Recensione l'albero degli zoccoli regia di Ermanno Olmi Italia 1978
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'albero degli zoccoli (1978)

Voto Visitatori:   8,27 / 10 (33 voti)8,27Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Miglior film
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI

Immagine tratta dal film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI

Immagine tratta dal film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI

Immagine tratta dal film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI

Immagine tratta dal film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI

Immagine tratta dal film L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI
 

╚ questa un'opera che non avrebbe bisogno di troppe parole, e di cui chi scrive spera non offendere l'intimitÓ in queste che seguono, sorte da una sincera e modesta ammirazione, e dall'amore per la poesia pura.

Come confidatoci dallo stesso autore, "L'albero degli zoccoli" Ŕ in primo luogo un ritratto alla madre scomparsa, il paesaggio rurale della pianura bergamasca di fine Ottocento (le prime immagini ci mostrano una campagna come in attesa, segnata dai fossi e assorta nella solennitÓ del silenzio); dipinto, tra un autunno ed una primavera, istoriando le vicende di quattro famiglie contadine facenti parte della medesima cascina, e accompagnandole nel lavoro, nei riti quotidiani, nelle sciagure, nei sacrifici, nelle superstizioni, nelle preghiere, nel raccoglimento delle sere nella stalla in cui, riunite, separano il grano, recitano il rosario e si raccontano ameni storielle.

"Oberato" d'una leggerezza che trova il suo appoggio nella vita reale - e che la fotografia, bellissima, rispetta e avvalora - pi¨ che un rievocare, quello di Olmi Ŕ un far rivivere, riesumare abitudini e ambienti scomparsi, quasi dimenticati.
A ci˛ s'accostano meravigliosamente le musiche per organo di Bach, religiose e discrete, umane e assieme mistiche, alle quali s'integrano le cantate e le filastrocche paesane, le litanie sussurrate, il canto volgare a voce alta del ragazzo che scongiura la paura del buio nel sentiero di casa; e che ad un certo punto ode una melodia delicata nel cortile diffondersi dalla casa padronale, eseguita al pianoforte (Ŕ la celebre sonata "alla turca" di Mozart), si sofferma, la raffinatezza dell'aria Ŕ volutamente in contrasto con lo spirito modesto dell'opera, suona come venuta da un'altra dimensione; il ragazzo fugge, nevica piano, l'interno della casa Ŕ appena scorto in un salotto borghese velato non dall'invidia, ma da una contemplativa e uggiosa malinconia.

Se pensiamo a "Novecento" di Bertolucci, o a quell'altro immenso (e ahimŔ pressochÚ dimenticato) ritratto d'epica contadina che fu "La terra" di Dovzenko (seppur qui ci trasferiremmo nelle campagne russe), ci accorgiamo di come nell'opera di Olmi manchi totalmente quella componente d'odio che incit˛ alle lotte di classe, presente invece nelle due pellicole sopra citate. ╚ questa per me un'alta dichiarazione di cristianitÓ dell'autore, che trova il suo motivo nell'atto misericordioso e nel sentimento coraggioso del perdono. I suoi contadini sono persone pie, povere, umili, acconsenzienti e connaturate al ritmo lento e perpetuo della campagna; ai luoghi calmi cadenzati dai silenzi, restii di musiche e dispersivi di lievi suoni: quali lo scorrere pacato dei torrenti, il suono delle campane, il rimuoversi del fieno, i versi degli animali, il rumore dei macchinari, che Olmi ci avvicina rispettosamente al fine di rendercene partecipi.

Il suo Ŕ un raccontare dopo avere ascoltato, narrare la storia come udita dai nonni che la raccontano ai propri nipotini. Un ripercorrere amorevolmente attraverso le radici, la cui fatica, che sale lungo il tronco della vita, nutre di linfa e dona poetici fiori e frutti sapidi ai rami.

