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  23/10/2022 12:46:25
   9½ / 10
Destrutturazione, vera, figlia di finzione, sceneggiata dalla Oates, non importa.

Andrew Dominik ne fa uno sguardo d'autore, mette o non mette a fuoco a sua santissima volontà questo mito che ci avvolge ci sovrasta ci accoglie ci disgusta ci fa incazzare ci fa lacrimare in attesa di una madre ma soprattutto di un padre fantasma (io non sono orfana!).

L'icona è subito in pensione, altro che bionda in vacanza, lei, Norma Jean Baker, ogni come la chiamerete rimarrà lei, la nostra Norma dietro il cartonato di Marylin, bambina, cresciuta, incompiuta, evasa, disarcionata dalla storia, spo.mpinata dal potere, a pecorina per incarico.

Blonde è un film difficilissimo da fare senza cadere nelle centinaia di fosse della cinematografia "di rito e di mito" e Andrew le passa tangente ma non ne tocca una, se non la morte anticipata e ricollocata di un mito, RIP anticipato e perpetrato in vita in un'escalation al contrario, come in Jesse James consapevole della pallottola con il suo nome, attraverso una tensione costante, una lettera, un cassetto-culla, una vasca da bagno, un'icona da ingo.io, un aborto sotto le cui pinze crepare sotto luci al neon.

Dominik di certo il piede e la caviglia non li toglie mai per salvarsi dai calcioni della critica cinematografica, usa più di un bianco e nero, colore, analogico, contrastato, denaturato, controluce a bizzeffe, ne fa un biopic spezzettato, fra capitoli – aborti, idiozie di stato o di sport, cavallerie a 3 stalloni, foto, pubblicità, ne fa cinema allo stato brado come solo può essere una vita dissestata e rappresentata.

Che rimane è lei, Norma Jean, alla ricerca di una figura paterna, il "daddy" impossibile ed eppure ovunque, nel bignami farmaceutico di un incontro fantasmagorico di icone (con Miller ne fa peso e contrappeso con Magda), ognuno cerca qualcun altro con un altro nome, simulacri su simulacri.

Il corriere suona, anch'esso, per nulla.
Il postino non suona.
Le bionde, passano, sotto i flash di uomini con la bava alla bocca.

Le inquadrature suonano allarmi, requisiscono bellezza come nessuna, ne fanno mito, tossico e immortale.

jason13  @  19/10/2022 13:10:26
   8 / 10
Veramente ben fatto. Funziona tutto. Ana de Armas bellissima e bravissima.
Peccato solo di aver saltato un bel po' del passaggio bambina / adulta soprattutto lo scabroso matrimonio avuto a 16 anni...

topsecret  @  17/10/2022 14:51:21
   5 / 10
Una furbata questa di Dominik che si "appropria" del nome della Monroe col solo scopo di imbastire e presentare qualcosa di scabroso e di provocatorio.
I dialoghi sono caratterizzati da str0nzate più o meno grandi, la lunghezza improponibile mostra una serie di situazioni noiose e poco lucide e tante sono le libertà che il regista si prende per raccontare, in maniera dichiaratamente romanzata, il personaggio di Norma Jean, che passa dall'essere una mentecatta, ingenua e lasciva, a un'anima in pena, colta ma tormentata dai sensi di colpa, dai capricci di una mente psicolabile. E poi, ancora, matrimoni senza dettagli, aborti e isterie da diva per forza, sproloqui e frequentazioni dubbie e malamente caratterizzate.
Di sicuro non lo rivedrò, non per la sua durata ma per il fastidio provato per i personaggi e la loro (non)storia.
Apprezzabile la protagonista.

Noodles71  @  17/10/2022 02:29:49
   7½ / 10
Un film introspettivo e profondo che mette in luce aspetti particolari della vita privata e non di una delle icone sex symbol più amate e note di sempre. Premesso che essendo tratto da un romanzo difficile capire se i fatti raccontati nel film siano accaduti realmente o meno ma resta il fatto che Dominik ha diretto un film coraggioso e Ana De Armas è stupefacente nell'interpretare Marilyn. Viene letteralmente analizzata dall'interno la diva Monroe, scoprendo che non amava il successo più di quanto si potesse immaginare, una donna fragile e tormentata, carente degli affetti familiari su tutti la mancanza di un padre ignoto dalla nascita. Gli amori, i matrimoni, gli aborti spontanei e non, tutti insuccessi che gradualmente la porteranno a rifugiarsi nell'alcool e nelle droghe. Dalla scena dell'incontro "amoroso" con il Presidente, mi è salito un magone interiore ed una tristezza nel vedere un personaggio amato e famoso abbandonarsi in quel modo e fare quella fine.
"Goodbye Norma Jean
Though I never knew you at all
You had the grace to hold yourself
While those around you crawled
They crawled out of the woodwork
And they whispered into your brain
They set you on the treadmill
And they made you change your name
And it seems to me you lived your life
Like a candle in the wind
Never knowing who to cling to
When the rain set in
And I would've liked to know you
But I was just a kid
Your candle burned out long before
Your legend ever did"
Sir Elton John

