Recensione l'albero regia di Julie Bertucelli Australia, Francia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'albero (2011)

Voto Visitatori:   6,60 / 10 (10 voti)6,60Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ALBERO

Immagine tratta dal film L'ALBERO

Immagine tratta dal film L'ALBERO

Immagine tratta dal film L'ALBERO

Immagine tratta dal film L'ALBERO

Immagine tratta dal film L'ALBERO
 

"Natura: tu mostri non aver posto mente che la vita di quest'universo Ŕ un perpetuo circuito di produzione e distruzione, collegate ambedue tra se di maniera, che ciascheduna serve continuamente all'altra, ed alla conservazione del mondo; il quale sempre che cessasse o l'una o l'altra di loro, verrebbe parimenti in dissoluzione. Per tanto risulterebbe in suo danno se fosse in lui cosa alcuna libera da patimento"
Giacomo Leopardi - Dialogo della Natura e di un Islandese, Operette Morali.

La regista francese Julie Bertuccelli, figlia e vedova d'arte, dopo anni di gavetta come aiuto regista di nomi importanti quali Kieslowski, Tavernier, Iosseliani e altri ancora, lavora con successo come documentarista.
Nel 2003 debutta alla regia cinematografica con il suo primo lungometraggio: "Da quando Otar Ŕ partito", vincitore a Cannes della Semaine de la Critique, in cui affronta il tema del lutto. Con questo film vince anche il CÚsar come miglior opera prima. Ritorna al cinema nel 2010 con "L'Albero", nelle sale italiane dal luglio 2011, un film drammatico ambientato in Australia, che affronta ancora una volta la tematica del lutto famigliare e quindi della perdita e dell'abbandono. Il film Ŕ tratto dal romanzo "Padre nostro che sei nell'albero" di Judy Pascoe.

Il protagonista per eccellenza del film non Ŕ un personaggio in carne e ossa, bensý, come si evince dallo stesso titolo, un gigantesco albero di fico.
La storia inizia in maniera vorticosa: un padre fa ritorno dal lavoro col suo furgone. Nei pressi della casa di campagna avvolta dalla natura gli corrono incontro i figli che salgono sul mezzo di trasporto, l'uomo ha un improvviso malore, molto probabilmente un infarto, e muore istantaneamente andando a sbattere contro il grande albero di fico adiacente alla casa. Da quel momento la moglie Dawn (Charlotte Gainsbourg), la piccola Simone (Morgana Davies) e i fratelli Tim (Christian Byers), Lou (Tom Russell) e Vonnie (Gillian Jones) affronteranno questa grave perdita in maniera molto personale.
Dawn si lascerÓ andare, trascurerÓ la cura dei figli e la pulizia della casa, la piccola Simone di otto anni, dopo l'inevitabile tristezza iniziale, troverÓ conforto proprio in quell'enorme albero di fico nel giardino; in esso la piccola ritroverÓ il respiro del padre e la sua parola, tra i suoi rami giocherÓ e si cullerÓ scegliendo cosý il sorriso al posto della lacrima.

La piccola bambina condividerÓ tale suo segreto con la madre che sarÓ scissa in due tra la razionalitÓ di non credere a Simone e alle sue fantasie di bambina, e la volontÓ di riscattare il proprio senso di solitudine e di disperazione credendo in una presenza rassicurante accanto a sÚ. Gli altri tre figli, soprattutto il maggiore, sembrano reagire in maniera pi¨ razionale alla perdita del padre e cercano di spronare la madre e di aiutarla nell'economia domestica. Quando l'albero diventerÓ una presenza troppo ingombrante e alla fine anche pericolosa per il nucleo famigliare e per la casa, s'imporrÓ la razionalitÓ sulla famiglia e la rassegnazione a dover abbattere quel misterioso albero di fico.
Le radici a causa della siccitÓ o in maniera pi¨ poetica a causa della voglia irrefrenabile, quasi folle, di abbracciare tutta la famiglia inizieranno a invadere prima gli scarichi d'acqua quindi anche le fondamenta; anche i rami inizieranno ad abbattersi sulla casa distruggendo proprio la camera padronale e Dawn per ben due notti dividerÓ il proprio giaciglio con un ramo prima di decidersi a chiamare qualcuno che abbatta l'albero.

