Recensione innocenti bugie regia di James Mangold USA 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione innocenti bugie (2010)

Voto Visitatori:   6,07 / 10 (110 voti)6,07Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film INNOCENTI BUGIE

Immagine tratta dal film INNOCENTI BUGIE

Immagine tratta dal film INNOCENTI BUGIE

Immagine tratta dal film INNOCENTI BUGIE

Immagine tratta dal film INNOCENTI BUGIE

Immagine tratta dal film INNOCENTI BUGIE
 

Roy Miller (Tom Cruise) Ŕ un agente federale coinvolto in un complotto internazionale che vede come pomo della discordia una batteria dalle capacitÓ illimitate. Impegnato nella difesa della stessa e del suo creatore, uno studente giovane e brillante, Roy trova in June Havens (Cameron Diaz) una splendida, quanto improbabile, spalla che con l'evolversi degli eventi scoprirÓ una parte ancora inesplorata di se stessa, oltre ad una impensabile intesa con il suo inatteso partner.

Arriva in Italia dopo i deludenti risultati ottenuti in patria "Innocenti Bugie", titolo italiano dell'originale "Knight & Day", che riunisce il protagonista di "Top Gun" alla biondina di "Charlie's Angels", dieci anni dopo averli visti duettare insieme per Cameron Crowe in "Vanilla Sky".
La trama Ŕ quanto di pi¨ scontato si possa immaginare. Non c'Ŕ assolutamente nulla di nuovo, tanto che a tratti sembra quasi di assistere ad un film di "Mission: Impossible", se non fosse che "Innocenti bugie" Ŕ caratterizzato da una forte vena ironica che invece non vediamo nella trilogia con protagonista Ethan Hunt. Qui Tom Cruise gioca a fare la parodia di se stesso e la Diaz torna a vestire i panni della bella fanciulla, ma ingenua e impacciata, che tanto bene le port˛ per il lancio della sua carriera.
Insomma, le premesse per ottenere dei buoni risultati al botteghino c'erano tutte: due ex-star in cerca della gloria perduta, ma che calamitano sempre un certo interesse, e una storia di quelle stile "usato sicuro", poco rischio (a livello di sceneggiatura ) ma tanto incasso, equazione tanto in voga ad Hollywood nelle ultime stagioni e che tanto bene ha sempre portato, incentivata dai "re Mida" produttori cinematografici Jerry Bruckheimer e Michael Bay.
Pare che il vento stia cambiando, per˛, e proprio Bruckheimer Ŕ stato il primo a farne le spese con le sue ultime "creature" decisamente sotto gli standard abituali, vedi i recenti "I Love Shopping", "G-Force", "Prince of Persia: Le sabbie del tempo" o "L'apprendista stregone". La lezione Ŕ semplice: pare evidente che non si possa pi¨ vivere sugli allori, ma piuttosto si rende necessario qualche rischio in pi¨ o qualche rischio e basta, perchÚ il pubblico non sembra pi¨ propenso a farsi ingannare passivamente.