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  15/10/2022 20:46:59
   7½ / 10
Andrew Dominik non è un regista a cui piace girare film "normali", forse per questo attende molto tra un film e un altro. Pero' è capace di lasciare sempre il segno in qualcosa.

Questo "Blonde" è sicuramente il suo lavoro piu' ambizioso perche' toccare la vita di una star come Marylin non è facile. Ma il film in realta' parla di Norma Jean Baker, non della star Marilyn.
Gia' nel recente passato avevamo avuto un racconto "sporco" dell'attrice nel film di Curtis del 2011 ma niente a che vedere con questo di Dominik che getta fango su chiunque abbia incrociato la vita di questa ragazzina alla continua ricerca di stabilita'.

Come ci suggerisce il film la famiglia è l'inizio di tutto, la madre malata e il padre assente sono giustamente antagonisti della vicenda. Del resto cosi si spiega la facilita' con cui si lascia andare tra le braccia degli uomini causa di questa continua ricerca della figura paterna.

Montaggio e regia sono d'autore, forse non originale ma capaci di portare l'angoscia della protagonista sullo schermo. Appunto la protagonista...la bellissima Ana de Armas al primo vero ruolo della sua carriera fa centro e probabilmente finira' nella cinquina dell'oscar.

Un allucinante viaggio tra i lustrini ipocriti di Hollywood...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/10/2022 19:22:01
   8 / 10
sottopressione  @  05/10/2022 16:47:57
   8½ / 10
Leggo commenti postati probabilmente solo per abbassare il voto globale.
Film coraggioso, scelta altrettanto coraggiosa di Netflix di metterlo in catalogo nonostante alcune scene davvero "pesanti".
Piaciuto molto per il taglio, per la regia, le interpretazioni e ricordiamoci che il film è tratto dal libro di Joyce Carol Oates, non è per forza una rappresentazione della realtà vera, anche perchè quella la conoscono solo gli interpreti, che per la totalità credo non ci sono più (Marylin, Miller, Kennedy, Di Maggio).
Prendete il film per quello che è- una bomba ad orologeria per certi versi- e non scandalizzatevi per qualcosa che sicuramente non sapremo mai.
Per certo, ad esempio, il criticato incontro tra la Monroe e Kennedy sappiamo che c'è stato, a porte chiuse, cosa sia successo esattamente non lo sapremo mai, la Oates e Dominik lo hanno reso così. Ci sta.
Otto e mezzo.

JohnRambo  @  03/10/2022 21:45:52
   4 / 10
Non sono passati 50 minuti e mi pare un film guardone, di bassa lega, un lavoro da quattro soldi che manda in brodo di giuggiole gli intellettuali e tratta senza rispetto un'artista ormai morta che suicidò in modo tragico.
Alcune trovate sono da film softporn o peggio.
Al regista piace indugiare nel torbido, aiutato dalla bellezza della protagonista che se avesse fatto 50 sfumature o 365 avrebbe sbancato il botteghino.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/10/2022 21.55.36
Visualizza / Rispondi al commento
Mauro@Lanari  @  02/10/2022 02:53:53
   5 / 10
Non classificherei lo stile scelto da Dominik com'onirico, espressionistic'o surrealista: s'è identificato con la sua protagonista e ha deciso di raccontarla in soggettiva. Ma lei chi sarebbe? Una ch'avrebbe vissuto esperienze infantili traumaticamente inelaborabili: potrebb'essere una donna qualunque o una persona qualsiasi, invece è stata selezionata una diva mostrandola scissa nell'animo di Norma Jeane e nel corpo di Marylin. Per chiarire un concetto così semplice sarebbe bastato il tempo d'un mediometraggio, mentr'il regista ha voluto seguire empateticamente la sua vittima in una coazione a ripetere lunga 2 ore e 46 minuti. Spurgando la maratona dal nubifragio di scene di pianto, si sarebbe rientrati nei giusti limiti di durata. Poi: non avendo mai provato interesse per il fenomeno del divismo, non sono in grado di giudicare se ci sia pure una denuncia verso lo star-system: m'auguro di no, poiché l'operazione di Dominik ha com'unico effetto sicuro quello di lanciare de Armas nell'empireo dello stardom planetario. Infine: se alla Mostra di Venezia la pellicola è stata applaudita 14 minuti, evidentemente c'è chi può permettersi le cur'estetiche per ripararsi cotanto spellamento delle mani.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/10/2022 03.40.24
Visualizza / Rispondi al commento
jimclark82  @  01/10/2022 21:40:48
   1 / 10
Se il film non si riferisse ad una persona realmente esistita meriterebbe ben altro voto, ma riferendosi ad uno dei personaggi più famosi di sempre, aver storpiato la realtà senza il minimo rispetto mi porta a dare un voto pessimo.
Le cose sono due o hanno da sempre indorato la vita di Marylin Monroe nascondendo non del tutto ma in buona parte abusi e problemi mentali o in questo film si sono presi delle libertà molto criticabili.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

