Recensione jungle fever regia di Spike Lee USA 1991
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione jungle fever (1991)

Voto Visitatori:   7,70 / 10 (27 voti)7,70Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film JUNGLE FEVER

Immagine tratta dal film JUNGLE FEVER

Immagine tratta dal film JUNGLE FEVER

Immagine tratta dal film JUNGLE FEVER

Immagine tratta dal film JUNGLE FEVER

Immagine tratta dal film JUNGLE FEVER
 

Film del 1991, "Jungle fever" si occupa di una tematica non nuova nella cinematografia d'oltreoceano e sempre scottante ed attuale (vedasi il recente "Crash"), vale a dire il razzismo o meglio le relazioni interpersonali tra popoli di diverse etnìe costretti a coabitare loro malgrado anche a poche miglia gli uni dagli altri.
Spike Lee (che si ritaglia un ruolo di comprimario) affronta il tema contrapponendo due comunità diversamente integrate negli Stati Uniti: la comunità afroamericana e quella degli italoamericani, tra l'altro già prese in esame in un precedente film, "Fa' la cosa giusta".

Il film è strutturato in tanti piccoli quadretti nei quali si svolgono le storie e sottostorie dell'intreccio e principalmente l'azione privilegia le inquadrature in interno. Il "coro" (di qui l'impostazione quasi teatrale della vicenda) sottolinea e commenta, sempre con un linguaggio arguto e mordace, adeguato ai due gruppi etnici contrapposti.
Se in "Fa' la cosa giusta", Lee aveva dimostrato di "stare" dalla parte dei neri, gruppo al quale egli appartiene, in questa pellicola da una parte è sicuramente più neutrale, dall'altra però individua nel gruppo afroamericano un temperamento e una rivalsa maggiore rispetto al gruppo italiano più rassegnato e ripiegato sulla nostalgia di un passato e di un senso di appartenenza forse sentito solo a a parole.
I singoli non sono veramente padroni delle loro azioni perché, in nome del senso di appartenenza, si lasciano guidare dalla logica del gruppo più che da quella del loro cuore o della loro razionalità. Ecco che quindi una probabile storia d'amore tra un nero architetto di successo e una segretaria italoamericana di umile estrazione viene schiacciata dai pregiudizi e dei razzismi congeniti e innestati dagli altri. E' stato amore o voglia di esplorare territori nascosti? E' giusto per un nero "stare" con una donna bianca? Che sentimenti provano i mulatti? Che sentimenti provano i neri più scuri?

Ma Lee non segue solo la storia tra il più agiato Flipper e Angie. C'è il reverendo dottore, padre di Flipper, ex pastore battista, rigido e severo, con negli occhi e nel cuore il vecchio Sud razzista e segregazionista, c'è Gator, fratello maggiore di Flipper, abbrutito nelle strade più sordide di Harlem, con alcool e crack, droga dei poveri e (in particolare) dei neri; c'è Harlem, il "quartiere nero" con persone arrivate come l'architetto Flipper o il professore interpretato da Spike Lee, ma anche con ragazze drogate disposte a vendersi per una dose, e infine a pochi passi ci sono gli italiani. Gente modesta, prigioniera di tradizioni ormai sconosciute a chi in Italia ci vive, come Lou, il padre padrone di Paulie, interpretato da Anthony Quinn, disposto solo a ricevere, vedovo, che vive nel culto della moglie morta, silenziosa schiava. Forse proprio Paulie (un giovane e già bravo John Turturro) cerca di uscire davvero dalla spirale di autodistruzione innamorandosi di una intelligente ragazza nera, ma il regista si rifiuta di seguire la sua storia, lasciandolo sulla soglia.

Come accadrà più di dieci anni dopo in "Crash", anche Lee sostiene una tesi dura: il melting pot, il crogiolo di popoli che ha formato gli Stati Uniti, in realtà non esiste. Le diverse etnìe non sono disposte ad incontrarsi, tutt'al più a scontrarsi perché ognuno si ritaglia il suo mondo e non ha intenzione di rapportarsi con il diverso, rimanendo solo nella sua personale giungla.

Commenta la recensione di JUNGLE FEVER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 21/04/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticato
 NEW
il re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
star lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmus
 NEW
un lungo viaggio nella notte
 NEW
una intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007007 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net