Recensione diari regia di Attilio Azzola Italia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione diari (2008)

Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DIARI

Immagine tratta dal film DIARI

Immagine tratta dal film DIARI

Immagine tratta dal film DIARI

Immagine tratta dal film DIARI
 

I migliori anni della nostra vita.

"Diari" affronta con originalità un tema che in Italia è stato affrontato sporadicamente e che non ha mai dato vita a un vero e proprio filone. Il cinema, qui da noi, ha spesso raccontato il mondo scolastico e adolescenziale prendendolo a spunto per la comicità pecoreccia delle commedie scollacciate Anni '80, e talvolta con risultati peggiori, attraverso il prisma di una critica sociale moralistica e politicizzata: tra i registi che hanno fatto eccezione, oltre a Lina Wertmuller e Daniele Luchetti, ricordiamo Nanni Moretti in "Bianca", anche se la caricaturale (e preveggente) ricostruzione ambientale di un istituto scolastico è in gran parte funzionale alla figura del protagonista.

"Cahiers", diari appunto, di Attilio Azzola si inserisce piuttosto nella tradizione classica del cinema francese che, da Jean Vigo in avanti, al filone adolescenziale ha dedicato attenzioni particolarmente sincere; l'approccio stilistico del regista milanese infatti ricorda quello di maestri d'oltralpe come Truffaut (e più recentemente Abdel Kechiche con "La schivata") che hanno saputo dare al loro cinema giovanilistico, una ineffabile, poderosa leggerezza. Ed è proprio questa apparente lievità dei toni, misurata da un equilibrio che non fa mai trascendere i sentimenti in sentimentalismo, che il film riesce a commuovere e divertire, senza cadute di stile o furbizie di sorta.

Le tre storie di Eleonora, Alì e Michele si intrecciano con una originale struttura narrativa che riunisce nel terzo "atto" i due precedenti e che dà al film una forte unità "circolare", un po' come ne "Il cerchio" di Panahi.
Nel primo episodio, "Storia di Leo", la protagonista si riavvicina al padre che l'aveva abbandonata da piccola. Frequentando un corso di recitazione, tenuto proprio dall'inconsapevole genitore, si sfoga apertamente e senza filtri e liberandosi del suo peso recupera almeno in parte il rapporto.
Nel secondo Alì è un giovane tunisino appassionato di manga che si innamora di una compagna di scuola. La seduce con chat anonime e la incontra in un giardino - o piuttosto un labirinto simbolico - che sembra incantato (azzeccata la irreale luminosità dei verdi) ma che tale non è, proprio come l'età di mezzo fra infanzia e maturità.
Il terzo racconta l'amore perduto di Michele Mancia, un anziano ed elegante professore, tenero e commovente ruolo che ricorda, in forma più poetica, le migliori interpretazioni di Fernando Rey nei panni degli ossessivi personaggi di Luis Bunuel.
Tre storie che ci parlano di un mondo a parte dove assenze affettive e presenze familiari troppo ingombranti sono all'origine di insicurezze e incompatibilità generazionali e in cui le relazioni fra genitori e figli, amici e amanti, sono affidate a mezzi sostitutivi al semplice utilizzo diretto della parola. Tutti i personaggi cercano di aggirare la comunicazione diretta, con l'eccezione di Leo, e perfino il vecchio professore, che continua a pagare da decenni la sua esitazione nel dichiararsi, insiste ad affidarsi a lettere che non saranno mai lette dalla sua amata Maria.

"Raccontato" con movimenti di macchina discreti e personali, senza inutili sperimentazioni che in questo caso sarebbero risultate inappropriate, "Diari" fa venire in mente i dettami dei pionieri dei Cahiers du cinema sulla "camera stylo" che doveva muoversi come una penna stilografica in mano al regista (per Bazin il cinema era "linguaggio della realtà" ed espressione diretta dell'Autore) e, anche in questo caso, equilibrio e leggerezza la fanno da padrone, in totale coerenza con la poetica del film. Gli attori non professionisti (ennesima norma teorizzata dai Cahiers), ma di certo dal comportamento in scena altamente professionale, si prestano perfettamente a questo gioco di pedinamento e si rivelano pertinenti e credibili, proprio come sceneggiatura e fotografia che aggiungono spessore all'opera prima di Azzola e del suo giovane gruppo di lavoro.

Premiato a Cannes 2008 nella categoria Ecrans Juniors, in cui una giuria composta da giovani appassionati seleziona i migliori film che trattino storie adolescenziali, nell'anno della Palma d'Oro assegnata al francese "Entre les mures", che tratta un tema riconducibile al nostro "Diari", e dei premi a Garrone e Sorrentino, il valore di questo riconoscimento si carica di ulteriore significato per il nostro cinema, finalmente in grado di perseguire strade nuove e, come in questo caso, molto promettenti per gli anni a venire.

Commenta la recensione di DIARI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di fabrizio dividi - aggiornata al 11/06/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
doll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1000788 commenti su 43091 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net