Recensione il grido regia di Michelangelo Antonioni Italia 1957
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il grido (1957)

Voto Visitatori:   7,73 / 10 (15 voti)7,73Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL GRIDO

Immagine tratta dal film IL GRIDO

Immagine tratta dal film IL GRIDO

Immagine tratta dal film IL GRIDO

Immagine tratta dal film IL GRIDO

Immagine tratta dal film IL GRIDO
 

Punto d'arrivo nella filmografia del regista e, al contempo, imprescindibile fonte di sviluppo per temi che verranno, "Il grido" (1957) di Michelangelo Antonioni rappresenta una sintesi pressochÚ perfetta degli esordi documentaristici con le future divagazioni sull'uomo disperso in una societÓ alienante.

Poco amato in patria all'epoca, nonostante il Gran Premio della critica al X Festival di Locarno, ma acclamato all'estero (specie in Francia), il film segna una svolta verso le precedenti opere dell'autore ferrarese, portando a compimento un pensiero di inedito pessimismo nei confronti di una realtÓ umile ma ugualmente spietata.

In un entroterra padano fatto di lande desolate e di vegetazione rinsecchita, si consuma il calvario umano di Aldo (Steve Cochran), ex operaio in una raffineria di zucchero, in fuga senza meta dopo che la compagna (Alida Valli) l'ha lasciato per un altro uomo; solo con la figlioletta (Mirna Girardi), farÓ visita dapprima a una vecchia fiamma (Betsy Blair), poi cercherÓ sostegno in una benzinaia risoluta (Dorian Gray) e in una squillo sola e disperata (Lyn Shaw), ma nessuno sembra in grado di salvarlo dalla crisi intima che lo attanaglia.

Con "Il grido" Antonioni porta in scena, per la prima volta, l'incapacitÓ dell'uomo di trovare un appiglio con la realtÓ che lo circonda. Partendo da un amore giunto al termine, il regista evolve la vicenda in un dramma itinerante dal sapore neorealista (impossibile non ricondurre i ricordi al girovagare di padre e figlio in "Ladri di biciclette" di De Sica), in cui il peregrinare del protagonista si fa specchio di un malessere insanabile che sembra inchiodarlo ad una precoce sconfitta.
Il dolore interiore di Aldo, la sua irrintracciabile voglia di vivere, si trasmuta in uno scenario vastissimo e crepuscolare, un paesaggio nebuloso e straniante, afflitto da un'atmosfera pesante e da una natura arresa, spoglia; al contrario, Antonioni suggerisce una vitalitÓ insolita nelle iniziali sequenze ambientate allo zuccherificio, tra movimenti di braccia meccaniche e l'esagitazione dei personaggi in campo, come se il progresso avesse assimilato in sÚ ogni energia esterna.

La disumanitÓ del paesaggio che circonda il protagonista viene accentuata dagli incontri femminili che egli compie nel corso della storia: la prima donna, Irma, Ŕ la modernitÓ, l'insensibile scatenatrice di una irrimediabile caduta; c'Ŕ poi Elvia, la rassicurante eppur irremovibile materializzazione di un passato ormai perduto; quindi Virginia, un porto sicuro che, proprio perchÚ tale, diventa motore di insicurezza e timore; infine Andreina, emblema di una societÓ consumistica, che offre per avere sempre qualcosa in cambio.

Il film, tra i meno apprezzati del maestro, resta superbo anche a distanza di decenni, perfettamente agganciato alla sua epoca di produzione eppure universale per i concetti che riesce a veicolare e per le scelte estetiche attuate dal suo autore.
Rimangono nella memoria le interpretazioni degli attori, volti vissuti di un cinema senza tempo; inattesa l'aderenza al ruolo dello statunitense Steve Cochran, meteora del noir spentasi in fretta, che pur non si prese col regista; come sempre fatale la Valli, bellezza altera perfettamente in grado di reggere le fila di un personaggio con cui si fa fatica a simpatizzare; malinconica la prova della "malafemmina" Dorian Gray (doppiata dalla futura musa del regista, Monica Vitti), la benzinaia che sogna una vita di ordinaria normalitÓ, cosý come toccante Ŕ Betsy Blair, la bruttina vista in "Marty" di Mann.

La fenomenologia dell'essere umano vittima di sÚ e dei tempi inizia da qui, in modo preciso, disteso, viscerale; le conseguenze, soprattutto con "Il deserto rosso" con cui condivide tipi e ambienti, saranno epocali.

Commenta la recensione di IL GRIDO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di atticus - aggiornata al 06/12/2012 15.52.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phone
 NEW
the deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030484 commenti su 47846 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net