Recensione il decameron regia di Pier Paolo Pasolini Francia, Italia, Germania 1971
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il decameron (1971)

Voto Visitatori:   7,32 / 10 (38 voti)7,32Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL DECAMERON

Immagine tratta dal film IL DECAMERON

Immagine tratta dal film IL DECAMERON

Immagine tratta dal film IL DECAMERON

Immagine tratta dal film IL DECAMERON

Immagine tratta dal film IL DECAMERON
 

Primo film della cosiddetta "Trilogia della vita" a cui seguiranno i "Racconti di Canterbury" e "Il fiore delle Mille e una notte", "Il Decameron" tratto dall'omonima opera di Giovanni Boccaccio e uscito sugli schermi italiani nel 1971, vuole celebrare il trionfo della gioiosità della vita inteso come trionfo della sessualità.
Il regista sceglie nove tra i svariati racconti presentati da Boccaccio nella sua opera e predilige quelli in cui si esalta la licenziosità sia pur giocosa, vittoriosa sul buio del Medioevo e sugli altri poteri che imperavano in quell'epoca oscura. Accanto ai nove racconti ci sono due episodi "guida" destinati a fare da fil rouge: quello di ser Ciappelletto vissuto da pessimo uomo in vita e reputato santo da morto e quello autobiografico del pittore allievo di Giotto interpretato dallo stesso regista abbigliato come il Vulcano del Vélasquez, ma anche (per la sua fascia bianca che gli stringe la testa) come un guerriero giapponese. Il regista, a guisa dell'artista che interpreta, ammira la sua opera e le immagini che scorrono via via per concludere con il suo pensiero sui rapporti tra la vita, l'arte ed il sogno (richiamo, tra gli altri, ai drammaturghi Calderon de la Barca e William Shakespeare).

Come di consueto nei film girati da Pasolini, gran parte degli interpreti sono presi dalla strada e mostrano nel loro aspetto esteriore quanto la vita abbia influito sui loro volti imperfetti; siano essi giovani o anziani, caratterizzati da dentature sgangherate, sguardo alle volte anche "incattivito" come in alcuni fanciulli e il regista sottolinea maggiormente questa sua scelta con gli innumerevoli primi piani sui suoi personaggi.
Accanto agli attori non professionisti, ci sono anche due interpreti che hanno da sempre collaborato con Pasolini: Ninetto Davoli, protagonista della prima novella nel ruolo di Andreuccio da Perugia, caratteristica la sua parlata lenta e smozzicata e il recentemente scomparso Franco Citti, nel ruolo di ser Ciappelletto, a cui si confà il suo viso duro e scavato a dispetto dell'ancor giovane età dell'attore all'epoca delle riprese. Nel ruolo di Peronella, furba moglie fedifraga, c'è una irriconoscibile Angela Luce, sanguigna interprete napoletana.

Molti caratteristi scelti da Pasolini appartengono infatti alla scuola teatrale napoletana, perché il regista, a dispetto del toscano usato dal Boccaccio e a dispetto del fatto che le storie narrate sono ambientate in tutta l'Italia e quindi presuppongono l'uso dei vari dialetti parlati nella penisola, sceglie di ambientare le vicende a Napoli e di far parlare agli interpreti il dialetto napoletano, perché a sua detta si tratta di una lingua "carnale", aggressiva, non intaccata dal tempo come invece poteva essere il toscano all'epoca delle riprese della pellicola. Il napoletano inoltre, sottolinea maggiormente il senso di amore per la vita e per i suoi piaceri che il regista/poeta voleva dare al film.
Nel corso della pellicola, anche per la licenziosità delle novelle scelte, ci sono molte scene di nudo integrale anche maschile sulle quali il regista si sofferma, senza comunque un compiacimento pornografico. Per l'occhio disincantato dello spettatore di oggi il nudo del film pasoliniano è da educande, ma nell'Italia dei primi anni Settanta, in bilico tra la rivoluzione socio-culturale iniziata già da qualche anno prima e l'attaccamento alle tradizioni di matrice cattolico-conservatrice, tale esposizione di nudità ha suscitato un certo scalpore, tanto da far piovere sul regista più di una denuncia per offesa al comune senso del pudore. Denunce poi rientrate tanto da procurare al film dei premi, primo fra tutti al festival del cinema di Berlino.

Per i puristi del cinema pasoliniano la pellicola in questione non sembra essere di prima grandezza e per gli estimatori del Boccaccio certe scelte del regista (quella dell'uso del dialetto partenopeo tra tutte) possono far storcere il naso, ma in definitiva il film, grazie anche all'ottima scenografia realizzata da Dante Ferretti e alle buone prove offerte dagli interpreti, quasi tutti un po' lenti e dalla scarsa conoscenza dei tempi recitativi, ma decisamente di buona volontà, può definirsi una valida riduzione per il grande schermo di questa nostra famosa opera letteraria.

Commenta la recensione di IL DECAMERON sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 05/04/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001349 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net