L'invettiva si dissipa, dunque, nelle azioni umili e solidali; come il fare la caritÓ ad uno storpio che passa di casa in casa, o l'assumere come garzone un ragazzo la quale madre vedova Ŕ costretta a frantumarsi la schiena come lavandaia: Ŕ dove il viaggio spensierato delle bambine che portano il carretto dei panni sporchi ci conduce, alla donna sola che immerge le mani nell'acqua algida e frega le lenzuola.

╚ questa la pienezza del vivere, trovata dentro l'indigenza dei suoi individui, che avvalora il gesto semplice e mai insignificante, come lo spargere dello sterco di gallina nell'orto gelato, che porterÓ alla maturazione miracolosa dei pomodori. O trova espressione dolcissima nella storia d'amore, casta e commovente, che ha inizio con un "buonasera", vissuta con pazienza in fugaci incontri dai due giovani, che a breve diverranno sposi novelli.

Il viaggio di nozze di Stefano e Maddalena, che avviene verso la fine del film, risulta essere l'unica escursione, quasi di manzoniana memoria, di Olmi nella storia dei testi; in una Milano - che in quei giorni veniva ad essere da scenario ai moti popolari - splendidamente accennata, raggiunta discendendo il fiume Adda, e vissuta pi¨ che altro nella clausura e nella compostezza della casa d'accoglienza per orfanelli, in cui i due sposini si recano a far visita a una suora, zia di Maddalena.
Trascorreranno in quel luogo la prima notte, e faranno ritorno a casa con un bambino: "perchÚ a questo mondo bisogna aiutarsi a vicenda".

Ma Ŕ anche aspra - e non solo bonaria - la realtÓ della pellicola (si veda per esempio la scena dell'uccisione del maiale), e precaria a tal punto che la malattia d'un bovino pu˛ gettare nella sciagura un'intera famiglia, prostrare la vedova all'implorazione, indurla a riempire un fiaschetto d'acqua benedetta (lo stesso elemento, l'acqua, Ŕ ora crudele e ora divino, ora freddo e ora abitato da "tante bestioline piccinine piccinine"), dar da bere quella all'animale malato, e confidare nella fede e nella provvidenza; che, per questa volta, ascolta e risponde alle preghiere. Irrequieta talvolta, come nei litigi continui tra padre e figlio dei Finard. Ma Ŕ soprattutto una realtÓ pervasa dalla luce dell'attesa (siamo nei pressi del "Sabato del villaggio" leopardiano); attesa alla primavera, al crescere in anticipo dei pomodori, al giorno delle nozze, alla venuta al mondo d'un bambino; avvenimenti fausti ma che al contempo annunciano nuovi stenti e nuove rinunce; e che contengono, a loro volta, momenti di grande amarezza; come a fine inverno l'arrivo del giorno della Madonna, in cui viene festeggiato il miracolo della lacrimazione d'un affresco. Alle scene della giornata cariche di movimento e vitalitÓ, a sera inoltrata, il papÓ torna ubriaco al casolare (ci siamo giÓ trasferiti alla nostalgia de "La sera del dý di festa"), mentre Finard trova una moneta smarrita da qualcuno per terra e scappa via, come un ladro: la provvidenza, questa volta, invece di donare toglierÓ.

