Recensione erin brockovich regia di Steven Soderbergh USA 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione erin brockovich (2000)

Voto Visitatori:   7,43 / 10 (114 voti)7,43Grafico
Miglior attrice protagonista (Julia Roberts)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior attrice protagonista (Julia Roberts)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ERIN BROCKOVICH

Immagine tratta dal film ERIN BROCKOVICH

Immagine tratta dal film ERIN BROCKOVICH

Immagine tratta dal film ERIN BROCKOVICH

Immagine tratta dal film ERIN BROCKOVICH

Immagine tratta dal film ERIN BROCKOVICH
 

La giovane segretaria di uno studio legale, madre di tre figli ed ex cameriera, scopre che un colosso americano della chimica inquina le falde acquifere di una regione, provocando il cancro nella popolazione. Con l'aiuto dell'avvocato presso il cui studio presta servizio, vincerà una difficile e pericolosa causa in favore dei malati.

Julia Roberts è donna dallo strano fascino; non particolarmente bella, appena graziosa con la sua bocca smisurata, ed un po' allampanata, ha comunque un potere seduttivo che la porta ad essere l'attrice più pagata del mondo. Successo che, poi, non è certo legato alla qualità dei suoi film, quanto forse alla soavità dei temi trattati, alla piacevolezza delle commediole leggere, che fanno sognare ed evadere il pubblico medio, sovente oberato da problemi reali; un po' alla Frank Capra, se è lecito il paragone.
E' stata dunque una sorpresa trovarla nel film di Soderbergh, in cui incarna un personaggio di donna provata da una vita difficile, in competizione col mondo, con tre figli a carico e senza lavoro; obbligata a lottare per un posto di lavoro al di sopra delle sue competenze non solo per sbarcare il lunario, ma almeno per ottenerne gratificazioni personali, autostima e riconoscimento pubblico (mancatole come cameriera, ma pure come moglie e madre).
Lottando con ostinazione e caparbietà per una causa morale superiore, riesce dunque ad affrancarsi dal suo retaggio, convincendo delle sue qualità prima il datore di lavoro, quindi tutti i colleghi, inizialmente ostili, ed infine il suo l'uomo, fino a un certo punto relegato nel ruolo di "mammo", a badare ad i figli di lei.

In questa inversione di ruoli sta una sfumatura profonda del film, trascurata finora dalla critica di fronte al messaggio primario, di natura etica, sociale ed ambientale.
Il soggetto, non a caso scritto da una donna, evidenzia una volontà subliminale della protagonista di cavalcare il destriero della carriera a tutti i costi con la determinazione e la caparbietà propria degli uomini, che per questo trascurano la famiglia, i figli e le mogli, lasciandole a casa a rigovernare e proteggere il focolare ed arrivando infine a stufarle ed a farsi abbandonare, come fa il "mammo" hippy, fino a che il successo economico garantito alla famiglia non ricostruisca un equilibrio duraturo.
In tal senso un film femminista, credibile in un contesto matriarcale come quello degli States; ma pure da noi, in tempi in cui si devono fare i conti con la emancipazione femminile e il ruolo obbligato delle madri single.

Precipuo resta comunque il tema di fondo della coraggiosa lotta della giovane Erin Brockovich (e si tratta di una storia vera) contro l'industria inquinante che avvelena le acque del territorio; emblematica, ma pure attualissima, come l'esempio dell'attuale situazione dello smaltimeno dei rifiuti a Napoli sta a dimostrare (in cui però i colpevoli restano ad oggi drammaticamente impuniti).
Il merito del film sta nel trattare la materia con una certa sottigliezza, senza esasperazione di toni; portando la protagonista, partita per fare carriera, ad una sincera compassione umana per i malati ed a prendere coscienza dell'iniquità del sistema; a combattere non per il solo guadagno, ma per una sete di giustizia che non è propriamente yankee; per un anelito "umanistico", anziché economico e "materialistico".
Altro vanto della regia, averci risparmiato le solite scene delle cause in tribunale, limitandole al minimo; sempre col limite di una storia che parte fin dall'inizio con la certezza del lieto fine, come, purtroppo, nella vita non succede.
Pregio invece indiscutibile la recitazione dei protagonisti: una Julia Roberts sempre brillante ed effervescente ma capace di esprimere commozione e nobili sentimenti con estrema misura, assolutamente credibile nel ruolo; come pure l'avvocato Albert Finney, in una parte minore, ma che non scopriamo certo oggi come grandissimo attore.
Che sia stato lui, il famoso emulo di Laurence Olivier, il grande interprete di Tom Jones, ad ispirare la recitazione della "commercialissima" Julia?

Commenta la recensione di ERIN BROCKOVICH sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 01/07/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticato
 NEW
il re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmus
 NEW
un lungo viaggio nella notte
 NEW
una intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1006927 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net