Recensione anche i nani hanno cominciato da piccoli regia di Werner Herzog Germania 1970
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione anche i nani hanno cominciato da piccoli (1970)

Voto Visitatori:   7,68 / 10 (31 voti)7,68Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI

Immagine tratta dal film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI

Immagine tratta dal film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI

Immagine tratta dal film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI

Immagine tratta dal film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI

Immagine tratta dal film ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI
 

"Siamo stufi di lottare contro la bestia che Ŕ dentro di noi".

In uno dei periodi pi¨ "ottimistici" della storia dell'umanitÓ, all'inizio del Secolo dei Lumi (il '700), uscý una delle opere letterarie pi¨ aspre e critiche nei confronti dell'UmanitÓ mai scritte: "I viaggi di Gulliver" di Jonathan Swift.
Usando una veste comico-satirica e lo sfasamento dei punti di vista (la societÓ vista dal punto di vista dei nani o dei giganti), Swift riusciva a fare vedere la natura umana con occhi disincantati, rivelandola come profondamente irrazionale e quasi animalesca.

Nel 1969 si pensava ovunque ad una nuova societÓ, e si guardava con ottimismo all'avvento di un nuovo modo di vivere che sarebbe sorto dalla liberazione dell'individuo da tutte le costrizioni politiche e morali. In questo clima di entusiasmo e fiducia, in Germania uscý in maniera semiclandestina "Anche i nani hanno cominciato da piccoli", un film profondamente nichilista, che guardava con occhi pessimisti alla natura umana. Anche quest'opera aveva un veste comico-satirica, ed utilizzava la prospettiva estraniante di una societÓ composta solo da nani, per contemplare con occhi disincantati quanta cattiveria e quanta voglia di distruzione domini il mondo.
L'autore era il giovane Werner Herzog, alla sua seconda opera filmata. L'irrequieto giovane era da poco uscito dall'isolata valle alpina in cui era nato e subito si era buttato a esplorare le parti pi¨ remote e sconosciute del mondo, come pure si era messo a indagare le pieghe nascoste e segrete dell'animo umano; testimone delle sue esplorazioni naturali e morali era la macchina da presa. Con i soldi del contributo statale tedesco per i giovani registi, Herzog gir˛ in lungo e in largo l'Africa pi¨ selvaggia. Ne venne fuori uno dei film- documentario pi¨ singolari che siano mai stati girati: "Fata Morgana", ossia "il fallimento della Creazione". Fu un'esperienza terribile per Herzog: vide molta povertÓ e tanta disperazione. Lui stesso affront˛ avventure di ogni genere, come fame e malattie, e soprattutto visse sulla sua pelle l'atroce e disumana esperienza del carcere di quei luoghi.

E' con questo stato d'animo malato e angustiato che Herzog scrisse e diresse "Anche i nani hanno cominciato da piccoli"; una specie di incubo ad occhi aperti.
Il film non ha una vera e propria trama ed Ŕ interpretato solo da attori nani. Si apre con un'inquadratura comico- surreale ambientata in un commissariato, dove un nano seduto in un sedia (che appare enorme se confrontata con la sua piccolezza) si barcamena con un cartello segnaletico pi¨ grande di lui. Una voce off gli chiede come sia successa la "Schweinerei" (la "porcata"). Da qui inizia il flashback che occupa il resto del film.

Prima di tutto s'inquadra in panoramica un paesaggio vulcanico, aspro, roccioso e semidesertico. In un grande edificio Ŕ in corso una specie di rivolta. Nel film non si spiega assolutamente che tipo di edificio sia (una casa di rieducazione?), nÚ perchÚ sia nata la rivolta. Fatto sta che un educatore (nano pure lui) Ŕ asserragliato in una stanza con un ostaggio (nano), mentre fuori tutti gli altri nani si buttano a fare qualsiasi tipo di burla o scherzo, per lo pi¨ cattivo. L'intento appare quello di divertirsi, di dissacrare, di liberarsi di tutte le norme; s'inizia distruggendo gli oggetti preferiti del direttore, poi si prende la sua auto e la si fa andare in cerchio per ore senza guidatore, quindi la si distrugge con grida di gioia. Si prendono in giro le belle maniere inscenando un grossolano pranzo, come pure si mette su un finto matrimonio con tanto di scena comica con i nani che non riescono a saltare sul letto del direttore, per consumare il matrimonio burla.