Il Novecento Ŕ stato il secolo che pi¨ ha subito cambiamenti.
L'avvento dell'asfalto e lo sviluppo industriale e produttivo hanno trasformato radicalmente l'ambiente e le abitudini dell'uomo; ai quali Ŕ seguito il progresso tecnologico e mediatico; sono scoppiate guerra che hanno interessato il mondo intero; espansesi le metropoli alienanti. E se da un lato ci˛ ha innescato nell'arte una serie d'entusiasmi (si pensi ai futuristi di inizio secolo) che ne esaltarono accelerandone, in concomitanza al contesto in cui erano contenuti, l'esuberanza evolutiva; dall'altro accese in alcuni artisti un sentimento opposto, quello della conservazione e dell'attaccamento ad una tradizione e ad una genuinitÓ divenute precarie e trovatesi, cosý, a rischio d'estinzione.
Da qui la scelta del regista di adottare attori non professionisti, persone comuni prese direttamente dal luogo; un accorgimento tutt'altro che nuovo, ma che nella rappresentazione di Olmi assume una funzione differente da quella che spinse i neorealisti a impiegare il medesimo espediente: ovvero ha qui il valore di resuscitare ci˛ che Ŕ desueto e scomparso da tempo, eppur vive nei ricordi e nei racconti dei nostri antenati. Dargli colore verace, sapore del pane appena cotto, suono vicino, odore di bestiame e profumo di fiori, sudore sul collo e piaghe alle mani.

La ricostruzione degli ambienti, degli indumenti, delle usanze Ŕ accurata ed eccezionale. Lo stesso utilizzo del dialetto e della lingua parlata - che Ŕ stata un'altra riscoperta della letteratura del Novecento - si pone come una scelta necessaria per Olmi, che lo accosta (e ad un certo punto, a favore della veritÓ, in quest'opera che possiamo definire profondamente religiosa, s'ode addirittura una bestemmia) al latino delle preghiere pronunciate con l'accento bergamasco.

Ma "L'albero degli zoccoli" resta soprattutto una raccolta poetica, ricca e vitale, schietta e purissima, una dedica alla grande madre- terra affettuosa e sofferta, illuminata attraverso la luce calma di una candela. Innumerevoli piccoli episodi, frasi genuine, detti popolari, gesti semplici, paesaggi, contribuiscono a crearne la stesura lirica, mestamente, e ad offrine sempre nuove scoperte ad ogni rilettura, riuscendo ovunque a stimolare i sentimenti pi¨ limpidi di chi osserva con attenzione.

La storia principale, della quale ancora non si Ŕ fatto menzione, Ŕ in veritÓ quella della famiglia di Batistý, con cui l'opera si apre e si chiude: il padre che, spinto dagli incoraggiamenti del parroco, decide di mandare a scuola il suo figliolo, dopo molte perplessitÓ, quasi lo studiare fosse una mancanza di rispetto alla vita contadina della comunitÓ; mentre la moglie aspetta un nuovo bambino.

Quella di Batistý Ŕ la figura pi¨ vitale dell'opera, e anche la pi¨ positiva. Ma per far studiare il figlio bisogna affrontare diversi sacrifici. Un giorno, il piccolo torna a casa con uno zoccolo rotto. Non c'Ŕ possibilitÓ di accomodarglielo o di comprargli delle nuove calzature. Batistý prende allora la decisione di abbattere un piccola pianta ("L'albero degli zoccoli") tra le centinaia erte nelle sterminate proprietÓ del padrone, per fabbricarsi lo zoccolo da sÚ.
Ma quando il padrone viene a conoscenza del fatto, ecco compiersi la punizione solenne, severa ai nostri occhi oltremodo, spropositata in relazione alla venialitÓ del peccato commesso, ingiusta ma incontestabile. Nella stagione in cui il lavoro dei campi rifiorisce, i Batistý, che avevano appena ricevuto in dono un bimbo - gravati ora della sua venuta - e che nutrivano grandi speranze e progetti per il figlio che aveva cominciato da poco a studiare; vengono allontanati per sempre dalla cascina, condannati ad un vagabondaggio senza meta, alla povertÓ assoluta, alla fame e con ogni probabilitÓ all'accattonaggio.

La morale conclusiva si avvicina a quella amara del Verga, in cui gli umili che provano un'elevazione sociale vanno ineluttabilmente incontro ad una tragica sconfitta.

╚ primavera, tristemente. L'ultimo sguardo di Olmi Ŕ quello della costernazione e del compatimento da parte dei membri delle altre famiglie, che assistono impotenti quella povera gente, da dietro le finestre dei propri alloggi, caricare le poche cose rimastegli, montare sopra al carro, e nella sera allontanarsi dalla cascina verso chissÓ dove.