"Innocenti bugie" Ŕ figlio di questa equazione a rischio zero. Risultato: al box office americano la pellicola Ŕ stata un flop totale, mentre un tantino meglio ha fatto oltreoceano, ma di certo non bene come ci si aspettava.
Esattamente, per˛, cosa Ŕ che non funziona? Cominciamo con i due nomi di richiamo: Tom Cruise e Cameron Diaz non sfoggiano quell'intesa mostrata ai tempi di "Vanilla Sky", manca la scintilla necessaria a far scattare quella giusta empatia tra lo spettatore e i protagonisti sullo schermo. Peccato, peccato davvero, perchÚ prese per singole le loro prestazioni sono anche piacevoli, con Tom Cruise a suo agio nelle innumerevoli scene d'azione previste dallo script, lucido e folle assassino, dalla battuta pronta, tanto che potrebbe ricordare ai pi¨ nostalgici il Vincent di "Collateral".
Ecco, volendola mettere su questo piano, quel personaggio funzionava proprio in funzione del suo partner. Infatti nella pellicola di Michael Mann il feeling tra il personaggio interpretato da Cruise e quello di Jamie Foxx era unico, il che andava totalmente a beneficio della pellicola, mentre nell'opera di Mangold tutto questo non avviene.
Certo, si potrebbe obiettare che stilisticamente si tratta di due lavori completamente agli antipodi, pi¨ serio e drammatico il film di Mann, pi¨ sull'Action Comedy questo del regista di "Walk the Line", ma l'affinitÓ tra i protagonisti Ŕ alla base di un buon lavoro, il pubblico lo percepisce e perde fiducia nel prodotto che gli viene offerto se questa Ŕ assente.
Questo potrebbe essere un ottimo motivo per spiegare la debacle in patria dell'ex profeta di "Top Gun". La sua controparte, invece, Ŕ assolutamente deliziosa quando cade in preda a crisi isteriche, ma anche qui l'avventura-percorso di formazione, cui Ŕ suo malgrado sottoposta, sa di giÓ visto e gioca decisamente a sfavore di questo personaggio.
Anonimi, quasi trasparenti, decisamente sottoutilizzati i cosiddetti gregari che qui rispondono ai nomi (e che nomi) di Peter Sarsgaard, la candidata all'Oscar Viola Davis, e Paul Dano, quest' ultimo uno dei talenti pi¨ interessanti attualmente in circolazione.
Imperdonabile la mancanza di caratterizzazione del personaggio interpretato da Sarsgaard, soprattutto perchÚ stiamo parlando del villain. Lo spettatore non sa che sentimento provare nei suoi confronti. Odio? Fascinazione? Niente di tutto ci˛. Pi¨ probabile si tratti di indifferenza, causa una delineazione inesistente.

"Innocenti bugie" difetta poi, e non poco, nella sceneggiatura oltre che nel montaggio: l'evolversi della vicenda sembra, infatti, totalmente abbozzata e priva di qualsivoglia logica. Appare decisamente forzata insomma, al servizio di una love story alla quale nemmeno i protagonisti sembrano credere. Non soddisfa poi il modo in cui vengono gestiti gli spostamenti da un luogo ad un altro, sempre saltati e giustificati da svenimenti o assunzioni di droghe, espedienti di memoria dantesca.
Addirittura inspiegabile la fuga dettata dalla noia del personaggio di Paul Dano; la facilitÓ con la quale si trasferisce dagli Stati Uniti alla vecchia Europa Ŕ a dir poco sbalorditiva, se si considera che la CIA stessa era sulle sue tracce: niente male davvero per un liceale.

Non tutto Ŕ da bocciare, beninteso. A tratti la pellicola riesce a strappare pi¨ di un sorriso; le scene d'azione sono divertenti e ben fatte, scorrono che Ŕ un piacere, e Cruise, lucidamente folle, in veste ironica non dispiace assolutamente; le locations sono particolarmente gradevoli, specie Salisburgo, ma Ŕ un po' tutto qui e considerando le basi dalle quali si partiva si poteva tranquillamente e decisamente osare molto di pi¨, eufemisticamente parlando, ed invece si Ŕ preferito puntare sull'usato sicuro, decisione figlia dell' equazione sopraccitata: "tante star uguale incasso garantito". Non Ŕ andata cosý, non stavolta.
Se il tentativo di questo "Knight & Day" era quello di risollevare le carriere in fase discendente delle due sorridenti star, pare proprio che non ci siamo, e se Cruise si giocherÓ tutto riprendendo il ruolo di Ethan Hunt nel quarto capitolo di "Mission: Impossible", proprio non si riesce ad immaginare come Cameron Diaz possa raddrizzare la sua di parabola, tanto Ŕ imprigionata in ruoli che le calzavano decisamente a pennello dieci anni fa, mentre adesso ha necessitÓ di qualcosa che la reinventi.

Commenta la recensione di INNOCENTI BUGIE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Luke07 - aggiornata al 22/10/2010 16.26.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


958643 commenti su 37526 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net