Recensione il discorso del re regia di Tom Hooper Australia, Gran Bretagna 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il discorso del re (2010)

Voto Visitatori:   7,11 / 10 (217 voti)7,11Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Miglior filmMiglior regiaMiglior attore protagonista (Colin Firth)Miglior sceneggiatura originale
VINCITORE DI 4 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista (Colin Firth), Miglior sceneggiatura originale
Miglior film dell'unione europea
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film dell'unione europea
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL DISCORSO DEL RE

Immagine tratta dal film IL DISCORSO DEL RE

Immagine tratta dal film IL DISCORSO DEL RE

Immagine tratta dal film IL DISCORSO DEL RE

Immagine tratta dal film IL DISCORSO DEL RE

Immagine tratta dal film IL DISCORSO DEL RE
 

Quanto può essere difficile guidare una nazione? Quanto, nel momento più delicato della sua storia? E se questa responsabilità cadesse su un uomo che desidera vivere lontano dalla responsabilità pubbliche? "Il discorso del Re" affronta queste domande raccontando la storia di George Frederick Ernest Albert, meglio noto come re Giorgio VI e delle vicende che porteranno alla sua salita al trono.
Vincitore di ben quattro premi Oscar nelle categorie principali (dopo ben 12 candidature), "Il discorso del Re" è tra i film maggiormente attesi dell'anno, una precisa biografia storica che riesce a delineare in modo impeccabile le dinamiche psicologiche che stanno dietro a un apparente piccolo handicap del linguaggio come quello della balbuzie.

George Frederick Ernest Albert, padre della attuale Regina Elisabetta II, nonché fratello dell'allora erede al trono Eduardo II, è un uomo apparentemente debole, vissuto in un contesto familiare caratterizzato della freddezza dei rapporti e dalla loro estrema formalità.
Il personaggio di Giorgio VI risulta lontano da quello che in genere ci si aspetta da un capo di stato; le sue grandi inibizioni e il disagio nei rapporti umani rendono qualsiasi situazione pubblica assolutamente improponibile.

Lo spunto per affrontare questa debolezza, ma anche la profonda tenacia con cui affronta i suoi fantasmi, è la vera e propria lotta che compie contro la sua balbuzie, attraverso varie cure rudimentali, fino ad arrivare a conoscere il logopedista Lionel Lougue.
Il rapporto tra i due sarà inizialmente complesso e conflittuale, ma ben presto si trasformerà in una grande amicizia che li accomunerà per il resto della vita.
La balbuzie è il punto di partenza di un'indagine che affronta in modo approfondito la psicologia di un personaggio storico di grande livello, mettendo a nudo quel profondo senso di inadeguatezza che accomuna tutti personaggi storici e non.

Da un'infanzia triste, caratterizzata da genitori lontani e da un insistente etichetta che ha sempre oppresso la sua vera personalità, si descrivono le improvvise responsabilità pubbliche di un uomo comune, che si ritrova inaspettatamente alla guida di una nazione, nel momento più delicato della sua storia.
"Il discorso de Re" fa parte di quelle pellicole di difficile valutazione, soprattutto tenendo conto delle professionalità profuse nella realizzazione di questo film.
Il regista,Tom Hopper, già conosciuto con il gradevole "Quel maledetto United" ricostruisce un opera storica in perfetto stile Britsh, con grande attenzione ai protagonisti e alla recitazione con movimenti di camera lenti e immersi in una fotografia curatissima.
Certo l'Oscar sembra essere eccessivo, visto che non c'è nessuna trovata visiva degna di nota, la regia si muove secondo tutti i cliché del genere, rigorosa nella messa in scena ma anche eccessivamente accademica e studiata, tanto da perdere di spontaneità e da far risultare il tutto eccessivamente costruito.

