Recensione la citta' di dio regia di Katia Lund, Fernando Meirelles Brasile 2002
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la citta' di dio (2002)

Voto Visitatori:   8,63 / 10 (193 voti)8,63Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA CITTA' DI DIO

Immagine tratta dal film LA CITTA' DI DIO

Immagine tratta dal film LA CITTA' DI DIO

Immagine tratta dal film LA CITTA' DI DIO

Immagine tratta dal film LA CITTA' DI DIO

Immagine tratta dal film LA CITTA' DI DIO
 

"City of God" è tratto da un libro di successo (basato su storie vere), scritto da Paulo Lins ed ispirato alla figura Wilson Rodriguez, fotoreporter, nato e cresciuto in una favela denominata "la Città di Dio", sorta alla periferia di Rio de Janeiro.
Buscapè (alias il fotoreporter Wilson Rodriguez) racconta a ritroso la sua storia, che gravita attorno a quella di parenti e amici, dagli anni '60 agli anni '80, tra amori e speranze di cambiamento, spaccio di droga e lotte di quartiere che volgono in vere e proprie guerre civili.
Film duro da digerire, girato con molta, forse troppa enfasi, centra però l'obbiettivo di mostrare una realtà disarmante: il mancato controllo di una ingiustizia sociale che porta alla delinquenza, al delitto, alla vendetta e quindi ad un altro delitto.
E' la classica circolarità descritta da Girard: il sangue che chiama sangue, finendo una spirale di violenza senza fine.

L'idea della vendetta trasuda mansueta per tutto il film avendo poi, nella parte centrale, un ruolo da protagonista.
La povertà e la miseria in una favela di Rio de Janeiro sono lasciate sullo sfondo. Non c'è in primo piano il dramma di povere persone condannate alla povertà, condannate in un ghetto con poche speranze d'uscita. Il regista incentra e si concentra solo sulla violenza scaturita da queste cause, che nella realtà filmica restano però solo concause lasciate intravedere.
Il piglio dello stile veloce, che richiama direttamente a Tarantino, ha il pregio però di conferire al film un ritmo frenetico che non lascia tempo alla noia.
Il difetto (sempre che lo si consideri tale) sta sostanzialmente nel fatto che Meirelles guarda con troppa ostinata insistenza alla ricerca continua dell'inquadratura ad effetto.
Una violenza necessaria, mostrata con divertita esaltazione registica che comunque colpisce e affonda i suoi colpi proprio perché storia vera (anche se romanzata) o molto più semplicemente storia quotidiana per qui luoghi.

Grande comunque il lavoro di Meirelles che alterna benissimo la camera in spalla con le più raffinate tecniche di ripresa moderne conferendo alle immagini un gran ritmo coadiuvato anche da un'ottima colonna sonora che, per fortuna, non scade mai nel folcloristico (magistrale la sequenza di apertura con l'inseguimento della gallina per le strade della favela).
La sceneggiatura è davvero ben scritta. La miriade di personaggi che vengono descritti, non risultano certo da cartolina cinematografica, ma sono comunque efficaci allo svolgimento.
D'altronde nessuno di questi personaggi viene ampiamente sviluppato dato che il film si limita ad incrociare le loro storie per comporre un puzzle narrativo di più ampio respiro. Il suo continuo zigzagare tra le diverse storie, che spesso si interrompono per far posto ad altre, che non si svolgono necessariamente nel medesimo periodo temporale, per poi concludersi successivamente, crea un aggrovigliato intreccio di sottotrame che contribuiscono alla bellezza dell'affresco narrativo senza però turbarne la forza, conferendogli invece una circolarità narrativa da togliere il fiato.

Facili paragoni possono essere fatto col primo Scorsese o col più recente "Gangs of NY" e riferimenti a quelli che sono i grandi gangster movie del cinema si trovano nello slang dei "mestieri" per entrare nelle gang, e in alcuni tratti del rapporto tra Ze' Pequeno e Benè che ricorda un po' l'amicizia tra Tony Montana e Manny in "Scarface" di B. De Palma, ma al contrario dei registi americani, qui Meirelles non costruisce una ideologia del malavitoso, non c'è la "poesia" scorsesiana, ne' una visione crepuscolare del tema.
I delinquenti sono descritti in modo secco, asciutto, accostati a cani rabbiosi che spolpano un osso (attrazione questa, nel senso caro ad Ejzenstejn, presente nel film), e non vi può perciò essere un'apologia del crimine o una visione romantica dello stesso. Qui ci sono solo bande di bestie armate che si confrontano in un cerchio di sangue senza (?) fine.

Ogni via di fuga è preclusa e, come ha scritto Luca D'Antiga, la triste realtà di una "inesistenza pietistica di questa fauna che muore cronologicamente a meno di vent'anni" è mostrata con efferato realismo.
I loro corpi nudi sono circondati spesso da una luce fredda, notturna; sono corpi segnati che attendono (giovane) sepoltura dilaniandosi in guerre di territorio.
Il pregio maggiore del film risiede in un coinvolgimento psichico/emotivo, che riesce a trasportarci in una vicenda amara, in una guerriglia urbana e a toccare corde profonde del nostro animo: sono sicuramente d'effetto le scene in cui bambini di cinque anni maneggiano armi e parlano di omicidi e rapine, eppure dopo un po' questo ci appare quasi normale. Il regista vince la sua sfida e per un momento la sua realtà diventa la nostra, e la violenza barbara ci si presenta come probabilmente appare agli abitanti delle favelas: una cosa di tutti i giorni.

Un pensiero allora dovrebbe correre al fatto che a quasi trenta anni dai fatti raccontati, la realtà delle favelas sia rimasta inalterata (se non peggiorata a causa del sovraffollamento).
Un gran bel film, a tratti incredibile per la sua sincerità, in altri un po' fazioso per quella ricerca di spettacolarità di cui sopra. Sicuramente una delle opere migliori degli ultimi tempi grazie anche ad un cast di ottimo livello (quasi tutti veri abitanti della favela) e alla splendida fotografia di C. Cialone.
Un film dalle due anime insomma, come la storia che racconta, come la gente che mostra, come la città di cui parla, che resta, appunto, comunque da vedere.

Commenta la recensione di LA CITTA' DI DIO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di fidelio.78 - aggiornata al 28/02/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassinomorbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
star lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007143 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net