L'ambientazione australiana Ŕ stata una scelta appropriata alle necessitÓ della storia, non solamente perchÚ il romanzo da cui Ŕ tratta aveva una simile ambientazione, ma proprio per la vastitÓ degli spazi aperti e per la possibilitÓ di fotografare una natura vincente, forte e mai totalmente dominata dall'uomo. Sulle scelte d'ambientazione Ŕ facile supporre che i trascorsi da documentarista di Julie Bertuccelli siano stati decisivi. Anche la scelta del cast si Ŕ rivelata vincente; infatti la prova regalata al pubblico da Morgana Davies Ŕ davvero sublime, come impeccabile quella di Charlotte Gainsbourg.
Madre e figlia nel film sono legate in maniera indissolubile; rivelatrice assoluta di tale legame Ŕ la scena in cui la madre prende le difese della figlia e impone agli operai, venuti ad abbattere l'invasivitÓ dell'albero, di andarsene senza nemmeno toccarlo. Dawn preferirÓ attendere che un uragano, ennesima dimostrazione della superioritÓ della Natura sull'uomo, distrugga casa e albero, lasciando gli esseri umani incolumi e quindi pronti ad affrontare la vita in maniera nuova, pi¨ consapevole e pi¨ serena, senza per questo perdere la memoria e il ricordo dei cari estinti.

Nonostante la fotografia eccellente, le musiche adatte firmate GrÚgoire Hetzel e le prove delle due attrici giÓ menzionate, il film non approfondisce in maniera adeguata i personaggi appartenenti al nucleo famigliare e nemmeno i pochi estranei alla famiglia che compaiono in scena.
Anche la regia Ŕ piuttosto piatta, non seguendo se non in maniera quasi televisiva la poeticitÓ di alcuni momenti (a tratti esasperati, come la "lacrimazione" dell'albero) nÚ le potenzialitÓ della storia. I rari dialoghi non brillano per incisivitÓ nÚ originalitÓ, molto pi¨ che sulla parola la regista conta sull'espressivitÓ dei volti e sull'incontro-scontro tra uomo e natura.

Un film poco pubblicizzato e mal distribuito nel nostro Paese che merita sicuramente una visione, in attesa dei prossimi lavori di una regista ancora un po' acerba ma non priva di potenzialitÓ.

Commenta la recensione di L'ALBERO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di foxycleo - aggiornata al 29/07/2011 15.17.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adaadorazionealcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanti (2020)american night
 NEW
beast (2022)black parthenopebodies bodies bodiescarter (2022)casablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefallfassbinderfemminile singolarefirestarterfly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holidaygold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavone
 NEW
il pataffioil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'io e spottyitalia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salentola mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
minions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenon sarai solanopenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.peter va sulla lunapleasureprey (2022)quel che conta e' il pensierorevolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret love (2021)secret team 355settembre (2022)shark baitspiderheadsposa in rossostudio 666tapirulantenebrathe batmanthe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe man from torontothe other side (2020)the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzithe slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thundertoilettop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostrauna boccata d'ariaunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1031853 commenti su 48035 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ABANDONED (2022)ANIMA GEMELLA CERCASIANNE FRANK, LA MIA MIGLIORE AMICABOCCHE CUCITEBRILLANTISSIMEBYE BYE VIETNAMCLARA (2021)CONTRA - LA PARTE AVVERSAFAMILY DINNERFISCHIA IL SESSOFRATELLO LADROIL MISTERO DI CASA USHERIL NODO DEL CARNEFICEIL VIRGINIANO (1946)KEEPING COMPANYLA CARICA DEGLI APACHESLA QUERCIA DEI GIGANTILA REGINA DEI DESPERADOSL'ISOLA DEL DOTTOR FRANKENSTEINLUCIDA OSSESSIONEL'UOMO DELLA VALLELUX AETERNAMAIXABELNAKED SINGULARITYPALMA - UN AMORE DI CANEPIGGY (2022)PIRANHA WOMENPUSSYCAKERACCONTI ROMANI DI UNA EX-NOVIZIAREVENGE - PIACERE E MASSACROTARZAN CONTRO I MOSTRITARZAN E LE AMAZZONITHE CROSSING (2020)TREDICI VITETU SEI AL DI LA'TUTTO E' POSSIBILETUTTO SI AGGIUSTAUN PRETE SCOMODOZOMBLOGALYPSE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net