Recensione giu' la testa regia di Sergio Leone Italia 1971
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione giu' la testa (1971)

Voto Visitatori:   8,54 / 10 (128 voti)8,54Grafico
Migliore regista (Sergio Leone)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Migliore regista (Sergio Leone)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film GIU' LA TESTA

Immagine tratta dal film GIU' LA TESTA

Immagine tratta dal film GIU' LA TESTA

Immagine tratta dal film GIU' LA TESTA

Immagine tratta dal film GIU' LA TESTA
 

Film del 1971, uscito quindi in un periodo particolarmente "caldo" dal punto di vista politico-sociale, "Giù la testa" chiude l'epopea western di Sergio Leone, anche se definire questa pellicola un film western è forse una forzatura. Si suole inserire la pellicola nella cosiddetta trilogia del tempo, che comprende "C'era una volta il west" del 1968 e il successivo "C'era una volta in America" del 1984.

Esistono degli elementi di base propri del genere: il bandito, una diligenza, un progetto di rapina in banca, ma in effetti l'azione spostata in Messico nei primi anni del XX secolo (all'epoca di una rivoluzione non ben precisata) differenziano il film dagli altri del filone. Usciamo quindi dall'epopea del western di frontiera con la contrapposizione bene-male, contraddistinta da bandito e tutore dell'ordine o cattivo e meno cattivo, e ci spostiamo anche sul piano temporale dalla fine dell'ottocento al XX secolo.
Con ogni probabilità, dalle frasi pronunciate dai protagonisti l'azione temporale è collocata all'epoca della rivoluzione messicana del 1916 quando, a seguito dell'assassinio di Madera da parte di Huerta,Pancho Villa e Emiliano Zapata, veniva alimentata la guerilla per tentare di assassinare il nuovo dittatore.

In "Giù la testa" ci sono molti elementi simbolici che ne fanno un'opera un po' più ambiziosa, con allusioni più o meno velate alla politica; la frase di Mao a inizio film: "La Rivoluzione non è un pranzo di gala, non è una festa letteraria, non è un disegno o un ricamo, non si può fare con tanta eleganza, con tanta serenità e delicatezza, con tanta grazia e cortesia. La Rivoluzione è un atto di violenza." ne è un esempio.
La Rivoluzione, la sinistra al potere, fanno pensare a Leone di realizzare una storia atipica che nasconde un messaggio sotto le mentite spoglie di un film di genere popolare.

Di questo film si è detto tutto e il contrario di tutto: molti sostengono che non fu amato da Leone e che la scelta di Rod Steiger come protagonista fu imposta più che voluta. Comunque l'attore americano (tra l'altro splendidamente doppiato dal grande Carletto Romano) non sfigura affatto nel ruolo del peone e bandito da strapazzo messicano Juan Miranda sia come physique du rôle (aspetto tarchiato tipico del contadino) sia per il modo di fare: comportamento un po' rozzo ma capace di slanci che lo riscattano ampiamente fino alla conclusione del film.
Steiger si fa notare anche per il particolare modo di dire "ok" in varie scene del film e per un celebre gesto con le mani eseguito mentre osserva la banca di Mesa Verde.

Altro coprotagonista, che prende il posto dello "sguardo di ghiaccio" Clint Eastwood, lanciato proprio da Leone quasi dieci anni prima, è James Coburn nel ruolo del rivoluzionario irlandese John Mallory detto Sean. I duetti con Steiger, soprattutto a inizio film, sono memorabili: Coburn è il contraltare di Steiger, la sua coscienza, e di questo lo spettatore si rende conto sequenza dopo sequenza.
Se risulta facile intuire il pensiero del personaggio interpretato da Steiger fin dall'inizio, tutto teso ad impadronirsi del denaro del famoso Banco de Mesa Verde, il ruolo di Sean è più enigmatico: di lui si intravedono sequenze della vita passata grazie all'uso frequente del flashback accompagnato dalla bellissima colonna sonora di Ennio Morricone. E' stato membro dell'IRA, è stato tradito da un amico, tale Sean Nolan, rivoluzionario anch'egli e al quale Morricone dedica la sua bellissima colonna sonora, probabilmente una delle più significative tra quelle scritte per i film di Leone.

