Recensione l'amico di famiglia regia di Paolo Sorrentino Italia 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'amico di famiglia (2006)

Voto Visitatori:   7,56 / 10 (118 voti)7,56Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'AMICO DI FAMIGLIA

Immagine tratta dal film L'AMICO DI FAMIGLIA

Immagine tratta dal film L'AMICO DI FAMIGLIA

Immagine tratta dal film L'AMICO DI FAMIGLIA

Immagine tratta dal film L'AMICO DI FAMIGLIA

Immagine tratta dal film L'AMICO DI FAMIGLIA
 

Presentato a Cannes insieme a "Il Caimano" di Moretti e "Il Regista di matrimoni" di Bellocchio, "l'Amico di Famiglia" è l'ennesima conferma dello straordinario senso cinematografico di Sorrentino, un regista giovane e incredibilmente talentuoso, che supera in bravura molti suoi connazionali più celebri ma decisamente meno meritevoli.

L'amico di famiglia è Geremia de' Geremei, un nome surreale e macchiettistico come il suo personaggio, un sarto-usuraio brutto, sporco ma forse non così cattivo, almeno non più dell'umanità che lo circonda.
Vive in casa con la madre e forse cerca l'amore, purché sia a buon mercato. L'unica persona con la quale sembra ci sia una parvenza di amicizia è Gino, cowboy nostrano dedito alla cultura country. Geremia zompetta attraverso la propria vita fatta di incredibili tirchierie e prestiti a usura con tassi del 100% alle persone del quartiere che si rivolgono a lui per motivi che si rivelano spesso futili, e ama venir definito "cuore d'oro", convinto veramente di essere buono e socialmente utile.
Inaspettatamente però arriva l'amore ed è Rosalba, una ragazza bellissima per la quale il padre Saverio chiede un prestito per far fronte alle spese del matrimonio. L'amore sarà la rovina di Geremia, sempre così accorto e prudente, sempre restio a rischiare alcunché. L'amore lo porterà ad osare...e a fallire.

Più volte paragonato a "Le conseguenze dell'amore" e ingiustamente ritenuto inferiore, "L'amico di famiglia" ha in sé la stessa volontà di mostrare un mondo asettico e privo di umanità, ma mentre Titta di Girolamo (il protagonista di "le conseguenze dell'amore") subisce passivamente un mondo freddo e ostile, limitandosi per lungo tempo ad osservarlo, Geremia questo mondo lo domina e lo riempie di umanità, quella che intorno manca.
E il termine "umanità" non deve essere necessariamente inteso in senso positivo, perché Geremia non ha nulla di positivo: è brutto, tirchio, arido ma simula i sentimenti come nessuno fa intorno a lui. Lui è l'amico che viene in tuo soccorso se hai bisogno e si occupa di te quando non lo fanno i tuoi parenti, i tuoi figli, i tuoi amici. La sua grande loquacità e la sua palesata amicizia, tutto il suo campionario di frasi fatte che sciorina accoratamente, con amabilità, stridono con il mondo asettico che lo circonda, fatto di supermarket enormi e vuoti, cassiere annoiate, strade desolate, alle quali il suo passo claudicante e la sua figura ricurva, che stringe un sacchetto di plastica sotto il cappotto grigio, dà una parvenza di vita e di calore.
Perché Geremia almeno è vivo, in un microcosmo di gente che non sorride mai, che pare morta dentro per le umiliazioni subite, gli amori defunti e la preoccupazione per la vecchiaia che incombe: "questo mondo è fatto per la gente con la pelle liscia". Conoscitore della natura umana, riesce a cogliere nei gesti delle persone che "aiuta" la menzogna e il disagio, perché in un mondo distratto e dai sentimenti atrofizzati presta attenzione al particolare, ennesimo risvolto della sua umanità. Geremia sembra essere l'unico ad aver capito che tutti sono infelici e che la vita è sostanzialmente una fregatura; per questo è il meno infelice di tutti.

Ovvio, qualche cosa manca: nemmeno lui è immune al fascino della "felicità" e della bellezza, quella bellezza e grazia che ricerca nei gesti delle pallavoliste che giocano nel cortile o nei volti delle bellissime ragazze che incontra e ammira, che sembrano appartenere a mondi lontanissimi.
Unico simbolo d'amore e di fiducia è la madre, un'enorme matrona perennemente sdraiata sul letto a guardar documentari nella penombra, circondata da una raggiera di crocifissi, con la quale Geremia ha un rapporto morboso e che lo instrada continuamente alla prudenza, perché "tuo padre è uno che può osare, tu no". Un padre che l'abbandonò all'età di 9 anni e di cui conserva la foto sul comò, il padre (anche lui usuraio) che l'ha sempre trattato come se non esistesse ma che per lui è rimasto un irraggiungibile mito, la figura dell'uomo che ha saputo osare e affrancarsi. Al contrario la forza di Geremia è la consapevolezza del suo limite ma improvvisamente, illuso e disilluso dall'amore (o più precisamente dalla speranza dell'amore), scopre che in realtà questo limite non l'ha mai conosciuto.
Alla fine, anche dopo l'ennesima delusione, continuerà la sua vita esattamente come prima, segno che più di altri è in grado di accettare gli scherzi del destino.

Sorrentino è bravissimo nel dipingere il personaggio di Geremia e a farlo stridere con ciò che lo circonda; l'unico luogo in cui è perfettamente integrato è la casa lercia e buia, che comunque porta un'impronta umana. Tutto ciò che è fuori, a partire dalla stessa sartoria di cui è padrone, ha un ordine talmente geometrico da essere surreale. La sua figura vive in perenne contrasto e assurdamente è l'unica ad aver compreso quel mondo così distante.
Ma se il mondo è asettico la regia invece è barocca e meravigliosa, a tratti coloratissima e viene da associarla, per cromie e simmetrie, al cinema di Peter Greenaway. Un capolavoro di virtuosismo dove anche ciò che è brutto e squallido acquista fascino.
Sorrentino dedica la stessa attenzione sia al bellissimo viso di Rosalba che a quello sgraziato di Geremia, donandogli un carisma impensabile. Da vero cineasta, ci parla con le immagini ed è lì che cogliamo l'essenza della storia che ci vuole raccontare; è attraverso la scena in cui Geremia dorme specularmente ad una bellissima ragazza che associamo le figure a quelle della bella e la bestia e percepiamo la distanza tra due mondi che probabilmente, se si toccheranno, sarà solo in sogno.
Tutti i personaggi sono costruiti, più che attraverso le loro parole, attraverso le loro espressioni e i loro gesti. Il mondo in cui si muovono è rappresentato da strutture squadrate che sembrano inaccessibili, quasi ostili. I momenti più significativi sono quelli in cui Sorrentino ci guida ad esplorare il mondo che ha creato, forse riprodotto, attraverso l'intensità di uno sguardo o di un urlo di disperazione, attraverso i passi incerti di un cowboy dell'Agropontino, attraverso le mani premute in tasca di una ragazza, il suo volto impaurito mentre le mani di Geremia la frugano alla ricerca di un anello.

"L'amico di famiglia" è un film comico e tragico, pieno di contrasti, che rappresenta un'umanità vuota e incattivita dalla solitudine, che non offre sconti ne consolazioni, ma dice che comunque la tragicità della vita non è altro che una componente della vita stessa.

Commenta la recensione di L'AMICO DI FAMIGLIA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Kater - aggiornata al 04/12/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001338 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net