Commenta la recensione di L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Ciumi - aggiornata al 12/11/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#annefrank - vite parallele18 regali
 NEW
19171968 gli uccellia proposito di rosea spasso col pandaa tor bella monaca non piove maiad astra
 NEW
adoration (2019)ailo - un'avventura tra i ghiacci
 NEW
andrej tarkovskij. il cinema come preghieraangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagieaspromonte - la terra degli ultimiattraverso i miei occhiblack christmas
 NEW
boterobrave ragazzebrittany non si ferma piu'burning - l'amore bruciacena con delitto - knives out
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcetto c'e', senzadubbiamenteche fine ha fatto bernadette?chiara ferragni - unpostedcitizen rosicity of crime
 NEW
color out of spacecountdown (2019)daniel isn't realdeep - un'avventura in fondo al maredepeche mode: spirits in the forestdiego maradonadio e' donna e si chiama petrunyadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampiriermitage - il potere dell'arteescher - viaggio nell'infinito
 NEW
figli (2020)figli del setfinche' morte non ci separi (2019)frozen ii - il segreto di arendellegemini manghiaiegli angeli nascosti di luchino viscontigli uomini d'orogood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigrazie a diohammametherzog incontra gorbaciovhole - l'abissoi figli del marei migliori anni della nostra vita (2019)i passi leggerii racconti di parvana - the breadwinneril bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del cane
 NEW
il drago di romagnail giorno pi¨ bello del mondoil mio profilo miglioreil mistero henri pickil paradiso probabilmenteil peccato - il furore di michelangeloil pianeta in mareil piccolo yetiil primo nataleil segreto della minierail sindaco del rione sanita' (2019)il terzo omicidioil varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!jojo rabbit
 HOT R
jokerjumanji - the next level
 NEW
just charlie - diventa chi seila belle epoquela dea fortunala famiglia addams (2019)la famosa invasione degli orsi in siciliala mafia non e' piu' quella di una voltala ragazza d'autunnola scomparsa di mia madrela verita' (2019)la voce del marelast christmasle mans '66 - la grande sfidale ragazze di wall streetleonardo. le operel'eta' giovanelight of my lifel'immortale (2019)l'inganno perfettolou von salome'l'ufficiale e la spial'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'maleficent 2: signora del malemanta raymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor smetallica and san francisco symphony: s&m2midwaymio fratello rincorre i dinosaurimisereremotherless brooklyn - i segreti di una citta'nancynati 2 voltenato a xibetnell'erba altanon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papersparasite (2019)pavarottipaw patrol mighty pups - il film dei super cucciolipiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the movieploipupazzi alla riscossa - uglydollsqualcosa di meravigliosorambo: last bloodrichard jewellritratto della giovane in fiammeroger waters us + themrosa (2019)santa subitoscary stories to tell in the darkscherza con i fantischool of the damnedse mi vuoi benesearching evaselfie di famigliashaun, vita da pecora - farmageddonshow me the picture: the story of jim marshallsolesono solo fantasmisorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkerstoria di un matrimoniostrange but truesulle ali dell'avventura
 NEW
tappo - cucciolo in un mare di guaiterminator - destino oscurothanks!the bra - il reggipettothe farewell - una bugia buonathe gallows act iithe grudge (2020)the informer - tre secondi per sopravvivere
 HOT
the irishmanthe kill teamthe lodgethe new popethe reporttolkien
 HOT
tolo tolotorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutti i ricordi di clairetutto il mio folle amoreun giorno di pioggia a new yorkun sogno per papa'una canzone per mio padre
 NEW
underwatervasco nonstop livevicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxweathering with you - la ragazza del tempowestern starsyesterday (2019)

997129 commenti su 42705 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net