Recensione in the name of the king regia di Uwe Boll Germania, Canada, USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione in the name of the king (2007)

Voto Visitatori:   3,91 / 10 (39 voti)3,91Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IN THE NAME OF THE KING

Immagine tratta dal film IN THE NAME OF THE KING

Immagine tratta dal film IN THE NAME OF THE KING

Immagine tratta dal film IN THE NAME OF THE KING

Immagine tratta dal film IN THE NAME OF THE KING

Immagine tratta dal film IN THE NAME OF THE KING
 

Farmer è un contadino ostinato e infaticabile che lavora la terra nella contea di Stonebridge durante il Medioevo. Orgoglioso, trascorre felice il suo tempo con la famiglia composta dalla bella moglie Solana e il giovane figlio Zeph. Sfortunatamente la sua quiete viene turbata dall'arrivo dei Krug, cani trasformati in energumeni facinorosi e decerebrati da una magia. L'infido stregone a capo di questa insurrezione, che ha lo scopo di insidiare la vita del Re, è Gallian.
Farmer riuscirà, con l'aiuto di amici, familiari, maghi ed eserciti a mettersi presto sulle sue tracce...

Tratto dal videogioco "Dungeon Siege" del 2002, "In the name of the king" è un adattamento cinematografico pertinente che non va oltre il mero divertissement e un approccio disimpegnato. Il film riserva anche qualche sorpresa e appassiona con la narrazione e la spettacolarità dell'azione a dispetto della più classica storia e dell'ambientazione fantasy nel quale è confinato.
Abbiamo l'impressione che il regista Uwe Boll non sia poi così sterile come vogliono farci credere le poche considerazioni che la sua carriera cinematografica ha avuto fino a qui. Abile nel dirigere contemporaneamente due piani narrativi differenti e sovrapposti, riesce ad approfittare di qualsivoglia escamotage di racconto appena interessante. Il montaggio che lo affianca in questo lavoro non è certo fortuito. Tutto ciò ha un effetto positivo, perché fa aumentare l'attenzione a ciò che si sta assistendo grazie anche a inquadrature efficienti.

Si fa un abbondante uso anche di sana autoironia (che scaturisce dal fatto di realizzare consapevolmente un film di serie B) e di sense of humour che contraddistinguono quasi tutte le sequenze. L'impegno del regista tedesco viene accolto e goduto con un incanto un po' perverso e un desiderio quasi morboso. Un carisma che ha d'altronde coinvolto anche alcuni attori non proprio ultimi arrivati: il cast è formato infatti da Jason Statham nei panni di Farmer, Ron Perlman (lo ricordiamo tutti nel ruolo dell'eretico Salvatore ne "Il nome della rosa") nella parte di Norick, il confidente di Farmer, Ray Liotta che dà vita al perfido incantatore Gallian e Burt Reynolds, il Re Konreid.

Un simile dispiego di attori non ha impedito al film la candidatura ai Razzie Awards nelle categorie di Peggior Regista (nella quale ha sbaragliato i concorrenti, vincendo il premio), Peggior Film e Peggior Attore Non Protagonista (in verità, un ingessato e un po' ridicolo Burt Reynolds).
Non si riesce a capire il perché di tanto accanimento nei confronti di un regista tutto sommato onesto nei suoi propositi e di un film che rimane un'avventura apprezzabile che ha saputo creare uno stuzzicante mix di azione e momenti magici.

Alcuni contenuti e certe idee sono stati ripresi da "Il Signore degli anelli", vedi la richiesta di aiuto rivolta a un esercito di creature malvagie e decisamente brutte che nascono da officine sotterranee e le panoramiche ariose a svelare gli ambienti ricostruiti con la computer graphic. Il potente esercito di creature spietate così concepite è mascherato alla bell'e meglio, non senza un gusto un po' kitsch e dozzinale; evidentemente con il trucco e i costumi a disposizione non si è avuto voglia di lavorare più di tanto...
Le differenze tra le due produzioni comunque sono ovvie; una su tutte la fonte letteraria ispiratrice delle due pellicole: di spessore quella a disposizione di Peter Jackson, semplicemente "giocattolona" quella a favore di Boll.
Da non perdere anche le amazzoni/tarzan in gonnella che abitano tra gli alberi incantati della foresta, burlesco richiamo alle eroine avventurose protagoniste di certo cinema demodé risalente a 30 anni fa.

Nonostante sia costato ben 60 milioni di dollari (ed è un peccato che non riuscirà a recuperarli tutti), "In the name of the king" è stato un flop internazionale da noi uscito con un anno di ritardo.

Jason Statham si conferma un attore commercialmente promettente, pronto a diventare una nuova icona dell'action movie. Qui, in un ruolo un po' tormentato, senza padre né Dio, eroe solitario e coraggioso che combatte per nobili ideali, ha un animo incorruttibile. Come uomo è decisamente affascinante, molto maschile e perciò degno erede di Bruce Willis.

Commenta la recensione di IN THE NAME OF THE KING sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di pompiere - aggiornata al 18/03/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
amici per casoanimale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or diebanel e adamacuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torre
 NEW
deadpool & wolverineeileenel paraisoera mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)glory hole
 NEW
here after - l'aldila'
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureindagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'imperol'invenzione di noi duelonglegsl'ultima vendettamadame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)
 NEW
mavka e la foresta incantatame contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccare
 NEW
persona non grata (2024)prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurrotwistersun messicano sulla luna
 NEW
un oggi alla voltaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052590 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net