Il gioco si fa per˛ sempre pi¨ cinico, violento e distruttivo. In maniera impietosa si fa in modo che due miti fratellini ciechi si picchino fra di loro, poi si dÓ fuoco a tutti i vasi da fiore ("guarda come sono in piena fioritura"), si assiste a una scrofa agonizzante che allatta i porcellini e infine si organizza una processione blasfema con una scimmia viva in croce che si divincola disperatamente; inframezzate ci sono scene in cui alcune galline si cannibalizzano fra di loro. Il tutto per˛ si svolge senza morbositÓ o piacere sadico, Ŕ tutto visto come un gioco, uno scherzo, una beffa, qualcosa che Ŕ nella natura delle cose. Il finale poi Ŕ in puro stile sarcastico-surrealista: un cammello (!) se ne sta in ginocchio e non riesce ad alzarsi mentre un nano ride in maniera convulsa, quasi isterica. Si tratta di un riso quasi strafottente; Ŕ come se la parte "bestiale" dell'animo umano si prendesse gioco della parte "razionale"; come dire: tutti i tuoi sforzi sono inutili, ho sempre io la meglio.

Il film, appena uscito, fu subito osteggiato e coperto di critiche; la commissione ufficiale di censura della Germania si rifiut˛ di dare il beneplacito alla distribuzione e Herzog fu quindi costretto a organizzare per proprio conto proiezioni in cinema d'essai.
Ovunque fosse proiettato, il film raccolse un coro di critiche anche molto aspre. Si accusava il regista di essere fascista e reazionario (si prese il film come una critica alla "rivoluzione"), ma soprattutto di essere troppo nichilista. L'opera fu poi ampiamente rivalutata fino a diventare oggi una delle testimonianze pi¨ aspre e rappresentative della sfiducia e del pessimismo di Herzog nei confronti della "civiltÓ" umana.

Il film venne girato in bianco e nero, con un budget ridottissimo, a Lanzarote, una delle isole che compongono l'arcipelago delle Canarie.
Per la colonna sonora venne preso un suonatore di chitarra del luogo e una bambina di dodici anni, la quale canta, anzi grida con quanto fiato ha in corpo, una canzone tradizionale delle Canarie. Ne venne fuori un accompagnamento che dÓ un senso drammatico e allo stesso tempo giocoso alle scene rappresentate, riflettendo un po' lo spirito del film.

Per trovare gli attori della "misura" che voleva, Herzog fu costretto a mettere annunci sui giornali di mezza Germania; si trov˛ quindi a che fare con gente assolutamente inesperta e digiuna di recitazione. Invece di essere un handicap, la mancanza di esperienza si rivela invece una forza nel film, in quanto gli attori recitano con estrema naturalezza e spontaneitÓ, mettendoci tutto l'impegno di un attore di altezza "normale". L'inevitabile confronto metrico fra il mondo dei "normali" e quello dei nani (tra l'altro l'operatore cerca sempre di filmare dal basso, riproducendo il punto di vista dei nani) porta quasi a guardare le solite e normali cose di tutti i giorni con occhi diversi, tanto da far apparire il nostro mondo come qualcosa di disagevole e oppressivo; ed Ŕ proprio questa dimensione "estraniante" il pregio stilistico del film: vedere il "normale" con occhi diversi e pi¨ acuti.

