Recensione fargo regia di Joel Coen, Ethan Coen USA, Gran Bretagna 1996
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione fargo (1996)

Voto Visitatori:   7,84 / 10 (234 voti)7,84Grafico
Miglior attrice protagonista (Frances McDormand)Migliore sceneggiatura originale
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior attrice protagonista (Frances McDormand), Migliore sceneggiatura originale
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film FARGO

Immagine tratta dal film FARGO

Immagine tratta dal film FARGO

Immagine tratta dal film FARGO

Immagine tratta dal film FARGO
 

La provincia americana. È questo ciò che ci vogliono raccontare i fratelli Joel e Ethan Coen in "Fargo". La famosa e malsana provincia americana, lontana dalle grandi, celebrate e multietniche metropoli che vediamo tutti i giorni in televisione.
Nella tranquilla, sconosciuta e innevata cittadina del North Dakota che dà il nome alla pellicola, invece, si consumano crimini efferati e si tramano piani diabolici. Il film, ispirato a un fatto di cronaca realmente accaduto, narra del rapimento di una donna architettato dal marito per poter chiedere un lauto riscatto al ricco suocero. Rapimento che però non andrà per il verso giusto.

La trama è abbastanza semplice ma la storia serve solo come sfondo e come pretesto alla rappresentazione del male, incarnato in questo caso dall'attore William H. Macy che interpreta Jerry, protagonista e mente del piano. Un male che si presenta sotto le spoglie dell'uomo della porta accanto, in apparenza marito perfetto e padre ideale , dalla faccia per bene e dall'onesta rispettabilità, in realtà mosso solamente dalle sete di dollari che lo porta ad architettare trame che avranno conseguenze tragiche.
Ma l'ambiguità di questo piano non sfuggirà alle ligie forze dell'ordine incarnate qui dalla poliziotta incinta Marge, interpretata dall'attrice Frances McDormand.

"Fargo" ha uno stile distante, con la macchina da presa che narra la storia come potrebbe farlo un osservatore, volutamente freddo come il freddo Minnesota in cui si svolge l'azione. Ed è proprio il paesaggio il protagonista della storia, un paesaggio drammatico e oppressivo, com'è la vita in quelle lande, con tutti gli effetti che la luce e quel tipo di paesaggio producono sulla psicologia della persona.
Il film, per rendere bene questa sensazione opprimente di desolazione, fu girato tutto in giornate grigie in cui non doveva essere percepibile la differenza tra la terra coperta di neve e il cielo. Il direttore della fotografia Roger Deakins - che vinse l'Oscar per quest'opera - ci testimonia che i Coen avevano in mente un tono molto realistico e antispettacolare e volevano dare a Fargo la luce tipica dei documentari, per fare ciò si fece ricorso, come dimostra la prima ripresa, a lunghe carrellate con il dolly a quindici o venti metri da terra e a lenti lunghe.
Persino le scene notturne furono filmate senza l'illuminazione di luci artificiali, mentre il resto fu girato il più possibile in interni reali con la luce naturale che filtrava attraverso le finestre, senza ricostruzioni.

In questo velo bianco, che avvolge il tutto in un falso candore e in una falsa pace apparente, si disegnano immagini memorabili, quali la ripresa alta, da sopra le teste, di Jerry Lundegaard, il marito che ha fatto rapire la moglie, che cammina a capo chino verso la propria vettura nel parcheggio innevato. Le inquadrature sono spoglie e quasi sempre vuote, oppure occupate da uno o al massimo due personaggi e lo sguardo della macchina da presa è fisso e gelato come i protagonisti della pellicola.
Il tutto si svolge sotto l'occhio della macchina da presa dei fratelli Coen, come di consueto formalmente perfetto, che disegnano immagini e inquadrature memorabili con una particolarità, però, che non si può non sottolineare.

I due cineasti di Minneapolis hanno volutamente dato a tutta la pellicola uno sguardo quasi distaccato, in modo da riprodurre l'orrore che si può celare sotto una spessa coltre di neve di una tranquilla e anonima provincia americana. Un orrore che i Coen scelgono di riprodurre in maniera fredda e neutra, non lasciandosi andare a scontati giudizi morali ma condendo il film con il loro proverbiale humour nero e cinismo. Forse a sottolineare e a farci riflettere sulla banalità e quotidianità del male, un male che spesso si cela sotto la bianca, candida e soffice neve, metafora dell'apparente calma perbenista.

Commenta la recensione di FARGO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Lakshman - aggiornata al 10/11/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
ghostbusters: legacygli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006240 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net