Ottime interpretazioni di Helena Bonan Carter e di Colin Firth ( nulla da eccepire sull'Oscar vinto) e in parte può dirsi lo stesso sulla sceneggiatura di David Seidler accuratissima nella caratterizzazione psicologica del protagonista meno in quella dei comprimari.
Nonostante tutto c'è qualcosa che manca a dimostrazione che non sempre ottimi ingredienti da soli sono in grado di creare un capolavoro.
Facilmente si cade nell'agiografia del re, che viene visto moderno e timido, un buon padre e un buon marito, sacrificando qualsiasi aderenza storica alla presentazione di un personaggio positivo ed identificabile.

L'attenzione con cui viene delineata la psicologia del protagonista è indiscutibile, così come ottima l'interpretazione di Colin Firth, eppure si manifesta qualcosa di non riuscito, soprattutto sembra venire a mancare una vera empatia tra i personaggi che incidono molto sulla immedesimazione.
Tutto è troppo schematico, soprattutto il ruolo dei comprimari che, a differenza del protagonista,sono poco caratterizzati nonostante in molti sostengano l'esatto contrario, confondendo buone interpretazioni con la buona scrittura dei personaggi che in questo caso manca.
A cominciare da un ruolo chiave come quello di Elizabeth Bowes-Lyon, Interpretato dalla eclettica Helena Bonam Carter, che non è ben delineato soprattutto nel rapporto con il marito e su come viva le dinamiche familiari. Del carisma della La Regina Madre poco ci resta e non per colpa della Bonam Carter.
Inoltre la stessa cosa si può dire in relazione al ruolo del legittimo erede al trono, il principe Edward, fratello del protagonista, interpretato dal mai entusiasmante Guy Parce, che rinuncia improvvisamente al trono per amore di una donna sposata. Elemento questo che avrebbe meritato un approfondimento maggiore e invece viene relegato ai margini nella storia, nonostante i risvolti di questo evento saranno determinanti. Discorso analogo può essere riproposto su Lyonel Hodge la cui psicologia non è assolutamente trattata così come la sua famiglia costruita sulla falsariga di uno spot della "Mulino Bianco".

Pur se si comprende la necessità di concentrare l'intero film sulla figura di un Re triste, il fatto che vengano sacrificate non solo le dinamiche storiche ma anche quelle dei personaggi di contorno, non aiuta l'immedesimazione e a tratti alcune dinamiche restano oscure oppure poco interessanti.
Perché fino a che si racconta il disagio di un uomo semplice dinanzi a grandi responsabilità, il film riesce in pieno a comunicarne il disagio e ad approfondirne i motivi, quando, invece, si vogliono affrontare tematiche come l'amicizia, la famiglia e i rapporti di coppia, tutto diventa molto schematico e poco approfondito, rendendo chiaro la mancanza di interesse per le tematiche trattate.
Non meraviglia l'enorme e prevedibile successo che "Il discorso del Re" ha ottenuto alla Notte degli Oscar, pur essendo decisamente inferiore a film come "Il Cigno Nero" o lo stesso "The Social Network", in quanto siamo al cospetto di un film di ottima fattura, estremamente convenzionale e prevedibile che aderisce in pieno al genere cinematografico che piace all'Academy.
Resta il fatto che non sono i numeri di statuette vinte a fare grande un film, ma la prova del tempo, basti vedere il percorso che hanno fatto film come "Shakspeare in Love", o "Il Paziente Inglese" che, dopo aver portato a casa un numero spropositato di statuette, sono finiti direttamente nel dimenticatoio.
Avrà lo stesso destino "Il discorso del Re"?

Commenta la recensione di IL DISCORSO DEL RE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Paolo Ferretti De Luca aka ferro84 - aggiornata al 02/03/2011 18.57.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in france
 NEW
alla corte di ruth - rgbamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
baby gang (2019)banglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggio
 NEW
di tutti i coloridicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)
 NEW
edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'
 NEW
passpartu': operazione doppiozeropet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
raccolto amarorapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfie
 NEW
serenity (2019)sharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbai
 NEW
skate kitchensoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the deepthe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
vita segreta di maria capassowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989911 commenti su 41672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net