Recensione happiness regia di Todd Solondz USA 1998
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione happiness (1998)

Voto Visitatori:   7,57 / 10 (56 voti)7,57Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film HAPPINESS

Immagine tratta dal film HAPPINESS

Immagine tratta dal film HAPPINESS

Immagine tratta dal film HAPPINESS

Immagine tratta dal film HAPPINESS

Immagine tratta dal film HAPPINESS
 

Nel 1960 ebbe un grande successo un filmetto della produzione Disney, dal titolo "Il segreto di Pollyanna", che racconta di un'orfanella costretta a vivere presso una severa zia in un paesino segnato dall'egoismo, dal risentimento e dalla reciproca inimicizia. Il segreto della ragazzina è la felicità: come essere e come rendere felici, usando moine, sorrisetti e buon umore.
Persino quando rimane paralizzata a causa di un incidente, Pollyanna continua ad irradiare ottimismo e buon umore.
Certo è difficile capire come la storiella mielosa di Pollyanna possa avere avuto un così vasto consenso di pubblico, se non considerando l'innato bisogno delle persone di credere nell'esistenza di una ricetta per la felicità.
Per contro, accanto al nostro inestinguibile bisogno di favola, occorre registrare un opposto e assai diffuso atteggiamento filosofico-esistenziale, vagamente cinico che tende a svalutare persino il desiderio di una ipotetica felicità, tacciandolo di egoismo, superficialità o sciocco infantilismo. Un festival del nichilismo, tendente a trasformare in virtù la nostra incapacità di stare bene con noi stessi e gli altri. In poche parole, vorremmo essere felici e non riusciamo neppure ad essere sereni: non vogliamo ammettere che il fallimento dipende, in gran parte, dalle nostre incapacità.

Emblematico, in tal senso, "Happiness", ideologicamente lontano da Pollyanna ben più dei quaranta anni che separano le due pellicole, ma perfetto nella sua antitesi.
I personaggi di Happiness non sono affatto edificanti: una coppia di genitori estenuati da quarant'anni di finta armonia coniugale, tre figlie con storie tragiche e banali. Una di queste è sposata al peggiore psicoanalista della storia del cinema, pedofilo e innamorato degli amichetti del figlio.
Intorno a loro ruotano un piccolo popolo di onanisti coatti, molestatori telefonici, ladri, assassini; tutti invischiati in modo caparbio e fallimentare in quella ricerca della felicità che è considerata un diritto costituzionale da ogni bravo cittadino americano.

Il film è l'opera seconda dell'interessante Todd Solondz, sceneggiatore e regista cresciuto in quella provincia del New Jersey che ci descrive con tanta pacata efferatezza. La messa in scena è neutrale, con scene brevi e primi piani, spesso a macchina fissa.
L'autore non lascia trasparire alcuna considerazione soggettiva sui personaggi della storia, né di condanna, né di pietà, riportando in maniera cronachistica gli eventi e facendo avvenire gli episodi più crudi (bontà sua) fuori inquadratura.
In una sorta di Rohmer alla rovescia, assistiamo a drammi senza affetti, tragedie fredde e minimali, che si snodano in un horror da camera.
Il film appare disturbante e questo sembra essere l'intento di Solondz, egli ci induce il fondato sospetto che tutto quella miseria morale in fondo ci riguardi.

E in effetti ci riguarda l'ostinata pigrizia affettiva che si nasconde dietro le varie incapacità delle persone a non rimanere da sole, nei loro squallidi monolocali. Ci riguarda la perdita di un codice etico e morale che tende a far coincidere l'essere con l'apparire, il reale col virtuale. Soprattutto ci riguarda il più grande equivoco della nostra epoca: l'espressione della sessualità come affermazione della propria identità.
Il sesso, inteso come mero atto sessuale, è solo una fuga eccitatoria e non può essere lo strumento principe per la inutile ricerca della felicità terrena.

Commenta la recensione di HAPPINESS sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di maremare - aggiornata al 04/04/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticato
 NEW
il re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmus
 NEW
un lungo viaggio nella notte
 NEW
una intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1006933 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net