Il rapporto Miranda/Mallory è un rapporto di amicizia virile i cui esempi partono dalla letteratura classica (si pensi a Eurialo e Niso nell'Eneide). Inizialmente ostili, tra l'altro diversi per temperamento, cultura e anche aspetto, accomunati però da un senso di sfiducia verso il cambiamento che può rappresentare una Rivoluzione, i due entrano in simbiosi e contribuiscono a migliorarsi in maniera definitiva: il bandito Miranda si rialza dalla polvere per impadronirsi di un'idea, Mallory recupererà il senso dell'amicizia fedele che ormai gli era estraneo.

Personaggio secondario ma non per questo inferiore è quello del dottor Villega, interpretato dallo scomparso grande attore italiano Romolo Valli. La sua maschera malinconica buca lo schermo, il suo modo di fare da borghese piccolo piccolo lo accomuna a tanti.
Villega è un rivoluzionario che, piegato dalle torture (scena tra l'altro tagliata dalla pellicola distribuita per il mercato italiano), cede e tradisce. Si riscatta alla fine morendo da eroe, ma vuole simboleggiare quanto sia difficile "morire per delle idee", come diceva il poeta e chansonnier francese Georges Brassens.

La scena del rastrellamento dei rivoluzionari, alla quale assistono non visti Mallory e Miranda, ricorda i rastrellamenti di ebrei e popolazione inerme proprie della dittatura nazista, a dimostrazione di quanto tutte le dittature siano simili per modi e atteggiamenti anche a distanza di anni e di latitudini.
Tra i tanti dialoghi tra Miranda e Sean è degno di nota quello sulla rivoluzione che a detta di Miranda finisce sempre col danneggiare i più poveri, da tutti umiliati e offesi. Miranda saprà però ricredersi. La rivoluzione anche se da lui inizialmente solo subita lo cambierà comunque quando i suoi figli moriranno.

La differenza sociale tra ricchi e poveri è un altro elemento della storia: ai ricchi interessa solo mangiare e vestirsi bene (come spiega il regista nelle sue inquadrature, ed è da notare come anche il sacerdote è tra i ricchi passeggeri della diligenza che dopo aver sbeffeggiato Miranda sono rapinati da questi nella sequenza iniziale del film). I ricchi sono superbi e superficiali, i poveri invece si limitano alla carnalità, abbrutiti dalla quotidiana lotta per non soccombere.
Altro elemento simbolico la banca, oggetto del deisderio di Miranda: luogo fantastico tutto ricoperto d'oro che poi, a causa della rivoluzione, si trasforma in campo di concentramento proprio dei poveri abitanti del paese.

Il titolo del film ha subito molte variazioni nelle nazioni di distribuzione: in Italia avrebbe dovuto chiamarsi per esteso "Giù la testa, coglione!" ma la proposta venne censurata; in Francia invece assunse il titolo di "C'era una volta la Rivoluzione", in assonanza con la pellicola del 1968 e più in linea con la trilogia pensata dal regista, mentre nei paesi di lingua inglese venne distribuito con titolo "Per un pugno di dinamite" ("A fistful of dynamite") in assomanza con la nota pellicola "Per un pugno di dollari".

In conclusione, volendo usare una frase del poeta inglese John Milton, i vari elementi della pellicola fanno forse di "Giù la testa" un figlio minore ma non per questo meno amato, soprattutto a giudicare dal successo che lo vede anche a distanza di quarant'anni come uno dei migliori film del genere.

Commenta la recensione di GIU' LA TESTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 04/02/2011 12.33.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
cult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraisofantastic machinefederer: gli ultimi dodici giorni
 NEW
fly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortali
 NEW
gli indesiderabili (2023)
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfalla
 NEW
il mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
longlegsmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello mio
 NEW
matrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablanca
 NEW
non riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshana
 NEW
shukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissement
 NEW
the strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurroun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052234 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net