Recensione it regia di Tommy Lee Wallace USA 1990
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione it (1990)

Voto Visitatori:   6,80 / 10 (232 voti)6,80Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IT

Immagine tratta dal film IT

Immagine tratta dal film IT
 

Tratto dall'omonimo best-seller del "re" Stephen King, "IT" fu un grande successo in home video nell'ormai lontano 1991, quando la Warner Bros lo edit˛ diviso in due videocassette. Il film-tv fece storcere il naso a molti, kinghiani incalliti e non, in quanto privo di alcuni passaggi presenti nell'opera letteraria. Dopotutto il film di Wallace, pur soffrendo dell'evidente differenza che c'Ŕ tra l'ottima prima parte e la poco esaltante seconda, va ad inserirsi tranquillamente nell'elenco dei riusciti titoli del "cinema della memoria", tratti dagli scritti del maestro del Maine, tra i quali regna sovrano l'intoccabile "Stand by me - Ricordo di un'estate" (col quale IT ha pi¨ di un punto in comune, sia per quanto riguarda l'idea di partenza, che i contenuti).

Pennywise, sfruttando difetti, ricordi e tormenti interiori che i protagonisti hanno nel passaggio che li porta lentamente dalla fanciullezza all'adolescenza, si avvicina a loro e tenta di portarli alla morte. Ad esempio si manifesta a Ben attraverso il ricordo del padre morto, mentre per avvicinarsi a Richie (il Seth Green abituario del cinema horror, interprete di "Ticks - Larve di sangue" e "Giovani diavoli") fa uso dell'immagine del lupo mannaro visto in "I was a teenage werewolf", del quale il ragazzo ha paura. King, dato l'anno in cui Ŕ stato scritto il libro (il 1986), s'ispir˛ probabilmente al Freddy Krueger della serie "Nightmare", costruendovi intorno una storia che ricorda sia "Il Corpo", racconto appartenente alla raccolta Stagioni Diverse e che ha ispirato il film "Stand by me - Ricordo di un'estate", che "I Goonies" (non a caso Eddie soffre di asma, come il Mickey della pellicola di Richard Donner).

Ma a differenza dell'uomo degli incubi creato da Wes Craven, il quale ha anche la possibilitÓ di materializzarsi nel mondo reale, Pennywise rimane un personaggio incorniciato nei ricordi dei sette ragazzi - e che capiscono che Ŕ sua la responsabilitÓ delle diverse disgrazie che ogni trent'anni (cioŔ quando esso si manifesta) colpiscono la loro cittadina - incarnando i tanti irrisolti mali della vita. E non a caso, quando si rifÓ vivo, i difetti dei giovani (ad esempio la balbuzie di Bill) ricompaiono.

Purtroppo gli effetti speciali non sono sempre riusciti (soprattutto quando It viene allo scoperto sottoforma di aracnide), ma si tratta pur sempre di un prodotto televisivo, Ŕ quindi lecito aspettarsi certe carenze. Ottima invece Ŕ la colonna sonora, che alterna valzer d'impronta circense ad inquietanti esecuzioni al piano.

Per quanto riguarda il cast, composto da volti pi¨ o meno noti del cinema e della televisione, tra cui Tim Curry, John Ritter, Annette O' Toole e Richard Thomas, c'Ŕ anche, nella parte della moglie di Bill, Olivia Hussey, la Giulietta di zeffirelliana memoria, pi¨ tardi rivista in "Psycho IV".

Commenta la recensione di IT sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Travis barker - aggiornata al 01/10/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014849 commenti su 44988 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net