La luciditÓ e la chiarezza con la quale si rappresenta la follia e la bestialitÓ dell'animo umano fanno sý che questo film, come tutta l'opera di Herzog, possa stare alla pari con l'arte di Jonathan Swift, Hieronymus Bosch e soprattutto con Francisco Goya. Herzog come Goya riesce a farci capire benissimo cosa succede se la Ragione si addormenta.

Commenta la recensione di ANCHE I NANI HANNO COMINCIATO DA PICCOLI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di amterme63 - aggiornata al 13/06/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1a letto con sartreacqua alle cordeacqua e aniceaiuto! e' natale!amsterdamanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8avatar - la via dell'acquababylon (2022)belle & sebastien - next generationbigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2black adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4bros
 NEW
bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivando
 NEW
c'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaraclose (2022)coldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdiabolik - ginko all'attacco!domino 23 - gli ultimi non saranno i primiemancipation - oltre la liberta'eoernest e celestine - l'avventura delle 7 notefairytale - una fiabafallforever young (2022)fortuna grandaglass onion - knives outgli occhi del diavologodland - nella terra di diograzie ragazziguardiani della galassia: holiday specialhellholei migliori giornii racconti della domenicail corsetto dell'imperatriceil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil mio nome e' vendettail mio vicino adolfil piacere e' tutto mioil primo giorno della mia vitail principe di romail prodigioil ritorno (2022)il talento di mr. crocodileimprovvisamente nataleincroci sentimentaliio sono l'abissoio vivo altrove!ipersonniajung_ela californiala fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela prima regolala seconda viala signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomeladri di natalele otto montagnele vele scarlatteleaveliam gallagher: knebworth 22l'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteriliving (2022)lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggiol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?maria e l'amoremasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamiracle - storia di destini incrociatimonicamunch - amori, fantasmi e donne vampironannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinel nostro cielo un rombo di tuononessuno deve saperenezouh - il buco nel cieloniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaone piece film redorlando (2022)
 NEW
pamela, a love storyperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropiovepoker faceprincess (2022)profetiquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginariunione di famiglia - non sposate le mie figlie 3saint omersanta luciascare package ii: rad chad's revengesi', chef! - la brigadespaccaossastoria di un uomo d'azionestrange world - un mondo misteriosotango con putinterezinthe christmas showthe fabelmansthe fearwaythe good nursethe great busterthe land of dreamsthe leechthe mean onethe menuthe pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe woman kingtori e lokitatre di troppotre minutitriangle of sadnesstrieste e' bella di notteun anno, una notteun bel mattinoun matrimonio esplosivoun vizio di famigliauna mamma contro g. w. bushuna notte violenta e silenziosauna voce fuori dal corovicini di casawar - la guerra desideratawhitney - una voce diventata leggendayakari: un viaggio spettacolare

1036847 commenti su 48837 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ACCELERATIONBEACON POINTBENVENUTI ALLA MONSTER HIGHCAMPING PON PONCORSA CONTRO LA PAURADIMENSIONI PARALLELEDOOMSDAY DEVICEERBARME DICH - MATTH─US PASSION STORIESFERNANDAGERONIMO! (1962)GIOCO TRAGICOGUERRA TRA POLIZIEIL BAR DEL TELEFONOIL PRODIGIOSO MAURICEIL TANGO DEL VEDOVO E IL SUO SPECCHIO DEFORMANTEINFINITY POOLKLONDIKELA RIVOLTA DEI SEMINOLELA TELENOVELA ERRANTELA VESPA E LA REGINALOVE GODMAD HEIDIMETE MIEDOOSSESSIONE (2015)PRIGIONIERA DEL PASSATOQUEI DUE - EDDA E GALEAZZO CIANOSANTA BARBARASIBELTHE BLACKOUTTHE DOMESTICTHE LAST BATTLETHE MISFITSTHE TIME MACHINE (1978)TO LESLIEUNA FAVOLA FANTASTICAUN'ESTATE A MAURITIUSZACK, CANE EROE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net