vincitori e vinti regia di Stanley Kramer USA 1961
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

vincitori e vinti (1961)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film VINCITORI E VINTI

Titolo Originale: JUDGEMENT AT NUREMBERG

RegiaStanley Kramer

InterpretiSpencer Tracy, Burt Lancaster, Richard Widmark, Marlene Dietrich, Maximilian Schell, Montgomery Clift, Judy Garland

Durata: h 3.20
NazionalitàUSA 1961
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1961

•  Altri film di Stanley Kramer

Trama del film Vincitori e vinti

Norimberga 1948. Un tribunale americano giudica quattro magistrati tedeschi accusati di aver applicato leggi palesemente inique, di avere consentito pratiche di sterilizzazione, di avere contribuito alla strage del popolo ebreo. Sul banco degli accusati siedono un giurista, un inquisitore e due funzionari.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,37 / 10 (23 voti)8,37Grafico
Miglior attore protagonista (Maximilian Schell)Miglior sceneggiatura non originale
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior attore protagonista (Maximilian Schell), Miglior sceneggiatura non originale
Miglior film stranieroMiglior attore straniero (Spencer Tracy)
VINCITORE DI 2 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior film straniero, Miglior attore straniero (Spencer Tracy)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Vincitori e vinti, 23 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Dom Cobb  @  28/02/2019 19:58:36
   10 / 10
Norimberga, 1948: un giudice di provincia viene chiamato a giudicare quattro funzionari del fu governo nazista nell'ambito dei famosi processi per crimini contro l'umanità. Fra testimonianze riluttanti, casi giudiziari scomodi, immagini disturbanti e un quadro geopolitico già in fase avanzata di preparazione per la Guerra Fredda, la battaglia dentro e fuori dalle aule del tribunale si profila tutt'altro che facile...
Se c'è un genere di film difficile da portare sul grande schermo con successo, in un modo che sia convincente e non risulti manipolatorio, allora quello è il cinema di denuncia: più di tutti gli altri, suo scopo primario è di lanciare critiche, anche aspre all'occorrenza, scomodare gli animi, sollevare questioni scottanti sui lati oscuri della nostra società e dell'individuo stesso. E se c'è un regista che più di tutti gli altri ha rappresentato questo tipo di cinema al suo meglio, quello è Stanley Kramer, che col senno di poi, con questo film firma il suo capolavoro assoluto. D'altronde, ammassare un vero e proprio esercito di stelle dell'epoca e un tale numero di talenti difficilmente avrebbe portato a un risultato diverso.
"Vincitori e vinti" riporta in scena una delle pagine più note dell'immediato secondo dopoguerra: è uno di quei film che si snoda su una serie più o meno lunga di discussioni, dibattiti e conversazioni, la maggior parte delle quali si svolge in un unico ambiente, quello dell'aula giudiziaria; eppure fin dall'inizio, fin da quando la telecamera scorre sui vari avvocati e traduttori intenti a sbrogliare le formalità introduttive del processo per poi zoomare improvvisamente sul difensore e cambiare lingua dal tedesco all'italiano, mette il piede sul pedale della suspense e della tensione e lo tiene premuto senza interruzione per tutta la durata del film. Da quel momento in poi, la pellicola si regge tutta su un'atmosfera asfissiante e claustrofobica, su una sceneggiatura serratissima e intelligente e interpretazioni maiuscole da parte di tutta la lunga parata di celebrità. Registicamente parlando, non c'è molto da dire, e in effetti Kramer si limita a valorizzare al massimo gli elementi che ha fra le mani, indugiando sui volti degli attori nel corso dei loro monologhi anche per lunghi minuti quando necessario, sfruttando il valore aggiunto del bianco e nero per accrescere la tensione (splendida fotografia di Ernest Laszlo) e lasciando che siano le interpretazioni e i dialoghi a fare il grosso del lavoro. L'aspetto più lodevole è appunto il ritmo, serrato e teso, capace di far volare in un soffio la lunga durata di quasi tre ore, come se nulla fosse.
Delle prestazioni attoriali è difficile dire quale sia la migliore, perché alla fine tutte quante lasciano il segno, da un Spencer Tracy dubbioso e onesto fino in fondo a una comparsata breve, ma assolutamente intensa di Montgomery Clift, senza dimenticarsi di una riluttante Judy Garland e di una Marlene Dietrich ancora incarnazione pura del glamour.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Per opinione personale, sono due a giganteggiare su tutti gli altri, un'autentica gara di intensità fra l'avvocato difensore di Maximilian Schell e il Janning di Burt Lancaster, uno più mozzafiato dell'altro; non vorrei essere uno dei membri dell'Academy costretto a scegliere fra i due, perché si tratta di una sfida che per me finisce alla pari.
Ma il vero punto forte della pellicola è una sceneggiatura a prova di bomba, che giustamente è valsa ad Abby Mann un Oscar: è una di quelle sceneggiature che oggigiorno non si scrivono più, che invece di andare sul sicuro non ha alcuna paura di massacrare tutto e tutti, sfornando a mitraglietta una serie di monologhi e scambi da antologia e sviscerando i pro e i contro di una situazione talmente spinosa. In questa versione dei fatti, nessuno è innocente, tutti sono in qualche modo colpevoli e responsabili della tragedia che si è abbattuta sul mondo intero; in questa versione dei fatti, la giustizia stessa viene rivelata in tutta la sua fragilità e mutevolezza alla luce dei diversi contesti sociali e politici; e insieme ad essa anche la tendenza tutta umana a dimenticare fin troppo facilmente.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

I complimenti per descrivere la brillante perfezione di questo film sono troppi per inserirli in quella che dovrebbe essere semplicemente la versione scritta dell'opinione di un cinefilo come un altro; ma l'alta qualità del prodotto finale mi spingono a dichiararlo qui ed ora come uno dei migliori film che abbia visto non solo nel corso della mia retrospettiva, ma in generale. "Vincitori e vinti" trascende il genere di cui fa parte grazie alla passione con cui è stato realizzato, alle tematiche che affronta e soprattutto a come le affronta. E' un pugno allo stomaco, un appello ferreo e determinato, in special modo alla luce dello spiazzante finale, che ci informa delle "conseguenze" dei processi di quei giorni. La prova lampante che ancora oggi purtroppo non abbiamo imparato nulla.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005164 commenti su 43502 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net