Recensione il resto della notte regia di Francesco Munzi Italia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il resto della notte (2008)

Voto Visitatori:   6,89 / 10 (9 voti)6,89Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL RESTO DELLA NOTTE

Immagine tratta dal film IL RESTO DELLA NOTTE

Immagine tratta dal film IL RESTO DELLA NOTTE

Immagine tratta dal film IL RESTO DELLA NOTTE

Immagine tratta dal film IL RESTO DELLA NOTTE

Immagine tratta dal film IL RESTO DELLA NOTTE
 

Il "resto della notte" è il momento in cui si decide del giorno, è momento per fare i conti con se stessi e con le proprie responsabilità, per riflettere sul passato e guardare fugacemente nel possibile futuro.
I protagonisti del film di Francesco Munzi, qui alla sua seconda regia, si aggirano per ambienti ostili, difficili: tutte le scene sono tagliate da muri, sono chiuse da un labirinto, insieme urbano e sociale. La storia si stende su tre nuclei famigliari, tutti devastati da qualcuno, dall'estraneo o dall'assenza di qualcosa.
Il primo gruppo che appare sullo schermo è quello altolocato, in tutti i sensi: ricca famiglia murata in una roccaforte di lusso sui colli torinesi; l'improvvisa scomparsa dei gingilli della nonna, orecchini di perla, butta legna su quel gran falò che è il razzismo. Di questo furto-rottura viene incolpata la colf rumena, Maria (Laura Vasiliu).
Il secondo gruppo famigliare è quello di due fratelli rumeni, Ianut e Victor, appena usciti da un grave lutto: l'intrusione-rottura di Maria porterà alla disgrazia.
Il terzo gruppo è spezzettato, adrenalinico, nelle parole e nel pensiero: un tossico con un figlio nelle grinfie della sua ex e del suo compagno arabo. La rottura-presenza/assenza del figlio isola completamente questo povero drogato (l'eccezionale Stefano Cassetti), che non si fida più di nessuno, neanche delle medicine che assume.

Quest'affresco è pieno di animi scossi da silenzi adulteri, gelosia maschile, coraggio di andare avanti: non c'è differenza tra ricchi e poveri, tra tossici e ricettatori, tra immigrati ed indigeni; gli affanni uniscono questi personaggi in un filo conduttore che si chiama umanità, anche se loro stessi, immersi nelle proprie bili, non se ne accorgono. Ed è questo il messaggio di Munzi: non vedete che siamo tutti uguali, non vedete che piangiamo allo stesso modo?
Di giorno o di notte le angosce restano le stesse, per tutti; tant'è vero che alla fine si incontrano tutte in un unico momento, nello stesso luogo. Ma la componente diurna e notturna è qui fondamentale, non solo d'importanza scenica. È di giorno che i personaggi si muovono in spazi aperti, in respiri e apparenti fughe dal labirinto; è di giorno che la figlia dei privilegiati parte col fidanzato in gita; è di giorno che il ragazzo tossico, che sembra un personaggio di Pazienza, strappa suo figlio dai labirinti deserti della scuola elementare per portarlo in riva al mare. Ma, in tutti questi momenti, il giorno è livido, le facce sono bianche, i capelli sporchi. La luce di questi momenti non è liberatrice, ma squallida, opaca, nuvolosa, mostra il peggio, la cecità dei personaggi, che credono di essersi divincolati dai corridoi del labirinto e invece vi affogano sempre più, come nelle sabbie mobili.

E la notte? Di notte avvengono i misfatti, esce fuori "la peggio umanità": adulteri, ladri, assassini; anche di notte, in fondo, si è tutti uguali. Ma la notte è diversa: tutto diventa "chiaro". Se si è colpevoli nella notte, allora serve un momento, un "resto", uno scarto che renda lucidi, saggi nel dolore: quel "resto" dove si può credere di cambiar vita. E allora la vera luce, quasi religiosa, è quella finale, l'ultima inquadratura, in cui la macchina da presa è ferma nell'ombra e Victor e Maria si allontanano verso la luce, chiara e solare, finché escono fuori dall'inquadratura. Come uscendo da un coma, si vede la luce d'uscita (e d'entrata insieme: ogni uscita è sempre un'entrata), una luce che si distingue dall'ombra, che svela l'uscita del labirinto e i suoi lividi e perversi giochi.
E se la macchina da presa ha ritratto per tutto il film queste umanità sofferenti, sempre in movimento, mai statiche, bisogna chiedersi: dove vanno? Cosa cercano? Hanno trovato qualcosa? È la scena finale a dircelo: Victor e Maria ritrovano la vita; madre e figlia borghesi trovano la morte, sul giardino di casa.
Entrambe le coppie hanno perso qualcuno: ma chi è che vince, se è una storia di vinti e vincitori?

Commenta la recensione di IL RESTO DELLA NOTTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Gilles - aggiornata al 09/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006087 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net