Recensione barriera invisibile regia di Elia Kazan USA 1947
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione barriera invisibile (1947)

Voto Visitatori:   7,61 / 10 (9 voti)7,61Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Miglior filmMIglior regiaMiglior attrice non protagonista (Celeste Holm)
VINCITORE DI 3 PREMI OSCAR:
Miglior film, MIglior regia, Miglior attrice non protagonista (Celeste Holm)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BARRIERA INVISIBILE

Immagine tratta dal film BARRIERA INVISIBILE

Immagine tratta dal film BARRIERA INVISIBILE

Immagine tratta dal film BARRIERA INVISIBILE

Immagine tratta dal film BARRIERA INVISIBILE

Immagine tratta dal film BARRIERA INVISIBILE
 

Uscito nel 1947, tratto dal romanzo di Laura Z. Hobson e diretto da Elia Kazan, futuro regista di "Fronte del porto", "Barriera invisibile" (titolo originale: "Gentleman's agreement", letteralmente "accordo tra gentiluomini") è il primo film che affronta la tematica dell'antisemitismo negli Stati Uniti, terra liberale e da sempre con un'importante presenza ebraica. Protagonista della storia è un giovane giornalista vedovo (Gregory Peck), un tipico columnist anni Trenta-Quaranta fautore del giornalismo verità, che decide di assumere una falsa identità per provare sulla sua pelle la discriminazione razziale, al fine di pubblicare un'inchiesta sul suo giornale.

La cinematografia a stelle e strisce dopo la seconda guerra mondiale cerca di seguire il filone neorealista italiano producendo opere di rilievo; un esempio: "I migliori anni della nostra vita", ma l'impronta hollywoodiana non abbandona mai nemmeno le pellicole impegnate, imponendo comunque una recitazione di maniera e un finale stiracchiatamente positivo. E' quanto si riscontra nella pellicola di Kazan, animata dalla buona volontà e dall'entusiasmo propri dello straniero accettato e di successo nella cosiddetta terra della libertà (Kazan, di origine greco-turca, è portato a pochi mesi negli Stati Uniti). La storia pecca di un eccessivo didatticismo e malgrado il suo regista sia un convinto sostenitore del metodo Stanislavskij, mantiene una recitazione di stampo classico.

Gregory Peck, assoluto protagonista della storia, già all'apice del successo, è tuttavia solido nella sua interpretazione, malgrado lo stesso regista Kazan non si sia espresso con giudizi lusinghieri sul suo conto. L'attenzione e l'empatia dello spettatore sono proiettate verso di lui anche perché si adotta nella storia il punto di vista del personaggio principale, un idealista fino al paradosso, incarnazione del John Doe di capriana memoria, onesto fino al midollo, disposto a lottare per i propri ideali e comunque innamorato della sua grande e liberale nazione.

Accanto a Peck, protagonista femminile è Dorothy McGuire, attrice già nota, celebrata poi negli anni Cinquanta in "Scandalo al sole". Il suo ruolo è in linea con l'idea della donna dell'epoca, lei è la classica signorina bene dalle idee preconcette che finisce per questo con lo scontrarsi con il suo indomito fidanzato Peck. Attrice ineccepibile, la McGuire sfoggia una delle sue migliori interpretazioni tanto da meritare la candidatura all'Oscar. Altri validi interpreti: Celeste Holm, disincantata collega di Peck e John Garfield, faccia scolpita nella pietra, nel ruolo minore dell'amico ebreo del protagonista. A Garfield va data una menzione speciale perché malgrado il ruolo secondario e la recitazione distaccata, riesce comunque a catturare l'attenzione dello spettatore e a comunicare il disagio vissuto dagli ebrei a causa della cattiva luce con cui erano visti in molti ambienti.

La pellicola rivista oggi è sicuramente valida per chi si diletta di storia del cinema, ma per i gusti dello spettatore moderno è assolutamente retrò, soprattutto (per quanto riguarda la versione italiana) nel doppiaggio troppo forbito e distante anni luce dai gusti attuali. L'altro limite del film sta nell'aver affrontato la tematica, sicuramente delicata e influenzata dal recente olocausto consumatosi in Europa (non dimentichiamo che il film è uscito nell'immediato dopoguerra) con superficialità e poco approfondimento. Il problema della discriminazione è vissuto sulla pelle dei protagonisti, ma non riesce a creare un forte impatto in chi guarda, rimanendo così un film "medio", allineato con la Hollywood del tempo.
Da guardare senza crearsi grosse aspettative.

Commenta la recensione di BARRIERA INVISIBILE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 20/06/2011 15.38.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

about endlessnessafter 2after midnight (2019)alessandra - un grande amore e niente piu'alpsantebellumbalto e togo - la leggendabombshell - la voce dello scandaloburraco fatalecambio tutto!charlie's angels (2019)cosa resta della rivoluzionecreators: the pastcrescendo - #makemusicnotwarda 5 bloods - come fratellidivorzio a las vegaseasy living - la vita facileel practicanteemaendlessenola holmesfamosafellini degli spiritigenesis 2.0ghostbusters: legacygreenlandgreyhound: il nemico invisibileguida romantica a posti perdutihoneyland
 NEW
i predatoriil caso pantani - l'omicidio di un campioneil condominio inclinatoil giorno sbagliatoil meglio deve ancora venireil primo annoil principe dimenticatoil processo ai chicago 7il re di staten islandimprevisti digitalijack in the boxla piazza della mia citta' - bologna e lo stato socialela prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala vacanza (2020)
 NEW
la vita straordinaria di david copperfieldlaccil'anno che verràlasciami andarele sorelle macalusolockdown all'italianal'uomo delfinomai per sempremaledetto modigliani
 NEW
mi chiamo francesco tottimiss marxmister linkmolecolemorbius
 NEW
murdershownel nome della terra
 NEW
nomad: in cammino con bruce chatwinnon conosci papichanotturnoonward - oltre la magiaoutbackpadrenostro
 NEW
palazzo di giustizia
 NEW
palm springs - vivi come se non ci fosse un domanipaolo conte, via con meparadise - una nuova vitaparadise hillsproject powerqua la zampa 2 - un amico e' per semprequattro viterosa pietra stellaroubaix, una lucerun sweetheart runsemina il ventosola al mio matrimoniostar lightstay still
 NEW
sul piu' bello
 HOT
tenetthe book of visionthe gentlementhe new mutantsthe old guardthe secret - le verita' nascoste
 NEW
trash - la leggenda della piramide magicatutto il mondo e' paleseun divano a tunisiun lungo viaggio nella notte
 NEW
una classe per i ribelliuna intima convinzioneuna notte al louvre: leonardo da vinciundine - un amore per semprevivariumvulnerabiliwaiting for the barbarianswaves

1009465 commenti su 44247 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net