4 risposte al commento
Ultima risposta 23/10/2022 13.08.52
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  30/09/2022 16:07:05
   8 / 10
Wow che bastonata questo film: per la prima volta un "biopic" (c'è molta finzione nel film, che è l'adattamento di un romanzo e non di una biografia) mostra sofferenze, abusi, dolore e morte per quel che sono, senza alcuna concessione allo spettatore e senza alcuna indulgenza. E così l'immedesimazione in Norma/Marilyn è più profonda e senza speranza, tanto da rendere la visione quasi insostenibile in alcuni passaggi.

Ho letto molte critiche a questo approccio, quasi che il film volesse fare pornografia del dolore. Invece io ci ho visto un grande amore ed un grande rispetto per la Norma dietro Marilyn, per l'essere umano prima ancora che per il personaggio: la Monroe ormai ha assunto i contorni del mito, dell'icona pop da poster, e invece Dominik e la Plan B di Brad Pitt (una garanzia) ci ricordano che dietro il sorriso smagliante e le forme generose dell'icona c'era una donna abusata e maltrattata pressoché da tutti, mentalmente provata ed instabile, che ha perso la vita giovanissima, in circostanze tragiche, in totale solitudine in una villa meravigliosa: ennesimo contrasto della vita infelice di una delle più grandi dive del cinema.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

3 risposte al commento
Ultima risposta 01/10/2022 09.10.21
Visualizza / Rispondi al commento
Misialory  @  30/09/2022 09:05:11
   8½ / 10
I critici lo hanno accolto male a Venezia, invece è un film profondo e toccante.
Tratto dal romanzo di Joyce Carlos Oates, narra la storia di Norma Jeane non di Marilyn, biondissima e acclamata diva.
Vediamo Norma bambina, il rapporto con la sfurtunata madre e le successive fasi di una breve e intensa vita costellata di incontri con il mondo maschile (i produttori, gli amanti "gemelli" i mariti e il Presidente). Tutti gli uomini a cui lei si aggrappava l'hanno delusa, in un eterno confronto con il padre che non ha mai conosciuto. Dall'ex pugile e dallo scrittore divenuti suoi mariti, lei cercava il sostegno della figura paterna, per lei erano "daddy", un dolce appellativo che gli attribuiva, come se si aggrappasse ad un'illusione di affetto sincero e protezione che non ci sono stati mai stati davvero. L'amore incondizionato di un padre, Norma non lo ha mai avuto, ha conosciuto solamente amanti e compagni che l'hanno sfruttata per quello che rappresentava, che non l'hanno mai davvero compresa, da qui la sua profonda solitudine.
Ci sono due scene che non vorresti vedere che infangano l'immagine di una dea, ma Norma Jeane le ha vissute di certo (anche se il romanzato si sovrappone alla storia reale) e ti arrivano dritte nella loro crudezza. I bagni di folla in bianco e nero, rappresentano bene quello che tutto il pubblico vedeva ma che nascondeva la vera essenza di questa donna dolce, bellissima e sfortunata.
Se amavo Marilyn prima di questo film ora amo Norma, una persona unica che nessuno ha saputo proteggere ed aiutare davvero. La sua solitidine ti arriva al cuore oggi a distanza di 60 anni dalla sua morte e vorresti che non fosse andata così.
Bravissima Ana de Arnas, merita tutto a mio avviso.

