Recensione drag me to hell regia di Sam Raimi USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione drag me to hell (2009)

Voto Visitatori:   6,78 / 10 (342 voti)6,78Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DRAG ME TO HELL

Immagine tratta dal film DRAG ME TO HELL

Immagine tratta dal film DRAG ME TO HELL

Immagine tratta dal film DRAG ME TO HELL

Immagine tratta dal film DRAG ME TO HELL

Immagine tratta dal film DRAG ME TO HELL
 

In quel di Los Angeles, Christine Brown spera di ottenere una promozione presso la banca in cui lavora. Il suo capo sembra però preferirle Stu, un collega meno talentuoso ma più inflessibile con i clienti che si presentano a richiedere prestiti o a negoziare mutui. La donna, determinata a mostrarsi all'altezza, rifiuta una dilazione del mutuo all'anziana signora Ganush, nonostante quest'ultima la supplichi in ginocchio di non farle perdere la casa. Al suo rifiuto, la vecchia le indirizza una potente maledizione, e Christine avrà solo tre giorni di tempo per sottrarsi alla Lamia, un demone che la perseguiterà senza posa per sprofondarla nelle fiamme dell'inferno.

Prodotto dalla Ghost House di Sam Raimi, che in questi anni ha sfornato opere ben poco memorabili tranne, forse, "30 giorni di buio", e diretto dallo stesso regista statunitense, "Drag Me to Hell" è un divertito ritorno alle origini nonché una corroborante vacanza dalle produzioni a grosso budget alla Spiderman. Dalla trilogia di "The Evil Dead", Raimi mutua il medesimo, irresistibile mix di horror e commedia slapstick, mentre la logica è quella dei fumetti della EC Comics e di testate come "Tales from the Crypt" o "Vault of Horror", contro cui si accanivano i censori americani negli anni '50. Come prevedibile, non mancano omaggi e citazioni per insaporire il sulfureo calderone: Raimi tira in ballo nientemeno che Jacques Tourneur e il suo classico "La Notte del Demonio" (tratto da M.R.James), mentre il fratello Ivan, autore della sceneggiatura, innerva la trama di suggestioni kinghiane ("L'Occhio del Male"), anche se l'ilare cavalcata in odore di autocompiacimento nasconde un apologo sull'avidità che ha il sapore acre di alcuni nerissimi racconti del "cinico" Ambrose Bierce.

L'intelaiatura dell'horror tradizionale e meno deviante, come si sa, è assimilabile a quella di un "morality play" di stampo medievale, in cui, alla fine, tutte le trasgressioni vengono punite e l'ordine ripristinato, senza tralasciare un qualche tipo di ammonimento di ordine morale. In tempi di recessione globale e crisi dei mutui, la protagonista Christine Brown rinuncia ai propri principi, vende l'anima al diavolo per migliorare il proprio status lavorativo e per acquisire una posizione sociale che la metta alla pari con quella del vacuo fidanzato Clay, senza arretrare davanti a nulla pur di liberarsi dell'importuna maledizione. E per questo deve essere punita, attraversando una vera e propria Via Crucis per raggiungere la salvezza, senza contare che i risultati di tanta abnegazione resteranno incerti fino all'ultimissimo fotogramma, come nella migliore tradizione del genere.

Il tono è quello baracconesco, da Circo Barnum dell'Oltretomba, a cui Raimi ci ha abituato, tra geyser di fluidi necrotici di varia provenienza, dentiere volanti, posseduti che fluttuano a mezz'aria eruttando sangue, tombe scoperchiate in cimiteri alla Ed Wood e improbabili esorcismi. "Drag Me to Hell" si trastulla con letizia e sfacciataggine con arcinoti stereotipi, necessari ingranaggi senza i quali la storia non potrebbe funzionare. Così la signora Ganush è una decrepita megera che proviene dall'Europa dell'Est (come negli horror targati Universal degli anni '30), l'esperto di esoterismo è un cartomante indiano, le malevole apparizioni sono inevitabilmente accompagnate da un tonitruante commento musicale, e via discorrendo.
Come sempre accade nel cinema americano, non mancano grossolane imprecisioni e cialtronaggini, visto che la Lamia, anche senza scomodare John Keats, non è un demone cornuto bensì, secondo la mitologia classica, una creatura femminile dal corpo di serpente che seduce gli uomini per poi berne il sangue.

Alison Lohman, nonostante la prima scelta di Raimi fosse Ellen Page, se la cava egregiamente nei panni dell'antipaticissima eroina, ma la vera star del film è Lorna Raver che, nelle vesti della signora Ganush, dona nuove e inaspettate sfumature all'aggettivo "repellente".

Il film farà senz'altro felici i nostalgici del vecchio Raimi, che sfodera con ludica verve ed energia tutti i trucchi del suo collaudato campionario da prestigiatore, ma susciterà un sostanziale senso di déjà-vu in tutti gli altri, che magari si aspetterebbero qualcosa di differente dal compiaciuto attardarsi in territori già abbondantemente esplorati.

Commenta la recensione di DRAG ME TO HELL sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Nicola Picchi - aggiornata al 05/06/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
doll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1000798 commenti su 43091 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net