maxi82  @  29/09/2022 19:02:35
   8½ / 10
Un mini capolavoro,Ana de armas e la reincarnazione della Monroe per la sua bellezza e interpretazione, non riesci a staccare gli occhi dalla TV nonostante le quasi tre ore,ci si immedina al film,ti entrano dentro le emozioni l'angoscia per tutto il film:e in tutto ciò non sono i miei generi di film;da vedere

Boromir  @  29/09/2022 00:14:49
   10 / 10
Era da tempo che un film non mi lasciava una tale sensazione di vuoto addosso. Aspettarsi da Blonde un biopic patinato e glorificante significa non avere bene idea di come funzioni il cinema iconoclasta di Andrew Dominik: più che una classica biografia, è paragonabile a una seduta spiritica pregna di immagini sontuose, drogate di reminiscenze oniriche in cui l'icona pop viene riportata alla sua essenza di donna sottoposta a metamorfosi da figure paterne false e orribili. Inutili le lodi alla mimesi di Ana de Armas.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1a spasso col panda - missione bebe'acqua e aniceamanda (2022)amsterdamanna frank e il diario segretoargentina, 1985astolfobelle & sebastien - next generationbentublack adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4bradobroscoldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdantedeinfluencerdiabolik - ginko all'attacco!do revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroen los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timeeverything everywhere all at oncefallfalla girarefortuna grandafranco zeffirelli, conformista ribelleglass onion - knives outgli occhi del diavologli orsi non esistonogoodnight mommy (2022)halloween endshatching - la forma del malehellholehocus pocus 2house of darknessi racconti della domenicail colibri'il mio vicino adolfil mondo in camerail piacere e' tutto mioil principe di romail prodigioil signore delle formicheil talento di mr. crocodilein viaggioincroci sentimentaliio sono l'abissola californiala notte del 12la pantera delle nevila ragazza della paludela ragazza piu' fortunata del mondola signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomela vita e' una danzalas leonasle buone stellele favoloseleaveliam gallagher: knebworth 22licantropusl'immensita'lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggioluminamahmoodmaigretmarcia su romamarginimaria e l'amoremasking thresoldmemory (2022)miracle - storia di destini incrociatimona lisa and the blood moonmoonage daydreammr bachmann e la sua classemr. harrigan's phonemunch - amori, fantasmi e donne vampiromy soul summernel nostro cielo un rombo di tuononido di vipereniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaomicidio nel west end
 R
pearl (2022)per niente al mondopiovepoker faceprincess (2022)quasi orfanoqueensquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginasanta luciascare package ii: rad chad's revengesergio leone - l'italiano che invento' l'americasiccita'significant othersmilespaccaossaspirit halloweenstrange world - un mondo misteriosotango con putinthe christmas showthe fearwaythe good nursethe great busterthe hanging sun - sole di mezzanottethe land of dreamsthe menuthe munstersthe retaliatorsticket to paradisetiziano. l'impero del coloretori e lokitatriangle of sadnesstutti a bordoun anno, una notteun mondo sotto socialuna birra al fronteuna mamma contro g. w. bushuna voce fuori dal coroutama - le terre dimenticate
 NEW
violent nightwar - la guerra desideratawild men - fuga dalla civilta'

1034697 commenti su 48559 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BRING IT ON: CHEER OR DIECHAIN OF EVENTSCHRISTMAS BLOODY CHRISTMASCROC!DEBRIS DOCUMENTARDEMONIC CHRISTMAS TREEFEED MEGIRL AT THE WINDOWHIGH SCHOOL SPIRITSHOLLYBLOODHOUSE OF CLOWNSI DIAVOLI N░ 2IL NATALE DI CHRISIL SEGRETO DEI SOLDATI DI ARGILLALA BATTAGLIA DELLE MIDWAYLOTTA PER LA SOPRAVVIVENZALUCIFERINAMIAMI COPSMOONCHILDMOONCHILD, IL FIGLIO DELLA LUNANIGHTMARE COUNTRYNIXPICCOLO VAMPIROSATANIC HISPANICSSINPHONYTARTU, LO STREGONE MALEDETTOTHE ACCURSED (2022)THE LAIRTHE LOST KINGTHE MORNING MANWOLF DEVIL WOMENZONA PERICOLO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net